La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PAGOTO ERICE ANNO SCOLASTICO 2001-2002 A SCUOLA DI DIALETTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO COMPRENSIVO G. PAGOTO ERICE ANNO SCOLASTICO 2001-2002 A SCUOLA DI DIALETTO."— Transcript della presentazione:

1

2 ISTITUTO COMPRENSIVO G. PAGOTO ERICE ANNO SCOLASTICO A SCUOLA DI DIALETTO

3 A SCUOLA DI SICILIANO PRESENTAZIONE PREMESSA I MESTIERI I CANTI

4 PRESENTAZIONE Studio del Siciliano attraverso i canti di lavoro nei mestieri di un tempo Progetto finanziato dallAssessorato alla P.I. con D.A. n° 8062 del sul cap Ideato dalle Prof.sse Ruggirello Gabriella e Messina Annamaria e realizzato con la collaborazione delle docenti Lo Presti Giusi e Ponzo Vita

5 FINALITA EDUCATIVE Promuovere attraverso lo studio dei canti di lavoro lacquisizione della propria identità socio-culturale. Intendere il dialetto siciliano quale mezzo espressivo che connota lidentità di un popolo scevro da stereotipi e da pregiudizi linguistici.

6 PREMESSA I mestieri che andiamo a presentare insieme ai canti legati ad essi non vogliono essere un omaggio nostalgico ad un mondo di cui oggi intravediamo i segni del tramonto, ma vogliono rappresentare il recupero e la riappropriazione di una cultura, quella materiale per lappunto, che connota questi mestieri come fenomeni culturali. Si tratta di educare le nuove generazioni al riconoscimento degli stessi come il passato culturale di un popolo, il Siciliano, che attraverso gli oggetti duso, lingegno, la fatica ha percorso la propria storia ed ha dato senso alla propria esistenza caricandola di contenuti umani. I criteri di scelta dei mestieri e dei relativi canti hanno avuto riscontro sicuramente nella realtà territoriale in cui la opera scuola. Abbiamo preferito chiamarli Canti di Terra e di Mare non certo per sottolinearne una dicotomia ma per unificarli quasi per affinità e parallelismi tematici.

7 La leggenda di Colapesce La ggenti lu chiamava Colapisci Picchì stava nno mari comu un pisci Dunni vinìa nun lu sapìa nissunu Forsera figghiu di lu ddiu Nittunu. Ma un ghiornu a Cola u rre fici chiamari E Cola di lu mari curri e veni: << O Cola, lu me regnu hâ scandagghiari su quarchi appiramentu si sustèni Colpisci curre va >> - Vaju e tornu, Maestà – Ritornello ( 2 volte ) I CANTI DEL MARE

8 Cussì si jetta a mmari Colapìsci E suttallunna subbitu sparisci Ma doppu un pocu chista novità A lu rignanti Colapìsci dà: - Maestà, li terri vostri stanno supra a tri pilastri È lu statu assai tremendu unu già si sta rumpennu > Chianci u rre: << Comaju a ffari, sulu tu mi po(i) sarvari. Colapìsci curre va >> - Vaju e tornu Maestà! – Ritornello ( 2 volte )

9 Su passati tanti jorna Colpìsci nun ritorna e laspettanu â marina lu regnanti e la rìggìna poi si senti la so vuci di lu mari n superfici: - Maestà, maestà, sugnu ccà, sugnu ccà nta lu funnu dì lu mari chi nun pozzu chiù turnari, vui prijati la Madonna, staju riggennu la culonna ca si nno si spezzerà – ( 2 volte ) e a Sicilia sparirà – Su passati ormai tantanni Colapìsci è sempri ddà - Maestà, Maestà, sugnu ccà sugnu ccà ( allinfinito, coro )

