La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNA RIVISITAZIONE DELLE TEORIE DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA: PROSPECT THEORY E IMPLICAZIONI SUI MERCATI FINANZIARI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNA RIVISITAZIONE DELLE TEORIE DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA: PROSPECT THEORY E IMPLICAZIONI SUI MERCATI FINANZIARI."— Transcript della presentazione:

1 UNA RIVISITAZIONE DELLE TEORIE DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA: PROSPECT THEORY E IMPLICAZIONI SUI MERCATI FINANZIARI

2 Introduzione Mercati finanziari come sistemi complessi La Prospect Theory elaborata da Daniel Kahneman e Amos Tversky è un tentativo di dare un fondamento comportamentista alle teorie della scelta, valutando le conseguenze di aspettative cosiddette irrazionali Con il nostro lavoro si è voluto effettuare una ricognizione delle teorie della scelta in condizioni dincertezza con speciale riguardo ai processi di investimento sui mercati finanziari. Lobiettivo è quello di stabilire se recenti vedute, interpretative del comportamento dei risparmiatori anche sulla base di aspetti psicologici, possono offrire nuove indicazioni sulla natura e sulla forma delle funzioni di utilità

3 Nel corso di questi ultimi trentanni linteresse per la dinamica evolutiva dei sistemi ha coinvolto studiosi di diverse discipline scientifiche (fisica, biologia, chimica, matematica, economia …). Sono stati condotti numerosi studi e ricerche, volti da un lato a testare la bontà delle teorie e dei modelli tradizionali, rivelatisi spesso incapaci di cogliere adeguatamente le dinamiche comportamentali dei sistemi, e dallaltro ad esplicitare linsieme di quei nuovi principi che offrirebbero una giustificazione di tale inadeguatezza, costituendo le fondamenta per la costruzione di una nuova teoria interdisciplinare: la Scienza della Complessità

4 Alcune teorie di origine fisica e interdisciplinare considerano i mercati come sistemi dinamici complessi, destinati quindi ad evolvere continuamente e ad articolarsi in diversi stati, caratterizzati ciascuno da una distinta configurazione nel profilo dei rendimenti e del rischio associato I sistemi dinamici complessi sono quei sistemi formati da un elevato numero di componenti, autonome e indipendenti, in grado di interagire o meno tra loro e di dar vita in tal modo a quei meccanismi di feedback (persistenza e autoalimentazione), responsabili dellamplificazione e trasformazione dei comportamenti individuali nelle dinamiche globali del sistema

5 Ai fini di una chiara comprensione strutturale e dinamica del sistema diventa allora necessario adottare un approccio di studio che permetta da un lato di indagare sulle logiche di comportamento delle singole unità e, contemporaneamente, sullanatomia tipica dei fenomeni (o stati) caratterizzanti la dimensione macroscopica da un lato di indagare sulle logiche di comportamento delle singole unità e, contemporaneamente, sullanatomia tipica dei fenomeni (o stati) caratterizzanti la dimensione macroscopica da un altro lato, di individuare le dinamiche evolutive del sistema, cercando di definire i possibili stati in cui esso può transitare, ma soprattutto di descrivere le condizioni critiche che spiegano le transizioni tra stati da un altro lato, di individuare le dinamiche evolutive del sistema, cercando di definire i possibili stati in cui esso può transitare, ma soprattutto di descrivere le condizioni critiche che spiegano le transizioni tra stati

6 Da una visione meccanicistica e lineare (ispirata ai principi newtoniani ) - dove lintero è sempre uguale alla somma delle parti - si è così passati ad una concezione non lineare, complessa, in cui la visione lineare rappresenta soltanto uno dei molteplici stati in cui può transitare un sistema: caos e ordine coesistono. Il parametro dordine, ossia le variabili che misurano lo stato macroscopico di un sistema, risulta influenzato da forze macroscopiche. La chiave per comprendere questo è rappresentata dal grado di interazione tra i molteplici elementi, o agenti, che costituiscono il sistema. Una di queste forze macroscopiche è data ad esempio dal sentiment degli agenti che operano sul mercato.

