La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Etichettatura dei prodotti alimentari Tutela del consumatore Convegno sul commercio Faenza 30 novembre 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Etichettatura dei prodotti alimentari Tutela del consumatore Convegno sul commercio Faenza 30 novembre 2004."— Transcript della presentazione:

1 1 Etichettatura dei prodotti alimentari Tutela del consumatore Convegno sul commercio Faenza 30 novembre 2004

2 Tappe della normativa comunitaria Direttiva 93/102/CE (GUCE L 291, ); Direttiva 95/42/CE (GUCE L 182, ); Direttiva 2000/13/CE (GUCE L109, ) relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di etichettatura e presentazione dei prodotti alimentari e della pubblicità fatta a loro riguardo; Direttiva 2001/101/CE (GUCE L 310, ); Direttiva 2002/86/CE (GUCE L 305, ) recante modifica della direttiva 2001/101/CE per quanto concerne il termine a partire da cui sono vietati gli scambi di prodotti non conformi alla direttiva 2000/13/CE ; Direttiva 2002/67/CE (GUCE L 191, ), relativa alletichettatura dei generi alimentari contenenti chinino e dei prodotti alimentari contenenti caffeina; Regolamento 258/97/CE (GUCE L 043, 14/02/1997) concernente l'immissione sul mercato di nuovi prodotti e nuovi ingredienti alimentari; Regolamento 1139/98/CE (GUCE L 159, ) concernente l'obbligo di indicare nell'etichettatura di alcuni prodotti alimentari derivati da organismi geneticamente modificati caratteristiche diverse da quelle di cui alla direttiva 79/112/CEE; Regolamento 49/2000/CE (GUCE L 6, ): modifica il regolamento (CE) n. 1139/98 concernente l'obbligo di indicare nell'etichettatura di alcuni prodotti alimentari derivati da organismi geneticamente modificati caratteristiche diverse da quelle di cui alla direttiva 79/112/CEE; Regolamento 50/2000/CE (GUCE L 6, ): concernente l'etichettatura dei prodotti e ingredienti alimentari contenenti additivi e aromi geneticamente modificati o derivati da organismi geneticamente modificati; Regolamento 1760/2000/CE (GUCE L204, ) che istituisce un sistema di identificazione e di registrazione dei bovini e relativo all'etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carni bovine, e che abroga il regolamento 820/97 ; Regolamento 1825/2000/CE (GUCE L216, ) Modalità di applicazione del Reg. CE 1760/2000 per ciò che concerne letichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carni bovine.

3 Normativa di riferimento D.Lgs. n. 109/92 Attuazione della direttiva 89/395/CEE e della direttiva 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari D.Lgs. n. 181/03 Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente letichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari nonché la relativa pubblicità

4 Etichettatura prodotti alimentari Insieme delle menzioni, delle indicazioni, dei marchi di fabbrica o di commercio, delle immagini o dei simboli che si riferiscono al prodotto alimentare e che figurano direttamente sull'imballaggio o su un'etichetta appostavi o sul dispositivo di chiusura o su cartelli, anelli o fascette legati al prodotto medesimo, o sui documenti di accompagnamento del prodotto alimentare

5 Prodotto alimentare preconfezionato contenuto non possa essere modificato Unità di vendita destinata ad essere presentata come tale al consumatore ed alle collettività, costituita da un prodotto alimentare e dall'imballaggio in cui è stato immesso prima di essere posto in vendita, avvolta interamente o in parte da tale imballaggio ma comunque in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata

6 Prodotto alimentare preincartato Unità di vendita costituita da un prodotto alimentare e dall'involucro nel quale è stato posto o avvolto negli esercizi di vendita

7 Finalità delletichettatura indurre in errore non indurre in errore l'acquirente sulle caratteristiche del prodotto alimentare e precisamente sulla natura, sulla identità, sulla qualità, sulla composizione, sulla quantità, sulla conservazione, sull'origine o la provenienza, sul modo di fabbricazione o di ottenimento del prodotto stesso effetti o proprietà che non possiede non attribuire al prodotto alimentare effetti o proprietà che non possiede caratteristiche particolari non suggerire che il prodotto alimentare possiede caratteristiche particolari prevenire, curare o guarire una malattia umana non attribuire al prodotto alimentare proprietà atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana

8 Indicazioni dei prodotti preconfezionati denominazione la denominazione di vendita quantità netta la quantità netta o, nel caso di prodotti preconfezionati in quantità unitarie costanti, la quantità nominale termine minimo di conservazione data di scadenza il termine minimo di conservazione o, nel caso di prodotti molto deperibili dal punto di vista microbiologico, la data di scadenza titolo alcolometrico volumico il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande aventi un contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume

