La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laura Salvaneschi Banca del Sangue Placentare di Pavia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laura Salvaneschi Banca del Sangue Placentare di Pavia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia."— Transcript della presentazione:

1 Laura Salvaneschi Banca del Sangue Placentare di Pavia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia MANTOVA 14 GIUGNO 2013 Banche del sangue da cordone ombelicale: normativa ed organizzazione regionale

2 Riferimenti legislativi e normativi Accordo 10 luglio 2003 sul documento recante: Linee-guida in tema di raccolta, manipolazione e impiego clinico delle cellule staminali emopoietiche (CSE), Repertorio Atti n del 10 luglio 2003 Accordo 23 settembre 2004 sul documento recante Linee- guida sulle modalità di disciplina delle attività di reperimento, trattamento, conservazione e distribuzione di cellule e tessuti umani a scopo di trapianto, in attuazione dellart. 15, comma 1 della legge 1° aprile 1999, n. 91. Legge Regionale 8 febbraio 2005 V Piano Sangue e Plasma della Regione Lombardia per gli anni DGR n. VII/18653 del DGR n. VII/18653 del : Programma regionale per la raccolta, caratterizzazione, crioconservazione, distribuzione e studio delle cellule staminali placentari: istituzione della banca regionale per la conservazione di sangue da cordone ombelicale Decreto 3 marzo 2005 Protocolli per laccertamento dellidoneità del donatore di sangue e di emocomponenti, Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti

3 DECRETO LEGISLATIVO 6 Novembre 2007, n. 191 Attuazione della direttiva 2004/23/CE sulla definizione delle norme di qualità e di sicurezza per la donazione, l'approvvigionamento, il controllo, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani. DECRETO LEGISLATIVO 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualità e di sicurezza per la raccolta, il controllo, la lavorazione, la conservazione e la distribuzione del sangue umano e dei suoi componenti Decreto 18 novembre 2009 Decreto 18 novembre 2009 Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue del cordone ombelicale DECRETO 18 novembre 2009 DECRETO 18 novembre 2009 Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo- dedicato ACCORDO 29 ottobre 2009 ACCORDO 29 ottobre 2009 Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici minimi per lesercizio delle attività sanitarie delle banche del sangue del cordone ombelicale DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 16 DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 16 Attuazione delle direttive 2006/17/CE e 2006/86/CE, che attuano la direttiva 2004/23/CE per quanto riguarda le prescrizioni tecniche per la donazione, l'approvvigionamento e il controllo di tessuti e cellule umani, nonché per quanto riguarda le prescrizioni in tema di rintracciabilità, la notifica di reazioni ed eventi avversi gravi e determinate prescrizioni tecniche per la codifica, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani. ACCORDO 20 aprile 2011 ACCORDO 20 aprile 2011 Accordo, ai sensi dell'articolo 6, comma 1, del decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 191, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante: «Linee guida per l'accreditamento delle Banche di sangue da cordone ombelicale».

4 Decreto 18 novembre 2009 "Istituzione di una rete nazionale di banche per la conservazione di sangue da cordone ombelicale 1. Le strutture regionali di coordinamento per le attività trasfusionali svolgono, in raccordo con il Centro nazionale sangue, funzioni di coordinamento per le attività di donazione, raccolta e conservazione del sangue da cordone ombelicale.

5 PRINCIPI FONDAMENTALI per la donazione di sangue cordonale è VOLONTARIA è ANONIMA TUTELA il donatore SICURA (dal punto di vista infettivo e genetica ) ESTRANEA ad interessi economici e commerciali IO DONO !

6

7 The Pavia Cord Blood Bank: 13 fixed Collection Facilities

8 Accordo, ai sensi dell'articolo 6, comma 1, del decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 191, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento recante : "Linee guida per l'accreditamento delle Banche di sangue da cordone ombelicale". 20 aprile La Banca, in coerenza con la legge 21 ottobre 2005 n. 219 e fatte salve le situazioni esistenti, è una articolazione organizzativa del Servizio trasfusionale II Direttore del Servizio trasfusionale, presso cui insiste la Banca, fatte salve le situazioni di afferenza esistenti, sovrintende alle attività della Banca ed è responsabile della sua organizzazione complessiva Il responsabile della Banca ha in capo la responsabilità dell'organizzazione operativa della Banca stessa; esso è in possesso dei requisiti previsti dalle disposizioni normative vigenti in materia. Ove il responsabile sia un laureato non medico, il Direttore del Servizio trasfusionale, fatte salve le situazioni di afferenza esistenti, individua il medico responsabile degli aspetti clinici relativi alle attività della Banca stessa.

