La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disturbi del Comportamento Alimentare. Anoressia nervosa e Bulimia Emilio Franzoni U.O. Neuropsichiatria Infantile Centro Regionale per i Disturbi del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disturbi del Comportamento Alimentare. Anoressia nervosa e Bulimia Emilio Franzoni U.O. Neuropsichiatria Infantile Centro Regionale per i Disturbi del."— Transcript della presentazione:

1

2 Disturbi del Comportamento Alimentare. Anoressia nervosa e Bulimia Emilio Franzoni U.O. Neuropsichiatria Infantile Centro Regionale per i Disturbi del Comportamento Alimentare in età evolutiva Policlinico S. Orsola-Malpighi dellUniversità di Bologna

3 DCA in Età Evolutiva I Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) sono condizioni estremamente complesse, che hanno radici profonde in situazioni psicologiche, biologiche e sociali.

4 DCA in Età Evolutiva Definite come patologie dello sviluppo, piuttosto che solo mentali, si distribuiscono lungo un continuum assumendo caratteristiche differenti nelle diverse fasce di età.

5 Epidemiologia Prevalenza : 0,3% anoressia nervosa; 1% bulimia nervosa; 6% disturbi dellalimentazione non altrimenti specificati (EDNOS - Eating Disorder Not Otherwise Specified).

6 Epidemiologia (2) Il sesso femminile è rappresentato per il % circa della popolazione, dovendosi registrare un aumento di quello maschile negli ultimi anni.

7 Epidemiologia (3) Esordiscono prevalentemente nella prima e seconda infanzia il disturbo Pica, il disturbo di Ruminazione e il Disturbo della Nutrizione dellInfanzia o della Prima Fanciullezza

8 Epidemiologia (4) Esordiscono prevalentemente in età adolescenziale lAnoressia Nervosa (AN), la Bulimia Nervosa (BN) la Bulimia Nervosa (BN) e i Disturbi dellAlimentazione Non Altrimenti Specificati

9 Epidemiologia (5) Recenti segnalazioni: abbassamento della soglia dinsorgenza di tutti i DCA, con la comparsa sempre più frequentemente del disturbo in età prepubere, dove la differenza di sesso è certamente molto meno significativa. abbassamento della soglia dinsorgenza di tutti i DCA, con la comparsa sempre più frequentemente del disturbo in età prepubere, dove la differenza di sesso è certamente molto meno significativa.

10 Epidemiologia (6) Infatti, nella valutazione delle diverse fasce di età, un comportamento anoressico è già sicuramente osservabile nel corso della prima infanzia (0-3 anni) mentre un comportamento a tipo binge eating è invece riscontrabile dalla terza infanzia (6-10 anni).

11 Epidemiologia (7) aumento dellincidenza dellobesità; aumento dellincidenza dellobesità; in realtà sembra che circa il 30% di essa potrebbe essere un vero e proprio disturbo del comportamento alimentare, del tipo alimentazione incontrollata. in realtà sembra che circa il 30% di essa potrebbe essere un vero e proprio disturbo del comportamento alimentare, del tipo alimentazione incontrollata.

12 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Anoressia Nervosa Rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per letà e statura. Rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per letà e statura. Intensa paura di acquistare peso o di diventare grassi, anche quando si è sottopeso. Intensa paura di acquistare peso o di diventare grassi, anche quando si è sottopeso. Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso o la forma del corpo, o eccessiva influenza del peso e della forma del corpo sui livelli di autostima, o rifiuto di ammettere la gravità della attuale condizione di sottopeso. Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso o la forma del corpo, o eccessiva influenza del peso e della forma del corpo sui livelli di autostima, o rifiuto di ammettere la gravità della attuale condizione di sottopeso. Nelle femmine dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno 3 cicli mestruali consecutivi. Nelle femmine dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno 3 cicli mestruali consecutivi.

13 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Anoressia Nervosa (2) Specificare il sottotipo Con restrizioni: nellepisodio attuale di Anoressia Nervosa il soggetto non ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione Con restrizioni: nellepisodio attuale di Anoressia Nervosa il soggetto non ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione Con abbuffate/Condotte di Eliminazione: nellepisodio attuale di Anoressia Nervosa il soggetto ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione. Con abbuffate/Condotte di Eliminazione: nellepisodio attuale di Anoressia Nervosa il soggetto ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione.

14 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Criteri Diagnostici D.S.M. IV Bulimia Nervosa Recurrent abbuffate. Una abbuffata e caratterizata da entrambi i seguenti punti: Mangiare in un definito periodo d tempo (ad es. 2 ore), una quantita di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo ed in circostanze simili Sensazione di perdere il controllo durante lepisodio (ad es. Sensazione di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quando si sta mangiando). Ricorrenti ed inappropriate condotte compensatorie per prevenire laumento di peso, come vomito autoindotto, abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci, digiuno o eccessivo esercizio fisico.

