La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il piano di sviluppo di unimpresa allestero Prof.ssa Vittoria Marino Cattedra di Marketing internazionale Facoltà di Economia Università degli Studi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il piano di sviluppo di unimpresa allestero Prof.ssa Vittoria Marino Cattedra di Marketing internazionale Facoltà di Economia Università degli Studi."— Transcript della presentazione:

1 1 Il piano di sviluppo di unimpresa allestero Prof.ssa Vittoria Marino Cattedra di Marketing internazionale Facoltà di Economia Università degli Studi di Salerno

2 2 Pianificare il futuro è possibile ? Obiettivo del piano internazionale di marketing: Esprimere in modo chiaro e sistematico le scelte effettuate dallimpresa per assicurarsi lo sviluppo a medio e lungo termine nei mercati internazionali

3 3 Limportanza di un piano strategico 1. Gli investimenti in capacità produttiva 2. Il programma di produzione 3. La liquidità necessaria

4 4 Il piano esprime il sistema di valori Il piano è uno strumento di coordinamento Il piano facilita il proseguimento delle azioni intraprese Il piano aumenta la velocità di reazione Il piano permette una gestione più rigorosa

5 5 Le obiezioni alla pianificazione formale 1.Mancanza di informazioni 2.Futilità della previsione 3.Rigidità del piano

6 6 La struttura generale del piano di marketing per limpresa internazionale 1.Introduzione 2.Obiettivi di internazionalizzazione 3.Analisi dello scenario competitivo: analisi di attrattività generale, analisi di profondità, (stp) 4.Piano di azione 5.Budget 6.Controllo 7.Piani di emergenza

7 7 Lanalisi di attrattività dei mercati esteri 200 mercati Screening globale Selezione dei paesi col maggiore potenziale Analisi in profondità Valutazione dellattrattività generale e firm-specific Scelta dei paesi target mercati 3-4 mercati 1° screening 2° screening

8 8 In sede di screening generale verranno isolati i mercati con valori positivi relativamente a macro-variabili in grado di riprodurre lattrattività a livello generale di uno specifico spazio economico.

9 9 Demografici Tassi di crescita della popolazione Distribuzione della popolazione (età, densità) Economici Pnl Reddito pro-capite Geografici Risorse naturali Condizioni ambientali Topografia Territoriali Infrastrutture Sistema dei trasporti Sistemi di comunicazione Infrastrutture commerciali (banche, istituzioni finanziarie, canali distributivi) Indicatori macro dellattrattività generale del mercato-paese

10 10 A seguito dello screening generale si rende necessaria unanalisi congiunta di più caratteri allo scopo di verificare le capacità firm-specific del mercato, intese come possibilità concrete per limpresa entrante di progettare e realizzare programmi di marketing efficaci.

11 11 Dimensione del mercato (rapporto prodotto-mercato) Tasso di crescita del mercato Stagionalità e fluttuazioni di mercato Distribuzione della domanda (per area geografica, per categoria di utilizzatore) Condizioni competitive (grado di concentrazione, barriere allentrata) Barriere allingresso (tariffarie, non tariffarie, ecc.) Stabilità economica e politica Analisi in profondità dei mercati esteri

12 12 Valutazione dei paesi mercatoPunteggio assegnato ai singoli paesi Paese APaese B Fattori di valutazione Peso 1-10Punteggio 1-5Punteggio ponderatoPunteggio 1-5Punteggio ponderato Dimensione del mercato - domanda in volume - domanda in valore Tasso di crescita del mercato - ritmo di sviluppo passato - prospettive di crescita 5 10 ………… Ambiente politico - normative sugli investimenti - imposizione fiscale pratiche legali Ambiente socio-culturale - valori dominanti - stili di vita 7777 Consumatore - reazioni nazionalistiche - particolarit à dei bisogni 7878 Pressione concorrenziale - situazione della concorrenza - livello dei prezzi 9898 Costi - di distribuzione - di trasporto 8888 Punteggio totale La scheda paese

13 13 Attrattività generale Scomposizione del mercato in segmenti di interesse

14 14 Il processo di clusterizzazione internazionale La segmentazione può essere interpretata come quel processo volto ad individuare segmenti rilevanti, vale a dire gruppi di consumatori omogenei, da servire con unofferta modellata sulle loro specifiche esigenze al fine di garantirne la soddisfazione. A livello internazionale il processo può essere strutturato in più fasi (macro-segmentazione, micro-segmentazione e segmentazione orizzontale) ciascuna riferibile alladozione di particolari criteri di segmentazione.