9 Indicazioni dei prodotti preconfezionati ingredienti l'elenco degli ingredienti nome il nome o la ragione sociale o il marchio depositato sede la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento lotto una dicitura che consenta di identificare il lotto di appartenenza del prodotto modalità di conservazione le modalità di conservazione e di utilizzazione qualora sia necessaria l'adozione di particolari accorgimenti in funzione della natura del prodotto istruzioni per l'uso le istruzioni per l'uso, ove necessario luogo di origine il luogo di origine o di provenienza, nel caso in cui l'omissione possa indurre in errore l'acquirente circa l'origine o la provenienza del prodotto

10 Denominazione di vendita denominazione prevista per tale prodotto dalle disposizioni della Comunità europea ad esso applicabili denominazione prevista dalle disposizioni legislative, regolamentari o amministrative dell'ordinamento italiano, che disciplinano il prodotto stesso dal nome consacrato da usi e consuetudini descrizione del prodotto alimentare conoscere distinguerlo consentire all'acquirente di conoscere l'effettiva natura e di distinguerlo dai prodotti con i quali potrebbe essere confuso

11 Ingredienti sostanza ancora presente nel prodotto finito Qualsiasi sostanza, compresi gli additivi, utilizzata nella fabbricazione o nella preparazione di un prodotto alimentare, ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma modificata in ordine di peso decrescente L'elenco degli ingredienti è costituito dalla enumerazione di tutti gli ingredienti del prodotto alimentare, in ordine di peso decrescente al momento della loro utilizzazione

12 Esenzioni denominazione di vendita sia identica al nome dell'ingrediente nei prodotti costituiti da un solo ingrediente, a condizione che la denominazione di vendita sia identica al nome dell'ingrediente ovvero consenta di conoscere la effettiva natura dell'ingrediente ortofrutticoli freschi negli ortofrutticoli freschi acque gassate nelle acque gassate che riportano la menzione di tale caratteristica nella denominazione di vendita

13 Esenzioni formaggi, burro propri del latte formaggi, burro, purché non siano stati aggiunti ingredienti diversi dai costituenti propri del latte, dal sale o dagli enzimi e colture di microrganismi necessari alla loro fabbricazione acquavitidistillatimosti vini birre nelle acquaviti e nei distillati, nei mosti e nei vini, nei vini spumanti, nei vini frizzanti, nei vini liquorosi e nelle birre con contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume aceti di fermentazione negli aceti di fermentazione, provenienti esclusivamente da un solo prodotto di base e purché non siano stati aggiunti altri ingredienti.

14 Sede stabilimento L'indicazione della sede dello stabilimento di fabbricazione o di confezionamento può essere omessa nel caso di: stabilimento ubicato nello stesso luogo della sede già indicata in etichetta prodotti preconfezionati provenienti da altri Paesi per la vendita tal quali in Italia bollatura sanitaria prodotti preconfezionati che riportano la bollatura sanitaria

15 Titolo alcolometrico simbolo «% vol» Il titolo alcolometrico volumico effettivo è il numero di parti in volume di alcole puro alla temperatura di 20 °C contenuta in 100 parti in volume del prodotto considerato a quella temperatura.

16 Lotto prodotte, fabbricate o confezionate Insieme di unità di vendita di una derrata alimentare, prodotte, fabbricate o confezionate in circostanze praticamente identiche facilmente visibilechiaramente leggibileindelebile «L» facilmente visibile, chiaramente leggibile ed indelebile ed è preceduto dalla lettera «L» Per i preconfezionati l'indicazione del lotto figura sull'imballaggio preconfezionato o su un'etichetta appostavi Per i non preconfezionati l'indicazione del lotto figura sull'imballaggio o sul recipiente o, in mancanza, sui relativi documenti commerciali di vendita

17 Esenzioni L'indicazione del lotto non è richiesta: quando il termine minimo di conservazione o la data di scadenza figurano con la menzione almeno del giorno e del mese per i gelati monodose, venduti tal quali, e sempre che essa figuri sull'imballaggio globale per i prodotti agricoli per i prodotti alimentari preincartati nonché per i prodotti alimentari venduti nei luoghi di produzione o di vendita al consumatore finale non preconfezionati ovvero confezionati su richiesta dell'acquirente ovvero preconfezionati ai fini della loro vendita immediata per le confezioni ed i recipienti il cui lato più grande abbia una superficie inferiore a 10 cm 2

18 Termine Minimo Conservazione Il TMC è la data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione "da consumarsi preferibilmente entro o entro la fine" giornomese meno di tre mesi giorno e mese per i prodotti alimentari conservabili per meno di tre mesi meseanno tra tre e diciotto mesi mese e anno per i prodotti alimentari conservabili tra tre e diciotto mesi anno più di diciotto mesi solo anno per i prodotti alimentari conservabili per più di diciotto mesi

