La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Cansiglio è un altopiano carsico di circa 6500 ettari situato a 1000 m s.l.m. ai confini tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone. È in gran.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Cansiglio è un altopiano carsico di circa 6500 ettari situato a 1000 m s.l.m. ai confini tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone. È in gran."— Transcript della presentazione:

1

2 Il Cansiglio è un altopiano carsico di circa 6500 ettari situato a 1000 m s.l.m. ai confini tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone. È in gran parte coperto da boschi ad alto fusto, e nelle due depressioni principali (Cansiglio e Valmenera), dove la temperatura è più rigida per linversione termica, si estendono 600 ettari di prato stabile, quasi piano, disseminato di numerose doline. il Corpo Forestale dello Stato ha fondato nel 1970 allinterno della foresta la Cooperativa che oggi si chiama Centro Caseario e Agrituristico dellAltopiano Tambre Spert Cansiglio. Nel 1992 è stata presa la risoluzione di passare allagricoltura biologica, una scelta non ideologica ma economica, intrapresa per valorizzare il lavoro degli allevatori ». Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

3 Il comparto foraggiero - zootecnico è composto da 5 aziende agricole dedite allallevamento di bovini con indirizzo produttivo da latte, 2 malghe e alcune aree a pascolo. Tutte le aziende agricole aderiscono alla Misura 6 del PSR che prevede una limitazione nella fertilizzazione delle superfici erbose. Tre aziende aderiscono sia per la coltivazione che per lallevamento anche al disciplinare per la produzione biologica (Reg. CE n. 2092/91 e n. 1804/99). ». Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

4 Le aziende utilizzano, anche se in modo diversificato, il pascolo nel periodo primaverile - estivo (da metà maggio a metà ottobre). Lutilizzo di foraggio, in modo particolare fieno di prato polifita e insilato derba, è maggiore rispetto alle aziende convenzionali; mentre è minore la quantità di concentrati (mangimi). Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile 75

5 La superficie agricola totale (SAT) è pari a 453,3 ettari, quella utilizzabile (SAU) a 446,2 ettari. Landamento climatico in questo comprensorio non è favorevole alla fienagione a causa della piovosità, delle basse temperature, di umidità relative dellaria elevate e dellintensità con la quale si manifesta il fenomeno della rugiada. La stagione di fienagione è caratterizzata da una piovosità media mensile superiore ai 100 mm e da una temperatura media mensile inferiore ai 17 °C. Queste condizioni climatiche sono invece favorevoli alla produzione foraggiera. ». Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

6 Viste le scarse rese del fieno in termini qualitativi (eccesso di parete cellulare/lignina, scarso contenuto proteico etc.) alcune aziende hanno optato opportunamente per linsilato derba in balle; Questa pratica (insilato in balle) offre tra laltro il vantaggio di poter bilanciare opportunamente la razione prelevando una miscela da raccolti distinti, ed evitare discontinuità negli apporti (più erba col primo taglio, più leguminose nel secondo); Come vedremo oltre la qualità dellalimento ha implicazioni anche di carattere economico (abbastanza scontato) ed ambientale. ». Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

7 Il fattore che maggiormente influenza il valore nutritivo è senza dubbio lo stadio vegetativo dellerba: come per appetibilità e composizione chimica, al suo avanzare il contenuto energetico dellerba diminuisce.

8 Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile Ripartizione dellenergia solare incidente su una prateria (Pentz,1980) Non utilizzata 4.65x10 EXP 5 Energia solare 4.71x 10EXP 5 riflessioneevaporazione Produzione lorda 5.83x 10 EXP 3 Produzione netta 4.95 x 10 EXP 3 Respirazione 0.876x 10 exp3 Quantità espresse in Chilocalorie per metro quadro per anno Poco più dell1% dellenergia incidente viene effettivamente utilizzata dalle piante. Di questa il 15% circa viene spesa per la respirazione delle piante e il rimanente rappresenta la Produzione netta.

