La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Percorso educativo – didattico ispirato a: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare Storia di una gabbianella e del gatto che le.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Percorso educativo – didattico ispirato a: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare Storia di una gabbianella e del gatto che le."— Transcript della presentazione:

1

2 Percorso educativo – didattico ispirato a: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare romanzo di Luis Sepulveda romanzo di Luis Sepulveda La gabbianella e il gatto film di Enzo DAlò film di Enzo DAlò Scuola Primaria Parini Gorla Minore Classi 5° A – B a.s

3 La seguente presentazione di PowerPoint, preparata ed elaborata dai ragazzi, è la traduzione in immagini, colori ed animazioni di un percorso educativo - didattico vissuto durante lo scorso anno scolastico e raccolto in un fascicolo. Lo scopo di questa proposta è stato quello di avvicinare i ragazzi a tematiche importanti e profonde, non nascondendone la drammaticità, ma lasciando spazio per un messaggio positivo, che è possibile, cioè, fare qualcosa. Il titolo Insieme per crescere vuole racchiudere ciò che accade nella vita di ognuno di noi, piccolo o grande … ci si sviluppa, ci si realizza, ci si trasforma, in sostanza … si cresce … solo nel rapporto con gli altri. Rita Cattaneo – Nadia Belloni Rita Cattaneo – Nadia Belloni

4 le filastrocche le filastrocche le filastrocche diversità diritti dei bambini diritti dei bambini diritti dei bambini ATTIVITA DIDATTICHE: TEMATICHE EDUCATIVE: IL NOSTRO MESSAGGIO Clicca qui

5 ZORBA Sono un nero gattone con un enorme pancione: sono infatti un gran mangione sempre pronto a fare il pigrone. Mi piace stare sul balcone e giocare con il mio padrone. Ho tanti amici qui al porto e nessuno mi dà mai torto. Sul mio balcone un dì è capitato un uovo di gabbiano di bianco colorato. Lho guardato, lho covato … … quante difficoltà ho incontrato! Poi una gabbianella è nata ed io lho subito amata. Adesso sa volare, ma allinizio non voleva imparare! Noi gatti glielo abbiamo insegnato, anche se a volare non abbiamo mai imparato. BUBULINA Io sono Bubulina, una dolce gattina: tutti i gatti del porto ho conquistato, ma neppure uno sguardo ho loro dedicato! Voglio vivere tranquilla e beata, ma mi piace essere ammirata.

6 DIDEROT Diderot è un gatto sapiente, ma sa aiutare anche la gente. Lenciclopedia legge continuamente e non riposa mai la mente. E orgoglioso di sé, e sai perché? Ad ogni sua scoperta cè sempre una gran festa! E un incredibile esempio di gatto di scienza, che si dedica ad ogni forma di lettura e conoscenza. SOPRAVENTO Mi chiamo Sopravento, so sfidare il maltempo. Sono un gatto di mare e il fiume aiuto a dragare. Amo tutti gli animali, basta che abbiano le ali. In Africa sono andato, per tanti mari ho navigato.

7 SEGRETARIO Segretario è il nome mio, ed un gatto sono io. Lavoro con Colonnello ma questo lavoro non sempre è bello! Quando Kengah abbiamo cercato di salvare i lavori più umili mi ha fatto fare! La coda di benzina mi ha fatto inzuppare e come un pennello me lha fatta usare! Ora vi saluto, perché devo lavorare, Colonnello, lo sentite, mi continua a chiamare! COLONNELLO Mi chiamo Colonnello e indosso un mantello. Sono molto saggio e offro consigli in omaggio. Sono intelligente e ho una grande mente. Amo tanto mangiare e i topi so odiare. Tutti mi danno torto ed i topi mi voglion morto. Sono molto potente … … ma non faccio un bel niente.

8 KENGAH Questa è la storia di una gabbiana: Kengah si chiamava. Seguiva la brezza del mare, non smetteva mai di volare. Le capitò una vera sciagura: cadde in una macchia scura. Gli altri gabbiani la volevano salvare, ma non la potevano aiutare. Con uno sforzo cercò di alzarsi e verso Amburgo riuscì ad avviarsi. Giunse su un assolato balcone dove cera un nero gattone: qui un uovo ha avuto, ma poco dopo ha ceduto. Al nero gattone che lì era a guardare tre promesse riuscì a strappare: luovo non mangiare, con attenzione covare e al piccolo insegnare a volare. FORTUNATA Kengah se ne è dovuta andare lasciando a Zorba un uovo da covare. Poi una piccola gabbiana è nata e le han messo nome Fortunata. A volare non vuole imparare perché con i gatti vuole restare. Alla fine, però, listinto prevale e Fortunata riesce a volare.

