La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Antonio Santangelo Coordinatore Progetto MxM Limiti ed opportunità dei servizi interattivi su scala urbana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Antonio Santangelo Coordinatore Progetto MxM Limiti ed opportunità dei servizi interattivi su scala urbana."— Transcript della presentazione:

1 Antonio Santangelo Coordinatore Progetto MxM Limiti ed opportunità dei servizi interattivi su scala urbana

2 MxM: un progetto per Milano Iniziativa di AIM (Associazione Interessi Metropolitani) Nata nel 1996 Obiettivo: favorire lo sviluppo di iniziative finalizzate alla costruzione della società dellinformazione a Milano. Attraverso studi, piani di fattibilità, sperimentazioni, avviare esperienze di infrastrutture e servizi di rete per la città. Innescare processi di alfabetizzazione presso comunità di interesse: aziende, scuole, cittadini Iniziativa di cooperazione pubblico/privato

3 Partner del progetto 99 ISTITUZIONI COMUNE DI MILANO PROVVEDITORATO AGLI STUDI PROVINCIA DI MILANO REGIONE LOMBARDIA ASSOLOMBARDA CAMERA DI COMMERCIO ENTI ANEE ASSINFORM FONDAZIONE CARIPLO SMAU UNIVERSITA' IULM POLITECNICO MILANO UNIVERSITA' BOCCONI UNIVERSITA' CATTOLICA UNIVERSITA' STATALE ALBACOM APPLE COMPUTER CABLE & WIRELESS CARIPLO CITYTEL COLT TELECOM DATANORD MULTIMEDIA DIDA *EL AZIENDE EDITORIALE DOMUS INFOSTRADA ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN ITALTEL LOMBARDIA INFORMATICA MCI WORLDCOM MICROSOFT MILANO CENTRALE SERVIZI MONDADORI INFORMATICA NORTEL PrEs RAI SIOSISTEMI TELECOM ITALIA

4 Partners del progetto Comitato Strategico Gruppi lavoro Staff MxM Gruppi lavoro Comitato Operativo Modello di approccio

5 Piano Le assunzioni del piano sono: Orizzonte triennale del progetto Assunzione strategica del progetto da parte del Comune di Milano Rafforzamento della struttura operativa Rafforzamento della componente progettuale e di sperimentazione delle attività Potenziamento dei fondi di finanziamento: soci e da soggetti pubblici locali, nazionali, comunitari

6 Piano Direttrici operative per il triennio: –promozione di un network di centri per la MM –alfabetizzazione di imprese, cittadini, scuole, classe dirigente cittadina –sviluppo di nuove imprese –servizi ai soci –sviluppo di progetti operativi

7 Innovazione e competitività Le grandi città europee stanno definendo progetti di servizi innovativi su rete per la città (Stoccolma, Berlino, Barcellona) Reti e servizi sono: –fattore di competizione per la città –fattore di sviluppo economico-sociale –fattore di marketing per leconomia locale Milano ha grandi chance, ma è in ritardo

8 La società dellinformazione Progetti di cablaggio: a Milano 8 operatori autorizzati (Citytel, Colt Telecom, Hermes, Infostrada, Omnitel, Telecom Italia, Wind, WorldCom); Autostrada Telecomunicazioni è in attesa di autorizzazione. Focus sul mondo business Telecom Italia ha parzialmente cablato lutenza residenziale (Progetto Socrate)

9 Piano triennale di cablaggio TOTALE SOCIETA Autostrade Telecom Citytel Srl Colt Telecom Spa Hermes Europe Railtel Infostrada Spa Omnitel Pronto Italia Spa Telecom Italia Spa Wind Telecomunicazioni Spa WorldCom TOTALE KM 1999KM 2000KM

10 I nuovi operatori a Milano Citytel: Investimenti per 110 Mdi Colt: Investimenti 200 Mdi, 60 Km di f.o. in un anno Wind: Investimenti 30 Mdi, 110 Km di f.o di cui 30 già posati WorlCom: Investimenti 50 Mdi, Km di f.o. e dorsale internazionale per un totale di 390 Mdi di nuovi investimenti entro il 1999 e almeno 280 Km di fibra ottica

11 La società dellinformazione Le aziende, gli enti, le Università stanno definendo le loro intranet-extranet Il mondo della scuola sta avviando progetti per la didattica (Scopro, SiR, RCM) Lutenza residenziale stenta ad affacciarsi sulla rete Relativa scarsità dellofferta di servizi on line

12 I limiti del progetto Socrate Alto costo di allacciamento dellutenza residenziale Poche applicazioni che giustifichino la larga banda Estraneità dellofferta IT Mancanza di modelli di business per i nuovi servizi, scarsa sostenibilità

13 Il decollo dellutenza residenziale Necessità di contenuti e servizi mirati Necessità di alfabetizzazione Importanza del marketing territoriale delle applicazioni Sperimentazioni concrete (toccare con mano) Ruolo chiave della P.A. locale nella progettazione e avvio di applicazioni ed esperienze

