La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Di Sabina Ratti e Ilaria Lenzi Bologna, 19| 01 | 05 Comunicare la responsabilità sociale Lesperienza dellOsservatorio di Comunicazione Ambientale e Sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Di Sabina Ratti e Ilaria Lenzi Bologna, 19| 01 | 05 Comunicare la responsabilità sociale Lesperienza dellOsservatorio di Comunicazione Ambientale e Sociale."— Transcript della presentazione:

1 di Sabina Ratti e Ilaria Lenzi Bologna, 19| 01 | 05 Comunicare la responsabilità sociale Lesperienza dellOsservatorio di Comunicazione Ambientale e Sociale della Fondazione Eni Enrico Mattei

2 1 Obiettivi dellintervento Presentare lattività dellOsservatorio di Comunicazione Ambientale e Sociale della Fondazione Eni Enrico Mattei Mostrare levoluzione degli strumenti tradizionali di comunicazione ambientale e sociale adottati dalle organizzazioni (Bilanci e Rapporti Ambientali, Bilanci Sociali, Bilanci di Sostenibilità) Individuare alcuni cambiamenti nelle logiche di rendicontazione ambientale e sociale (modalità di gestione, partecipazione e comunicazione) Sottolineare alcune linee di tendenza nella comunicazione di responsabilità sociale nelle Imprese, nelle Organizzazioni e negli Enti Pubblici

3 2 Prima parte: lOsservatorio Dieci anni di Osservatorio: 1994: la Fondazione Eni Enrico Mattei promuove il Forum sul Rapporto Ambientale. Comincia la raccolta di Bilanci e Rapporti Ambientali. Negli anni si aggiungeranno Dichiarazioni EMAS, Bilanci Sociali, Bilanci di Sostenibilità… E nato lOsservatorio di Comunicazione Ambientale e Sociale 2004: LOsservatorio ha compiuto dieci anni. I suoi compiti: Monitoraggio e Ricerca sulla Comunicazione di Responsabilità Sociale

4 3 Prima parte: lOsservatorio Un Archivio di oltre 1000 documenti, sottoposti a valutazione (check list GRI, elaborazione FEEM) e disponibile per ricercatori interni ed esterni Un Centro di Ricerca e Monitoraggio della Comunicazione Ambientale, Sociale e di Sostenibilità, che analizza levoluzione del settore Un centro per la promozione della Responsabilità Sociale delle Organizzazioni e del dialogo fra stakeholders (Partecipazione a Networks italiani e internazionali)

5 4 Prima parte: lOsservatorio

6 5 Levoluzione qualitativa e quantitativa Il grafico mostra levoluzione temporale degli strumenti di Comunicazione Ambientale e Sociale tradizionali: Fra 1990 e 2003 lo sviluppo delle pubblicazioni è stato esponenziale I Rapporti Ambientali sono molto numerosi fino al 2000, poi la crescita tende a ridimensionarsi I Bilanci Sociali aumentano a partire dal 1997 Landamento dei Rapporti Socio- Ambientali si sta stabilizzando Cresce il Bilancio di Sostenibilità

7 6 Imprese e com. di Responsabilità Sociale La comunicazione di Responsabilità Sociale è un percorso: una volta intrapreso, porta a necessarie innovazioni Un numero crescente di Imprese, a partire dai primi anni Novanta, redige Bilanci e Rapporti Ambientali. Si comincia a discutere della comunicazione con gli stakeholders (comunità locali, gruppi di opinione, dipendenti, fornitori, media…) Linteresse per la relazione con gli stakeholders spinge alla redazione di Bilanci Sociali, strumenti particolarmente idonei per alcuni tipi di Imprese (ad esempio: il settore dei Servizi) Per molte Imprese, il passaggio successivo è quello del Bilancio di Sostenibilità, che integra aspetti economico - finanziari, sociali e ambientali in un unico documento

8 7 Il dibattito Cresce linteresse nei confronti della comunicazione di Responsabilità Sociale: Convegni, seminari, gruppi di lavoro Linee guida a livello nazionale e internazionale, per tutti i settori e per tutti i tipi di rapporti (Esperienza della Global Reporting Initiative) Le pratiche di Responsabilità Sociale non riguardano più soltanto le grandi imprese, ma anche nuovi soggetti...