7 Nellambito della teoria dei mercati finanziari il passaggio da una visione lineare del mercato, lIpotesi di Mercato Efficiente, ad una non lineare ha iniziato a svilupparsi quando da approfonditi studi sui rendimenti giornalieri dei titoli compiuti da Fama (1965) iniziarono ad emergere elementi in contrasto con il paradigma lineare, ossia con lipotesi di random walk (ritorni distribuiti normalmente e serialmente indipendenti) Da tali ricerche si evidenziò una distribuzione leptocurtotica dei rendimenti (spostamento verso destra del valore medio rispetto alla distribuzione normale, con frequenze molto più elevate e assumendo code più estese – fat tails -) e quindi limpossibilità di interpretare il mercato basandosi sugli assunti del mercato efficiente: cominciarono così a svilupparsi numerose teorie e strumenti finalizzati allo studio delle dinamiche non lineari del mercato finanziario, considerato come un sistema dinamico complesso

8 La scienza della complessità affronta anche domini che hanno a lungo frustrato i tentativi di descrizione quantitativa rigorosa: ad esempio in economia sono in corso importanti sviluppi legati alla possibilità di simulare linterazione fra agenti che vengono modellati in maniera tale da rinunciare alle irrealistiche ipotesi delleconomia classica, come ad esempio quella di comportamento perfettamente razionale Grazie ad alcuni modelli di interazione sociale e a teorie come le Prospect Theory si cerca di analizzare i meccanismi attraverso i quali le scelte di ogni singolo agente vengono influenzate dal comportamento degli altri individui e sono condizionate dalla situazione di incertezza in cui si opera Si studia a riguardo il concetto di razionalità dei mercati

9 Tale lavoro presuppone di analizzare le caratteristiche comportamentali che sono proprie dei mercati con specifico riferimento agli agenti economici e al modo in cui essi giungono a formulare le proprie scelte Lobiettivo viene raggiunto attraverso lanalisi di alcune significative variabili in grado di catturare la psicologia degli investitori che operano nel mercato (sentiment)

10 PRIMA PARTE LA TEORIA CLASSICA DELLA SCELTA NOZIONE DI UTILITÀ IN ECONOMIA NOZIONE DI UTILITÀ IN ECONOMIA NOZIONE DI UTILITÀ ATTESA NOZIONE DI UTILITÀ ATTESA TEORIA RAZIONALE DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA TEORIA RAZIONALE DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA TEORIA DELLA SCELTA DI PORTAFOGLIO SUI MERCATI FINANZIARI TEORIA DELLA SCELTA DI PORTAFOGLIO SUI MERCATI FINANZIARI

11 SECONDA PARTE LA PROSPECT THEORY LA FINANZA COMPORTAMENTALE LA FINANZA COMPORTAMENTALE LA TEORIA DI KAHNEMAN E TVERSKY LA TEORIA DI KAHNEMAN E TVERSKY CONSIDERAZIONI IN AMBITO FINANZIARIO: EVIDENZE EMPIRICHE CONSIDERAZIONI IN AMBITO FINANZIARIO: EVIDENZE EMPIRICHE

12 Teoria razionale della scelta in condizioni di incertezza LA TEORIA DELLUTILITÀ Nelletà Vittoriana: utilità = indicatore del benessere (felicità) complessivo dellindividuo Secondo la scuola marginalista: utilità = strumento di lavoro tecnico nelle analisi del consumo e dello scambio Lobiettivo della teoria è quello di determinare i fattori per cui lindividuo deciderà in quali attività investire la liquidità a disposizione

13 Secondo lutilitarismo: utilità = indicatore delleffettivo benessere del singolo Secondo gli ordinalisti: utilità = indice ordinale delle preferenze del consumatore rispetto alle diverse possibilità di allocazione delle risorse Secondo la teoria di Von Neumann e Morgenstern (1944): utilità = indice cardinale delle preferenze del consumatore in un ambito con incertezza dei risultati

14 LA TEORIA DELLA SCELTA DEGLI INVESTITORI Si focalizza lattenzione sulle teorie della scelta degli investitori che studiano la scelta tra alternative rischiose istantanee in un mondo di incertezza Sono teorie normative basate su modelli di tipo matematico. Fondamentale per questi modelli è lassunzione della razionalità alla base del comportamento degli individui La teoria del comportamento razionale fornisce dei criteri in base ai quali valutare i comportamenti. Vengono definiti degli assiomi di utilità cardinale

15 Inoltre gli individui preferiscono sempre avere una ricchezza maggiore che una minore gli individui preferiscono sempre avere una ricchezza maggiore che una minore lutilità marginale della ricchezza è sempre positiva lutilità marginale della ricchezza è sempre positiva MA COME ORDINANO GLI INDIVIDUI VARIE COMBINAZIONI DI ALTERNATIVE RISCHIOSE?

