La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Martha Rogers (& Co.) ed il contributo della bioenergetica all'assistenza infermieristica Paolo Chiari Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Policlinico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Martha Rogers (& Co.) ed il contributo della bioenergetica all'assistenza infermieristica Paolo Chiari Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Policlinico."— Transcript della presentazione:

1 Martha Rogers (& Co.) ed il contributo della bioenergetica all'assistenza infermieristica Paolo Chiari Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Policlinico S.Orsola-Malpighi

2 V. Henderson la funzione dellinfermiere è di assistere lindividuo, malato o sano, a svolgere quelle attività che contribuiscono alla salute o al suo recupero che egli compirebbe da solo se avesse la forza necessaria, la volontà o la conoscenza e che sono finalizzate ad aiutarlo ad acquisire lindipendenza il più rapidamente possibile.

3 C. Roy Vede luomo in continua interazione con lambiente allo scopo di mantenere lequilibrio (omeostasi). La funzione dellinfermiere è quindi quella di promuovere la reazione di adattamento del paziente, manipolando gli stimoli che influiscono su di lui.

4 D.E. Orem Ladulto possiede un impulso innato verso la cura di sé e le attività che la favoriscono e che giovano alla salute e al benessere. Il nursing ha un ruolo di promotore e agente di cambiamento.

5 Olismo Il concetto centrale nella questione dellintegrazione delluso delle terapie complementari nel nursing e dellimpiego dei modelli teorici è quello di olismo.

6 Lolismo enfatizza lauto-aiuto e lauto-consapevolezza e che le persone accettano responsabilmente ciò che si farà per la loro salute e il loro benessere (Boshma 1994) Olismo

7 Il concetto chiave di olismo è rappresentato dalla considerazione delle persone come più della somma delle loro parti e quindi superamento del concetto di sub sistemi come la definiscono lapproccio bio/psico/sociale (Ham- Ying 1993). Olismo

8 Olismo in forma debole Identificazione dei sintomi del paziente come parte di un sistema totale della salute che comprende la mente il corpo e lo spirito (Sharma 1994).

9 Olismo in forma forte Include la valutazione di aspetti antecedenti ai sintomi e comprende anche il mettere il paziente in grado di essere maggiormente responsabile della propria salute (Sharma 1994).

10 M.E. Levine Il concetto di olismo è il dogma centrale che permette di distingue il nursing dalla medicina in quanto esso enfatizza il ruolo dellinfermiere come colui che considera ciascun paziente un essere completo e complesso in contrasto con lapproccio riduzionista della medicina.

11 Tuttavia i modelli del nursing vengono applicati tramite il processo di nursing che impiega un approccio di tipo meccanicistico. Il modello di nursing ideale è quello che viene costruito nella relazione terapeutica prendendo in considerazione le concezioni del nursing possedute sia dal paziente che dallinfermiere. P. Benner

12 M.E. Rogers Il modello del processo vitale delluomo, base per il sistema del nursing, può essere rappresentato come un campo energetico già impresso nella matrice quadridimensionale spazio-tempo che diventa sempre più complessa quando si evolve ritmicamente lungo lasse longitudinale della vita.

13 M.E. Rogers Il processo vitale è omeodinamico. 4 sono i principi di omeodinamica basilari per la scienza del nursing: Reciprocità Sincronia Elicità Risonanza

14 M.E. Rogers Principio di reciprocità Il processo vitale delluomo è caratterizzato da un campo di energia che può essere identificato come campo umano, mentre lambiente è tutto ciò che è esterno. La reciprocità è una funzione della reciproca interazione fra campo umano e ambientale.

15 M.E. Rogers Principio della sincronia Il cambiamento del campo umano dipende soltanto dallo stato del campo stesso e dello stato simultaneo del campo ambientale rispetto ad un dato punto nello spazio- tempo. La sincronia è una funzione in un punto specifico nello spazio-tempo del campo umano che interagisce con il campo ambientale.

16 M.E. Rogers Principio di elicità Il processo vitale evolve in modo unidirezionale in stadi successivi lungo una curva che mantiene la stessa forma in tutta la sua lunghezza. Lelicità è una funzione del continuo cambiamento innovativo che aumenta con la reciproca interazione di uomo e ambiente lungo lasse longitudinale a spirale delimitato dalla spazio-tempo.

