La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Malattie cerebrovascolari 1 a parte - A I materiali contenuti in questa presentazione sono stati preparati dal dott. Paolo Cerrato e adattati dal dott.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Malattie cerebrovascolari 1 a parte - A I materiali contenuti in questa presentazione sono stati preparati dal dott. Paolo Cerrato e adattati dal dott."— Transcript della presentazione:

1 Malattie cerebrovascolari 1 a parte - A I materiali contenuti in questa presentazione sono stati preparati dal dott. Paolo Cerrato e adattati dal dott. Andrea Rovera.

2 Arterie circonferenziali Art cerebrale media Art. cerebrale anteriore Art. cerebrale posteriore Arterie portanti (vasi epiaortici) Carotide interna Vertebrale-basilare Anatomia della circolazione cerebrale

3 Circolo del Willis

4 Arterie del circolo vertebrobasilare o posteriore

5 FISIOLOGIA DELLA CIRCOLAZIONE CEREBRALE Il flusso ematico cerebrale totale (FEC) è di ml/min: circa 350 ml tramite ciascuna carotide interna circa ml tramite il sistema vertebro-basilare

6 FISIOLOGIA DELLA CIRCOLAZIONE CEREBRALE Sebbene rappresenti solo il 2% del peso corporeo totale, il cervello riceve il 15% della gittata cardiaca, percentuale inferiore solamente al flusso renale e al flusso coronarico in condizioni di attività fisica. Il flusso ematico cerebrale (FEC) è costante ed indipendente dal grado di vigilanza e dalle attività mentali: corrisponde a circa 55ml/100g/min. ed è maggiore nella sostanza grigia rispetto alla sostanza bianca.

7 FISIOLOGIA DELLA CIRCOLAZIONE CEREBRALE Il parenchima cerebrale è estremamente sensibile alle variazioni dellapporto ematico: condizioni di ischemia e di anossia di pochi secondi provocano linsorgenza di manifestazioni neurologiche transitorie (TIA= Attacco Ischemico Transitorio con sintomi neurologici che regrediscono completamente entro 24 ore) mentre, se si protraggono per alcuni minuti, possono causare lesioni cerebrali irreversibili.

8 FISIOLOGIA DELLA CIRCOLAZIONE CEREBRALE Il sistema nervoso centrale non dispone di valide riserve energetiche (quantità di glicogeno trascurabile) e di un efficiente metabolismo anaerobio, per cui i substrati energetici (ossigeno, glucosio, amminoacidi, ecc) devono essere forniti quasi esclusivamente da un costante apporto ematico che deve rimuovere nello stesso tempo anidride carbonica, acido lattico ed altri prodotti catabolici.

9 La resistenza dei vasi cerebrali (e quindi il flusso) dipende dallautoregolazione FEC = P. arteriosa - P liquor Res. vasi cerebrali Autoregolazione: è di gran lunga il meccanismo di regolazione vasale più efficiente e permette al cervello di mantenere costante il proprio flusso e di adattarlo alle sue necessità metaboliche. a) AUTOREGOLAZIONE FISICA O MECCANICA (variazione della tensione della parete delle arteriole in maniera inversamente proporzionale alle variazioni della pressione arteriosa) b) AUTOREGOLAZIONE METABOLICA (in condizioni di aumentato metabolismo laumento della CO2 favorisce vasodilatazione, al contrario la diminuzione della CO2)

10 Malattie cerebrovascolari INFARTO CEREBRALE ISCHEMICO (stroke o ictus e TIA) EMORRAGIA INTRACEREBRALE EMORRAGIA SUBARACNOIDEA

11 Quadro clinico dellischemia in territorio carotideo


Scaricare ppt "Malattie cerebrovascolari 1 a parte - A I materiali contenuti in questa presentazione sono stati preparati dal dott. Paolo Cerrato e adattati dal dott."

Presentazioni simili


Annunci Google