La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A SSOCIAZIONE R ADIOAMATORI I TALIANI NOZIONI DI RADIOCOMUNICAZIONI NOZIONI GENERALI SU RICEVITORI E TRASMETTITORI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A SSOCIAZIONE R ADIOAMATORI I TALIANI NOZIONI DI RADIOCOMUNICAZIONI NOZIONI GENERALI SU RICEVITORI E TRASMETTITORI."— Transcript della presentazione:

1 A SSOCIAZIONE R ADIOAMATORI I TALIANI NOZIONI DI RADIOCOMUNICAZIONI NOZIONI GENERALI SU RICEVITORI E TRASMETTITORI

2 IL RADIORICEVITORE Amplifica i segnali captati dallantenna Seleziona il segnale che si desidera ricevere Demodula il segnale selezionato Amplifica linformazione demodulata Fornisce in uscita linformazione con le caratteristiche idonee al suo utilizzo

3 La sensibilità : è la capacità di ricevere segnali deboli e di ricavarne informazioni intelligibili. La sensibilità deve essere adeguata alle esigenze e alla intensità dei segnali da ricevere. Comunque non deve mai essere eccessiva, pena il sovraccarico del ricevitore con gonseguente distorsione dei segnali e la generazione di spurie. Se la dinamica dei segnali da ricevere è molto ampia si utilizza un circuito definito Controllo Automatico di Guadagno (C.A.G.). Da considerare è anche il rumore naturale captato dallantenna. Le caratteristiche principali di un radioricevitore :

4 La selettività : è la proprietà del ricevitore di selezionare fra tutti i segnali a varie frequenze, la frequenza della stazione desiderata. Deve essere adeguata alla banda passante del segnale da ricevere : una scarsa selettività comporta la ricezione di segnali indesiderati su frequenze adiacenti. Una selettività troppo spinta taglia parte del segnale e, al limite, lo può rendere inutilizzabile. Nei ricevitori in cui sia necessario ricevere segnali con bande passanti molto diverse tra loro è presente un controllo manuale della selettività Le caratteristiche principali di un radioricevitore :

5 La stabilità : è la proprietà di rimanere sintonizzato stabilmente sul segnale ricevuto. Una scarsa stabilità comporta la necessità di intervenire spesso sui comandi del ricevitore e/o potrebbe compromettere la corretta ricezione dei segnali. Per alcuni tipi di segnale è imperativa una quasi assoluta stabilità in frequenza del ricevitore. Le caratteristiche principali di un radioricevitore :

6 Le caratteristiche principali di un radioricevitore : La fedeltà : È la la proprietà del ricevitore di riprodurre all'uscita l'informazione così come è stata trasmessa. È evidente che qualsiasi distorsione compromette il contenuto dellinformazione ricevuta Tutti gli stadi di un ricevitore, di norma, lavorano in classe A. Nei ricevitori FM, dove linformazione è legata alla frequenza, è sufficiente che sia mentenuta, fino allo stadio rivelatore (demodulatore) linformazione corretta di frequenza.

7 Linsensibilità ai disturbi : è la proprietà del ricevitore di rendere intelligibile l informazione anche in presenza di disturbi ed interferenze di vario genere. Esistono diversi metodi per ridurre o cancellare i disturbi o il rumore. Un tempo tali metodi erano di tipo analogico, più recentemente sono stati sviluppati metodi di elaborazione digitale dei segnali, basati sul principio della FFT (Fast Fourier Transform) per ricavare il segnale anche in presenza di forte rumore. Questi metodi fanno largo uso della tecnologia DSP. Le caratteristiche principali di un radioricevitore :

8 Segnale nel dominio del tempo Lo stesso segnale nel dominio della frequenza con luso di un algoritmo FFT FFT

9 Le caratteristiche di un radioricevitore sono spesso contrastanti tra loro o non è facile mantenerle costanti al variare della frequenza ricevuta o penalizzano la semplicità duso Durante la prima metà del 900 questi problemi furono affrontati e risolti con linvenzione di diversi circuiti speciali : - amplificazione diretta - reazione (e super reazione) - reflex - Conversione diretta (autodina) - conversione di frequenza (super eterodina)

10 AMPLIFICAZIONE DIRETTA

11 REAZIONE - SUPER REAZIONE

12 REFLEX

13 CONVERSIONE DIRETTA - AUTODINA Radiometro Integrato al Silicio per la Prevenzione di Incendi e la Salvaguardia Civile ed Ambientale (università di pisa)

14 CONVERSIONE DI FREQUENZA SUPER ETERODINA X oscillatore locale mixer filtro di banda amplificatore IF demodulatore amplificatore BF ant

15 CONVERSIONE DI FREQUENZA SUPER ETERODINA PREGI : - sensibilità - selettività - fedeltà - stabilità - semplicità duso DIFETTI : - complessità circuitale - messa a punto - costo

16 accensione: attiva lalimentazione allapparecchiatura. gamma: seleziona una delle gamme di frequenza sintonia: dispone il ricevitore sulla frequenza volume: regola lintensità sonora riprodotta dallaltoparlante. tono: modifica la tonalità di riproduzione acustica guadagno RF: regola lamplificazione degli stadi alta frequenza soglia del silenziatore: regola il livello di segnale che sblocca il ricevitore nota : regola la nota audio dei segnali telegrafici modo di funzionamento: seleziona il tipo di modulazione che si desidera ricevere. I COMANDI

17 IL RADIOTRASMETTITORE Genera e seleziona la frequenza del segnale RF Amplifica in potenza il segnale generato Amplifica linformazione modulante Realizza il processo di modulazione Effettua ladattamento di impedenza con lantenna

18 Le caratteristiche principali di un radiotrasmettitore : La stabilità di frequenza: È la proprietà del trasmettitore di generare segnali RF che non varino la loro frequenza. Una deriva di frequenza oltre a rendere difficoltosa o impossibile la ricezione provoca disturbi sulle frequenze adiacenti. Alcuni tipi di segnali devono essere emessi con frequenza rigorosamente costante, pena limpossibilità di essere ricevuti correttamente.

19 La purezza spettrale : è la proprietà del trasmettitore di emettere segnali privi di armoniche e di frequenze spurie. Qualunque emissione di segnali indesiderati si traduce in disturbi su altre frequenze e in una riduzione della potenza utile del trasmettitore. Le caratteristiche principali di un radiotrasmettitore :

20 La potenza : Deve essere sempre adeguata alluso a cui è destinato il trasmettitore e, di norma, deve essere la minima indispensabile per poter ottenere lo scopo previsto. Una potenza troppo bassa si traduce in segnali deboli e di difficile comprensibilità, al limite, nellimpossibilità di effettuare il collegamento. Una potenza eccessiva può generare disturbi sulle frequenze adiacenti. Ci sono norme di legge che definiscono la massima intensità consentita per i campi elettromagnetici che possono interessare le persone. Le caratteristiche principali di un radiotrasmettitore :

21 A SSOCIAZIONE R ADIOAMATORI I TALIANI GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "A SSOCIAZIONE R ADIOAMATORI I TALIANI NOZIONI DI RADIOCOMUNICAZIONI NOZIONI GENERALI SU RICEVITORI E TRASMETTITORI."

Presentazioni simili


Annunci Google