La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SCIENZE MOTORIE A.A. 2007/2008 CORSO DI PEDAGOGIA GENERALE 1° PARTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SCIENZE MOTORIE A.A. 2007/2008 CORSO DI PEDAGOGIA GENERALE 1° PARTE."— Transcript della presentazione:

1 SCIENZE MOTORIE A.A. 2007/2008 CORSO DI PEDAGOGIA GENERALE 1° PARTE

2 ESAME scritto PEDAGOGIA max 21/21 STORIA DELLO SPORT max 9/9 Min, 12/21 per sommare gli esiti Min 5/9 Può essere ripetuta, o valutata positivamente anche una sola parte Il voto va registrato entro la sessione successiva

3 Bibliografia generale del corso Obbligatorio "La scelta di educare" di R. Botturi, ediermes, Le tematiche oggetto di trattazione trovano i propri punti di riferimento nella bibliografia sottostante. Riferimenti bibliografici Il corpo e il suo linguaggio di Argyle, Zanichelli, cap. 11 L uomo e i suoi gesti D. Morris, Mondatori La struttura della magia di Bandler e Grinder, Astrolabio, cap.1 "Educare il movimento", R.Botturi e B.Mantovani, Ediermes, cap.10 "L'analisi degli obiettivi", R.Mager, ed. Giunti&Lisciani, cap. 1 e 2 "Pragmatica della comunicazione umana" Watzlawick,ed. Astrolabio, capp.1,2 il linguaggio del cambiamento P. Watzlawick, ed. Feltrinelli capp. 1,2 e 3 Intelligenza emotiva Goleman, ed. Rizzoli, parte 2° Intelligenza visiva J.Robertson, ed. Rizzoli capp.4 e 5 Lettura consigliata Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte M.Haddon, ed.Mondadori

4 concetto di educazione Relazione formativa Comunicazione verbale Linguaggio del cambiamento c.n.v. Fondamenti pedagogici Teorie apprendimento Tecniche di progettazione metafore

5 Elementi fondamentali della comunicazione A B CODICE

6 LESSICO Evoluzione Trasformazione Conservazione divenire Sviluppo culturale Educare Pedagogo Pedagogista Pedagogia Relazioni interpersonali Metafore Stati interni Rappresentazioni sensoriali Soggetti dell educazione Apprendere Capire Insegnare Progettare Istruire Formare Metodo Obiettivo Finalità/intento Didattica Corpo / intelletto

7 Modo ordinato di operare: sequenza, procedura codificata

8 apprendimento Progetto : da pro avanti e jacere gettare Ciò che si ha intenzione di fare in avvenire, il disegno, l abbozzo di una cosa

9 Didattico

10 concetto di educazione «EVOLUZIONE» nasce storicamente nell'ambito delle scienze naturali, e si riferisce ad una teoria scientifica che considera le varie specie oggi viventi come il risultato di un lungo processo di trasformazione e diversificazione avvenuto nel tempo..

11 concetto di educazione INSEGNARE: da in signare, imprimere fissare, segnare APPRENDERE: prendere, afferrare, impossessarsi, afferrare con la mente CAPIRE: prendere, comprendere, entrare

12 ISTRUIRE apprendimento Dal lat. In-struere Costruire, ammaestrare, informare

13

14 Levoluzione dell essere umano si sviluppa e procede in termini culturali concetto di educazione

15 Nell'antichità, il pedagogo era uno schiavo che accompagnava il bambino a scuola, portandogli il materiale, facendogli pure ripetere le lezioni e seguendolo nell'esecuzione dei compiti.

16 Il Pedagogista è l'esperto, lo studioso dei processi educativi e formativi.

17 Il destinatario della pedagogia è il bambino, ma oggi si avverte anche la necessità che la scienza dell'educazione si occupi sia degli adulti sia degli anziani

18 La PEDAGOGIA è la SCIENZA che studia i PROCESSI EDUCATIVI nella duplice accezione di trasmissione e trasformazione culturale e la qualità delle RELAZIONI INTERPERSONALI che le rende possibili.

