La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STAGIONE SPORTIVA 2013/2014 CONSIGLI PRATICI PER LA FORMAZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DELLORGANO TECNICO SEZIONALE DELLORGANO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STAGIONE SPORTIVA 2013/2014 CONSIGLI PRATICI PER LA FORMAZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DELLORGANO TECNICO SEZIONALE DELLORGANO."— Transcript della presentazione:

1 STAGIONE SPORTIVA 2013/2014 CONSIGLI PRATICI PER LA FORMAZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DELLORGANO TECNICO SEZIONALE DELLORGANO TECNICO SEZIONALE 1

2 2 Presentarsi al campo di gioco: - con congruo anticipo (minimo 60 minuti prima); - vestiti in maniera adeguata; - con la borsa sezionale (non una borsa qualsiasi) La camminata e la stretta di mano con i dirigenti sono fondamentali per far intuire agli altri che persona e che personalità hanno di fronte; fanno si che le persone che vi accolgono pensino: oggi non si scherza, larbitro di oggi cè!!! Il nostro biglietto da visita:

3 Concentrazione Nellidentificazione di calciatori oggetto di provvedimenti disciplinari, possono accadere errori a causa di mancata concentrazione o per essere troppo frettolosi, di conseguenza si ricorda agli arbitri di rispettare i principi base quando notificano sanzioni disciplinari: – Isolare ed identificare il calciatore; – Tutti gli ufficiali di gara devono fare attenzione allidentità del calciatore e devono controllare se il calciatore è già stato ammonito; – Solamente dopo il gioco può essere ripreso. 3

4 Approccio Tattico E SCONTATA una preparazione fisica ottimale. La prestazione PASSA attraverso una capacità di leggere la gara nella sua tatticità. La conoscenza delle tattiche consente di ridurre quel vuoto tra lo sviluppo dellazione e la reazione dellarbitro per andare a posizionarsi ed a muoversi adeguatamente. 4

5 Infortuni La Regola 5 stabilisce che larbitro ha il potere di interrompere il gioco se, a suo giudizio, un calciatore si è infortunato in modo serio. Ma, anche, che deve permettere al gioco di continuare, se a suo giudizio il calciatore si è infortunato in maniera lieve. Il calciatore soccorso deve abbandonare il terreno di gioco e potrà farvi rientro solo dopo la ripresa del gioco, previo assenso dellarbitro. QUALI ALTRE PRECAUZIONI SONO NECESSARIE? 5

6 Contrasti Irregolari con Braccia/Gomiti Allutilizzo improprio di braccia e gomiti in elevazione non sempre è data attenzione e non sempre è adeguatamente punito. Si ricorda che: - Contatto casuale senza intensità che non determina alcuna conseguenza allavversario: calcio di punizione; - Contatto casuale (ma colposo) la cui intensità a causa della incuranza determina o può determinare conseguenze : calcio di punizione con ammonizione; - Contatto volontario: calcio di punizione con espulsione (condotta violenta) 6

7 Simulazione Prendere consapevolezza che la simulazione può accadere dovunque sul terreno di gioco. LIFAB richiama fortemente il mondo del calcio affinchè in maniera compatta,vi sia una ferma condanna ai simulatori le cui azioni mirano ad ingannare e calpestano i principi basilari del fair-play. Altri esempi di non rispetto del fair-play??? 7

8 La distanza sul Calcio di Punizione Larbitro deve accertarsi che il pallone sia posto nella posizione corretta e deve dire chiaramente al calciatore, in caso di richiesta della distanza da parte della squadra attaccante, di attendere un suo segnale. Prima di portare i calciatori alla distanza di 9.15 mt è essenziale che tutti loro siano allontanati dalla zona dove è accaduta linfrazione. 8

9 Calci di Punizione Qualsiasi calciatore che si rifiuta di indietreggiare alla distanza richiesta deve essere ammonito; Larbitro deve assicurare,una volta che il pallone è posto nella posizione corretta, che non sia spostato; Massima attenzione deve essere prestata ai calciatori difendenti che non rispettano la distanza; Se linfrazione accade durante leffettuazione di un calcio di punizione ed una rete non è stata segnata, il calcio di punizione deve essere ripetuto ed il calciatore colpevole ammonito. 9