9 Decreto 18 novembre 2009 "Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo - dedicato" Il trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche da sangue del cordone ombelicale in campo terapeutico si è rivelato prezioso per la cura di diverse malattie quali leucemie, linfomi, talassemie e alcune gravi carenze del sistema immunitario Il mondo scientifico internazionale è impegnato ad esplorare altri possibili orizzonti che aprano a nuovi percorsi terapeutici limpiego di cellule staminali da sangue cordonale Nonostante le informazioni diffuse dai mass media promuoventi la conservazione del sangue cordonale per un possibile futuro uso autologo, questa è gravata di rilevanti incertezze riferibili a: Nonostante le informazioni diffuse dai mass media promuoventi la conservazione del sangue cordonale per un possibile futuro uso autologo, questa è gravata di rilevanti incertezze riferibili a: – Capacità di soddisfare esigenze terapeutiche attuali e future – Mancanza di Protocolli terapeutici specifici Protocolli terapeutici specifici Dati scientifici Dati scientifici – Mantenimento della funzionalità cellulare per decenni – Affidabilità dei programmi di conservazione prolungata nel tempo

10 Decreto 18 novembre 2009 "Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo - dedicato" Art La conservazione del sangue da cordone ombelicale rappresenta un interesse primario per il Servizio sanitario nazionale ed è consentita esclusivamente presso le strutture pubbliche ad essa dedicate. 2. Il Servizio sanitario nazionale garantisce altresì la ricerca ed il reperimento di cellule staminali emopoietiche, ivi incluse quelle da sangue del cordone ombelicale, a scopo di trapianto allogenico presso registri e banche nazionali ed estere.

11 Sedi di trapianto di 56 unità di CB related cedute nel periodo PV-02: 49 RM-04: 7

12 Collections (n =179) 1.Pavia 2.Fixed collection sites 3.Non fixed collection sites % 8 4% 51 28% Diagnosis malignancies (leukaemia/lymphoma) haemoglobinophaties Fanconi A., Blackfan-Diamond A., neuroblastoma 71 40% 63 35% 45 25% HLA identical 67 37% Transplanted (83%) 56 31% The Pavia Cord Blood Bank: 56 directed CB units transplanted in siblings

13 Pavia Cord Blood Bank Unità SCO criopreservate al 31 dicembre 2012, suddivise per anno

14 Pavia Cord Blood Bank 155 unità SCO unrelated cedute per trapianto dal 1°luglio 2003 al 31 dicembre 2012

15 Pavia Cord Blood Bank Paesi di destinazione: percentuale delle 155 unità SCO unrelated cedute dal 1° luglio 2003 al 31 dicembre 2012

16 Decreto 18 novembre 2009 La del sangue da cordone ombelicale rappresenta un interesse primario per il Servizio sanitario nazionale ed è consentita esclusivamente presso le ad essa dedicate. La conservazione del sangue da cordone ombelicale rappresenta un interesse primario per il Servizio sanitario nazionale ed è consentita esclusivamente presso le strutture pubbliche ad essa dedicate. È consentita la conservazione di sangue da cordone ombelicale per al neonato con patologia in atto al momento della nascita o evidenziata in epoca prenatale, o per uso dedicato a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta o pregressa, per la quale risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato lutilizzo di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico sanitaria È consentita la conservazione di sangue da cordone ombelicale per uso dedicato al neonato con patologia in atto al momento della nascita o evidenziata in epoca prenatale, o per uso dedicato a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta o pregressa, per la quale risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato lutilizzo di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico sanitaria

17 Decreto 18 novembre 2009 È altresì consentita la conservazione di sangue da cordone ombelicale per uso dedicato nel caso di famiglie a rischio di avere figli affetti da per le quali risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato lutilizzo di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico sanitaria rilasciata da parte di un medico specialista nel relativo ambito clinico. È altresì consentita la conservazione di sangue da cordone ombelicale per uso dedicato nel caso di famiglie a rischio di avere figli affetti da malattie geneticamente determinate per le quali risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato lutilizzo di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico sanitaria rilasciata da parte di un medico specialista nel relativo ambito clinico. La conservazione di sangue da cordone ombelicale è autorizzata dal responsabile della struttura deputata alla conservazione del sangue cordonale (Banca) e non comporta oneri a carico dei richiedenti. La conservazione di sangue da cordone ombelicale è autorizzata dal responsabile della struttura deputata alla conservazione del sangue cordonale (Banca) e non comporta oneri a carico dei richiedenti.

