La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Open Innovation in the Food and Drink Industry Valentina Lazzarotti e Raffaella Manzini – Università Carlo Cattaneo - LIUC Uni.TIS Unità di studi su tecnologia,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Open Innovation in the Food and Drink Industry Valentina Lazzarotti e Raffaella Manzini – Università Carlo Cattaneo - LIUC Uni.TIS Unità di studi su tecnologia,"— Transcript della presentazione:

1 Open Innovation in the Food and Drink Industry Valentina Lazzarotti e Raffaella Manzini – Università Carlo Cattaneo - LIUC Uni.TIS Unità di studi su tecnologia, innovazione e sostenibilità

2 Definizione di Open Innovation e considerazioni preliminari Lapertura dei processi di innovazione in letteratura Casi esplorativi di Open Innovation La nostra indagine empirica: Survey nel settore Food & Drink I risultati: analisi descrittiva generale I cluster emersi Conclusioni agenda

3 Open Innovation Open innovation is the use of purposive inflows and outflows of knowledge to accelerate internal innovation, and expand the markets for external use of innovation, respectively. [This paradigm ] assumes that firms can and should use external ideas as well as internal ideas, and internal and external paths to market, as they look to advance their technology. Confini dellimpresa Nuovo mercato License out Divest Spin in Spin out Progetti di ricerca Mercato attuale

4 CLOSED INNOVATION OPEN INNOVATION Do it yourself o Corporate research centers o Knowledge concentration Use the best available o Research networks o Knowledge diffusion Source: Chesbrough, H. (2003). Open Innovation: the new imperative for creating and profiting from technology. HBS Press, Boston, MA. What happens in R&D, stays in R&D. Source: Harward business review, December (2006) Getting unusual suspects to solve R&D puzzles.

5 CLOSED INNOVATION OPEN INNOVATION Nuclear reactors Mainframe computers Semiconductors Consumer electronics Biotechnology Investment banking Communications Oil & Gas Clothing Aircraft engines Food & Drink Pharmaceuticals Personal computers Automotive Motion pictures Source: Chesbrough, H. (2003). Open Innovation: the new imperative for creating and profiting from technology. HBS Press, Boston, MA.

6 We believe that the next big advance, which may reshape the food industry, has already been invented by someone outside the company, and our goal is to be the first to find it. Source: Peter Erickson, Senior VP of Innovation, General Mills, February «New mindset» in Food & Drink industry Its not that we are not innovative. We are very innovative, but the fact of the matter is that so are a lot of other people. Source: Stephen Goers, VP of Open Innovation & Investments, Kraft Food, March 2008.

7 Lapertura dei processi di innovazione In particolare, diversi modelli si caratterizzano per scelte differenti relativamente a: 1.Partner 2.Fasi apertura 3.Modalità di governance 4.Direzione di apertura modelli La letteratura ha evidenziato che esistono molti diversi modelli adottati dalle imprese per aprire i processi di innovazione gradi A questi corrispondono differenti gradi di apertura

8 casi esplorativi

9 CLOSED INNOVATION OPEN INNOVATION

10 Commercializzazione di prodotti in mercati esteri Ricerca selettiva di idee nelle prime fasi del funnel Aprirsi quando le risorse interne non sono sufficienti Technology platform, in cui vengono sviluppati progetti innovativi Connect & Develop Program: obiettivo di acquisire il 50% delle innovazioni dallesterno Driver di Open Innovation

11 Generazione del concept Produzione Packaging Commercializzazione Centri di ricerca; università sporadicamente Sperimentazione Fornitori packaging Progettazione Fornitori di ingredienti; fornitori di macchinari; consulenti Retailer

12 Generazione del concept Sperimentazione Nuove ricette Produzione Packaging Commercializzazione Focus group consumatori; studi marketing; fornitori; partecipazione a fiere Panel di consumatori esperti Fornitori specializzati in aromi Fornitori specializzati in macchinari Agenzie grafiche; fornitori; focus group di consumatori Desorbing Innovators Open Innovators Closed Innovators Absorbing innovators Balanced Innovators Extent of external technology exploitation Extent of external technology acquisition LowHigh Low Integrated collaborators Open Innovators Closed Innovators Specialized Collaborators High Low High Variety of phases Variety of partners Innovation mall Innovation community Elite circleConsortium Participation Governance Open Closed HierarchicalFlat

13 Desorbing Innovators Open Innovators Closed Innovators Absorbing innovators Balanced Innovators Extent of external technology exploitation Extent of external technology acquisition Low High Low Integrated collaborators Open Innovators Closed Innovators Specialized Collaborators High Low High Variety of phases Variety of partners Innovation mall Innovation community Elite circleConsortium Participation Governance Open Closed HierarchicalFlat

14 Gestione dellOI CLOSED INNOVATION OPEN INNOVATION Incorporamento alle funzioni esistenti Unità dedicata alla gestione dellOpen Innovation LOpen Innovation implica maggiori complessità gestionali..