15 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Criteri Diagnostici D.S.M. IV Bulimia Nervosa (2) Le abbuffate e le condotte compensatorie si verificano entrambe in media almeno 2 volte alla settimana, per 3 mesi. I livelli di autostima sono indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporei. Lalterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di Anoressia Nervosa. Specificare il sottotipo Con condotte di eliminazione. Senza condotte di eliminazione

16 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Criteri Diagnostici D.S.M. IV Disturbi dellAlimentazione Non Altrimenti Specificati La categoria Disturbi dellAlimentazione Non Altrimenti Specificati include quei disturbi dellalimentazione che non soddisfano i criteri di nessuno specifico Disturbo della Alimentazione. Gli esempi includono: Per il sesso femminile, tutti i criteri dellAnoressia Nervosa in presenza di un ciclo mestruale regolare. Tutti i criteri del lAnoressia Nervosa sono soddisfatti e, malgrado la significativa perdita di peso, il peso attuale risulta nei limiti della norma. Tutti i criteri della Bulimia Nervosa risultano soddisfatti, tranne il fatto che le abbuffate e le condotte compensatorie hanno una frequenza inferiore a 2 episodi per settimana per 3 mesi. Un soggetto di peso normale che si dedica regolarmente ad inappropriate condotte compensatorie dopo aver ingerito piccole quantità di cibo. Il soggetto ripetutamente mastica e sputa, senza deglutire, grandi quantità di cibo. Disturbo da Alimentazione Incontrollata: ricorrenti episodi di abbuffate in assenza di uso regolare di condotte compensatorie inappropriate tipiche della Bulimia Nervosa.

17 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Criteri Diagnostici D.S.M. IV Pica Persistente ingestione di sostanze non alimentari per un periodo di almeno 1 mese. Lingestione di sostanze non alimentari è inappropriata rispetto al livello di sviluppo. Il comportamento di ingestione non fa parte di una pratica culturalmente sancita. Se il comportamento di ingestione si manifesta esclusivamente durante il decorso di un altro disturbo, è sufficientemente grave da giustificare di per sé attenzione clinica.

18 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Disturbo di Ruminazione Ripetuto rigurgito e rimasticazione del cibo per un periodo di almeno 1 mese dopo un periodo di funzionamento normale. Ripetuto rigurgito e rimasticazione del cibo per un periodo di almeno 1 mese dopo un periodo di funzionamento normale. Il comportamento non è dovuto ad una condizione gastrointestinale associata o ad altra condizione medica generale (per es. reflusso esofageo). Il comportamento non è dovuto ad una condizione gastrointestinale associata o ad altra condizione medica generale (per es. reflusso esofageo). Il comportamento non si manifesta esclusivamente durante il decorso di Anoressia Nervosa o di Bulimia Nervosa. Se i sintomi si manifestano esclusivamente durante il decorso di Ritardo Mentale o di un Disturbo Generalizzato dello Sviluppo, sono sufficientemente gravi da giustificare di per sé attenzione clinica. Il comportamento non si manifesta esclusivamente durante il decorso di Anoressia Nervosa o di Bulimia Nervosa. Se i sintomi si manifestano esclusivamente durante il decorso di Ritardo Mentale o di un Disturbo Generalizzato dello Sviluppo, sono sufficientemente gravi da giustificare di per sé attenzione clinica.

19 Criteri Diagnostici D.S.M. IV Disturbo della Nutrizione dellInfanzia o della prima fanciullezza Anomalia della nutrizione che si manifesta attraverso una persistente incapacità di alimentarsi adeguatamente con significativa incapacità di aumentare di peso o significativa perdita di peso durante un periodo di almeno 1 mese Anomalia della nutrizione che si manifesta attraverso una persistente incapacità di alimentarsi adeguatamente con significativa incapacità di aumentare di peso o significativa perdita di peso durante un periodo di almeno 1 mese Lanomalia non è dovuta ad una condizione gastrointestinale associata o ad unaltra condizione medica generale (per es., reflusso gastroesofageo) Lanomalia non è dovuta ad una condizione gastrointestinale associata o ad unaltra condizione medica generale (per es., reflusso gastroesofageo) Lanomalia non è meglio attribuibile ad un altro disturbo mentale (per es., Disturbo di Ruminazione) o a mancata disponibilità di cibo Lanomalia non è meglio attribuibile ad un altro disturbo mentale (per es., Disturbo di Ruminazione) o a mancata disponibilità di cibo Lesordio è prima dei 6 anni di età. Lesordio è prima dei 6 anni di età.

20 Inquadramento DCA nellInfanzia I disturbi alimentari nellinfanzia comprendono una varietà di problemi specifici con eziologie ed esiti diversi In genere si stima che: il 25% dei bambini con un normale sviluppo psicofisico ed il 35% in bambini con una difficoltà di sviluppo possono presentare un problema alimentare I DATI EPISTEMOLOGICI che riguardano i disturbi gravi indicano una prevalenza del 5-10% nei primi quindici mesi di età