16 LA FUNZIONE DI UTILITÀ Una funzione di utilità può essere usata per associare a ciascuna scelta una corrispondente misura di utilità 2 proprietà la funzione rispetta lordine delle preferenze la funzione rispetta lordine delle preferenze lutilità attesa può essere usata per ordinare alternative rischiose e viene espressa in funzione dei risultati possibili e delle probabilità che tali risultati si manifestino: lutilità attesa può essere usata per ordinare alternative rischiose e viene espressa in funzione dei risultati possibili e delle probabilità che tali risultati si manifestino: U[G(x,y:α)] = α U(x) + (1 – α)U(y) È la funzione di utilità di Von Neumann- Morgenstern

17 LA TEORIA DELLUTILITÀ ATTESA Secondo la teoria dellutilità attesa ogni individuo massimizza lutilità attesa della ricchezza La cardinalità di u(x) non è il prodotto di un particolare stato psichico, ma solo una proprietà analitica logicamente implicata dagli assiomi di razionalità La teoria è fondata sugli assiomi dellutilità attesa che in gran parte si richiamano agli assiomi della scelta razionale In generale lutilità attesa della ricchezza (W) è:

18 AVVERSIONE AL RISCHIO La funzione di utilità concava rappresentata nel piano di riferimento UTILITÀ/RICCHEZZA descrive le preferenze di un individuo avverso al rischio. Si ipotizzerà sempre questo caso Se lindividuo è propenso al rischio la sua funzione di utilità è convessa Se lindividuo è neutrale al rischio la funzione è lineare UTILITÀ RICCHEZZA U[E(W)] > E[U(W)]

19 MEDIA E VARIANZA COME CRITERI DI SCELTA Un altro modo di trattare la scelta in condizioni di incertezza consiste nel descrivere le distribuzioni di probabilità che sono oggetto della scelta per mezzo di alcuni parametri e di assumere che la funzione di utilità sia definita da tali parametri Il modello media-varianza assume che lutilità di una distribuzione di probabilità che offra allinvestitore una ricchezza w s con probabilità p s possa essere rappresentata come funzione della media e della deviazione standard di quella distribuzione u(μ w, σ w ) con

20 Spesso si considerano le distribuzioni di probabilità dei rendimenti delle attività finanziarie. Lutilità è allora funzione del rischio associato alla detenzione dellattività È possibile considerare questo modello una semplificazione di quello dellutilità attesa. Le distribuzioni di probabilità devono però essere normali affinché valga tale semplificazione Si suppone che un rendimento atteso più elevato sia preferito a parità di condizioni e che una varianza più elevata sia invece meno preferita. È questo un altro modo di affermare che lindividuo è avverso al rischio

21 EVIDENZA EMPIRICA Mancanza di validità empirica Debolezza di predittività Teoria dellutilità attesa Forza del modello: la decisione è unelaborazione algebrica di una serie di informazioni che si assume il soggetto possieda (semplicità della logica di base) Debolezza del modello: non si considerano i limiti del decisore umano (ad esempio le influenze generate dai contesti decisionali) non cè stata alcuna verifica empirica degli assiomi e delle loro implicazioni, da parte di economisti. Gli psicologi hanno compiuto degli studi sulla teoria

22 Mercati finanziari: nozione di utilità Tale modello è stato sviluppato originariamente da H.M. Markowitz Lanalisi delle curve di utilità associate alla misurazione del rischio permette di valutare il comportamento dellindividuo. Si studiano le curve di utilità derivate da W.F.Sharpe Il punto di partenza consiste nel proporre agli individui delle alternative di investimento Si postula che gli investitori misurino lutilità attesa delle loro scelte tra attività rischiose con riferimento alla media e alla varianza dei rendimenti delle attività finanziarie CURVE DI UTILITÀ

23 FUNZIONI DI UTILITÀ QUADRATICHE La forma precisa di ogni curva di utilità dipende dalle attitudini del singolo investitore. Si possono tuttavia fare delle ipotesi. Si addotta una semplificazione e si considera una curva di utilità quadratica Lutilità può essere espressa sia in funzione della ricchezza che del rendimento dellinvestimento Lespressione è U = a + br – cr 2 con r tasso di rendimento. La forma precisa dipende dai valori assegnati ai parametri. La funzione presenta un massimo in corrispondenza di r* Oltre questo punto lapprossimazione con una funzione quadratica non è più valida U W r

24 E p è il rendimento atteso del portafoglio σ p è la deviazione standard È lespressione analitica di un fascio di circonferenze E p e σ p sono le due variabili Sia u k l'utilità associata al tasso di rendimento r k di un portafoglio Lutilità attesa del portafoglio è e sostituendo lespressione analitica dellutilità, diventa