17 M.E. Rogers Principo di risonanza Il cambiamento nel modello e nellorganizzazione del campo umano e ambientale si propaga per mezzo di onde. La risonanza del cambiamento è una serie di onde che si propagano continuamente tra uomo e ambiente e sono caratterizzate dallinvarianza soggetta a trasformazione.

18 I principi di omeodinamica ipotizzano un modo di percepire lunità delluomo. I cambiamenti nel processo vitale sono previsti in modo da essere inseparabili dai cambiamenti dellambiente e riflettere linterazione reciproca e simultanea tra le due in un dato punto nello spazio-tempo. M.E. Rogers

19 I cambiamenti sono irreversibili e non ripetibili, sono ritmici in natura e testimoniano la crescente complessità di modello e organizzazione; procedono ad opera del rimodellarsi di uomo e ambiente dovuto alle onde di risonanza. M.E. Rogers

20 J.J. Fitzpatrick Modello sulla prospettiva di vita Luomo è un tutto unificato che possiede la propria integrità e manifesta caratteristiche che sono più della somma delle sue parti e differenti dalla somma delle stesse. Luomo e lambiente sono sistemi aperti che si scambiano in continuazione lun laltro materia e energia.

21 J.J. Fitzpatrick Il processo vitale evolve irreversibilmente e unidirezionalmente lungo il continuum spazio-tempo. Il modello e lorganizzazione identificano luomo e riflettono la sua interezza innovativa. Luomo è caratterizzato dalla capacità di astrazione, immaginazione, linguaggio e pensiero, sensazione ed emozione.

22 M.A. Newman Il movimento è un riflesso della coscienza; il tempo è una funzione del movimento e un mezzo attraverso il quale lo spazio e il tempo diventano realtà. La coscienza è la capacità informativa del sistema e si manifesta nella quantità e nella qualità delle interazioni con lambiente. Lespansione della coscienza è ciò di cui si occupa la vita e quindi anche la salute.

23 M.A. Newman Modello di salute Il termine salute comprende condizioni descritte finora come malattia o patologia. Queste condizioni patologiche si possono considerare una manifestazione del modello complessivo dellindividuo. Il modello dellindividuo che si manifesta come malattia è primario ed esiste prima dei cambiamenti strutturali o funzionali.

24 M.A. Newman La rimozione della patologia non cambierà di per se stessa il modello dellindividuo. Se ammalarsi è lunica modalità che ha il modello dellindividuo di manifestarsi, questa modalità significherà allora salute per quella persona. La salute è lespressione della coscienza.

25 M.A. Newman Il processo di apertura della coscienza avverrà malgrado ciò che noi possiamo fare come infermieri. Tuttavia possiamo aiutare le persone assistite a prendere contatto con la realtà facilitando così il processo. … sostiene la necessità di apprendere diversi modelli e di scegliere ciò che è utile nella pratica e nella ricerca.

26 Nursing olistico Significa offrire unampia gamma di interventi al paziente quali il massaggio, la terapia rilassante, la meditazione, la riflessologia e lagopuntura (Newbeck e Rowe 1986).

27 Tuttavia non bisogna confondere lolismo con una modalità di trattamento. Sono i sentimenti e la prospettiva olistica a definire gli strumenti piuttosto che gli strumenti pratici a definire lapproccio! (Todd 1990) Nursing olistico

28 Conclusioni … o quasi Gli infermieri sono preparati per integrare nella loro pratica professionale le terapie complementari? Tutte o alcune selezionate? Quali?

29 Conclusioni … o quasi Il focus è sul totale o sulla tecnica terapeutica? Integrata nel nursing o aggiuntiva (frammento)?

30 Conclusioni Credo che ogni professionista sanitario debba portare nella sua cassetta degli attrezzi una o più terapie complementari e deve quindi essere formato in tal senso. Quali? E una sua scelta, basata sul suo modo di sentire la prospettiva olistica. Come? Dipende dalla relazione terapeutica che prende in considerazione, dalle concezioni del nursing possedute sia dal paziente che dallinfermiere.

31 Conclusioni … vere! Il mondo reale comprende chi osserva e chi è osservato ed entrambi contribuiscono, a loro modo, a dare senso.

32 Facilitare lopera della natura!


Scaricare ppt "Martha Rogers (& Co.) ed il contributo della bioenergetica all'assistenza infermieristica Paolo Chiari Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Policlinico."

Presentazioni simili


Annunci Google