19 Metafore: Ogni teoria scientifica… è Una metafora concetto di educazione

20 LA METAFORA Sostituire un termine proprio con uno figurato. Nella vita… In educazione… concetto di educazione

21 LA METAFORA: UNA STORIA RACCONTATA ALLO SCOPO DI EDUCARE concetto di educazione OGNI METAFORA SI FONDA SUL COME SE.. La metafora, strumento di spostamento e di modificazione degli stati interni …e di cambiamento dei comportamenti

22 Micro: le parole Medio:detti, proverbi, esempi… e Macro : storie Metafore concetto di educazione

23 QUINDI, PER IL PROFESSIONISTA DELLA FORMAZIONE, LE DOMANDE DA FARSI SONO DUE: Come progettare l insegnamento? Come facilitare il capire e favorire l apprendimento ? apprendimento

24 QUALE EVIDENZA CI INDICA UN APPRENDIMENTO ? apprendimento LA COMPARSA DI UNA QUALCHE MODIFICAZIONE, STABILE, DEL COMPORTAMENTO DEL SOGGETTO

25 concetto di educazione Questa società … È come se fosse un organismo vivente (apologo di menenio agrippa) Questa compagnia … È come se fosse Una macchina che cade a pezzi Questa compagnia … È come se fosse Una persona malata…

26 APPRENDERE/CAPIRE E UNA POSSIBILITA, SEMPRE PRESENTE, NELL ARCO DI TUTTA LA VITA apprendimento

27 METAFORE DELL EDUCAZIONE Coltivare la crescita personale Raddrizzare il carattere Fornire un corredo Fare un viaggio verso Uscire dal guscio Irrobustire il carattere Plasmare la persona Tabula rasa Il sacco da riempire Nutrire Costruire la personalità Far nascere …Il cavallo di Milton concetto di educazione

28 EDUCARE/ISTRUIRE PUO ESSERE UNOPERAZIONE OCCASIONALE ED INCONSAPEVOLE O UNA SEQUENZA DI INTERVENTI CONSAPEVOLMENTE MIRATI concetto di educazione

29 NON ESISTE RAPPORTO DI CAUSA / EFFETTO TRA L INSEGNARE E L APPRENDERE IL TEMPO DELL INSEGNAMENTO NON CORRISPONDE AL TEMPO DELL APPRENDIMENTO

30 APPRENDERE E UNA POSSIBILITA, SEMPRE PRESENTE SEMPRE, NELL ARCO DI TUTTA LA VITA apprendimento

31 Come fai a sapere d aver imparato? Coshai imparato? Cos hai fatto per imparare? LE DOMANDE DELL EVIDENZA

32 IL CICLO DELL APPRENDIMENTO apprendimento COMPETENZA INCOMPETENZA INCONSCIACONSCIA Area esperienze di riferimento Mappe cognitive Appr. inconscio Modell. intuitivo

33 LE CONNESSIONI TRA MAPPA COGNITIVA ESPERIENZA DI RIFERIMENTO ESPERIENZA DI RIFERIMENTO apprendimento

34 I DELFINI I PESCI GUADAGNATI E I PESCI RELAZIONALI concetto di educazione

35 LA RELAZIONE FORMATIVA NASCE DAL RAPPORTO TRA DUE SOGGETTI SOGGETTO E COLUI CHE COMPIE UN AZIONE

36 I SOGGETTI DELL EDUCAZIONE : ALLIEVO ! INSEGNANTE concetto di educazione

37 ISTRUIRE apprendimento Dal lat. In-struere Costruire, ammaestrare, informare Dal Lat. E-ducere Condurre, trarre Aiutare con opportuna disciplina a svolgere le inclinazioni dell animo e le potenze della mente EDUCARE FORMARE

38 Un buon cittadino, un insegnante, un esperto in E.F….

39 concetto di educazione DOCENTEINSEGNARE ALLIEVOAPPRENDERE

40 QUINDI, LE DOMANDE DA FARSI SONO DUE: Come progettare l insegnamento? Come favorire l apprendimento ? apprendimento

41 MODALITA DAPPRENDIMENTO : IMITAZIONE CONDIZIONAMENTO ISTRUZIONE apprendimento

42 IMITAZIONE MODELLAMENTO apprendimento

43 Neuroni specchio MODELLAMENTO apprendimento

44 Neuroni specchio apprendimento I neuroni specchio sono una classe di neuroni che si attivano sia quando si compie un'azione, sia quando la si osserva mentre è compiuta da altri. I neuroni dell'osservatore "rispecchiano" quindi il comportamento dell'osservato, come se stesse compiendo l'azione egli stesso.