9 8 Le ragioni del cambiamento Un numero sempre crescente di imprese e organizzazioni, a livello nazionale e internazionale, decide di intraprendere un percorso di Responsabilità Sociale Il dibattito si arricchisce… Con esso, gli strumenti di comunicazione… Lingresso di nuovi attori sociali determina opportunità e cambiamenti

10 9 Integrazione e ridefinizione degli strumenti La Comunicazione Ambientale e Sociale scopre nuove forme, anche grazie allingresso di nuovi soggetti: gli strumenti si evolvono e modificano la propria funzione La partecipazione da parte degli stakeholders ai processi di rendicontazione diventa un tema centrale Gli strumenti di comunicazione vengono sempre più intesi come supporti alla gestione delle relazioni interne ed esterne (funzione di governance) La comunicazione si fa integrata, per raggiungere e coinvolgere una gamma di stakeholders più ampia e dettagliata Si comincia a parlare di una rete della responsabilità sociale, che coinvolga Imprese, Enti pubblici e Organizzazioni

11 10 Schematizzando... METODOLOGIA Preparazione Costruzione del sistema Redazione COMUNICAZIONE PARTECIPAZIONE Strutture di GOVERNANCE FRUIZIONE

12 11 Schematizzando... Valutazione risultati emersi e ridefinizione degli obiettivi gestionali/comunicativi Analisi della fruizione del Bilancio di Sostenibilità da parte degli stakeholder Processi partecipati e partnerships Comunicazione di responsabilità sociale

13 12 Nuovi attori Le iniziative (nazionali e internazionali) dimostrano la diffusione fra nuovi attori delle pratiche di comunicazione di responsabilità sociale. Piccole e Medie Imprese Enti Pubblici Distretti (in senso industriale, turistico, culturale) Organizzazioni Non Profit (Fondazioni, Associazioni, NGOs…)

14 13 Il caso dellEnte Pubblico N.B. La raccolta 2003 è in corso

15 14 Il caso dellEnte Pubblico In Italia, un numero crescente di Enti Pubblici (In particolare Comuni, Province e Regioni) ha intrapreso pratiche di rendicontazione Le tipologie di documenti prodotti sono diverse fra loro (Bilancio Sociale, Bilancio Ambientale, Bilancio Territoriale, Bilancio di Mandato, Gender Budgeting…) Modalità di realizzazione e fini (comunicazione e gestione) sono molto vari Il paradosso del bilancio sociale nellEnte Pubblico (Il Bilancio dellEnte Pubblico è necessariamente sociale!)

16 15 Il caso dellEnte Pubblico La pratica della reportistica negli Enti Pubblici nasce a seguito della diffusione di questi strumenti di comunicazione e gestione nelle grandi imprese La rendicontazione degli Enti Pubblici si sviluppa in Italia con modalità originali rispetto al contesto internazionale Non si è diffusa una sindrome imitativa rispetto a esperienze precedenti --> ricerca di modalità di rendicontazione innovative, diverse da quelle dellimpresa, peculiari per le singole tipologie di Ente

17 16 I tentativi di codifica... Nel 2004, il GRI convoca un gruppo di lavoro di lavoro internazionale per elaborare un modello comune di rendicontazione per gli Enti Pubblici (Edizione prevista della Draft Version: novembre 2004) Nel 2003, il Dipartimento della Funzione Pubblica, nellambito del Programma Cantieri, inaugura un gruppo di lavoro per realizzare un Manuale per la rendicontazione sociale degli Enti Pubblici (Presentato a Roma, presso il Forum PA il 12 maggio 2004) Il Gruppo Bilancio Sociale (GBS) sta elaborando Linee Guida per il bilancio sociale dellEnte Pubblico