15 15 La macro-segmentazione consiste nella suddivisione del mercato mondiale in raggruppamenti piuttosto ampi (macro-segmenti) composti da uno o più paesi aggregati sulla base di macro indicatori socio-economici o di affinità culturali e/o religiose.

16 16 Variabili di macro segmentazione (1) Economico-geografiche SegmentiSuddivisioni tipiche Posizione geografica Asia orientale e pacifico Europa centrale e Asia centrale America Latina e Caraibi Medioriente e Nord Africa Asia meridionale Africa Sud-Sahariana PNL Economie a reddito basso Economie a reddito medio-basso Economie a reddito medio-alto Economie a reddito alto Livello di indebitamento Paesi fortemente indebitati Paesi moderatamente indebitati Paesi poco indebitati Paesi non classificabili Performances esportative Indice dei prezzi al consumo HDI – PQLI Paesi sviluppati Paesi emergenti Paesi in via di sviluppo Paesi sottosviluppati

17 17 Variabili di macro segmentazione (2) Demografiche SegmentiSuddivisioni tipiche Numerosit à della popolazione Crescita esplosiva della popolazione mondiale Struttura per et à della popolazione Paesi ad elevato incremento demografico Paesi con medio incremento demografico Paesi con basso incremento demografico Paesi con tasso di crescita zero Livello di istruzione Paesi con alto livello di scolarizzazione Paesi con scolarizzazione primaria Paesi non scolarizzati Struttura nucleo familiare Famiglie patriarcali Famiglie matriarcali Famiglie democratiche Globalizzazione e flussi migratori Paesi con flussi migratori in uscita Paesi con flussi migratori in entrata Paesi non scarsi flussi migratori

18 18 Variabili di macro segmentazione (3) Politiche SegmentiSuddivisioni tipiche Sistema politico Sistema partitico Paesi a forte stabilit à Paesi stabili Paesi instabili Paesi a forte rischio di instabilit à Culturali Lingua Tradizioni Abitudini lavorative Etc. Comunit à diffuse/specifiche Comunit à universaliste/particolariste Comunit à individualiste/collettiviste Religione Mercati etnici Paesi con forte prevalenza di comunit à : cattoliche/protestanti/musulmane/ebraiche Paesi con prevalenza di comunit à : cattoliche/protestanti/musulmane/ebraiche

19 19 Il secondo stadio del processo è rappresentato dalla micro-segmentazione che consente di circoscrivere micro-segmenti nazionali, ossia gruppi di consumatori sostanzialmente simili in quanto a scelta di prodotto. A tal fine particolarmente utili possono risultare criteri incentrati su aspetti psicografici o comportamentali. La micro-segmentazione

20 20 Variabili di micro segmentazione (1) Psicografiche SegmentiSuddivisioni tipiche Classe socialeProletariato, piccola borghesia, media borghesia, alta borghesia Stile di vitaConservatore, progressista, hippie, anarchico, salutista Personalit à Ambiziosa, autoritaria, passionale, passiva Valori Senso di appartenenza, eccitazione, rapporto con gli altri, sicurezza, auto realizzazione, divertimento e piacere di vivere

