La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuola dellinfanzia Andersen progetto di gestione sociale Anno Scolastico 2009/2010 IL CART….ALBUM.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuola dellinfanzia Andersen progetto di gestione sociale Anno Scolastico 2009/2010 IL CART….ALBUM."— Transcript della presentazione:

1 Scuola dellinfanzia Andersen progetto di gestione sociale Anno Scolastico 2009/2010 IL CART….ALBUM

2 DAL RACCONTO …AL CART….ALBUM Percorsi percettivo- sensoriali con supporto narrativo Il progetto IL CART:::ALBUM è un percorso articolato che ha visto coinvolti bambini, genitori e insegnanti delle sezioni tre, quattro e cinque anni. Durante lanno scolastico è stato proposto un percorso di avvicinamento alla conoscenza del sé corporeo: da alcuni racconti stimolo opportunamente modificati tratti da Le favole al telefono di Rodari, sono stati estrapolati gli elementi che riguardano le caratteristiche degli organi di senso: IL NASO CHE SCAPPA ( OLFATTO) IL SEMAFORO BLU ( VISTA) IL SIGNOR FALANINNA ( UDITO) LA CUCINA SPAZIALE ( GUSTO) RE MIDA ( TATTO)

3 In relazione ad ogni racconto sono state proposti libri ed esperienze sensoriali relative agli organi di senso interessati: OLFATTO: stimolazione della percezione olfattiva con libri odorosi e discriminazione di odori e profumi VISTA: realizzazione di occhialini blu per la stimolazione/ alterazione della percezione visiva UDITO: discriminazione di suoni e rumori forti – piano, il silenzio ecc. Esperienze musicali. GUSTO: esperienze gustative e descrizione del sapore degli alimenti, ipotesi fantastiche sul sapore di alimenti spaziali,discriminazione di dolce – salato ecc. TATTO: discriminazione di oggetti ruvidi, lisci, leggeri, pesanti…Cosa so, sento, posso fare con le mani.

4 Dopo ogni racconto e relativa esperienza sensoriale svolta a scuola, sono stati coinvolti i genitori per la realizzazione del cart…album, che di volta in volta è stato dato a casa per essere completato attraverso la ricerca di vari tipi di carta da collocare nei vari ambiti percettivi già sperimentati a scuola: anche la carta, materiale della quotidianità, può stimolare percezioni dirette attraverso ognuno dei sensi. Tutti i genitori hanno partecipato attivamente.

5 LA CARTA: un materiale della quotidianità per lo sviluppo percettivo

6 SCHEMA DEL PERCORSO

7 CON GLI OCCHI VEDO I COLORI IL SEMAFORO BLU LIBERA INTERPRETAZIONE DEL RACCONTO DI G. RODARI RACCONTIAMO NOI :il semaforo era rosso, giallo e verde :quando era rosso si fermavano le macchine :quando era giallo rallentavano :quando era rosso si fermavano :un giorno il semaforo si è stancato di fare giallo, verde e rosso : allora diventa blu, ci viene molta confusione e il vigile dice: Ma cosa facciamo con questo semaforo tutto blu? :arrivano anche i pompieri e dicono: Ma cosa possiamo fare con un semaforo blu? :allora un vigile arriva con un cacciavite :col cacciavite lo aggiusta e ritorna a fare giallo, rosso e verde :ma alla notte diventa tutto blu e le macchine volano nel cielo

8 CON LE ORECCHIE SENTO I RUMORI IL SIGNOR FALANINNA LIBERA INTERPRETAZIONE DEL RACCONTO DI G. RODARI RACCONTIAMO NOI : il signor Falaninna era un signore che voleva sempre dormire : aveva delle orecchie enormi come un elefante : sentiva i rumori anche quelli che non facevano rumore : ad esempio sentiva se cadeva una briciola… : lui diceva: cè il terremoto!!!! : se cadeva un foglio diceva: cè il temporale!!! : se camminava una formica lui sentiva il terremoto : quando sua moglie respirava diceva: come respiri forte, sembra il tuono!!! : allora un suo amico gli dice di andare nel deserto : è un posto dove non cè nessuno, lui pianta una tenda, si mette i tappi nelle orecchie e dorme finalmente.