9 Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile Il metodo si basa sul seguente principio: misurando le prestazioni degli animali al pascolo (variazioni di peso, stato di ingrassamento e produzione di latte), è possibile risalire alla quantità di energia che essi hanno effettivamente utilizzato per realizzare tali prestazioni. Stimando il valore energetico dellerba disponibile è quindi possibile risalire alla quantità in peso di erba che è stata consumata per fornire lenergia utilizzata. Non si tratta pertanto di una valutazione diretta della produttività del pascolo, bensì di quanto gli animali hanno consumato per mantenere i loro fabbisogni (mantenimento, lattazione, ingrasso)

10 Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile Allevamenti BiologiciAllevamentri tradizionali Migliore prestazione ambientale per consumo di energia e potenziale di eutrofizzazione per kg di latte. Consumo energia primaria medio 6,4 MJ/kg latte convenzionale, 4,4 MJ per biologico. VX Il potenziale di acidificazione da produzione di latte dipende al 78-97% dalla volatilizzazione NH3, e non si riduce necessariamente da convenz a bio X Minore potenziale di riscaldamento globale e acidificazione potenziale on farm per kg di latte. V Potenziali di riscaldamento globale e di acidificazione Totale (on farm+ off farm) non differiscono significat. XX X Più basso utilizzo del territorio. V I concentrati e il foraggio grezzo sono lhotspot degli impatti off farm. V I concentrati acquistati risultano essere l'hotspot nelle aziende convenzionali per tutti le categorie di impatto off farm e totali. X

11 Il prato è gestito effettuando sullintera superficie un taglio fra la fine della primavera e linizio dellestate, seguito da un secondo taglio, condotto fra fine agosto e inizio settembre. Dopo questo periodo il clima, caratterizzato da una riduzione delle temperature e da un incremento dellumidità relativa dellaria, rende difficile lesecuzione della fase di campo della fienagione. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

12 La teoria dellEmergia è stata introdotta da D.M: Scienceman e H.T. Odum negli anni 90 del secolo scorso. È stata applicata in moltissimi sistemi ecologici ed economici, allo scopo di valutare lentità delle grandezze EMERGY e TRANSFORMITY Solar emergy (seJ): The available solar energy used up, directly and indirectly, to make a service or a product (Odum, 1996); also referred to as the energy memory (Scienceman, 1997) Solar transformity (seJ/J): the solar emergy required to make one joule of a service or product Dal momento che linput ecologico complessivo è stimato ammontare almeno al doppio del PIL GLOBALE (Costanza et al., 1997), ignorarne lentità nelle analisi di sostenibiilità induce a sottostimare il COSTO reale di un prodotto) Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

13

14 A differenza dellapproccio LCA, che mostra incertezza circa la diversa sostenibilità di pratiche agronomiche bio, le analisi emergetiche concordano nellaffermare che le pratiche agroecologiche sono più sostenibili degli approcci chimici convenzionali [es. Ortega et al. (2005); Chen et al. (2006); Agostinho et al. (2008)]

15 Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile 1.Lifecycle inventory database 2.Aggregazione delle risorse in categorie 3.Calcolo dei valori di TRANSFORMITY per ciascuna categoria 4.Emergia (seJ) = τ (seJ/unit) * Resource (unit) 5.Σ Em = « CEmD: Cumulative Emergy Demand (richiesta totale di emergia)» 1.Un indicatore per lesaurimento delle risorse

16 Il secondo taglio viene mediamente eseguito su poco più del 50% della superficie a prato. I motivi perché ciò accade sono sostanzialmente legati a: landamento meteorologico, che sovente causa un protrarsi del primo taglio, aspetti agronomici, connessi con la lenta ricrescita del prato, aspetti organizzativi interni alle aziende. non secondario leffetto di brucatura attuato dal cervo. Sulle superfici sulle quali non viene effettuato il secondo taglio viene eseguito il pascolamento condotto con tutto il bestiame o, spesso, con le vacche da latte. ». Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

