La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Strategia per lofferta attiva della vaccinazione anti-HPV in Piemonte Carla Maria Zotti Università di Torino Formazione dei formatori regionali Torino,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Strategia per lofferta attiva della vaccinazione anti-HPV in Piemonte Carla Maria Zotti Università di Torino Formazione dei formatori regionali Torino,"— Transcript della presentazione:

1 Strategia per lofferta attiva della vaccinazione anti-HPV in Piemonte Carla Maria Zotti Università di Torino Formazione dei formatori regionali Torino, 10 e 20 Giugno 2008

2 20 dicembre 2007 Intesa tra Governo e Regioni e Province autonome. Strategia per lofferta attiva del vaccino contro linfezione da HPV in Italia

3 OMS, sulla base delle evidenze disponibili, raccomanda, come target prioritario della vaccinazione le pre- adolescenti (9-13 anni). Offerta attiva e gratuita, attraverso le strutture del SSN deputate allerogazione delle vaccinazioni, del vaccino anti-HPV alle ragazze nel corso del 12° anno di vita

4 . Valutazione del programma di vaccinazione mediante monitoraggio: della copertura vaccinale con le anagrafi vaccinali degli eventi avversi mediante farmacovigilanza mirata degli esiti prevenibili (infezioni da HPV ad alto rischio, lesioni precancerose, tumori, cambiamenti ecologici a seguito di pressione selettiva)

5 Formazione degli operatori coinvolti nella promozione, organizzazione ed effettuazione della vaccinazione Offerta omogenea sul territorio nazionale Campagne di comunicazione Valutazione di efficacia, di sicurezza, di impatto epidemiologico sulla popolazione e sui programmi di screening

6 Con la DGR n.203 dell11 febbraio 2008 la Regione Piemonte ha recepito lintesa Stato-Regioni per lofferta attiva del vaccino contro linfezione da HPV in Italia

7 Offerta attiva gratuita alle adolescenti nel 12° anno di vita (al compimento degli 11 anni) coorte di nascita del 1997 a partire dal 2008 STRATEGIA REGIONE PIEMONTE

8 La risposta anticorpale è molto elevata nella maggior parte dei soggetti (>98%) ; Limmunogenicità è risultata migliore in età 9-15 anni rispetto a anni; La probabilità che ci siano già stati rapporti sessuali è molto bassa ( massimo 4%?); E una coorte già in passato inserita efficacemente in offerte attive (HBV) e ancora seguita dai Pediatri di Famiglia Vaccinare le dodicenni perché…

9 Aggiungere unofferta attiva nel calendario in cui era previsto catch up per MPR e Varicella al momento non co-somministrabili) Aggiungere un adeguato intervento di informazione Coinvolgere il genitore-tutore su tematiche personali Vaccinare le dodicenni comporta anche…

10 Offerta attiva gratuita alle adolescenti nel 16° anno di vita (al compimento dei 15 anni) coorte di nascita del 1993 a partire dal 2008 STRATEGIA REGIONE PIEMONTE

11 La risposta anticorpale è molto elevata nella maggior parte dei soggetti (>98%) ; Limmunogenicità è risultata migliore in età 9-15 anni rispetto a anni; La probabilità che ci siano già stati rapporti sessuali è intorno al 10-15% ma destinata ad incrementarsi rapidamente; Dopo 4 anni si sarà saldata questa coorte a quella delle dodicenni evitando richieste da parte di coorti giustificatamente interessate. Vaccinare le sedicenni perché…

12 Età 11 Nei prossimi quattro anni…

13 ° MPR VAR- MF solo suscettibili HPV-F dTpa-MF HPV-F Coorti coinvolte Anni compiuti IL CALENDARIO VACCINALE

14 Aggiungere unofferta attiva nel calendario (offerta attiva per dTpa, ma anche catch up per MPR e per Varicella) con un aggravio del carico di lavoro dei servizi vaccinali Aggiungere un adeguato intervento di informazione Coinvolgere, almeno parzialmente, il genitore- tutore su tematiche personali Un impegno economico per la Sanità regionale Vaccinare le sedicenni comporta anche…

15 Studio internazionale HBSC Questionari compilati da studenti italiani di 15 anni che hanno risposto positivamente alla domanda Hai avuto rapporti sessuali completi? (27.2% dei maschi e 20.5% delle femmine; M+F 23.5%) Quale è letà di inizio dellattività sessuale per le adolescenti italiane?

16 Indagine regionale HBSC Questionari compilati da studenti piemontesi di 15 anni che hanno risposto positivamente alla domanda Hai avuto rapporti sessuali completi? Quale è letà di inizio dellattività sessuale per le adolescenti piemontesi?

17 Nessuna vaccinazione tra 12 e 15 anni Nessuna disponibilità di vaccino a prezzo di costo STRATEGIA REGIONE PIEMONTE

18 Obiettivi regionali nei prossimi quattro anni: Formazione degli operatori che più o meno direttamente potranno essere fonte di informazione per la popolazione target (formazione a cascata) Informazione della popolazione in occasione della chiamata e mediante materiale informativo distribuito nelle sedi opportune (pieghevoli, locandine…)

19 Obiettivi regionali nei prossimi quattro anni: Raggiungimento di una copertura >95%, con tre dosi di vaccino, entro i quattro anni dallinizio del programma di vaccinazione. Eventuale utilizzo di Occasione Opportuna di vaccinazione, in concomitanza con altre vaccinazioni (dTaP) Sorveglianza della copertura vaccinale Sorveglianza degli eventi avversi

20 Obiettivi regionali nei prossimi quattro anni: La coorte nata nel 1993 e quella nata nel 1997 saranno chiamate allo screening, rispettivamente, fra 10 e fra 14 anni. Nel frattempo… Costruire i presupposti organizzativi per seguire nel tempo queste coorti in modo da realizzare una valutazione di impatto sulla malattia (valutazione dellandamento epidemiologico delle lesioni precancerose e del carcinoma della cervice)


Scaricare ppt "Strategia per lofferta attiva della vaccinazione anti-HPV in Piemonte Carla Maria Zotti Università di Torino Formazione dei formatori regionali Torino,"

Presentazioni simili


Annunci Google