18

19 Indicazioni cliniche per le quali è consolidato luso per il trapianto di cellule staminali ematopoietiche, con comprovata documentazione di efficacia, per le quali è opportuna la raccolta dedicata di sangue cordonale Lelenco viene periodicamente aggiornato, sulla base delle indicazioni fornite dal Centro nazionale trapianti di concerto con il Centro Nazionale Sangue, sentite le società scientifiche di settore e gruppi tecnici nazionali ed internazionali

20 Decreto 18 novembre 2009 Art.2 8. Non è consentita la conservazione del sangue cordonale ad uso personale per finalità diverse da quelle previste ai commi 2, 3 e 7 del presente articolo. 9. È autorizzata lesportazione di campioni di sangue da cordone ombelicale per uso personale ai fini della loro conservazione presso banche operanti allestero secondo quanto previsto dallordinanza ministeriale del 26 febbraio Pronunciazione di società scientifiche: Royal College of Gynecologists American Association of Paediatrics non è etico, non è scientificamente provato

21

22 SIMTI_RIMINI_2008 Sangue placentare e Servizi di Medicina Trasfusionale La cultura dellinformazione corretta e della diffusione di messaggi solidaristici è parte integrante del mondo trasfusionale, impegnato nel mantenimento e nellincremento del numero dei donatori di sangue ed emocomponenti. Le campagne per la divulgazione della donazione del sangue placentare possono essere agevolmente intraprese dai Servizi di Medicina Trasfusionale, in collaborazione con le Associazioni del Volontariato del settore, i Medici di base, i Consultori materno-infantili, le Ostetriche dei Corsi preparatori al parto.

23 SIMTI_RIMINI_2008 La definizione dellidoneità alla donazione del sangue placentare Una dettagliata storia materna rappresenta un efficace strumento di screening del sangue placentare per malattie infettive ed ereditarie, potenzialmente trasmissibili al ricevente. Lanamnesi si rivolge anche al padre e alla fratria del nascituro. Per eseguire unanamnesi completa, si ricorre ai questionari in uso per la selezione dei donatori di sangue e di emocomponenti e ci si riferisce allelenco delle maggiori controindicazioni alla donazione di sangue placentare. Questa attività rientra appieno nello spirito e nella lettera della legislazione italiana vigente in materia trasfusionale e può essere utilmente svolta nellambulatorio dei Servizi e delle articolazioni trasfusionali diffusamente presenti in tutto il Paese, anche se decentrati rispetto alla sede della Banca.

24 SIMTI_RIMINI_2008 Percorso per la definizione dellidoneità alla donazione di sangue placentare QUESTIONARIO PER LIDONEITA DELLA DONATRICE DI SANGUE PLACENTARE (modificato da DM ) ARRUOLAMENTO DELLA DONATRICE ELENCO DELLE CONTROINDICAZIONI ALLA DONAZIONE DI SANGUE PLACENTARE CONSENSO INFORMATO CRITERI DI ESCLUSIONE OSTETRICI (materni e neonatali) MODULO DI RACCOLTA VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE A 6-12 MESI DALLA DONAZIONE Network Italiano delle Banche di Sangue Placentare

25 Lobiettivo è: garantire la migliore donazione per limpiego clinico

26 Grazie per lattenzione Grazie ai Collaboratori della Pavia Cord Blood Bank Paola Bergamaschi Andrea Marchesi Valeria Genovese Carla Badulli Ilaria Sbarsi Annamaria Pasi Marco Guarene e Miryam Martinetti


Scaricare ppt "Laura Salvaneschi Banca del Sangue Placentare di Pavia Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia."

Presentazioni simili


Annunci Google