25 EpEp σpσp

26 EpEp σpσp Lindividuo preferisce il punto P di tangenza tra la curva di utilità e linsieme delle possibilità di investimento efficienti rappresentato sul mercato dalla Capital Market Line. Quel punto significa infatti la combinazione di rendimento e rischio, che permette allinvestitore di raggiungere la curva più alta, compatibilmente con lofferta del mercato Dalla collocazione del centro della circonferenza sullasse verticale deriva il punto di preferenza dellinvestitore

27 Questa impostazione prevede le seguenti considerazioni : si suppone che gli investitori si limitino a considerare soltanto la media e la varianza dei rendimenti per scegliere linvestimento si suppone che gli investitori si limitino a considerare soltanto la media e la varianza dei rendimenti per scegliere linvestimento lattitudine di ogni persona può essere completamente descritta con un numero (r*) lattitudine di ogni persona può essere completamente descritta con un numero (r*)

28 Prospect Theory:psicologia e razionalità delle scelte in condizioni di incertezza costruita con ragionamenti a priori spesso è stata sfidata con esperimenti mentali spesso è stata sfidata con esperimenti mentali spesso si è parlato di razionalità limitata (la finanza comportamentale ricorre sempre più spesso nelle spiegazioni sul funzionamento dei mercati finanziari) spesso si è parlato di razionalità limitata (la finanza comportamentale ricorre sempre più spesso nelle spiegazioni sul funzionamento dei mercati finanziari) Teoria dellutilità attesa: modello normativo fondamento delle teorie predittive sui comportamenti derivano contributi da parte di molti autori: si ricordano Herbert Simon, Daniel Kahneman, Amos Tversky

29 Si immagini di dover affrontare il problema 1 presentato qui di seguito Problema 1. Scegliere tra: A: 2500 con probabilità 0.33B: 2400 con certezza 2400 con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità 0.01 Si immagini ora di affrontare un altro problema Problema 2. Scegliere tra: C: 2500 con probabilità 0.33D: 2400 con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità 0.66 In esperimenti di questo tipo gli intervistati sono orientati a scegliere B nel problema 1 e C nel problema 2. Secondo la teoria dellutilità classica questo schema di scelta è irrazionale: un decisore razionale che scegliesse B nel problema 1, dovrebbe poi scegliere D nel problema 2 Con esperimenti su agenti reali si scopre che la teoria classica viene violata. Il più famoso paradosso scoperto è il paradosso di Allais(1953)

30 A*:2400 con probabilità 0.66 B*: 2400 con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità 0.33 C*:0 con probabilità 0.66 D*: 0 con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità con probabilità 0.33 lassioma di indipendenza afferma che qualunque relazione di preferenza tra A* e B* non dovrebbe essere influenzata dalla componente comune delle due scommesse

31 Obiettivo generale: spiegare come e perché le scelte si discostino, in maniera sistematica, da quelle previste dalla teoria standard della decisione e quindi perché i decisori violino frequentemente gli assiomi di base della teoria dellutilità attesa e del comportamento razionale Strumento: test empirici nella forma di questionari con ipotetici problemi di scelta tra lotterie semplici Conclusione più importante: esistenza di framing effects per cui due enunciazioni logicamente equivalenti (ma non in modo trasparente) conducono a scelte differenti del decisore dipendono dal linguaggio, dal contesto della scelta, dalla natura del problema, dalla percezione psicologica…. PROSPECT THEORY (D. KAHNEMAN E A.TVERSKY, 1979) È una teoria descrittiva, non normativa

32 Gli effetti del framing sono stati rilevati, ad esempio, nellambito delle decisioni mediche. Esemplare a questo riguardo è lo studio in cui si presentavano due diverse descrizioni dello stesso risultato statistico relativo ad un intervento chirurgico (McNeil, Pauker, Sox e Tversky, 1982): Il tasso di mortalità nellarco di sei mesi è del 10% e Il tasso di sopravvivenza nellarco di sei mesi è del 90% Il tasso di mortalità nellarco di sei mesi è del 10% e Il tasso di sopravvivenza nellarco di sei mesi è del 90% I risultati mostrano che i pazienti (ma anche i medici) tendono a evitare lintervento chirurgico se lesito dello stesso è descritto in termini di mortalità, anziché di sopravvivenza

33 Pars destruens della teoria Violazioni della linearità nelle probabilità - diverso trattamento qualitativo delle lotterie degeneri e diversa percezione del rischio in caso di basse probabilità Reflection effect - non è vero che latteggiamento verso il rischio è invariato in presenza di premi negativi Isolation effect - in presenza di un processo di scelta a più stadi non è vero che il decisore guarda ai livelli di ricchezza finale probabile