10 I canti di lavoro della salina Un tempo il lavoro della salina era accompagnato da alcuni canti dal ritmo cadenzato. Il canto assolveva a una funzione ben precisa: consentiva ai salinari di tenere il conto delle cartedde di sale che andavano uscendo dalle casedde durante il periodo di raccolta. Nello stesso tempo il canto era di stimolo allimpegno e veniva intonato da chi teneva la conta sulle misure in legno (a tagghia ) ma anche da uno degli operai della venna purchè avesse buona voce e sufficiente fiato. Ascoltando i canti delle saline sembra che a volte sfugga il significato di alcuni termini. Spesso è necessario conoscere il gergo dei salinari per capire il senso di alcune espressioni. Ventiquattro ceste di sale completano una salma mentre la diecina ( dieci salme di sale ) veniva tagliata di 25. In mezzo alla conta delle ceste si inserivano alcune strofe per lo più improvvisate: alcune annunziavano il riposo per il pranzo, altre invocavano la Madonna, altre ancora il Santissimo Sacramento quando si completavano le 100 salme. Non dobbiamo dimenticare i canti di denuncia della propria condizione, ma soprattutto i toni allusivi a carattere chiaramente erotico nel descrivere la donna.

11 San Franciscu ri Paulu rran Santo chin Paraddisu cci avi lu so ntento e la Matri ri Ddiu lamava tanto fabbricari cci vosi lu convento e lanciuliddi si misiru ucanto cu vastuneddu roru e dargento e ora cajsa ssù càlici santo cci vulemo chiamari u Sacramento ( coro: Sacramentooo! )

12 OH, CU LHAI SALA RRERA Oh, cu lhai sala Rrera e picciotti mei su pima vera vegna, lassala stari dui nna (v) i e ora tocca a ttia e tri nnavia e salamattu, salatintu e picciotti mei nna (v) emu cinco Vitti affacciari u suli di notti vitti mùnciri fimmini jo schietti vitti fari ricotta senza latti e cu veni veni ava isàri e a me cattedda e ottu nnave

13 Oh cu lhai salalina e bberu ta inchisti la sacchina e cu veni veni nnhaju unnici e picciotti mei a caminari e bberu sunnu, quattodici nnave Oh sarrè chi nnhaju quinnici vegna picciotti mei nna (v) emu siriçi salaletti nna (v) emu giuvinotto e lu bellu picciottu salamore e fino a to cattedra diciannove

14 Oh, cu lhai salalina è veru picciotti mei chi fa vintina arrivamu, jo sulu e bintiruno accabbàru pi bberu un ccinnè chiui vegna picciotti mei su bintirui salalini nna (v) emu vintitrini vintiquattru jo a tagghiari ancora natri ottu e dui nnavi

15

16 I CANTI DELLA TERRA IL CICLO DEL GRANO Un tempo la mietitura veniva effettuata nel mese di luglio. Per la mietitura si usavano: i fauci pi métiri. Il frumento mietuto si suddivideva in : Jèmmiti ( manipolo di spighe ) Regna ( un gruppo di jèmmiti ) Cavadduncio ( covone ) Timugna ( Un mucchio più grosso ) Il gruppo di contadini che provvedeva alla mietitura si chiamava opira domini. I muli durante la battitura o cacciata cui seguiva la spagghiâta venivano bendati affinché non mangiassero le spighe. Le fasi di lavoro che seguivano la mietitura venivano effettuate ntallaria ( aia ). Il contadino che si poneva al centro, con una mano teneva la corda, a rrétina, con laltra u capu ( la frusta ) per cacciare i muli. Un altro uomo ca trarenta rivota laria, mentre si inverte la rotazione di marcia dei muli.

17 FORMULA INIZIALE O Gesu, Maria, Giuseppe e SantAnna San Jaco, San Jachino e la Madonna e tutti i santi Hanno ajutari ammia e a viautri poveri armali FORMULA DINCITAMENTO Santu Nicola, beddu È lu santu E bedda è la parola. San Matteu, san Vartulumeu e quannu è ura di nésciri fora ti lhaju a ddiri eu! FORMULA FINALE Senti, chi thaiu a ddari la bbona nova! E chi nova è chista? Veni la tramuntanedda e tarrinfrisca! Dopo la fase della spagghiata cera la cirnuta. Avvenuta la separazione fra frumento e paglia si cerni u frummentu, per questa operazione si usava u crivu largu. Dopo che il frumentu era pulito veniva riposto nei cannizzi.

