La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Rischi e danni dellesposizione a polveri Dr.ssa Loredana Bedini ERGOLAB - UNITUS, 25/10/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Rischi e danni dellesposizione a polveri Dr.ssa Loredana Bedini ERGOLAB - UNITUS, 25/10/2012."— Transcript della presentazione:

1 Rischi e danni dellesposizione a polveri Dr.ssa Loredana Bedini ERGOLAB - UNITUS, 25/10/2012

2 Prevenire per ridurre......i fattori nocivi di un ambiente di lavoro comuni (temperatura, umidità relativa, ventosità, intensità luminosa, ecc.), specifici (rumore, vibrazioni, polverosità, gas tossici) di fatica (fisica e psichica) Diminuzione del benessere lavorativo e della salute, in modo temporaneo oppure per i casi più gravi, permanente.

3 Le polveri sono il fattore nocivo più frequente in ambiente di lavoro, non solo quello agricolo. Cosè la polvere? Polvere è un insieme (sospensione) di particelle solide, di dimensioni molto variabili, proiettate e disperse nellaria da processi naturali o processi di frantumazione naturale o artificiale, abrasione, comminuzione.

4 Le polveri possono essere: di natura organica (derivanti da animali o vegetali) di natura inorganica suddivise in - insolubili e solubili - polveri inerti o fastidiose. La malattia è determinata anche dalla predisposizione e dall ipersuscettibilità del soggetto.

5 Polveri minerali e vegetali polveri inorganiche lavori meccanici della terra polveri organiche animali (forfora, peli, crini, escrementi, ecc.) ricoveri zootecnici (strigliatura, pulizia locali) polveri organiche vegetali (cereali, foraggi, pollini, ecc.) silos (movimentazione insilato,macinazione e preparazione mangimi) ricoveri zootecnici (alimentazione bestiame) lavorazioni fiori recisi miceti ricoveri zootecnici (alimentazione bestiame) silos (movimentazione insilato) operazioni di vasetteria per le confetture endotossine batteriche e aflatossine ricoveri zootecnici (pulizia lettiera e animali)

6 Classificazione - INALABILI da 30 μ a 10 μ si depositano nelle prime vie aeree (polveri di legno) - TORACICHE da 10 μ a 5 μ nelle vie fino alla trachea - RESPIRABILI < a 5 μ (silice e polvere contenente fibre di amianto)

7 Penetrazione delle polveri nelle vie respiratorie Alveoli Trachea Extra toracica

8 POLVERI - PNEUMOCONIOGENE - NON PNEUMOCONIOGENE Polveri pneumoconiogene „ fastidiose, quali gesso, marmo, silicio POLVERE TOTALE AERODISPERSA (Inalabile) „ fibrogene, che alterano permanentemente la struttura alveolare. Esse contengono, in percentuale variabile, silice cristallina nelle sue forme polimorfe e/o amianto. FRAZIONE RESPIRABILE

9 Polveri non pneumoconiogene „ tossiche Contengono un principio attivo che ha azione elettiva tossica su un organo umano specifico, oltre che sullapparato respiratorio. In questa categoria si possono includere: „ Metalli „ Sostanze organiche „ Polveri inerti sulle quali sono state adsorbite sostanze

10 Effetti polveri Dipendono da: massa di polvere totale e respirabile tempo di esposizione tossicità capacità di assorbimento degli individui

11 Il rischio può dipendere da... fattori climatici sfavorevoli sistemi di protezione da polveri effetti di sensibilizzazione cutanea o respiratoria affaticamento fisico con aumentato carico respiratorio (in condizioni normali 12 atti respiratori al minuto).

