La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMPIANTI DI DEPURAZIONE Valeria Mezzanotte DISAT, Università degli Studi di Milano Bicocca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMPIANTI DI DEPURAZIONE Valeria Mezzanotte DISAT, Università degli Studi di Milano Bicocca."— Transcript della presentazione:

1 IMPIANTI DI DEPURAZIONE Valeria Mezzanotte DISAT, Università degli Studi di Milano Bicocca

2

3 Impianto di depurazione Insieme di strutture e reattori in cui possono realizzarsi processi di tipo fisico, chimico e biologico che portano a rimuovere gli inquinanti dalle acque reflue in varia misura

4 Carichi inquinanti Diffusi Puntuali - Civili - Industriali

5 Stima dei carichi inquinanti Carichi diffusi Valutazione dei carichi attraverso coefficienti riferiti alla destinazione duso del suolo (agricolo, per tipologia di coltura, incolto,urbano, ecc.)

6 Stima dei carichi inquinanti Carichi puntuali Civili BOD g/abitante giorno COD 2 BOD P 0,8-1 g/abitante giorno N 12 g/abitante giorno Q = 0,8 * Dotazione idrica (L/abitante giorno) Tensioattivi totali ~ 1 g/abitante giorno

7 Stima dei carichi inquinanti Carichi puntuali Industriali Reflui da: - processo - raffreddamento - servizi Q = 0,95 * Consumo idrico (m 3 /giorno)

8 ABITANTE EQUIVALENTE Carico di origine industriale corrispondente al carico idraulico (m 3 /giorno) e/o al carico organico (g BOD 5 /giorno) prodotti da un abitante civile

9 Stima dei carichi civili in funzione della loro destinazione di smaltimento Fossa biologica e pozzo perdente: abbattimento 95%, ma problemi igienici e possibile contaminazione falda Fognatura allacciata ad impianto di depurazione: abbattimento in funzione della tipologia di impianto Fognatura non allacciata ad impianto di depurazione: abbattimento nullo

10 Acque usate Acque pluviali Altre acque Civili, industriali (sorgive, drenanti) Canale misto Smaltimento Depuratore Vasche di pioggia Corpo idrico ricettore SISTEMA DI FOGNATURA MISTA CONVENZIONALE

11 Inquinanti Parametri tradizionali: COD, BOD, SS, N, P, Escherichia coli Molecole difficilmente biodegradabili: tensioattivi non ionici Sostanze pericolose: metalli, microinqui- nanti organici (pesticidi, PCB, IPA, ecc.), solventi

12 Rimozione % = ([in]-[out])/[in]*100 BOD (o COD), N, P 90% SST 70-99% E.coli 99,99% Tensioattivi non ionici, micro- inquinanti organici, metalli LEFFLUENTE DEPURATO NON HA LA STESSA QUALITA DI UNACQUA DI FIUME ?

13 PRETRATTAMENTI SEDIMENTAZIONE PRIMARIA TRATTAMENTO BIOLOGICO SEDIMENTAZIONE SECONDARIA TRATTAMENTI TERZIARI DISINFEZIONE PRE-ISPESSIMENTO STABILIZZAZIONE POST-ISPESSIMENTO DISIDRATAZIONE Fango SCARICO SMALTIMENTO Olii e grassi Sabbie Grigliato Fango chimico supero Ricircolo surnatante Ingresso

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26 Impatto ambientale Diminuzione complessiva del carico inquinante immesso nel ricettore, ma: Immissione localizzata del carico inquinante residuo Occupazione di spazio Rumore Odore Consumo energetico

27 Carichi inquinanti IMPIANTO DI DEPURAZIONE Rete Fognaria RICETTORE Scarico

28 SITUAZIONE GENERALE DEPURAZIONE IN ITALIA 1.In Italia esistono circa impianti 2.Su un campione di impianti, la capacità depurativa complessiva è pari a 64 milioni di A.E. 3.La maggior parte degli impianti è di piccole dimensioni (<2000 A.E.), spesso dotata di sola sedimentazione primaria 4.La maggior parte del carico grava su impianti di grandi dimensioni (> A.E.)