34 Si considerino i seguenti prospetti e le scelte effettuate dagli intervistati: (2500, 0.33; 2400, 0.66)< (2400) [82%] (2500, 0.33) > (2400, 0.34) [83%] La combinazione delle risposte evidenziate è stata indicata dal 61% degli intervistati Per la teoria di Von Neumann e Morgenstern, le due scelte tuttavia non sono compatibili: infatti, ciò significherebbe che in base alle prime risposte si ha u(2400) > 0.33u(2500) u(2400) ossia 0.34u(2400) > 0.33u(2500) e in base alle seconde risposte si ha 0.33u(2500) > 0.34u(2500) Dalle prime risposte si sarebbe cioè potuto, in base alla teoria dellutilità attesa, formulare la previsione opposta riguardo alla preferenza nella seconda scelta

35 in aggiunta a ciò che si possiede, vengono regalati 1000 euro: in aggiunta a ciò che si possiede, vengono regalati 1000 euro: in seguito viene chiesto di scegliere tra A (1000, 0.50) [16%] e B (500) [84%] A (1000, 0.50) [16%] e B (500) [84%] in aggiunta a ciò che si possiede, vengono offerti 2000 euro: in aggiunta a ciò che si possiede, vengono offerti 2000 euro: in seguito viene chiesto di scegliere tra A (- 1000, 0.50) [69%] e B (-500) [31%] In termini di ricchezza finale, le due scelte sono equivalenti; tuttavia, il decisore non sembra della stessa opinione Nelle due forme proposte, sembra che la scelta si limiti a considerare una parte del problema, ignorando un pezzo comune alle due alternative confrontate Questo, oltre ad essere chiaramente contrario alla teoria razionale, apre nuove problematiche che riguardano la descrizione del problema, che non è neutrale rispetto alla scelta

36 Pars construens della teoria Equazione fondamentale Equazione fondamentale - la funzione di valutazione del prospetto è V(x,p;y,q) = π(p)ν (x) + π(q) ν(y) La funzione di utilità è sostituita dalla funzione del valore (V ) La funzione di utilità è sostituita dalla funzione del valore (V ) - è definita su guadagni e perdite - è concava nel dominio dei guadagni e convessa nel dominio delle perdite (rispettivamente avversione al rischio e propensione al rischio) - è notevolmente più ripida nel dominio delle perdite Fase preliminare di editing - analisi, organizzazione e rielaborazione dei prospetti da parte del soggetto loutput è un prospetto (x,p;y,q )

37 VALORE PERDITE GUADAGNI Avversione alla perdita rispetto ad un reference point

38 1 0,5 0,5 0 0, ,5 1 Il comportamento in prossimità dei valori 0 e 1 non è ben definito La funzione di ponderazione (π ) traduce le probabilità (p) in pesi decisionali soggettivi - è una funzione crescente di p, con π(0) = 0 e π (1) = 1 - per probabilità basse è una funzione sub additiva di p π(r p) > r π (p) con 0 < r < 1 - per probabilità molto basse π(p) > p - soddisfa la proprietà di subcertainity

39 Consideriamo ad esempio i seguenti problemi: Si scelga tra i due prospetti: Si scelga tra i due prospetti: A(6000,0.001) e B(3000,0.002) Il 73 % degli intervistati sceglie A Si scelga tra i due prospetti: Si scelga tra i due prospetti: C(6000, 0.45) e D(3000, 0.90) L84% degli intervistati sceglie in questo caso D Si scelga tra: E(5000,0.001) e F(5) Si scelga tra: E(5000,0.001) e F(5) Il 72% degli intervistati sceglie E Si scelga tra: G(-5000,0.001) e H(-5) Si scelga tra: G(-5000,0.001) e H(-5) L83% degli intervistati sceglie H Le piccole probabilità vengono sovrastimate e la funzione del valore per i guadagni è concava mentre per le perdite è convessa La pendenza di π nellintervallo (0,1) è intesa come la misura della sensibilità delle preferenze ai cambiamenti di probabilità

40 RAZIONALITÀ LIMITATA quelle che prima erano considerate cause disturbanti nel ragionamento, ora vengono intese come vere e proprie costanti psicologiche RAZIONALITÀ PROCEDURALE (Simon, 1955) Kahneman e Tversky parlano ad esempio di ragionamento topico come struttura di pensiero alla base della scelta

