La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aprile 2006 n. 152 DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006 n. 152 NORMATIVA IN MATERIA DI Tutela delle ACQUE Appunti, schede tecniche – documenti fotografici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aprile 2006 n. 152 DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006 n. 152 NORMATIVA IN MATERIA DI Tutela delle ACQUE Appunti, schede tecniche – documenti fotografici."— Transcript della presentazione:

1 aprile 2006 n. 152 DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006 n. 152 NORMATIVA IN MATERIA DI Tutela delle ACQUE Appunti, schede tecniche – documenti fotografici Carpegna li 1^ dicembre 2007 a cura di: Ten. Alberto Casoni

2 DECRETO Leg.vo 3 APRILE 2006 n. 152 Il presente decreto Legislativo disciplina, in attuazione della Legge 15 dicembre 2004, n. 308, le materie seguenti: a)nella parte seconda, le procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS), per la valutazione dimpatto ambientale (VIA) e per lautorizzazione ambientale integrata (IPPC); b) nella parte terza, la difesa del suolo e la lotta alla desertificazione, la tutela delle acque dallinquinamento e la gestione delle risorse idriche; c) nella parte quarta, la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti contaminati; d) nella parte quinta, la tutela dellaria e la riduzione delle emissioni in atmosfera; e) nella parte sesta, la tutela risarcitoria contro i danni allambiente

3 Acque (Decreto Legislativo) D.Lgs 152/2006 (TESTO UNICO AMBIENTALE) parte terza Disciplina dei corpi idrici e disciplina degli scarichi

4 DECRETO Leg.vo 3 APRILE 2006 n. 152 Parte III^ SCARICO Art. 74 Definizioni…omissis… ff) Qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione. Sono esclusi i rilasci di acque previsti dallart (DIGHE) Decreto Leg.vo 3 aprile 2006 n. 152 Parte IV^ Art. 183 Definizioni …omissis… aa) Scarichi idrici: qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione

5 6 aprile 2006 n. 152 DECRETO LEGISLATIVO 6 aprile 2006 n. 152 Impianto di depurazione biologico Struttura costitutivaStruttura costitutiva fasi di depurazione di rifiuti liquidi;fasi di depurazione di rifiuti liquidi; Gestione Fanghi di depurazione;Gestione Fanghi di depurazione; Scarico acque depurate.Scarico acque depurate.

6 Impianto di depurazione - tipo biologico - Collettore fognario Reflui in testa allimpianto Griglia grossaPompe di sollevamento Griglia fine dissabbiatore Vasca di sedimentazione primaria Vasca di ossidazione Vasca di denitrificazione ChiarificazioneClorazione Scarico su acqua superficiale Vasca Stabilizzazione fanghi centrifuga Acque residue Fanghi disidratati Acque derivanti dal riciclo dellimpianto

7 TESTA IMPIANTO DI DEPURAZIONE a) collettore fognario b) acque di ricircolo impianto TESTA IMPIANTO DI DEPURAZIONE a) collettore fognario b) acque di ricircolo impianto a b

8 Sgrigliatore primario o griglia grossa

9 Impianto di sollevamento reflui

10 Griglia fine e dissabbiatore

11 Canalizzazione acque reflue verso limpianto di sedimentazione

12 Vasca di sedimentazione

13 Vasca di denitrificazione

14 Vasca di ossigenazione

15 Vasca di chiarificazione

16 Vasca di clorazione

17 Altre vasche di chiarificazione prima dello scarico

18 Scarico acque depurate

19 Vasca stabilizzazione fanghi

20 Ossigenazione fanghi

21 Impianto centrifuga fanghi

22 Deposito temporaneo dei fanghi allinterno di un container


Scaricare ppt "Aprile 2006 n. 152 DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006 n. 152 NORMATIVA IN MATERIA DI Tutela delle ACQUE Appunti, schede tecniche – documenti fotografici."

Presentazioni simili


Annunci Google