18 17 Un confronto forzato

19 18 Opportunità e rischi dei gruppi di lavoro I gruppi di lavoro e riflessione tesi ad elaborare linee guida per gli Enti Pubblici costituiscono certamente delle opportunità per: migliorare le possibilità di comparazione fra documenti diversi incentivare attraverso parametri condivisi la rendicontazione da parte di nuovi Enti suscitare un dibattito teorico che consenta il miglioramento e la diffusione di best practices Occorre però fare attenzione ad alcuni rischi: eccesso di standardizzazione, che appiattisca espressioni variegate che sono segno di vitalità adeguamento rispetto ai modelli adottati dallimpresa e più diffusi semplificazione (esempio dei confini)

20 19 Il Progetto PARCO Obiettivo generale del Progetto = sviluppare metodologie di comunicazione e rendicontazione ambientale e sociale per le Aree Protette Prima finalità = redazione di un Bilancio di Sostenibilità del Parco Naturale Regionale del Beigua

21 20 Il Numero Zero del BS Lavvio del processo prevede la stesura di un Numero Zero del Bilancio di Sostenibilità, che sarà redatto in base allo stato dellarte dei dati e delle informazioni disponibili Il Numero Zero può rappresentare: Uno strumento di comunicazione destinato a stakeholder interni ed esterni La piattaforma di dibattito, confronto e connessione tra gli attori sul territorio e soggetti (istituzionali e non) nellarea Lorigine di un processo partecipato per la realizzazione di progetti ambientali, sociali e di sostenibilità nel contesto del Parco del Beigua

22 21 FASE III FASE I FASE II Fasi del Progetto Metodologia per il Parco del Beigua Raccolta dati Avvio Analisi, trattamento, sintesi dati 1° step: definizione metodologia 2° step: applicazione metodologia Analisi contesto di riferimento Comunicazione e Formazione Comunicazione e Formazione REDAZIONE DEL NUMERO ZERO DI BILANCIO DI SOSTENIBILITA 1° output: case study 2° output: preview Analisi diffusione e impatti del Numero Zero Avvio processi di consultazione Avvio processi partecipati e definizione nuovi obiettivi

23 22 1° step: Definizione metodologia Analisi della letteratura di riferimento: Letteratura e standard di riferimento nellambito della comunicazione di responsabilità sociale degli Enti Pubblici; contesto istituzionale delle Aree Protette; stato dellarte di eventuali strumenti di comunicazione di responsabilità sociale adottati da Aree Protette Analisi del contesto territoriale specifico: Stato dellarte e caratteristiche del Parco del Beigua, progetti e processi in corso, stakeholder di riferimento ecc. Metodologia per il Parco del Beigua: Definizione di una metodologia di stesura di Bilancio di Sostenibilità per il Parco del Beigua, attraverso lindividuazione di macro-aree significative e i relativi set di indicatori specifici

24 23 1° output: case study Costruzione di un modello di Bilancio di Sostenibilità sulla base dello studio metodologico realizzato e dei primi rilevamenti effettuati nel contesto del Parco

25 24 2° step: Applicazione metodologia Raccolta dati: La fase di acquisizione dei dati avverrà attraverso la rassegna ragionata delle seguenti fonti : –Dati esistenti (ambientali - paesistici, socio – economici, politico – istituzionali) –Dati predisposti e aggregati nellambito di processi gestionali in corso (Certificazione ISO 14001, Agenda 21, ambito Rete Natura 2000, ecc.) –Informazioni provenienti dalla consultazione di stakeholder già attivi sul territorio Analisi, trattamento e sintesi dati: I dati acquisiti saranno organizzati e sintetizzati secondo il modello predisposto

26 25 2° output: preview e redazione –Realizzazione di una preview esemplificativa della redazione finale –Consegna del materiale definitivo per lediting