29 5.La maggior parte degli impianti è stata realizzata prima del In diversi casi gli impianti sono sovraccaricati idraulicamente e sotto utilizzati per il carico organico 7.La rimozione dei parametri convenzionali (BOD, COD, SS, N e P) è in genere soddi- sfacente, ma si verificano in specifici casi situazioni anche gravi di malfunzionamento 8.La destinazione finale più comune per i fanghi è la discarica, seguita dallutilizzo agricolo

30 LOMBARDIA

31 PROCESSI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA Aerobici Anaerobici Anossici A biomassa sospesa A biomassa adesa

32 Condizioni ambientali Disponibilità di ossigeno pH Salinità Temperatura

33 PROCESSO A FANGHI ATTIVI (biomassa sospesa) Sviluppo di biomassa saprofita a spese delle varie componenti del liquame Bioflocculazione Degradazione biologica di composti organici Adsorbimento di molecole recalcitranti e di inquinanti inorganici (metalli)

34 Componente non biologica (particolato organico ed inorganico ) Fango attivo Componente biologica (batteri, funghi, protozoi, metazoi) Sostanze adsorbite Fiocchi di fango ( Batteri fiocco-formatori e filamentosi

35 Batteri filamentosi (scheletro): si moltiplicano per divisione ma le loro cellule, rimanendo vicine, formano un filamento. Batteri fiocco-formatori: convertono substrato organico in materiale extracellulare chiamato glicocalice, responsabile della bioflocculazione

36 TRATTAMENTO FANGHI Contenuto umidità Acqua interparticellare Acqua legata Acqua particellare Fanghi attivi interparticellare75% volume legata 22% volume particellare2,5% volume

37 TRATTAMENTO FANGHI Natura dei fanghi: sospensioni acquose di solidi organici (fanghi primari e biologici di supero) o inorganici (depurazione chimica e/o chimico-fisica) Ragioni per cui si effettua il trattamento: Riduzione del costo di trasporto ai siti di smaltimento Il fango disidratato si maneggia molto più facilmente Incremento del contenuto energetico nel caso di incenerimento Riduzione della tendenza a causare cattivi odori Riduzione del percolato in caso di smaltimento in discarica

38 TRATTAMENTO FANGHI Obiettivi essenziali –riduzione volume (costi smaltimento) raggiungimento di un fango allo stato solido (palabile) che sia in grado di mantenere una forma propria. –riduzione putrescibilità fanghi ad alto contenuto organico

39 Carica elettrica negativa Acqua libera assorbita sulla superficie: acqua libera allinterno dei fiocchi: acqua legata dalle micelle colloidali = 20:2:2,5 Caratteristiche dei fiocchi di fango

40 Tecniche di rimozione dellacqua interparticellare ispessimento (tempi), disidratazione legata disidratazione previo condizionamento particellare processi termici

41 TRATTAMENTO FANGHI Ispessimento Eliminazione parziale dellumidità dei fanghi mediante processi che sfruttano le differenze peso specifico in modo naturale (ispessitori) oppure artificiale (flottazione). Generalmente prima (pre-ispessimento) e dopo (post-uispessimento) la stabilizzazione biologica

42 Scopo: diminuzione del contenuto di sostanza organica del fango sino allottenimento di un prodotto stabile degradazione sostanza organica più facilmente decomponibile contenuto organico residuo lentamente biodegradabile (humus ) Smaltimento finale senza sviluppo apprezzabile di processi di degradazione biologica non controllabili TRATTAMENTO FANGHI Stabilizzazione biologica

43 Disidratazione (con centrifughe o nastropresse o filtropresse) Riduzione del contenuto idrico fino al 20%

44 SMALTIMENTO FINALE FANGHI Uso agricolo Discarica Incenerimento

45 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "IMPIANTI DI DEPURAZIONE Valeria Mezzanotte DISAT, Università degli Studi di Milano Bicocca."

Presentazioni simili


Annunci Google