9 CON IL NASO SENTO GLI ODORI IL NASO CHE SCAPPA LIBERA INTERPRETAZIONE DEL RACCONTO DI G. RODARI RACCONTIAMO NOI : il signor Gustavino è un signore che metteva sempre le dita nel naso : un giorno si alza e non cè più il naso : si guarda allo specchio e vede che il naso è sparito : non è contento perché non può più respirare col naso : e non può più sentire i profumi : e non può sentire la puzza del gas che scoppia : chiama la moglie, va a cercare il naso in macchina, sotto il tavolo… : la moglie lo cerca in cantina e sotto il letto : guarda fuori dalla finestra e lo vede nella strada : che sta scappando : il naso si tuffa in mare : il giorno dopo la signora va a fare la spesa, compra il pane… : e compra anche un pesce : lo prende per la coda : e dalla bocca cade il naso del signor Gustavino : lo porta a casa : e dice al marito: lho trovato! E se lo attacca, così era contento perché poteva sentire tutti gli odori e anche la puzza del gas

10 : anche tutti i profumi : i profumi sono buoni, il gas è cattivo : è puzzolente : anche il pattume puzza : anche la cacca : la pipi : i biscotti hanno un buon profumo : anche le carte delle caramelle

11 CON LA BOCCA SENTO I SAPORI IL MENU SPAZIALE LIBERA INTERPRETAZIONE DEL RACCONTO DI G. RODARI RACCONTIAMO NOI : Gustavino era un signore, un astronauta : che un giorno voleva andare sulla luna : va sul razzo, contano 10, 9, 8, 7, 6…..VIA!!!!! : io sono andato col mio papa sulla nave spaziale : ma arriva un vento… : … un vento spaziale… : e va su un pianeta : sul pianeta non cera nessuno, niente!! : incontra un omino : incontra BIP BIP, che aveva le antenne : aveva molta fame e allora dice: portami al ristorante : gli piacevano le cose buone : ma quando legge il menu decide di tornare a casa : e va al ristorante

12 RE MIDA LIBERA INTERPRETAZIONE DEL RACCONTO DI G. RODARI RACCONTIAMO NOI :re Mida era un re che gli piaceva molto loro :viveva in un castello con le bandiere :cerano tanti soldati :si sedeva sul trono tutto doro :aveva tanto oro :invece i signori del paese non avevano niente da mangiare :un giorno gli dicono che hanno fame :ma il re non gli dà da mangiare :un giorno arriva un folletto che fa una magia :il folletto tocca le mani del re :tutte le cose che il re tocca diventano doro :il re è molto contento :poi non era contento perché… :chiama il maggiordomo e gli dice: ho fame! :il maggiordomo gli prepara da mangiare :quando il re tocca gli spaghetti diventano doro, li mette in bocca e si rompe i denti, allora lui non era contento

13 :allora dice al maggiordomo: preparami una bistecca :e anche quella diventa doro :il re dice: vai a chiamare il folletto :hai fatto una brutta magia, ti prego folletto, toglimi la magia perché è brutta. Il folletto dice: io te la tolgo però tu devi dare da mangiare a tutti i bambini del paese :va bene e così il folletto toglie la magia e il re può mangiare

14

15

16

17

18

19

20

21 PERCORSO SENSORIALE: realizzazione di un cartellone collettivo le mie mani sanno fare… con attività di manipolazione e trasformazione della carta

22 I bambini della sezione cinque anni hanno ampliato e sviluppato in altro modo il progetto. CON GLI OCCHI VEDO: lo spazio (visita al planetario didattico, le costellazioni, immagino lo spazio, il mio amico nello spazio)

23

24 I colori della terra Le gradazioni dei colori La luce e il buio Il giorno e la notte La paura è blu? LA LUCE E IL BUIO ESPRESSIVITà CORPOREA: RAPPRESENTAZIONE DELLA PAURA

25

26 CON LE MANI: esplorazione di grandezza e di peso leggero – pesante esplorazione delle forme geometriche col tatto e rielaborazione grafica

27 CON LE ORECCHIE: discriminazione di suoni e rumori CON IL GUSTO E LOLFATTO: semina e coltivazione di piante aromatiche discriminazione di odori e sapori assaggio di pezzetti di frutta - macedonia


Scaricare ppt "Scuola dellinfanzia Andersen progetto di gestione sociale Anno Scolastico 2009/2010 IL CART….ALBUM."

Presentazioni simili


Annunci Google