21 21 Variabili di micro segmentazione (2) Comportamentali SegmentiSuddivisioni tipiche Occasioni d uso Regolare, saltuario Benefici ricercati Qualit à, servizio, economia, rapidit à Situazione d uso Non utilizzatore, ex-utilizzatore, potenziale, nuovo, abituale utilizzatore Frequenza d uso Bassa, media, elevata Fedelt à al prodotto Nessuna, debole, forte, assoluta Fedelt à alla marca Fedelt à al produttore Fedelt à al retailer Stato di consapevolezza Non conoscitore del prodotto, conoscitore informato, interessato, attento, intenzionato all acquisto Atteggiamento verso il prodotto Entusiastico, positivo, indifferente, negativo, ostile

22 22 La segmentazione trasversale A seguito delle analisi condotte sia a livello macro che micro, limpresa aggrega i micro-segmenti nei vari contesti nazionali che caratterizzano classi di affinità culturali. Si delinea così la terza fase del processo di segmentazione internazionale. Macrosegmentazione Microsegmentazione Segmentazione trasversale

23 23 Il targeting Il processo di segmentazione rappresenta solo il primo step del processo STP (segmentazione, targeting e posizionamento). Una volta individuati i segmenti di mercato, occorrerà procedere ad una loro valutazione al fine di scegliere quelli (segmenti target) che presentano le migliori opportunità di sviluppo. Fase di targeting SCELTA DEL SEGMENTO PIU ATTRATTIVO

24 24 Definizione del marketing mix PRODOTTO PREZZO COMUNICAZIONE DISTRIBUZIONE Definizione degli attributi tangibili/intangibili da offrire nei diversi paesi Standardizzazione vs. differenziazione dei servizi Definizione degli attributi tangibili/intangibili da offrire nei diversi paesi Standardizzazione vs. differenziazione dei servizi Standardizzazione vs. contestualizzazione (della fascia di prezzo o allinterno della stessa) Contenuto del messaggio Forme e strumenti di comunicazione Contenuto del messaggio Forme e strumenti di comunicazione Estensiva, selettiva, esclusiva

25 25 Il prodotto

26 26 Il vettore prodotto Il vettore prodotto incide sul processo di internazionalizzazione in tre diverse aree decisionali: 1. la scelta della modalità di ingresso 2. la scelta della strategia di prodotto (imitativa, incrementale, innovativa) 3. la scelta tra standardizzazione e adattamento La politica internazionale di prodotto concerne la selezione dei prodotti da offrire nei mercati esteri.

27 27 Scelta della strategia di prodotto 1. STRATEGIA DI IMITAZIONE · Tecnologie di prodotto usate in altri paesi · Vantaggi comparati nei fattori di produzione · Obiettivo di market sharing della domanda del paese estero · Prodotti tecnologicamente standardizzati · Economie di scala e di esperienza

28 28 2. STRATEGIA DI SVILUPPO INCREMENTALE · Adattamento e miglioramento fisico e/funzionale del prodotto · Soddisfacimento delle specificità locali · Flessibilità e tempestività gestionali · Obiettivo di market sharing e di market creation

29 29 3. STRATEGIA DI INNOVAZIONE · Ricerca e diffusione di nuove invenzioni · Prodotti radicalmente innovativi · Obiettivo di market creation

30 30 Il prodotto e leffetto prisma Leffetto prisma esprime la deformazione del giudizio del consumatore estero causata dalle diverse caratteristiche ambientali che incidono sul posizionamento competitivo del prodotto. Lattraversamento delle frontiere può offrire al sistema dofferta una capacità competitiva ulteriore. Esiste, infatti, una relazione stringente che lega i simboli attinenti la nazionalità alle percezioni generate da specifici sistemi dofferta. Effetto prisma Leffetto prisma spiega le relazioni esistenti tra posizionamento competitivo dellofferta e reputazione del paese di origine (IPO, impatto del paese di origine)

31 31 Tipologie di effetto prisma 1) Trasparente estetica confort PO PE praticità sicurezza prodotto nel PO -Posizionamento analogo nei vari paesi; - Politica di standardizzazione nel marketing-mix.