18 A VINNIGNA La raccolta delluva si chiama a vinnigna. E un lavoro faticoso ma procura tanta allegria e tanto fermento. Dai tempi dei bisnonni fino al dopoguerra si svolgeva come segue. Di buon mattino grandi e piccini, i vinnignatura, si recavano nel vigneto a piedi o sul carretto se era molto distante. Con la cartedda e u cuteddu iniziavano a raccogliere luva cantando e raccontando barzellette. Quando la cartedda era piena allora si svuotava dentro i tineddi che erano adagiati sul dorso della mula. Sono questi recipienti di forma cilindrica fatti di legno. Quando i tineddi erano pieni si portavano nto parmento e svuotati in una grossa tina. Dentro il palmento cera il pigiatore, u pistaturi che con grossi scarponi o scalzo pigiava luva per farne uscire u mustu. Un operaio metteva il mosto che usciva dal palmento dentro un recipiente di legno chiamato vintinu e lo andava a svuotare dentro a (v) utti. Così il lavoro procedeva finchè nel vigneto cera lultimo grappolo duva da raccogliere e poi da pigiare. I raspi venivano portati allo stringituri, messi dentro le coffe strette con forza per fare uscire lultima goccia di mosto.

19 Intanto allimbrunire i vinnignatura si riunivano per fare una spaghettata e carne alla brace, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino. La serata si concludeva con un ballo nellaia che divertiva grandi e piccini. Il mosto dentro la botte fermentava emanando un odore acre che rallegrava lanimo. Passato il periodo della fermentazione si arrivava a San Martino, tempo per brindare con il nuovo vino. Adesso la vendemmia si svolge con diversi macchinari moderni ed ha perso o quasi quellatmosfera gioiosa quando tutto si faceva con le braccia e con tanto sudore ma anche con tanto amore. U mastru uttaru – Il bottaio Ormai è scomparsa la figura di questo artigiano che un tempo invece era emblematica perché per un buon invecchiamento era necessario che il vino fosse riposto in botti di rovere o castagno. Pertanto il bottaio doveva avere molta dimestichezza con la materia prima cioè il legno. La sua maestria doveva altresì espletarsi nellutilizzo di tale legno che ripulito e ridotto ad assicelle serviva per la realizzazione delle botti. Le assicelle precedentemente bagnate venivano sapientemente piegate, battute ripetutamente e trattate con il fuoco. Poi legate insieme con dei cerchi di ferro erano tenute strette perché il liquido non si infiltrasse

20 CANTU DI VINNIGNATURA San Franciscuzzu santu capuccinu sta vota la spingistivu la manu. Si vui nni rati mostu, San Martinu cunzola lu massaru e lu viddanu Rit. ( 2 volte ) Lu rrappu è tunnu lu còcciu è latinu San Franciscuzzu faciti bbon vinu. Avanti, ca si vveni la patruna parizzi vo truvari li cufina forza di ddocu nzèmmula e n tuttuna Cugghiemu senza abbentu la racina Rit

21 A la vigna Amuri amuri Cci veni a la vigna? Ca ricca di raçina è la campagna Lu vigneti accumenza la vinnigna Ca è ntra lu cori nalligrizza magna O picciutteddi, vinìticci alla vigna Ca duci la vinnigna Lamuri vi la fa La, fà, la,fa,la,fa Lamuri vi la fa

22 Cari picciotti schietti, rusìddi spampanati Tagghiati, vignignati la me raçina è ccà! E ccà, è ccà, dintra lu pettu sta! Rrappuzza mia dinzolia, ssi dduci dduci duci Amuri ora ti pigghiu e comu bbabbaluci Ti sucu,sucu,sucu la la la la Picciutteddu nicareddu racinedda zzuccaredda Cu ti cogghi, cu ti spremi Cu ti mangia murirà E lamuri è chistu ccà Nun si sapi soccu fa

23 GLI ALUNNI DELLE CLASSI V A- B ELEMENTARE E GLI ALUNNI DELLE CLASSI I e II A - C - D DELLA SCUOLA MEDIA ED INOLTRE LA SIG.RA FRANCESCA ADRAGNA E LASSOCIAZIONE PER LA TUTELA DELLE TRADIZIONI POPOLARI DEL TRAPANESE ED IL DIRETTORE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI PACECO PROF. BARBATA ALBERTO SI RINGRAZIANO


Scaricare ppt "ISTITUTO COMPRENSIVO G. PAGOTO ERICE ANNO SCOLASTICO 2001-2002 A SCUOLA DI DIALETTO."

Presentazioni simili


Annunci Google