14 Debole cultura dellinnovazione Presenza di soggetti federatori Servizi più innovativi:servizi al cittadino CAPACITA DI AGGREGAZIONE Bassa Alta INNOVATIVITA BassaAlta Diffusa cultura dellinnovazione e della concertazione Presenza di soggetti federatori e innovatori Servizi più innovativi: tutti Assenza di una cultura dellinnovazione Assenza di soggetti federatori e innovatori Servizi più innovativi: nessuno Presenza di alcuni soggetti innovatori Autonomia delle iniziative Servizi più innovativi: servizi alle imprese Discreta capacità progettuale CITTA DELLA CONCERTAZIONE CITTA CON VISION CITTA CON VISION CITTADELLINDIVIDUALISMO CITTA PASSIVE Fonte Reseau I modelli di città digitale

15 La strategia vincente Individuazione delle comunità di interessi Coprogettazione delle applicazioni e dei servizi (reti della conoscenza) Individuazione dei soggetti (contenuti, intermediari, fruitori - reti degli agenti) Business plan dei servizi (reti degli interessi) Segmentazione e focalizzazione dellofferta Promozione e marketing territoriale dei servizi

16 I fattori critici di successo Presenza di un soggetto promotore Tavolo di concertazione Capacità progettuale Concretezza realizzativa Cooperazione pubblico/privato

17 Circuito di riflessione e scambio tra tutti i soggetti interessati Modello di approccio condiviso Partnership pubblico/privato ? Un modello per Milano

18 Progetti attivati nel 98 Mediateca di Santa Teresa Campus Universitario Multimediale Distretto Multimediale –Nuove figure professionali –Milano Set Osservatorio servizi on-line Libro verde sulla Convergenza

19 Progetti attivati nel 98 Internet Nonni e nipoti Web del Comune di Milano Internet e Comuni Quaderno Telemedicina Benchmarking del progetto Sperimentazione Milano 98

20 Progetti da attivare ReMida 21 Alfabetizzazione Pmi ad Internet Reti ed editoria Osservatorio permanente Telemedicina Osservatorio sulla Società dellInformazione Milanese

21 ReMida 21 Rete Milanese per la didattica e lapprendimento del 21° secolo ( ) Febbraio 1999 ___________________________________________________________________________________________________________________

22 Il Comune, nellambito dellallineamento di Milano ai livelli di eccellenza europei, dà mandato a MxM di progettare e sviluppare il Progetto ReMida 21, il cui obiettivo è di stimolare la diffusione delle tecnologie ICT, la produzione e laccesso ai nuovi contenuti multimediali attraverso la leva del circuito educativo e formativo, per consentire ai giovani milanesi di meglio competere sul mercato europeo del lavoro. Ciò contribuirà da un lato ad accelerare lo sviluppo dellimprenditorialità nel settore multimediale, con evidenti ricadute sul livello occupazionale dellarea. Dallaltro, questa iniziativa consentirà al mondo della scuola, della formazione, delluniversità, in collaborazione con le imprese, di sperimentare insieme modelli nuovi e flessibili che prefigurino lintegrazione dei sistemi formativi e consentano di generare profili professionali coerenti con uneconomia in continua evoluzione. Febbraio 1999 ___________________________________________________________________________________________________________________ Finalità del progetto

23 Studenti: Docenti: (1) Studenti: (3) Docenti: (4) Studenti: Docenti: Famiglie: ~ con figli Biblioteche: 50Parrocchie: Università 486 Scuole (2) 1) Scuole pubbliche e università 2) 286 pubbliche (227 statali + 59 civiche) e 200 private 3) nelle scuole pubbliche e nelle scuole private 4) Solo scuole pubbliche Febbraio 1999 ___________________________________________________________________________________________________________________ Universo milanese di riferimento

24 sviluppo di prodotti e servizi contenuti on-line, off-line di tipo educativo alfabetizzazione docenti, studenti, famiglie corsi sullutilizzo della multimedialita on-line infrastrutture e accesso intranet urbana ad alta velocita, kit di accesso per scuole e abitazioni Febbraio 1999 ___________________________________________________________________________________________________________________ Macroazioni

25 titolarita su scuole elementari e medie e biblioteche titolarita su istituti superiori e biblioteche titolarita centri di formazione-biblioteche attivatore fondi fse sulla formazione titolarita sulle scuole attivatore fondi del ministero p.i. ideazione e promozione delliniziativa controllo, certificazione e rendicontazione del progetto Conferenza dei Servizi per facilitare lo sviluppo del progetto Febbraio 1999 ___________________________________________________________________________________________________________________ Il ruolo delle istituzioni


Scaricare ppt "Antonio Santangelo Coordinatore Progetto MxM Limiti ed opportunità dei servizi interattivi su scala urbana."

Presentazioni simili


Annunci Google