19 Esenzioni TMC gli ortofrutticoli freschi i vini, i vini liquorosi, i vini spumanti, i vini frizzanti, i vini aromatizzati le bevande con contenuto alcolico pari o superiore al 10% in volume le bevande analcoliche, i succhi ed i nettari di frutta, le bevande alcolizzate poste in recipienti individuali di capacità superiore a 5 litri destinati alle collettività i prodotti della panetteria e della pasticceria che, per loro natura, sono normalmente consumati entro le 24 ore successive alla fabbricazione gli aceti il sale da cucina gli zuccheri allo stato solido, caramelle le gomme da masticare i gelati monodose

20 Data di scadenza Sui prodotti preconfezionati rapidamente deperibili dal punto di vista microbiologico e che possono costituire, dopo breve tempo, un pericolo per la salute umana "da consumarsi entro" nell'ordine ed in forma chiara, giornomeseanno il giorno, il mese e l'anno

21 Modalità indicazione figurare nello stesso campo visivo La denominazione di vendita, la quantità, il termine minimo di conservazione o la data di scadenza nonché il titolo alcolometrico volumico effettivo devono figurare nello stesso campo visivo

22 Vendita di prodotti sfusi Cartello riportante: la denominazione di vendita l'elenco degli ingredienti salvo i casi di esenzione le modalità di conservazione per i prodotti alimentari rapidamente deperibili la data di scadenza per le paste fresche e le paste fresche con ripieno il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande con contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume la percentuale di glassatura, considerata tara, per i prodotti congelati glassati

23 Vendita di prodotti sfusi Sufficiente un cartello contenente elenco degli ingredienti per: gelateria pasticceria panetteria gastronomia bevande somministrate mediante spillatura

24 Competenza in Emilia Romagna L.R. 4 dicembre 2003, n. 24 Disciplina della polizia amministrativa locale e promozione di un sistema integrato di sicurezza Art. 21 Disposizioni transitorie e finali 9. Compete ai Comuni, anche avvalendosi delle proprie strutture di polizia locale, provvedere all'applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui all'articolo 18 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109

25 Campo di applicazione art. 1, comma 2, lettera e D.Lgs. 109/92 Si intende per Consumatore: consumatore finaleristoranti ospedalimense il consumatore finale nonché i ristoranti, gli ospedali, le mense ed altre collettività analoghe, denominate in seguito «collettività»

26 Art. 1, c 1, Legge 283/62 l'autorità sanitaria esercizi pubbliciproducanoconservino in deposito smercinoconsumino le predette sostanze scali e sui mezzi di trasporto 1. Sono soggette a vigilanza, per la tutela della pubblica salute, la produzione ed il commercio delle sostanze destinate alla alimentazione. A tal fine l'autorità sanitaria può procedere, in qualunque momento ed a mezzo dei competenti organi ed uffici, ad ispezione e prelievo di campioni negli stabilimenti ed esercizi pubblici, dove si producano, si conservino in deposito, si smercino o si consumino le predette sostanze, nonché sugli scali e sui mezzi di trasporto. Essa può, altresì, procedere al sequestro delle merci e, ove dagli accertamenti eseguiti risulti necessario per la tutela della pubblica salute, alla loro distruzione

27 Art. 5 Legge 283/62 impiegare vendere, detenere per vendere somministrare distribuiresostanze alimentari: 5. È vietato impiegare nella preparazione di alimenti o bevande, vendere, detenere per vendere o somministrare come mercede ai propri dipendenti, o comunque distribuire per il consumo sostanze alimentari: a) private anche in parte dei propri elementi nutritivi o mescolate a sostanze di qualità inferiore o comunque trattate in modo da variarne la composizione naturale, salvo quanto disposto da leggi e regolamenti speciali b) in cattivo stato di conservazione c) con cariche microbiche superiori ai limiti che saranno stabiliti dal regolamento di esecuzione o da ordinanze ministeriali d) insudiciate, invase da parassiti, in stato di alterazione o comunque nocive, ovvero sottoposte a lavorazioni o trattamenti diretti a mascherare un preesistente stato di alterazione

28 Lesercizio di un diritto o ladempimento di un dovere imposto da una norma giuridica o da un ordine legittimo della pubblica Autorità, esclude la punibilità Art. 51 c.p. Esercizio di un diritto o adempimento di un dovere

29 Non risponde delle violazioni amministrative chi ha commesso il fatto nelladempimento di un dovere o nellesercizio di una facoltà legittima ovvero in stato di necessità o di legittima difesa Art. 4 L. n. 689/81 Cause di esclusione della responsabilità