41 Conclusioni sulla teoria teoria semplice (è un aspetto positivo?) teoria semplice (è un aspetto positivo?) non predispone strumenti analitici precisi non predispone strumenti analitici precisi ha un campo di applicazione limitato (breve periodo) ha un campo di applicazione limitato (breve periodo) è certamente in grado di spiegare buona parte dellevidenza empirica raccolta è certamente in grado di spiegare buona parte dellevidenza empirica raccolta Il vero campo in cui le teorie alternative devono provare il proprio valore riguarda il grado con cui sono capaci di spiegare vasti campi delleconomia dellincertezza, come ad esempio linvestimento o la contrattazione

42 Prospect Theory e mercati finanziari Secondo lottica semplice della scommessa le scelte sono spiegate ricorrendo a una funzione che lega guadagni e perdite al valore soggettivo (una perdita colpisce più di un guadagno)La Prospect Theory descrive la realtà Secondo lottica semplice della scommessa le scelte sono spiegate ricorrendo a una funzione che lega guadagni e perdite al valore soggettivo (una perdita colpisce più di un guadagno)La Prospect Theory descrive la realtà UNINCOMPATIBILITÀ SCOMMESSA E INVESTIMENTO L'introduzione della competizione e della responsabilità (cioè del contesto economico) nelle consegne sperimentali ha l'effetto di stabilizzare significativamente il comportamento decisionale rendendolo meno dipendente dai frames

43 Disegnare la funzione di utilità - Impostazione classica Si assegna arbitrariamente un'utilità di –10 unità ad una perdita di 1000: se esiste una probabilità α di guadagnare 1000 e una probabilità (1- α ) di perdere 1000 quale probabilità renderebbe indifferenti tra quel gioco e la certezza di 0.0? In termini analitici 0 ~ G(1000, -1000: α) U(0) = α U(1000) + (1- α )U(-1000) La probabilità di guadagnare 1000 sia 0.6 affinché si sia indifferenti tra le situazione rischiosa e la certezza di 0.0. Si ipotizza che lutilità di 0.0 certi sia nulla. Sostituendo si ha Ripetendo questa procedura per differenti risultati economici si sviluppa una funzione di utilità cardinale

44 Questa valutazione presuppone un individuo che abbia sempre ben delineate le proprie credenze e preferenze e che sia in grado di computarle in maniera estensiva e sistematica per massimizzare l'utilità attesa con strategie ottimizzanti UTILITÀ GUADAGNI E PERDITE

45 Disegnare la funzione di utilità - Prospect Theory Consideriamo ora il problema seguente per giustificare la forma della funzione del valore proposta da Kahneman e Tversky. Si scelga tra i due prospetti: Si scelga tra i due prospetti: A(6000, 0.25) e B(4000,0.25;2000,0.25) Si scelga tra i due prospetti: Si scelga tra i due prospetti: C(-6000,0.25) D(-4000,0.25;-2000,0.25) Tra A e B l82% degli intervistati sceglie B, mentre tra C e D il 70% degli intervistati sceglie C. Si avrà allora: π(0.25)v(6000)< π(0.25)[v(4000)+v(2000)] π(0.25)v(-6000)> π(0.25)[v(-4000)+v(-2000)] Dunque v(6000) v(-4000)+v(-2000) v(6000) v(-4000)+v(-2000) Queste preferenze sono coerenti con lipotesi che la funzione dei valore sia concava per i guadagni e convessa per le perdite

46 Secondo lottica dellinvestimento Secondo lottica dellinvestimento - non è così immediata lapplicazione della Prospect Theory - rientrano nel problema della scelta molte variabili (età, reddito, obiettivi di consumo…) - se linvestimento è di breve periodo lottica è simile a quella di una scommessa - se linvestimento è di lungo periodo si considerano ancora altre variabili come la privazione della ricchezza nel lungo periodo, lanalisi dellimpresa in cui si investe, la modalità di gestione delle finanze... Gli studi più recenti R. Olsen (1997) (mercati simulati) gli investitori definiscono il rischio degli investimenti come il pericolo di ottenere dei risultati inferiori ad un obiettivo prefissato (rendimento atteso)

47 cè avversione al rischio se la decisione di investimento è descritta in termini di guadagno, e propensione al rischio se è descritta in termini di perdita cè avversione al rischio se la decisione di investimento è descritta in termini di guadagno, e propensione al rischio se è descritta in termini di perdita Shapira, Venezia (2000) Shapira, Venezia (2000) gli investitori che devono recuperare una perdita decidono di compiere investimenti più rischiosi gli investitori che devono recuperare una perdita decidono di compiere investimenti più rischiosi Bernartzi, Tahler (2001) in molte situazioni, davanti alla decisione di investire in un portafoglio diversificato, le persone usano una mental accounting separata (varie opzioni in conti mentali separati) in molte situazioni, davanti alla decisione di investire in un portafoglio diversificato, le persone usano una mental accounting separata (varie opzioni in conti mentali separati) evidenza di una scarsa capacità degli investitori individuali ad interpretare il concetto di diversificazione del portafoglio