27 26 Redazione Redazione Numero Zero: –Organizzazione del materiale (testo, tabelle, grafici, ecc.) secondo il modello –Revisione del prodotto pre-editing attraverso il confronto con lEnte Parco in previsione della pubblicazione –Preparazione per la fase di editing, ausilio nella selezione di supporti iconografici, indicazioni per le impostazioni grafico- comunicative (foto, grafiche, cromia prevalente …)

28 27 Opportunità offerte dal Numero Zero La raccolta e lanalisi dei dati necessari alla costruzione del Numero Zero può costituire per il Parco unoccasione per: –Individuare punti di forza e di debolezza nella gestione delle proprie risorse –Definire circoli virtuosi e snodi problematici nel flusso di comunicazione

29 28 Diffusione e processi partecipati Analisi della diffusione e della ricezione del Numero Zero da parte dei fruitori (in termini di efficacia e leggibilità, percezione di utilità e di completezza) Avvio di un processo di consultazione che coinvolga una pluralità di stakeholder, finalizzata alla creazione di partnership fra attori individuali e istituzionali sul territorio Analisi e valutazione dei risultati attesi/ottenuti

30 29 Comunicazione e formazione Attività di disseminazione riguardanti non soltanto il prodotto, ma il processo in corso (Best Practice) Divulgazione dei risultati attraverso il network FEEM Partecipazione e organizzazione incontri, convegni e seminari Possibili temi: –Comunicazione di responsabilità sociale negli Enti Pubblici con focus specifico sulle Aree Protette –Diffusione di responsabilità sociale nella gestione delle Aree Protette (tematiche connesse al turismo sostenibile, alleducazione ambientale, alla conservazione e valorizzazione delle risorse territoriali locali, ecc.) Attività di formazione (possibili temi: responsabilità sociale delle organizzazioni, comunicazione ambientale e sociale, gestione delle risorse territoriali del Parco, turismo sostenibile)

31 30 La scoperta di nuovi mezzi di comunicazione La Comunicazione Ambientale e Sociale scopre nuove forme, anche grazie allingresso di nuovi soggetti: gli strumenti si evolvono e modificano la propria funzione La comunicazione si fa integrata, per raggiungere e coinvolgere una gamma di stakeholders più ampia e dettagliata

32 31 Il caso di una birra La Heineken pare aver scelto strumenti differenziati per la propria comunicazione di responsabilità sociale: Rapporto Health, Safety and EnvironmentHealth, Safety and Environment Sito Web con sezione dedicata Sito Web Spot Fai la cosa giustaFai la cosa giusta Eventi Fai la cosa giusta

33 32 BNFL Limpresa inglese BNFL ha scelto una varietà piuttosto ampia di strumenti per comunicare la propria responsabilità sociale: Report sintetico cartaceo Bilancio di sostenibilità completo, navigabile sul sito Web Bilancio di sostenibilità Video sulla CSR del Gruppo Video

34 33 Altri esempi: Il Rapporto di responsabilità sociale di GAP Inc.Rapporto di responsabilità sociale Il Guided Tour HenkelGuided Tour

35 34 Lintegrazione della comunicazione Lintegrazione e lutilizzo congiunto di diversi mezzi di comunicazione può: Favorire la diffusione di un dibattito più ampio sulla CSR Il raggiungimento di una gamma più vasta e differenziata di stakeholders Avere effetti benefici non solo sullimmagine, ma anche sullidentità dellimpresa (fidelizzazione dei dipendenti, crescita della fiducia nella supply chain…)

36 35 Rischi Rischi possibili: Uso tattico e non strategico del cause related marketing (con possibili scollamenti rispetto alle percezioni degli stakeholders) Effetto moda nella comunicazione di responsabilità sociale (dissociazione fra funzione di comunicazione e funzione di governance)

37 36 corso Magenta Milano - Italy tel+39 | 02 | fax+39 | 02 | webhttp://www.feem.it


Scaricare ppt "Di Sabina Ratti e Ilaria Lenzi Bologna, 19| 01 | 05 Comunicare la responsabilità sociale Lesperienza dellOsservatorio di Comunicazione Ambientale e Sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google