32 32 Tipologie di effetto prisma estetica confort estetica confort 2) Deformante riducente amplificante PO PE PO PE EFFETTO DEFORMANTE - Il prodotto è vissuto in modo diverso rispetto al mercato di origine; - Soddisfacimento di bisogni diversi. EFFETTO AMPLIFICANTE - Posizionamento più favorevole; - Soddisfacimento di bisogni di clienti di fascia superiore. EFFETTO RIDUCENTE - Posizionamento di livello inferiore rispetto a quello del mercato interno; - Ricerca di adattamento alle specificità locali. prodotto nel PO

33 33 SCELTE DI PRODOTTO Prodotto universale:prodotto identico in ogni paese, adattamento delletichetta e della lingua (Coca Cola, McDonalds, Perrier) –Prodotti high-tech, utilizzano un linguaggio specialistico e tecnico condiviso (computer, software, strumenti musicali, ecc.) –Prodotti high touch, si basano su temi universali (gioco, avventura, amore) uniformemente sentiti (gioielli, profumi, ecc.) Prodotto modificato: stesso prodotto di base con modifiche marginali di alcune caratteristiche (voltaggio, confezione, gusto, servizio, ecc.) Prodotto su misura: prodotto studiare per rispondere agli specifici bisogni di un determinato paese

34 34 La comunicazione internazionale

35 35 differenza linguistica - socio-culturale - economica - politica - giuridica - dei mezzi di comunicazione - della politica distributiva – delle regole di competizione differenza linguistica - socio-culturale - economica - politica - giuridica - dei mezzi di comunicazione - della politica distributiva – delle regole di competizione codifica impresa internazionale consumatore internazionale messaggio decodifica Il modello di comunicazione cross-culturale La distanza culturale e interpretativa, interposta tra mercati domestici e stranieri può dipendere da una serie di fattori.

36 36 Le barriere alla comunicazione interculturale Differenze dellambiente sociale, culturale, politico, ecc. Distanza semantica del ricevente dal messaggio di comunicazione (mancata condivisione del codice comunicativo) Distanza cognitiva del ricevente dallofferta aziendale Differente penetrazione/efficacia dei canali di comunicazione Affinché il processo comunicativo risulti efficace ne consegue come elemento indispensabile che emittente e ricevente riescano a condividere il medesimo campo di esperienza, in senso ampio il contesto (inteso come luogo cognitivo in cui si realizza il confronto e la sovrapposizione della visione del mondo e dei sistemi di riferimento dei soggetti coinvolti) nel quale lattività di comunicazione prende corpo.

37 37 Processo di gestione della comunicazione pubblicitaria Definizione del problema di comunicazione Individuazione del target di riferimento Specificazione degli obiettivi di comunicazione obiettivo: definire lambito di intervento dellazione di comunicazione progettata obiettivo: definire i soggetti ai queli indirizzare il massaggio (caratteri socio-demografici, abitudini di consumo, caratteristiche psicofrafiche, ecc.) obiettivo: indicare i risultati che il piano intende perseguire (modalità attraverso cui riuscire ad influenzare il target) Ideazione della strategia creativa Pianificazione dei mezzi Realizzazione e monitoraggio obiettivo: selezionare gli elementi che compongono la struttura del massaggio obiettivo: definire tempi e media da utilizzare obiettivo: effettuare test prima e dopo il lancio della campagna per valutarne lefficacia

38 38 Le manifestazioni fieristiche Una delle forme più efficienti di promozione delle imprese a livello globale, apprezzabile per iniziare a conoscere i mercati esteri, venire in contatto con il sistema concorrenziale e quello distributivo, nonché canale preferenziale per stabilire una prima connessione esplicita con potenziali clienti Vetrina delle competenze e capacità aziendali Una delle forme più efficienti di promozione delle imprese a livello globale, apprezzabile per iniziare a conoscere i mercati esteri, venire in contatto con il sistema concorrenziale e quello distributivo, nonché canale preferenziale per stabilire una prima connessione esplicita con potenziali clienti Vetrina delle competenze e capacità aziendali Comunicazione specializzata in funzione della diversa provenienza estera dei visitatori Valutazione in tempo reale delle reazioni del target Comprensione diretta delle esigenze del mercato