30 Sanzioni 1° fascia artt. 2 e 18 D.Lgs 109/92 da a pmr Etichettatura o presentazione o pubblicità che : induce in errore lacquirente sulle caratteristiche del prodotto (identità, qualità, composizione, quantità, conservazione, origine, provenienza, modo di fabbricazione o ottenimento) attribuisce al prodotto alimentare effetti o proprietà che non possiede suggerisce che il prodotto possiede caratteristiche particolari attribuire al prodotto alimentare proprietà atte a prevenire, curare o guarire una malattia umana né accennare a tali proprietà (escluse acque alimentari)

31 Sanzioni 2° fascia artt. 3 e 18 D.Lgs 109/92 da a pmr 3.166,67 Etichetta di prodotto alimentare che non contenga: denominazione di vendita elenco degli ingredienti la quantità netta o quella nominale il termine minimo di conservazione o la data di scadenza il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore stabilito nella Cee la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento cioè dove è ubicata lazienda o lo stabilimento una dicitura che consenta di identificare il lotto di appartenenza del prodotto le modalità di conservazione e di utilizzazione qualora sia necessaria ladozione di particolari accorgimenti in funzione della natura del prodotto le istruzioni per luso (ove necessario) il luogo di origine o di provenienza, nel caso in cui lomissione possa indurre in errore lacquirente circa lorigine o la provenienza del prodotto

32 Sanzioni 2° fascia artt. 10 bis e 18 D.Lgs 109/92 da a pmr 3.166,67 Prodotti alimentari posti in vendita con data di scadenza decorsa dal giorno successivo a quello indicato sulla confezione

33 Sanzioni 2° fascia artt. 14 e 18 D.Lgs 109/92 da a pmr 3.166,67 Prodotti alimentari con indicazioni obbligatorie nello stesso campo visivo mancanti di una o più delle seguenti: denominazione di vendita quantità termine minimo di conservazione o data di scadenza titolo alcolometrico Nei recipienti la cui superficie piana più grande è inferiore a 10 cm2 sono obbligatorie solo la denominazione, la quantità, la data DEVONO ESSERE LEGGIBILI ED INDELEBILI

34 Sanzioni 2° fascia artt. 14 e 18 D.Lgs 109/92 da a pmr 3.166,67 Prodotti alimentari preconfezionati destinati alla somministrazione, frazionamento, trasformazione senza le indicazioni di cui allart. 3 sul prodotto ma nemmeno su un documento commerciale

35 Sanzioni 3° fascia artt. 10 e 18 D.Lgs 109/92 da 600 a pmr 1.166,67 termine minimo di conservazione Prodotti alimentari posti in vendita con termine minimo di conservazione senza indicare: giorno, mese e anno per i prodotti conservabili per meno di tre mesi mese e anno per i prodotti conservabili per più di tre mesi ma per meno di diciotto mesi anno per i prodotti conservabili per più di diciotto mesi

36 Sanzioni 3° fascia artt. 15 e 18 D.Lgs 109/92 da 600 a pmr 1.166,67 Prodotti alimentari preconfezionati presentati al consumatore con distributori automatici o semiautomatici privi delle indicazioni dellarticolo 3 Bevande o sostanze alimentari non preconfezionate distribuite in maniera automatica senza che sul distributore siano indicate le seguenti indicazioni: nome o ragione sociale e la sede dellimpresa responsabile dellimpianto la denominazione di vendita lelenco degli ingredienti: Le indicazioni devono essere leggibili ed in italiano

37 Sanzioni 3° fascia artt. 16 e 18 D.Lgs 109/92 da 600 a pmr 1.166,67 Vendita di prodotti sfusi senza che sul cartello sia stato indicato: la denominazione di vendita lelenco degli ingredienti le modalità di conservazione per i prodotti rapidamente deperibili la data di scadenza per le paste fresche e le paste fresche con ripieno il titolo alcolometrico volumico effettivo per le bevande con contenuto alcolico superiore a 1,2% in volume la percentuale di glassatura, considerata tara, per i prodotti congelati glassati

38 Andiamo a fare la spesa!! Gli ordini della massaia sono di acquistare: Salsiccia di Tacchino, Chele di Granchio e Biscotti senza Glutine per un bambino affetto dal morbo celiaco Acquistiamo una confezione di un prodotto denominato Salsiccia di Tacchino marchio Vita Agreste Acquistiamo una confezione di un prodotto riportante la dicitura Chele di Granchio mare pronto marchio Nova surgelati Acquistiamo una confezione di un prodotto riportante la dicitura Biscotti frollini senza Glutine marchio Plasmon

39 Quali possono essere gli strumenti più idonei? Un cittadino attento ma soprattutto disoccupato!! Le Associazioni dei consumatori Le forze di polizia statale e locali La segnalazione al Garante della Concorrenza e del Mercato


Scaricare ppt "1 Etichettatura dei prodotti alimentari Tutela del consumatore Convegno sul commercio Faenza 30 novembre 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google