La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto realizzato dalla classe: 2^ Igea A Anno scolastico: 2005/2006 Docenti: LILIANA CRAVEDI - MARCO PASCUCCI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto realizzato dalla classe: 2^ Igea A Anno scolastico: 2005/2006 Docenti: LILIANA CRAVEDI - MARCO PASCUCCI."— Transcript della presentazione:

1

2 Progetto realizzato dalla classe: 2^ Igea A Anno scolastico: 2005/2006 Docenti: LILIANA CRAVEDI - MARCO PASCUCCI

3 GLI ALIMENTI: ANORESSIA & BULIMIA LALIMENTAZIONE NELLO SPORT SALI MINERALI – VITAMINE - ACQUA LIPIDI – CARBOIDRATI - PROTEINE

4

5 Questo fragile corpo matrice della mente e dellanima….

6 Analizziamo i due disturbi alimentari

7 COSE LANORESSIA? SINTOMI CONSEGUENZE COME CAPIRE SE UNA PERSONA E ANORESSICA TEST IL TUO PESO IDEALE: CON UN CALCOLO VAI A BULIMIAScegli un altro progetto

8 Anoressia significa letteralmente senza appetito. In realtà è qualcosa di più grave: le persone anoressiche smettono di mangiare perché provano una repulsione ossessiva nei confronti del cibo

9 perdita del peso di 25% o più grande intolleranza fredda costipazione periodo mestruale assente atrofia muscolo-scheletrica perdita del tessuto grasso pressione sanguigna bassa cavità dentali pelle macchiata o gialla capelli asciutti, perdita dei capelli depressione

10 Ecco le conseguenze sotto laspetto clinico: iperattività nel comportamento della persona gonfiori e dolori addominali a causa delleccessivo dimagrimento sensazione di freddo, soprattutto allestremità riduzione del ritmo cardiaco pressione sanguigna molto bassa (sia la massima che la minima) funzionamento rallentante di tutti gli organi della digestione perdita del ciclo mestruale, caduta di capelli, emorragie esterne, pelle giallastra e secca

11 COME CAPIRE SE UNA PERSONA È ANORESSICA… 1.Paura di ingrassare: intensa paura di acquistare peso o diventare grassi 2.Severa perdita di peso: tutte le persone affette da anoressia devono essere sottopeso 3.Preoccupazione per il peso e le forme del corpo: insoddisfazione del proprio peso e del proprio corpo, basando la proprio autostima su quello che dice la bilancia 4. Amenorrea: mancanza di almeno 3 cicli mestruali consecutivi

12 Prendete il vostro peso in chilogrammi. Dividetelo per la vostra altezza espressa in metri e moltiplicata al quadrato. Il risultato sarà il vostro IMC. La formula è: Peso kg / Altezza (m 2 ) Si considera normale un IMC compreso tra 18,5 e 24,9. Un IMC inferiore a 18,5 indica sottopeso, un IMC compreso tra 25 e 29,9 indica soprappeso, mentre un IMC superiore a 30 indica obesità.

13 TEST SOLUZIONI

14 Se hai risposto si ad almeno tre domande puoi aver bisogno di una consulenza psicologica. Se hai risposto no a tutte le domande significa che per te il cibo è indispensabile Se hai risposto si a una o a due domande non farti influenzare dalle mode o dagli altri sei bello/a cosi come sei.

15 BULIMIA COSE LA BULIMIA FATTORI E CONSEGUENZE DELLA BULIMIA LE COMPONENTI DELLA BULIMIA TUTTO INIZIA DA…… LA FAMIGLIA E LA BULIMIA VAI ANORESSIA Scegli un altro progetto

16 La bulimia è la cosiddetta fame da bue. Detto in poche parole, una persona bulimica mangia in quantità smisurata e poi, sentendosi in colpa, cerca di eliminare ciò che ha ingerito. Ciò può avvenire con il vomito autoindotto, luso di lassativi, diuretici e altri farmaci.

17 mantenimento del peso al di sotto di quello normale in modo volontario e con notevoli sforzi da parte del soggetto, intensa paura di aumentare di peso e di perdere il controllo la forma del corpo, la distribuzione del grasso diventano la fonte primaria del loro stato di inquietudine assenza di almeno 3 cicli mestruali consecutivi (amenorrea) dovuti al sottopeso

18 La maggior parte dei casi di bulimia si verifica in famiglie dove la comunicazione genitori – figli e difficile, dove vi è la presenza di madri troppo possessive e di padri assenti. Le conseguenze della bulimia sono: senso di sconforto che può portare a rinunciare ai propri progetti, a isolarsi dai coetanei, il difficile controllo del peso, lutilizzo esagerato e continuo di lassativi e diuretici continue abbuffate di cibo

19 La bulimia ha 3 componenti fondamentali: componente comportamentale: comportamento alimentare e compensatorio componente cognitiva: modo in cui le bulimiche pensano a se stesse e al loro mondo componente emotiva: modo in cui le bulimiche gestiscono le proprie emozioni

20 I fattori che favoriscono lapparire di questa malattia sono la preoccupazione ossessiva di ingrassare associata ad una percezione distorta del proprio fisico. In molti casi è estremamente difficile guarire da queste situazioni morbose.


Scaricare ppt "Progetto realizzato dalla classe: 2^ Igea A Anno scolastico: 2005/2006 Docenti: LILIANA CRAVEDI - MARCO PASCUCCI."

Presentazioni simili


Annunci Google