La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tommaso Campanella Metafisica e autocoscienza. Sensibilità, autocoscienza: pilastri della metafisica. Tutta la conoscenza si risolve nella sensibilità.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tommaso Campanella Metafisica e autocoscienza. Sensibilità, autocoscienza: pilastri della metafisica. Tutta la conoscenza si risolve nella sensibilità."— Transcript della presentazione:

1 Tommaso Campanella Metafisica e autocoscienza

2 Sensibilità, autocoscienza: pilastri della metafisica. Tutta la conoscenza si risolve nella sensibilità. Ma per ogni attività cè un soggetto che sarà lanima,che conosce attraverso il sentire le cose e, sente in forma innata(sapere originario) se stessa; quanto detto è la condizione di ogni conoscenza;

3 Conoscenza originaria Le cose esterne producono nellanima modificazioni, che lanima riesce a conoscere solo grazie ad un sapere che originariamente pone allinterno dellanima tali modificazioni. Questa conoscenza originaria è propria non solo dellanima umana, ma appartiene a tutte le cose naturali.

4 Conoscenza acquisita: La conoscenza innata è offuscata dalla conoscenza acquisita(illata) che è il prodotto dellazione delle cose esterne sullanima;

5 I principi fondamentali della realtà: Il sapere originario (autocoscienza) oltre a essere il fondamento della conoscenza porta a sentire le 3 primalità dellessere: Potere; Sapere; Amore;

6 Primalità del non essere: La potenza, la sapienza e lamore sono limitate alle cose finite, le quali hanno lessere ma anche il non essere, queste sono: Impotenza; Insipienza; Odio;

7 Utilizzo delle tre primalità: Attraverso le tre primalità Dio crea il mondo e lo governa, in particolare: Dalla potenza fa si che nessuna cosa può essere o agire diversamente da come prescrive la sua natura; Dalla sapienza deriva il fato che è la catena della cause naturali; Dallamore deriva larmonia dalla quale tutte le cose sono indirizzate al fine supremo;

8 Ideale di uno stato teologico universale. Nella città del Sole, scritta nel 1602, emerge il proprio ideale metafisico- teologico. Il quale si configura non solo come un rinnovamento religioso ma anche politico. In questa opera troviamo amalgamati elementi astrologici, di fede cristiana e di aspirazione alla libertà. Tutte sfaccettature dellanimo di Campanella.

9 La Città del sole: Linquadramento fantastico dellopera è costituito dal racconto fatto dal nocchiero genovese della nave Colombo al cavaliere dellOrdine degli Ospitalieri, riguardo al contatto avuto con una popolazione, che lo conduce alla Città del Sole. Tale città sorge su un colle, è suddivisa in sette gironi, ognuno dei quali ha il nome di un pianeta. Vi si può accedere attraverso 4 porte, che indicano i 4 punti cardinali. Di particolare interesse sono le istituzioni proprie dellisola, che appaiono come riflesso dellarmonia del cosmo, di cui ogni aspetto dellesistenza degli abitanti è rigidamente organizzato.

10 Il sole è capo di tutti in spirituale e temporale A capo della città è il Sole o Metafisico, che detiene il potere spirituale e temporale, religioso e politico. Con lui cooperano tre principi, chiamati Pon, Sin e Mor, cioè: Politica; Sapienza; Amore;

11 Dagli scritti di Campanella: Gli enti sono, non solo perché possono essere e sanno lessere, ma anche perché amano lessere


Scaricare ppt "Tommaso Campanella Metafisica e autocoscienza. Sensibilità, autocoscienza: pilastri della metafisica. Tutta la conoscenza si risolve nella sensibilità."

Presentazioni simili


Annunci Google