48 R. Olsen (1997) gli individui non concepiscono il rischio come qualcosa di oggettivo e misurabile; la valutazione del rischio legato agli investimenti è eseguita basandosi principalmente su: gli individui non concepiscono il rischio come qualcosa di oggettivo e misurabile; la valutazione del rischio legato agli investimenti è eseguita basandosi principalmente su: (1) la possibilità di ottenere una perdita ingente; (2) la possibilità di ottenere un rendimento inferiore agli obbiettivi iniziali; (3) l'abilità di gestire le perdite; (4) il livello di consapevolezza finanziaria dell'investitore

49 EVIDENZE EMPIRICHE IN AMBITO FINANZIARIO Due importanti anomalie nella finanza possono essere spiegate grazie ad alcuni elementi della Prospect Theory Con reflection effect si intende la circostanza per cui le persone temono di subire perdite più di quanto non desiderino ottenere guadagni e sono propense al rischio nel dominio delle perdite

50 Avversione miope alla perdita: Avversione miope alla perdita: - avversione alla perdita - intervallo di valutazione degli investimenti breve Siccome i rendimenti annuali delle azioni sono negativi molto più frequentemente che i rendimenti delle obbligazioni, gli investitori avversi al rischio chiederanno un consistente equity premium per compensarli dalla possibilità molto più probabile di perdere denaro in un anno Se aumenta lintervallo di valutazione diminuisce il premio per il rischio domandato (Bernartzi, Tahler, 1995) Quando gli investitori sono avversi alla perdita, saranno più disposti ad assumersi del rischio se valutano le loro performance non frequentemente

51 RENDIMENTO INTESO COME GUADAGNO - rendimento - extra rendimento ottenibile se un titolo è sottovalutato sul mercato dei capitali Una funzione di utilità disegnata in uno spazio utilità/gain mantiene la forma convessa. L'investimento al fine di ottenere un tasso di rendimento molto alto, diviene via via più rischioso in termini di deviazione standard residuale. Lutilità marginale è decrescente Prospect Theory investitori guardano al gain

52 PROSPETTIVE DI RICERCA

53 attività di intermediazione del rischio rivolta ai consumatori finali dei prodotti finanziari le cui esigenze devono essere valutate molto attentamente (creazione di prodotti dinvestimento che siano commerciabili e collocabili sul mercato) attività di intermediazione del rischio rivolta ai consumatori finali dei prodotti finanziari le cui esigenze devono essere valutate molto attentamente (creazione di prodotti dinvestimento che siano commerciabili e collocabili sul mercato) i gestori devono guardare i gestori devono guardare - allimpresa e al flusso di liquidità netto che limpresa consegna ai suoi stakeholders diretti - alle funzioni di utilità dei risparmiatori e al loro profilo di rischio - alle funzioni di utilità dei risparmiatori e al loro profilo di rischio La gestione dei fondi GESTORI DI FONDI: NUOVE FONTI DI RISCHIO

54 Modelli per la definizione del rischio Si è generato negli ultimi anni il convincimento che il cosiddetto rischio di default, accanto ai rischi finanziario e operativo, sia sempre più preso in considerazione dall'investitore e che tale carattere abbia assunto il rischio operativo di ogni impresa Ciò avviene coerentemente con la teoria di Kahneman che pone la questione dellavversione alla perdita del singolo investitore Nonostante il modello teorico di riferimento sulla negoziabilità dei flussi di valore tra le imprese e i risparmiatori sia tuttora individuabile nell'ambito del modello media/varianza, lo studio del rischio si è differenziato negli anni Novanta per tipologia di soggetto e modalità di gestione

55 Alcuni lavori tuttavia fanno emergere il dubbio che il CAPM fornisca un quadro incompleto della vera relazione fra rischio e rendimento atteso di titoli e portafogli In risposta a queste osservazioni l'obiettivo della ricerca scientifica odierna è quello di sviluppare nuovi modelli in grado di generare relazioni rischio/rendimento atteso. Tali relazioni devono richiedere di ridefinire il rischio sistematico di un titolo, remunerato dal mercato con un rendimento atteso superiore, e l'esposizione di questo rendimento a una pluralità di fonti di rischio, anziché alle sole oscillazioni di mercato