15 Gestione dellOI Incorporamento alle funzioni esistenti.. MarketingPDPM R&DInnovation Technology OperationsEngineering Industrialization of product Marketing Definizione del concept Definizione del packaging R&D Definizione del concept Realizzazione della ricetta di prodotto Selezione dei fornitori Operations Realizzazione del packaging Progettazione

16 Gestione dellOI Unità dedicata alla gestione dellOpen Innovation.. Global External Innovation Team (GEIT) Scouting Gestione piattaforme tecnologiche Partecipazione operativa area Infant Nutrition

17 Gestione dellOI Più unità dedicate.. Global Technology Council Supporta le prime fasi dellNPD Può gestire ogni singolo prodotto che P&G sta sviluppando Technology Enterpreneurs Sviluppo del companys needs list Scouting Gestione rapporti con fornitori e università Creazione del technologys needs list

18 Survey nel settore Food & Drink: le variabili investigate Performance innovativa Contesto interno: Strategia Driver di collaborazione Sistema interno a supporto della collaborazione: Struttura organizzativa di supporto Azioni manageriali di supporto Mindset Tutela della proprietà intellettuale Contesto esterno: Ambito competitivo Grado di apertura dei processi di innovazione Varietà di partner Profondità del legame Grado di apertura dei processi di innovazione Varietà di partner Profondità del legame

19 Il grado di apertura: varietà e profondità Varietà di partner (8 fonti esterne di sapere e tecnologia; variabile fra 0-8) Varietà di fasi (5 fasi lungo il processo di innovazione; variabile fra 0-5) Profondità di legame con i partner (serie di variabili Likert 1-7; media) Profondità di collaborazione sulle fasi (serie di variabili Likert 1-7; media) Varietà (di partner e di fasi) altamente correlate Profondità (di partner e di fasi) altamente correlate Varietà di partner e profondità di legame con i partner le più significative e utilizzate nelle successive analisi, salvo alcune specificazioni

20 Chi ha partecipato allindagine: collabora? UK= 108; Spain = 92; Italy = 84 Tot=284 chi dichiara di collaborare Settore Food & Drink, con 12 subsector (Codice NAICS 2007)

21 Focus su varietà e profondità di legame con i partner Alcune descrittive su tutto il campione: varietà di partner: media è pari a 7,14 profondità di legame con i partner: media è pari a 4,34 profondità di legami con gruppi di partner: clienti fornitori consumatori finali concorrenti università e centri di ricerca enti governativi «intermediari dellinnovazione» imprese operanti in altri settori 5,16 5,13 3,9 5,01 3,7 3,8 4

22 Focus su profondità di collaborazione sulle fasi Alcune descrittive su tutto il campione: profondità di collaborazione su singole fasi: exploration: media development: media commercialization: media 4,47 4,59 4,83

23 3 sono i cluster emersi cluster 1: 125 casi, alta varietà di partner (e di fasi); bassa profondità media di legame con i partner (e bassa profondità media di collaborazione sulle fasi) cluster 2: 123 casi, alta varietà di partner (e di fasi); alta profondità media di legame con i partner (e alta profondità media di collaborazione sulle fasi) cluster 3: 36 casi, bassa varietà di partner (e di fasi); bassa profondità media di legame con i partner (e bassa profondità media di collaborazione sulle fasi) Focus su varietà e profondità di legame con i partner: quali cluster?

24 paese dimensioni sub-settori ambiente competitivo approccio strategico organizzazione e ruoli IP attori chiave con cui si collabora («profondità») fasi chiave su cui si collabora performance innovativa I 3 cluster: quali caratteristiche rilevanti?

25 paese dimensioni sub-settori R&D spese/vendite Ambiente competitivo Approccio strategico Organizzazione e ruoli IP (brevetti) attori chiave con cui si collabora («profondità») fasi chiave su cui si collabora performance innovativa I 3 cluster: quali caratteristiche rilevanti? Cluster 1Cluster 2Cluster 3 Nessuna differenza significativa Piccole e grandiGrandiPiccole Lavorazione e conservazione di frutta e verdura; carni trasformate e prodotti di carne Le più elevate Dinamico Più «aggressivo» Fattore facilitante? Unità e ruoli ben definiti e dedicati Solo i tradizionali con «profondità» Tutti con maggiore profondità Tutte con maggiore profondità Superiori su tutti gli item

26 LOpen Innovation è un approccio rilevante per aumentare la portata innovativa dellazienda Per limplementazione di un modello di OI occorrono dei meccanismi di gestione Vi sono diversi approcci di Open Innovation che lazienda può adottare OI non deve essere circoscritta alle multinazionali, ma diverrà un presupposto fondamentale anche per le SME Conclusioni

27 Huston L and Sakkab N (2006) Connect and Develop: Inside Procter and Gambles new model for innovation, Harvard Business Review, 84, 3, Sarkar S and Costa A (2008), Dynamics of Open Innovation in the Food Industry, Trends in Food Science & Technology, 19, 11, Garcia M., editor, Open innovation in the food and beverage industry, Concepts and case studies, forthcoming, Woodhead Publishing Ltd Chiaroni D., Chiesa V., Frattini F, (2010), Unravelling the Process from Closed to Open Innovation: evidence from mature, asset-intensive industries, R&D Management – Special issue on Open R&D and Open Innovation, 40, 3, pp Chesbrough H., Crowther K., (2006) Beyond high tech: early adopters of open innovation in other industries, R&D Management, 36, 3, pp Ili, S., Alberts, A. and Miller, S. (2010), Open Innovation in the automotive industry, R&D Management, Vol. 40, No.3, pp Sampsa Hyysalo User innovation and everyday practices: micro-innovation in sports industry development, R&D Management, 39, 3, pp Gassmann, O., Stahl, M. and Wolff, T. (2004), The Cross Industry Innovation Process: Opening up R&D in the Automotive Industry, Proceedings of the R&D Management Conference (Lissabon), 12 July 2004, Oxford: Blackwell. Trott, P and D Hartmann (2009). Why Open Innovation is old wine in new bottles. International Journal of Innovation Management, 13 (3). Alcuni spunti bibliografici


Scaricare ppt "Open Innovation in the Food and Drink Industry Valentina Lazzarotti e Raffaella Manzini – Università Carlo Cattaneo - LIUC Uni.TIS Unità di studi su tecnologia,"

Presentazioni simili


Annunci Google