10 Vantaggio Da ridimensionare il lasciare giocare ad ogni costo. Il messaggio da trasmettere è : Vantaggio = concreta utilità Da non confondere la capacità di selezionare e lasciare scorrere il gioco in presenza di fondamentali presupposti. Non bisogna nascondere dietro a finti vantaggi le nostre incertezze nel rilevare alcuni falli. 10

11 Fallo tattico E il fallo antisportivo per eccellenza che viene messo in atto dai difensori per ritardare od annullare lazione offensiva avversaria attraverso un contrasto irregolare (trattenuta, spinta, sgambetto, cioè contatto fisico). Viene utilizzato per interrompere sistematicamente le ripartenze del gioco. Far seguire al provvedimento tecnico quello disciplinare di ammonizione. 11

12 Falli di mano Sanzioni tecniche e disciplinari : Quando priva la squadra avversaria di una rete o dellevidente opportunità di segnarla: calcio di punizione diretto o di rigore ed espulsione; Impedisce lo sviluppo di una importante azione di gioco a prescindere dal punto del terreno di gioco dove si è verificato o interrompe la linea di passaggio tra due compagni o un auto passaggio: calcio di punizione diretto o di rigore ed ammonizione; (altro caso????) in tutti gli altri casi solo provvedimento tecnico : calcio di punizione diretto o di rigore. 12

13 Chiara opportunità di segnare una rete Racchiuse nellespressione condotta gravemente sleale, la Regola 12 prevede due diverse infrazioni punibili con lespulsione del calciatore che: a)impedisce alla squadra avversaria, toccando intenzionalmente il pallone con le mani : La segnatura di una rete; Unevidente occasione di segnare una rete. b)impedisce ad un calciatore avversario che si dirige verso la porta avversaria, mediante uninfrazione punibile con un calcio di punizione diretto o di rigore, una evidente occasione da rete. 13

14 Requisiti Fondamentali Controllo o possibilità di controllo del pallone; Direzione del movimento dellattaccante e del pallone; Punto dove è stato commesso il fallo e distanza dalla porta avversaria; Posizione dei difensori e/o del portiere. 14

15 Prevenzione La prima prevenzione è la presenza. Essere nel punto e momento giusto è la primaria arma dellarbitro.La prevenzione si mette in atto in tanti modi. Da abbandonare larcaico concetto: PREVENZIONE=RICHIAMO Presenza, dialogo,controllo panchine,bandire la presenza di estranei ed anche il richiamo sono indispensabili per unefficace opera preventiva. 15

16 Controllo disciplinare/proteste Un efficace controllo disciplinare passa attraverso la prevenzione dove larbitro deve far subito SENTIRE la propria presenza. Tracciare idealmente una linea chiarendo SUBITO ai calciatori ciò che sarà permesso e sanzionando con opportuni provvedimenti al superamento di detta linea. Bisogna superare le errate convinzioni tenendo presente che: I provvedimenti disciplinari non sono legati al tempo (minuti iniziali- finali); Una buona prestazione arbitrale prescinde dal numero di provvedimenti disciplinari adottati. 16

17 La protesta non sempre ha i requisiti per la sanzione. Un semplice e contenuto dissenso DEVE essere accettato perché rientra nella reazione nervosa di un atleta immerso nella tensione agonistica. In questo caso la sanzione disciplinare non solo è sbagliata ma molto controproducente. Ben diverso è protestare contro una decisione arbitrale. Da non tollerare sanzionando disciplinarmente : - Il modo plateale; - correre verso i giudici di gara protestando; - offendere. Si ricorda poi che : - nelle proteste di massa non si può uscire senza sanzionare; - il contatto fisico con gli ufficiali di gara è da sanzionare con FERMA prontezza 17

18 Panchine - Area Tecnica Allinterno della zona tecnica, lallenatore deve poter avere una certa libertà di movimento e la possibilità di trasmettere ordini tattici. Comportamenti aggressivi, offensivi, o delle critiche ad alta voce (e ripetute) nei confronti dellarbitro e/o degli assistenti, come pure il fatto di lasciare sistematicamente larea tecnica, devono essere sanzionati in modo coerente. Il colpevole deve essere allontanato. (se recidivo dopo un richiamo) 18


Scaricare ppt "STAGIONE SPORTIVA 2013/2014 CONSIGLI PRATICI PER LA FORMAZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DEGLI ARBITRI A DISPOSIZIONE DELLORGANO TECNICO SEZIONALE DELLORGANO."

Presentazioni simili


Annunci Google