56 L'attività dei gestori implica il processo di diversificazione del rischio mediante la costruzione di portafogli; l'intero sistema richiede il commercio del rischio e quindi l'instaurarsi di processi di efficienza valutativa Ragionare in termini di rischio di default ad esempio significa essere (rispetto a valutazioni ancorate alla mera considerazione del rischio operativo e finanziario) più prossimi alla stima connessa al fair value, dunque al valore di mercato dellimpresa La possibilità dei default, come si chiamano le insolvenze che aprono la strada ai fallimenti o alle rinegoziazioni dei debiti, è però monitorata da tempo costantemente dalle agenzie di rating

57 Conclusioni Con particolare riferimento ai mercati finanziari si è introdotto a un dialogo tra la Prospect Theory di Kahneman e la teoria razionale della scelta secondo il modello di Sharpe, dal momento che questo genera una relazione privilegiata tra decisioni razionali del risparmiatore e costruzione del portafoglio di mercato Con particolare riferimento ai mercati finanziari si è introdotto a un dialogo tra la Prospect Theory di Kahneman e la teoria razionale della scelta secondo il modello di Sharpe, dal momento che questo genera una relazione privilegiata tra decisioni razionali del risparmiatore e costruzione del portafoglio di mercato La pura adozione delle tesi di Kahneman avrebbe leffetto di dissociare la teoria dellutilità dallanalisi di portafoglio, essendo quello della Prospect Theory un modello descrittivo-qualitativo e per questo poco formale e operativo La pura adozione delle tesi di Kahneman avrebbe leffetto di dissociare la teoria dellutilità dallanalisi di portafoglio, essendo quello della Prospect Theory un modello descrittivo-qualitativo e per questo poco formale e operativo Per apprezzare il rischio in modo significativo occorre possedere un modello probabilistico capace di tradurre, in modo verosimile, sul piano numerico il fenomeno osservato

58 La nostra tesi è che essendo gli investitori avversi al rischio nel dominio del gain, una connessione tra la tradizionale teoria e quella di Kahneman possa prefigurarsi nella misura in cui una funzione di utilità quadratica, del tipo di quella di Sharpe, esprima una relazione tra utilità e gain and losses. In linea con questa interpretazione abbiamo approfondito la teoria di Sharpe La nostra tesi è che essendo gli investitori avversi al rischio nel dominio del gain, una connessione tra la tradizionale teoria e quella di Kahneman possa prefigurarsi nella misura in cui una funzione di utilità quadratica, del tipo di quella di Sharpe, esprima una relazione tra utilità e gain and losses. In linea con questa interpretazione abbiamo approfondito la teoria di Sharpe Si considera la necessità di non abbandonare l'impianto formale esistente costruito sulla base di considerazioni espresse in termini di media/varianza per i titoli rischiosi, nella parte in cui produce i processi di diversificazione dei portafogli Si considera la necessità di non abbandonare l'impianto formale esistente costruito sulla base di considerazioni espresse in termini di media/varianza per i titoli rischiosi, nella parte in cui produce i processi di diversificazione dei portafogli

59 Si giudica importante lipotesi della Prospect Theory in quanto capace di spiegare le scelte in termini di ricerca di gains and losses (in luogo di ricerca del valore di mercato della ricchezza) nei concreti atti di investimento in attività finanziarie Si giudica importante lipotesi della Prospect Theory in quanto capace di spiegare le scelte in termini di ricerca di gains and losses (in luogo di ricerca del valore di mercato della ricchezza) nei concreti atti di investimento in attività finanziarie La tesi della Prospect Theory, valevole soprattutto nei processi interpersonali, avrebbe un significato secondo una versione in cui, senza abbandono della forma quadratica della funzione di utilità nel dominio dei gains, metterebbe a fuoco lintenzione del risparmiatore di investire in rapporto al rendimento e al sovrarendimento ipotizzabile La tesi della Prospect Theory, valevole soprattutto nei processi interpersonali, avrebbe un significato secondo una versione in cui, senza abbandono della forma quadratica della funzione di utilità nel dominio dei gains, metterebbe a fuoco lintenzione del risparmiatore di investire in rapporto al rendimento e al sovrarendimento ipotizzabile


Scaricare ppt "UNA RIVISITAZIONE DELLE TEORIE DELLA SCELTA IN CONDIZIONI DI INCERTEZZA: PROSPECT THEORY E IMPLICAZIONI SUI MERCATI FINANZIARI."

Presentazioni simili


Annunci Google