21 Continuità Clinica DCA Clinici e ricercatori hanno sottolineato quanto levoluzione dei dist. alimentari infantili (in termini di continuità temporale e tendenza a persistere) rappresentino fattori di rischio per lo sviluppo di ulteriori dist. evolutivi: Clinici e ricercatori hanno sottolineato quanto levoluzione dei dist. alimentari infantili (in termini di continuità temporale e tendenza a persistere) rappresentino fattori di rischio per lo sviluppo di ulteriori dist. evolutivi: lo scarso appetito ed il rifiuto selettivo del cibo, ad esempio, possono essere predittivi di un disturbo alimentare futuro

22 Tra le più recenti classificazioni diagnostiche possiamo trovare: Anoressia Nervosa : rifiuto ad alimentarsi, distorsioni cognitive e preoccupazione eccessiva per il peso Bulimia Nervosa : abbuffate e condotte eliminatorie senza controllo Disturbo Emotivo di Rifiuto del Cibo (Food Avoidance Emotional Disorder FAED): rifiuto del cibo associato ad un disturbo dellumore senza distorsioni cognitive e preoccupazione per il peso Alimentazione Selettiva : forte selettività e rifiuto di nuovi alimenti in assenza di distorsioni cognitive e aspetti fobici Disfagia Funzionale : evitamento del cibo associato alla paura del soffocamento o vomito senza distorsioni cognitive Rifiuto Pervasivo : rifiuto totale di alimentarsi e prendersi cura di sé 4. Lask, Bryant-Waugh (2000)

23 5. Chatoor (2002) Disturbo alimentare dellomeostasi (esordio 0-3 mesi) : il bambino fatica a raggiungere e mantenere uno stato di calma per mangiare Disturbo alimentare dellattaccamento (2-8 mesi) : assenza di adeguata reciprocità durante lalimentazione con il caregiver Anoressia infantile (6 mesi - 3 anni): rifiuto di una adeguata quantità di cibo e essenza di interesse per lo stesso Avversione sensoriale al cibo: rifiuto di mangiar specifici cibi con certi odori, gusti, consistenza e colori Disturbo alimentare post traumatico Disturbo associato ad una concomitante condizione medica

24 Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Disturbo Emotivo di Rifiuto del Cibo (Food Avoidance Emotional Disorder - FAED) Alimentazione Selettiva Disfagia Funzionale Rifiuto Pervasivo Criteri diagnostici in età prepuberale (GOS – Bryant-Waugh, 1995)

25 Criteri diagnostici in età prepuberale (GOS – Bryant-Waugh, 1995) Anoressia Nervosa Perdita di peso, dovuta a rifiuto di alimentarsi, vomito autoindotto, eccessivo esercizio fisico, abuso di lassativi. Distorsioni cognitive riguardo al peso e/o alla forma del corpo. Eccessiva preoccupazione per il peso e/o la forma del corpo.

26 Criteri diagnostici in età prepuberale (GOS – Bryant-Waugh, 1995) Bulimia Nervosa Episodi di abbuffate e di pratiche di svuotamento. Perdita di controllo. Preoccupazione morbosa per il peso e/o la forma del corpo. Distorsioni cognitive riguardo al peso e/o alla forma del corpo.

27 Criteri diagnostici in età prepuberale (GOS – Bryant-Waugh, 1995) Disturbo Emotivo di Rifiuto del Cibo (Food Avoidance Emotional Disorder - FAED) Rifiuto del cibo, che non dipende da un primitivo rifiuto affettivo. Perdita di peso. Disturbo dellumore, che non soddisfa i criteri per la diagnosi di disturbo affettivo primitivo. Assenza di preoccupazione morbosa per il peso e/o la forma del corpo. Assenza di malattie organiche o di psicosi.

28 Criteri diagnostici in età prepuberale (GOS – Bryant-Waugh, 1995) Alimentazione Selettiva Ristretta scelta dei cibi per almeno due anni. Rifiuto a provare nuovi alimenti. Assenza di distorsioni cognitive riguardo al peso e/o alla forma del corpo. Assenza di paura di soffocamento o di vomito. Peso del corpo basso, normale o alto.

29 Corpo come Capro Espiatorio Il paziente anoressico, non essendo in grado di sperimentare il suo potere nel rapporto interpersonale, lo fa in modo drammatico con il proprio corpo: lemaciazione diventa allora lespressione sintomatica della ricerca di potere e sicurezza Necessità che il clinico si soffermi sul significato del disagio relazionale sottostante il sintomo

30 Ruolo del Padre nello Sviluppo del Bambino oggetto presente e collaborativo, capace damore oggetto presente e collaborativo, capace damore oggetto assente fisicamente ed emotivamente oggetto assente fisicamente ed emotivamente oggetto sadico, inaffidabile e irresponsabile nei confronti della nuova coppia madre-bambino oggetto sadico, inaffidabile e irresponsabile nei confronti della nuova coppia madre-bambino il padre entra indirettamente nella relazione del figlio con la madre, passando per la realtà psichica di questultima, come elemento del suo mondo interno Il rapporto del neonato con la madre è influenzato dai sentimenti che la stessa nutre per il padre come:


Scaricare ppt "Disturbi del Comportamento Alimentare. Anoressia nervosa e Bulimia Emilio Franzoni U.O. Neuropsichiatria Infantile Centro Regionale per i Disturbi del."

Presentazioni simili


Annunci Google