45 SR apprendimento RIFLESSI INCONDIZIONATI RIFLESSI CONDIZIONATI

46 CONDIZIONAMENTO OPERANTE SRr Libertà di scelta? Due soggetti? apprendimento

47 ISTRUZIONE apprendimento Stato presente istruzione Stato desiderato

48 ISTRUZIONE LATTIVITA CON CUI SI ELIMINA O SI RIDUCE… LA DISTANZA TRA CIO CHE SA FARE UNA PERSONA E CIO CHE, VORREBBE/POTREBBE/DOVREBBE FARE apprendimento

49 ISTRUIRE/EDUCARE FORMARE, Consapevolmente ed in modo mirato, A CHE SCOPO? concetto di educazione

50 ISTRUIRE/EDUCARE FORMARE ? RIDURRE I TEMPI D APPRENDIMENTO OTTIMIZZARE I RISULTATI DELL APPRENDIMENTO SVILUPPARE LE POTENZIALITA apprendimento QUINDI…

51 ISTRUZIONE,EDUCAZIONE, FORMAZIONE Va progettata ! apprendimento

52 SCOPO DEL PROGETTO E GARANTIRE UN ELEVATA PROBABILITA DI CONSEGUIMENTO DELL OBIETTIVO ATTESO QUINDI GLI ESITI DI UN PROGETTO POSSONO E DEVONO ESSERE ACCERTABILI E VALUTABILI

53 Stato presente progetto Stato desiderato

54 progetto apprendimento Finalità Intento obiettivo metodo verifica valutazione Descrizione, sensorialmente basata, di un comportamento Accertamento/misurazione degli esiti/risultati Attribuzione di un valore ai risultati Modo ordinato di operare: sequenza, procedura codificata

55 INTENTO: Tendere verso, fine per il quale l animo si volge a sperare, proponimento, disegno. Che è nell immaginazione.

56 MAPPA COGNITIVAESPERIENZA DI RIFERIMENTO CICLO APPRENDIMENTOGUIDARE LA MACCHINA APPRENDERE IMITAZIONENEURONI SPECCHIO CONDIZIONAMENTO S RARANCIA MECCANICA RELAZIONE DUE SOGGETTIDELFINI DI BATESON Metafora scelta educativaIl cavallo di Milton Ereditarietà e ambienteIl caso di Cyril Burt Apprendere/insegnare – causa/effetto Colpire di rovescio

57 Formazione integrale CORPO INTELLETTO / ANIMA MONDO ???

58 CORPOINTELLETTO dualismo

59 CORPO INTELLETTO dualismo

60 La distinzione Tra corpo ed intelletto o, se preferite, corpo e anima, È il presupposto strutturale di un modello umano… anche ai giorni nostri. dualismo

61 EDUCARE LA MENTE O EDUCARE IL CORPO? dualismo

62 EBBI PAURA CHE L ANIMA MIA SI ACCECASSE COMPLETAMENTE GUARDANDO LE COSE CON GLI OCCHI E CERCANDO DI COGLIERLE CON GLI ALTRI SENSI. E PERCIO RITENNI DI DOVERMI RIFUGIARE NEI RAGIONAMENTI E CONSIDERARE IN QUESTI LA VERITA DELLE COSE. Dal Fedone dualismo

63 OCCORRE ABBANDONARE IL PIANO DEI SENSI, OCCORRE PASSARE DAL PIANO DEL SENSIBILE AL PIANO DELL INTELLEGIBILE COGLIBILE SOLO CON LA MENTE Dal Fedone dualismo

64 CORPO: prigione dell'anima, mortificazione Attività servile ANIMA / INTELLETTO > Studio > Elevazione Attività nobile Ogni situazione che si definisca attraverso una distinzione o una opposizione produce una differenziazione di valori. dualismo

65 Gli studi attuali hanno dimostrato che la persona vive un rapporto indissociabile tra la mente, le emozioni e il corpo. dualismo

66 Il corpo è il punto focale attraverso il quale tutti noi sperimentiamo il mondo. dualismo il corpo è il nostro strumento di comunicazione, la manifestazione visibile di ciò che siamo Gli stimoli, le emozioni, le sensazioni, le relazioni… tutto è vissuto a livello corporeo.

67 Niente è nell intelletto Che non sia Prima passato attraverso I sensi ! Formazione integrale La motricità favorisce La costruzione di STRUTTURE MENTALI che rendono possibile Il pensiero!

68 CATEGORIE DI ORGANIZZAZIONE DELL ESPERIENZA

69 Concetti logici

70 alto / basso – vicino / lontano – sopra / sotto – dentro / fuori… Ed ancora…

71 Lo scrivere ed il leggere richiedono… coordinazione oculo / manuale, una motricità fine… La capacità di Orientarsi, la propriocettività… L'educazione fisica e motoria non sono solo un trattamento muscolare, ma una forma di educazione integrale. NOI INTERAGIAMO CON IL MONDO TRAMITE ATTI CREATIVI: LE NOSTRE RAPPRESENTAZIONI SENSORIALI

72 L'educazione fisica e motoria non sono solo trattamento muscolare, ma una forma di educazione integrale.


Scaricare ppt "SCIENZE MOTORIE A.A. 2007/2008 CORSO DI PEDAGOGIA GENERALE 1° PARTE."

Presentazioni simili


Annunci Google