39 39 Ciclo di utilizzo delle manifestazioni fieristiche Manifestazioni della domanda nazionale Manifestazioni dellofferta nazionale Manifestazioni degli scambi internazionali Partecipazione a manifestazioni che si svolgono sul territorio di origine, in cui avviene un primo contatto con i visitatori esteri Partecipazione a manifestazioni che si svolgono negli specifici paesi, per conoscere i mercati esteri e migliorare la penetrazione Partecipazione a manifestazioni hub, che si svolgono in definiti paesi esteri ma attraggono visitatori provenienti da altri pesi Necessità di adattare/specializzare i codici comunicativi

40 40 La politica dei prezzi per i mercati internazionali

41 41 Le componenti determinanti nella definizione dellexport price Componenti endogeneComponenti esogene Determinanti strutturali Livello e struttura dei costi Localizzazioni produttive Obiettivi redditività per prodotto e per area geografica Obiettivi di quota di mercato per area geografica Obiettivi di rientro degli investimenti per area geografica Obiettivi di social responsability Obiettivi di crescita del mercato per area geografica Determinanti competitive Andamento della domanda Livello dei prezzi dei concorrenti internazionali Livello dei prezzi dei prodotti sostitutivi e/o complementari Strutture distributive Determinanti ambientali/di contesto Barriere tariffarie non tariffarie Vincoli normativi Strutture logistiche Effetto prisma Effetto Made in

42 42 Adozione del prezzo di mercato Limpresa, che vende con esportazione indiretta, ha modeste capacità di negoziazione nei confronti degli intermediari compratori Limpresa vende in un mercato in cui altre imprese ricoprono posizioni dominanti Limpresa non ha margini di manovra, poiché la concorrenza è molto forte Limpresa non vuole o non può sostenere i costi di ricerche di mercato oppure non vuole correre il rischio di una politica aggressiva Criteri di adozione del prezzo di mercato secondo logiche competitive

43 43 Attraverso una politica di scrematura, limpresa sfrutta al meglio i diversi segmenti di mercato, applicando una politica di prezzi inizialmente elevati e decrescenti nel tempo, ottenendo in tal modo la massimizzazione del profitto unitario. Condizioni: · si ha motivo di ritenere che il ciclo di vita del nuovo prodotto sarà breve o che il prodotto sarà repentinamente imitato dalla concorrenza; · il prodotto è notevolmente innovativo ed il consumatore non dispone di adeguati elementi di confronto; · la domanda risulta inelastica rispetto al prezzo, almeno per un gruppo sufficientemente consistente di consumatori; · le previsioni della domanda sono di difficile valutazione. Strategia di scrematura

44 44 … e di penetrazione Nel caso di una strategia di penetrazione, limpresa mira a conquistare il più ampio numero di consumatori mediante la fissazione di un prezzo minimo che, a scapito di un minor margine unitario, consenta di acquisire nel breve periodo una vasta fascia di clientela. Condizioni: non esistono segmenti da privilegiare, ma è possibile rivolgere la propria offerta alla totalità di un mercato caratterizzato da elevata elasticità; è possibile sfruttare efficaci economie di scala e si dispone di un adeguato sistema di distribuzione intensiva; la legislazione vigente nel paese importatore permette allimpresa, in una fase successiva, di aumentare il livello del prezzo; il nuovo prodotto è minacciato da una forte concorrenza potenziale; le esigenze della fascia alta dei consumatori sono già soddisfatte.