17 La concimazione dei prati è prevalentemente organica ed è realizzata con le deiezioni prodotte dallallevamento. In quattro casi su cinque le deiezioni sono costituite da letame, anche se si rileva unampia variabilità per quanto riguarda limpiego di lettini, mentre in un caso viene realizzata la separazione liquido-solido. La distribuzione del letame viene effettuata al termine della stagione produttiva e alla ripresa vegetativa. Ciò consente di reintegrare nel prato il fosforo, il potassio e i microelementi asportati con la fienagione, mantenendo costante la fertilità del suolo. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

18 LETAME: dal punto di vista strettamente agronomico, questa modalità di gestione delle deiezioni non è in grado di offrire: quantità di azoto tali da stimolare in modo adeguato la produttività della cotica erbosa. Infatti, la quantità di azoto presente nelle deiezioni solide è molto ridotta a causa dei processi di denitrificazione che avvengono durante la fase di maturazione e stoccaggio. Inoltre limpiego del letame non consente di fornire lazoto nelle fasi in cui i fabbisogni nutrizionali per questo elemento sono maggiori. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

19 Una diversa gestione di questo fondamentale elemento nutritivo per il prato viene ottenuto adottando la tecnica della separazione liquido-solido delle deiezioni. In questo caso la matrice solida viene gestita come il letame, mentre quella liquida, essendo caratterizzata da una ridotta presenza di materiale in sospensione, può essere distribuita anche durante la stagione produttiva dopo lesecuzione del primo taglio. Lazienda che adotta questo percorso gestionale delle deiezioni è anche lunica azienda che effettua due tagli su tutta le superficie a prato. Unaltra azienda sta cercando di adeguarsi a questo sistema. Ladesione alla Misura 6 del PSR, non consente limpiego di concimi azotati minerali. Le aziende che aderiscono al biologico non possono utilizzare i concimi azotati di sintesi. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

20 I risultati hanno evidenziato che la distribuzione delle frazioni chiarificate, digerite e non, riduce la volatilizzazione di oltre un terzo. w/Settori/Ambiente/Download/Archivio- 2011/IA_20_2011_p46.pdf w/Settori/Ambiente/Download/Archivio- 2011/IA_20_2011_p46.pdf Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

21 Lutilizzazione attuale del pascolo è soddisfacente, anche se non ottimale (Veneto Agricoltura, Piano Gestione Foresta Cansiglio) Le superfici a pascolo comprese nelle aziende agricole sono mediamente soggette ad un carico compreso fra 1 e 1,4 UBA con un valore medio pari a 1,2 UBA. Le risorse foraggiere prodotte dal pascolo e realmente utilizzate possono essere stimate in circa 17,0 q/ha di sostanza secca. Dallo studio CNR-IPRA Aree Marginaliche ha esaminato 4 stazioni in malga Vallorch, è emersa una produttività media pari a 20,14 e a 37,33 q/ha di sostanza secca rispettivamente per le aree non concimate e concimate. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

22 Da questo studio emerge però anche unampia variabilità per questo parametro (produttività media) e per la composizione floristica, anche allinterno dello stesso pascolo. La diffusa presenza di Deschampsia caespitosa, specie tendenzialmente produttiva ma di difficile utilizzazione da parte del bestiame (appetita dai ruminanti solo allo stadio giovanile), riduce in molte aree la quota di foraggio effettivamente disponibile alla bocca dellanimale. La situazione, potenzialmente ricca, è compromessa dalla massiccia presenza di Deschampsia: il mancato sfruttamento alpicolturale dellarea favorisce la diffusione di tale pianta invadente. Lelevata copertura esercitata dalla graminacea ha causato una diminuzione nel numero delle altre specie erbacee e nel numero di individui per ognuna di esse. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

23 È una graminacea perenne, che forma dei cespi che assumono dimensioni notevoli, arrivando ad essere alti e larghi fino a cm. 50, produce molti semi che mantengono la germinabilità per più anni, ha foglie dure e taglienti che i bovini utilizzano solo ad inizio del periodo vegetativo. E una pianta legata ai terreni profondi e umidi, le infestazioni partono infatti dalle vallette dove scorrono acqua o in vicinanza delle pozze, ma da lì si può diffondere su tutta la superficie di malga se i pascoli sono sottocaricati o, soprattutto oggi, se nelle aree pabulari si ha la presenza di animali le cui elevate produzioni ed esigenze alimentari portano allimpiego di imponenti dosi di concentrati e, conseguentemente, ad una minore utilizzazione della risorsa pascoliva. Su terreni di origine calcarea le infestazioni si manifestano con maggiore velocità e gravità. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