12 Misure per il miglioramento adeguamento o sostituzione dei mezzi meccanici sprovvisti di protezioni adeguate; procedure di lavoro sicure uso e manutenzione dei dispositivi di protezione individuali; organizzare il lavoro per ridurre le fasi critiche; areazione nei locali con possibile sviluppo di polveri formare ed informare i lavoratori (es. addestramento alluso dei dispositivi di protezione individuali)

13 Non solo polvere.. (Silice)

14 Che cosa è la silice? La silice è il quarzo - Il quarzo o silice è presente in natura in quasi tutte le rocce e nel suolo (28%) - E presente praticamente in tutti i terreni

15 Rischi per la salute (Silice) Le polveri respirabili contenenti silice danneggiano i polmoni …sono danni alla salute non curabili Una grave malattia polmonare, la SILICOSI, è causata dallinalazione di polveri contenenti silice La polvere inalata provoca una fibrosi, un grave danno ai polmoni Questo riduce la capacità respiratoria

16 …più si fatica, più si respira...

17 Rischi per la salute (Silice) Quali sono i primi sintomi ? i primi danni non si avvertono in seguito inizia a mancare il respiro durante le attività se continua lesposizione a polveri, si hanno dolori al petto, sino a gravi complicazioni respiratorie

18

19 Agricoltura: mietitrebbiatura N. Campioni personali Range Media Aritmetica Polveri Respirabili (mg/m 3 ) Media Aritmetica SiO 2 (mg/m 3 ) Media Aritmetica SiO 2 % Terreni Mietitrebbiatura – ,0 1,5 (AUSL VT)

20 Agricoltura: raccolta nocciole

21 TABACCO

22 12 aziende dellalta Tuscia, a nord della Provincia di Viterbo durante la raccolta e pulitura delle nocciole. 49 campionamenti personali polveri 16 campionamenti ambientali Determinazione diffrattometrica SLC

23 Prelievi personali: determinazione gravimetrica dopo filtrazione dellaria su superficie filtrante in esteri di cellulosa. La frazione respirabile con preselettori del tipo Dorr-Oliver in nylon con camera da 10 mm. di diametro Prelievi ambientali: analizzatore portatile a lettura diretta DustTrak Aerosol Monitor TSI, strumento rileva e registra i dati in continuo sulle concentrazioni delle polveri, mediante la dispersione di raggi luminosi (Scattering)

24 RISULTATI RISULTATI (1) Alta quantità polvere respirabile nei campionamenti personali Alte concentrazioni di SLC Rilevante dispersione polveri in ambiente AM 2,1 mg/m 3 (0, ,4)

25

26 RISULTATI (2)

27 In tutte le lavorazioni che comportano il rischio di esposizione a SLC la prima regola è: attuare tutte le misure adeguate a ridurre al livello minimo la liberazione/diffusione della polvere nellambiente di lavoro e a ridurre lesposizione dei lavoratori il massimo possibile, compreso luso dei DPI

28 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Si conferma la presenza di un rischio da polveri inorganiche nei lavoratori agricoli in particolare nelle attività connesse alla corilicoltura con alti livelli di esposizione a SLC

29 Uso di DPI adeguati Corsi di in/formazione per gli addetti Necessità di tecnologie di sicurezza (cabine chiuse, aria filtrata e umidificazione con nebulizzatori)

30 Problemi aperti Prevenire lesposizione a polveri in altre attività agricole ( preparazione terreni, attività di raccolta meccanizzate a terra come la mietitrebbiatura, raccolta tabacco ) Sostanze pericolose nei terreni

31

32 Se l'uomo vuole vivere in ambiente privo di silice deve trasferirsi in un altro pianeta"

33 ...MA NON SU MARTE « LA SONDA PHOENIX ATTERRA SU MARTE:» TROVATA SILICE SU MARTE: FORTI INDIZI DI VITA FOSSILIZZATA I risultati della missione confermano la presenza di silice quasi pura in depositi situati nel Cratere di Gusev. Tali depositi, si troverebbero intorno a bocche idrotermali simili a quelle presenti nel parco di Yellowstone. La loro origine sarebbe dovuta allacqua, in forma di vapore prodotto da un antico vulcano o liquida ad alta temperatura, percolata attraverso il terreno. La presenza della silice è ritenuta importante soprattutto perché potrebbe conservare tracce di antiche forme di vita


Scaricare ppt "Rischi e danni dellesposizione a polveri Dr.ssa Loredana Bedini ERGOLAB - UNITUS, 25/10/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google