La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comunicare vuol dire, dunque, capire e farsi capire, dare e ricevere informazioni, chiedere spiegazioni, rispondere agli interrogativi che altri ci pongono,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comunicare vuol dire, dunque, capire e farsi capire, dare e ricevere informazioni, chiedere spiegazioni, rispondere agli interrogativi che altri ci pongono,"— Transcript della presentazione:

1

2 Comunicare vuol dire, dunque, capire e farsi capire, dare e ricevere informazioni, chiedere spiegazioni, rispondere agli interrogativi che altri ci pongono, vuol dire stabilire rapporti di reciprocità. Oggi la comunicazione, come incontro e dialogo, va riducendosi, mentre va affermandosi in misura crescente la comunicazione attraverso i mass media: stampa, radio, televisione, pubblicità, computer, reti telematiche ecc.

3

4 Ecco rappresentata con uno schema la relazione tra i sei elementi fondamentali della comunicazione (verbale e non verbale). Ricorda che quando viene a mancare anche uno solo di questi elementi, la comunicazione non si realizza in modo completo.

5 Colui che trasmette il messaggio oppure che dà origine all’atto comunicativo. Es. L'insegnante che spiega una lezione sulla comunicazione oppure la musicista che esegue al piano il pezzo che ha composto.

6 Colui al quale è destinato il messaggio oppure l’atto comunicativo. Es. I clienti che ascoltano il pubblicitario mentre illustra una nuova campagna pubblicitaria oppure gli spettatori che assistono ad una partita di calcio.

7 L’informazione che si vuole trasmettere oppure l’insieme delle informazioni inviate dall’emittente al destinatario. Es. Le frasi che l'insegnante pronuncia per spiegare una regola grammaticale.

8 Il mezzo fisico mediante il quale il messaggio partito dall’emittente arriva al destinatario. Es. L'aria attraverso la quale si propagano le onde sonore prodotte dalle parole dell'insegnante oppure la posta per inviare una lettera.

9 L’insieme dei simboli e delle regole sintattiche utilizzati nella comunicazione. Deve essere condiviso almeno in parte dall'emittente e dal destinatario Es. La lingua utilizzata nel corso di una conversazione telefonica, la lingua madre, il linguaggio gergale utilizzato all'interno di un gruppo giovanile, l'alfabeto dei sordomuti o il braille per i ciechi)

10 La situazione in cui la comunicazione avviene oppure a cui si riferisce. Diversi contesti possono dare allo stesso messaggio significati totalmente differenti. Esempio : la parola“finestre” assume un significato diverso a seconda del contesto di riferimento (es. un edificio oppure ad un personal computer).

11 La risposta del destinatario. Permette di controllare se il messaggio è giunto in modo corretto a destinazione. Es. La risposta che il destinatario invia all’emittente dopo avere ricevuto e letto un messaggio di posta elettronica

12 Qualsiasi disturbo della comunicazione, sia di tipo fisico che di tipo psicologico, che causa una distorsione del messaggio e gli impedisce di arrivare al destinatario in modo corretto e completo. Es. Il rumore della fotocopiatrice oppure il pregiudizio razziale.

13 Ripetizione della stessa informazione utilizzando codici diversi. Es. Quando per chiamare una persona oltre al messaggio verbale “Vieni!” si fa anche un cenno con la mano, si moltiplica la forza comunicativa dell’informazione. La ridondanza viene utilizzata per facilitare la comunicazione e ridurre il rischio che il destinatario decodifichi in maniera sbagliata il messaggio che ha ricevuto

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26 I livelli linguistici sono invece due: il livello colto e il livello popolare.

27 Le parole evidenziate sono termini specifici dei linguaggi settoriali. I linguaggi settoriali sono detti anche linguaggi speciali o sottocodici. Essi sono presenti all’interno di ciascun settore professionale, si caratterizzano per l’utilizzo di termini tecnici, specifici di una certa attività lavorativa, e utilizzano con un significato particolare, caratteristico di quell’ambiente di lavoro, termini della lingua comune

28 Le caratteristiche principali dei linguaggi settoriali sono: l’uso di un lessico specifico la tendenza a utilizzare termini già in uso nella lingua comune attribuendo però loro un significato diverso, più specifico. Ad esempio:

29

30

31


Scaricare ppt "Comunicare vuol dire, dunque, capire e farsi capire, dare e ricevere informazioni, chiedere spiegazioni, rispondere agli interrogativi che altri ci pongono,"

Presentazioni simili


Annunci Google