24 Un buon caseificio biologico, se ben gestito, non differisce molto nei costi da uno convenzionale. Certo abbiamo più scarto e più manodopera, ma sono i costi di produzione del latte ad incidere sul prezzo al pubblico; Per sostenere i suoi obiettivi, la Cooperativa ha intrapreso da decenni una politica di valorizzazione turistica e culturale dellaltopiano. Centro di questattività è lagriturismo, con il Bar Bianco e gli altri agriturismi sorti nelle aziende socie. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

25 Per vivere nelle Alpi e svolgervi le proprie attività economiche a lungo temine, luomo ha bisogno di un contesto ambientale stabile; ma siccome ogni paesaggio antropizzato è ecologicamente instabile – in quanto prodotto del lavoro delluomo, esso è sempre un complesso artificiale allinterno della natura – una produzione durevole nel tempo è possibile solo mediante la riproduzione del paesaggio culturale, cioè il suo costante ripristino e consolidamento. Io definisco tale attività una produzione orientata alla riproduzione e intendo esattamente in questo senso il concetto oggi di moda di sostenibilità. Senza questa riproduzione, la produzione perde il suo fondamento materiale e in tempi più o meno lunghi è destinata ad andare in rovina, poiché la natura torna a essere ostile alluomo. Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

26 Miglioramento del pascolo Definizione del carico ottimale di bestiame (EC,MANAGEMENT of Natura 2000 habitats;) Rinnovo della cotica erbosa (progetto Central Europe SALVERE); Controllo della flora infestante (es. Deschampsia); Trasemine (infittimenti artificiali che prevedono il parziale rinnovo del pascolo). Miglioramento della qualità del foraggio Valutare la migliore combinazione di separazione solido liquido dei liquami (N2O!!) Vista la scarsa attitudine dei prati del Cansiglio alla fienagione, estendere a tutti i soci la pratica dellinsilamento derba (preferibilmente in rotoballe) Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

27 Procedere ad un riequilibrio del prato/pascolo Incremento superfici a prato e ottimizzare fertilizzazione Strategia per sistematica eradicazione infestanti dai pascoli Ulteriore riduzione della quota di concentrati nella razione Contestualmente allincremento nella produzione foraggi ed efficacia pascolamento Aumento del numero di capi per azienda (?) Compatibilmente con le strutture esistenti ed edificabili (sviluppo sostenibile) La domanda di latte bio è in crescita e non vi sono competitori in regione (sviluppo sostenibile) Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

28 Rivalutare la vendita diretta (es. Mungi&Bevi, consegna a domicilio a prezzi concorrenziali) Rivalutare la vendita diretta della carne … anche nelle sue forme più innovative vista significativa crescita del canale Maggiore valorizzazione qualità prodotto (razze bovine locali) Massimizzazione margini (accorciamento filiera) Ridurre approvvigionamenti esterni Chiudere i bilanci dei nutrienti e di altre specie chimiche potenzialmente dannose Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

29 Latte & Carne Contemplare esplicitamente e a tutti i livelli (modello di business, incentivi, analisi impatti, integrazione orizzontale e verticale, etc.) lesistenza di allevamenti integrati/multifunzionali Integrazione Agriturismo, equiturismo, ristorazione, alloggio: integrazione dei contributi fino al TETTO MASSIMO ammissibile dal regolamento CE (sviluppo sostenibile) Lotta al cervo Corretta pianificazione gestionale: equilibrio ecosistema territorio (spp. Selvatiche & Allevamento) Uomini o lupi? Qualità, sostenibilità, redditività: una sintesi possibile

30


Scaricare ppt "Il Cansiglio è un altopiano carsico di circa 6500 ettari situato a 1000 m s.l.m. ai confini tra le province di Belluno, Treviso e Pordenone. È in gran."

Presentazioni simili


Annunci Google