45 45 Fase del Cvp Obiettivi di marketingStrategie di prezzoProfitti attesi Introduzione Creare la conoscenza del prodotto e la propensione alla prova dello stesso Prezzo di scrematura o di penetrazione Negativi Sviluppo Massimizzare la quota di mercato o i profitti Prezzo stabile o in lieve diminuzione Crescenti Maturità Difendere le posizioni raggiunte dallattacco della concorrenza Prezzo per pareggiare o battere la concorrenza Alti Declino Ridurre le spese e mungere il prodotto Taglio dei prezzi Declinanti Obiettivi, strategie di prezzo e profitti nel cvp

46 46 Fattori ambientali particolarmente significativi 1.Tasso di cambio 2.Barriere tariffarie – barriere non tariffarie 3.Legislazione anti-dumping 4.Inflazione 5.Controllo pubblico dei prezzi 6.Normativa in tema di prezzi di trasferimento 7.Restrizioni valutarie 8.Sistema distributivo

47 47 Classificazioni di Dumping Sporadico: consiste nel collocamento allestero, ad un prezzo inferiore a quello praticato sul mercato domestico, di partite di merci rimaste invendute sul mercato nazionale. Persistente: allorchè si venda in un mercato ad un prezzo sistematicamente inferiore rispetto a quello praticato in altri paesi. Differenziato: qualora il prezzo di vendita differisce oltre che tra il mercato domestico e quello estero, anche tra i diversi mercati di esportazione. Predatorio: si basa sulla vendita in perdita – ossia sotto costo – con lobiettivo di ottenere laccesso ad un mercato, ampliare la propria quota di mercato o eliminare i principali concorrenti.

48 48 Cause ed effetti della price escalation

49 49 Strategie per fronteggiare la price escalation accorciare il canale di distribuzione. Abbreviare i canali distributivi – che rappresentano, sovente, la causa principale del fenomeno di escalation del prezzo – comporta una riduzione dei margini di profitto dei diversi intermediarie e un incremento del livello di controllo sul prezzo finale eliminare gli attributi costosi. Ove possibile, si può ridurre lonerosità del prodotto esportato, offrendo una versione più economica, ad esempio, privandola degli optional più costosi ridurre il prezzo allesportazione. La diminuzione del prezzo del prodotto può essere effettuata computando nel calcolo dei costi solo quelli di diretta imputazione (direct costing) assemblare il prodotto allestero. In tal modo, si riducono gli obblighi doganali, in quanto si esportano solo le componenti del prodotto che, successivamente, verranno montate e rifinite negli stessi mercati di destinazione adattare la classificazione doganale del prodotto. Limpresa esportatrice, in alcune circostanze, può modificare il proprio prodotto, al fine di consentirne linserimento in una differente fascia tariffaria

50 50 La standardizzazione è opportuna qualora: non esistano rilevanti differenze nelle caratteristiche della domanda tra i diversi mercati; i prodotti siano simili e facilmente sostituibili con quelli dei concorrenti; non esistano barriere che ostacolino il commercio tra paesi e le operazioni di arbitraggio; la domanda sia consapevole di un prezzo globale. Standardizzazione e adattamento della politica di pricing

51 51 Ladattamento dei prezzi è opportuno qualora: Sia possibile sfruttare la differente struttura dei prezzi che caratterizza i diversi mercati; I prodotti siano percepiti come differenziati; Le barriere al commercio internazionale siano di rilevante entità; I soggetti di domanda dispongano di scarse informazioni sui prezzi praticati altrove.

52 52 La differenziazione dei prezzi: il mercato grigio Lattuazione di una politica di prezzi differenziati, in due o più mercati vicini, può determinare il verificarsi di importazioni parallele… ovvero di transazioni commerciali non ufficiali fra paesi acquirenti, tese allapprovvigionamento su mercati in cui vigono prezzi più bassi.

53 53 Gli strumenti per fronteggiare il mercato grigio sono: 1.Modifiche della strategia di marketing mix 2.Modifiche del prodotto country-by-country 3.Rafforzamento dei legami di partnership con gli operatori autorizzati 4.Definizione di una banda di oscillazione dei prezzi


Scaricare ppt "1 Il piano di sviluppo di unimpresa allestero Prof.ssa Vittoria Marino Cattedra di Marketing internazionale Facoltà di Economia Università degli Studi."

Presentazioni simili


Annunci Google