9 HARRY Harry è un vecchio lupo di mare che cose di ogni tipo amava collezionare: centinaia di porti aveva visitato e a raccogliere oggetti si era dedicato. Per tanti anni ha navigato, ma ora si è fermato: uno strano bazar ha affittato e tutti gli oggetti lì ha depositato. Ora due marchi si devono pagare se il suo bazar si vuole visitare. MATTIA: la scimmia Mattia è il mio nome … … non ricordo il cognome! Il bazar devo sorvegliare e i pochi clienti voglio imbrogliare: un resto inferiore cerco di dare a chi il biglietto deve pagare. Sono un po matta: mi piace la birra in bicchieri di latta. Bevo in abbondanza, poi mi butto in una danza. IL POETA Il poeta ha una gattina che si chiama Bubulina, gli piace sempre fantasticare e scrive poesie che fanno sognare. Ogni musica bella lui sa ascoltare e con il suo cuore tutti sa amare. I gatti del porto a lui decidono di affidare la gabbianella per imparare a volare.

10 ZORBA, BEL GATTO GENEROSO Zorba un gatto nero, grande e grosso, voleva nascere tutto rosso. Mentre in campeggio il padroncino andava, una gabbiana lui salvava. Da giorni luovo covava, ma niente spuntava. Zorba voleva insegnare alla gabbianella a volare. Invece con i suoi amici gatti, andava a cacciare i ratti. Zorba è un gatto simpatico, generoso e anche affettuoso. Le promesse ha rispettato, un premio ha meritato. Finalmente la gabbianella vola e tutti gli amici fanno una bella hola. ZORBA, BEL GATTONE Non sei mai stato pigrone,ti sei innamorato di Bubulina una gatta simpatica e carina. Hai fatto nascere una gabbiana molto strana: vuol diventare un gatto, che però ha paura di un ratto! Sei nero come il carbone e non sei molto ciccione. Quando il padroncino ti dà i croccantini, tu vai lì e gli dai dei bacini. Hai fatto volare Fortunata, che da un uovo che hai covato è nata. FILASTROCCA DI FORTUNATA Gabbiana, gabbianella, ormai voli felice e sei molto bella. Con le tue ali dargento tu voli nel vento. Eri serena con i tuoi amici gatti, di notte camminavi sui tetti a guardare le stelle chiare e a miagolare. Tu da piccola non pensavi di poter volare, però il tuo sogno si è potuto avverare andando sempre verso il mare.

11 MA CHE BUFFO COLONNELLO Colonnello è un gatto intelligente che fa ridere la gente, quando dice enciclopedia è una vera parodia! È il capo dei gatti, ma li fa diventare matti; sembra quasi un cagnone: è robusto come un cannone. È così bello che può fare anche il modello, è paffuto come un bignè e comanda come un re. Noi siamo suoi amici e viviamo in mezzo ai mici. SEGRETARIO Segretario, i pesci può rubare e con la coda il petrolio smacchiare. Colonnello deve rispettare e degli affari suoi non si deve impicciare. Vorrebbe dire e fare, ma Colonnello non lo lascia parlare. Disposto a correre di qua e di là, di Fortunata ha davvero pietà. Di Colonnello è il vero amico, ma questo, a loro due, non lo dico! BUBULINA Bubulina, con le sue ciglia, è una meraviglia. Lei così ammirata,dai gatti è la più desiderata. Lei è bella e profumata, molto delicata. Lei è bella e intelligente, sempre gentile con la gente.

12 Sopravento, il tuo mantello è pazzerello. Tu, Sopravento, sai miagolare ma anche scherzare. Sopravento, sei simpatico, nessuno ti fa arrabbiare, grande è il tuo amore per il mare, non ti abbandonerà mai e tu, gatto di mare, per sempre sarai. Una bella gatta chiamata Bubulina passava nella piazza come una regina, i gatti che la vedevano passare arrossivano per il suo miagolare. Il suo padrone era un poeta che guadagnava poca moneta. Bubulina un giorno con Zorba parlò e il padrone tutti e due aiutò. Nella notte buia e scura Zorba andava di premura, lui correva di gran fretta perché lidea era perfetta. Da Bubulina, allora si recò e assieme ai gatti del porto da Fortunata convolò. Andò subito a svelare che quella notte Fortunata doveva volare. La portarono lassù in alto dove il cielo tocchi con un salto e Fortunata, anche se tremolante, spiccò il volo quasi allistante. Amici miei, la storia è finita e Bubulina vi augura una felicità infinita!

13 Cosè? Che forme ha? Dovè? Perché? Quando si sviluppa? Quando nasce? A cosa serve?

14 Dalle nostre risposte a queste domande abbiamo tratto alcune osservazioni e alcune conclusioni …

15 Le differenze esistono e devono essere riconosciute: ogni persona è unica. Alcune differenze vengono ereditate dai propri genitori, altre dipendono dalla cultura in cui si vive ( ambiente, educazione, relazioni sociali …)

16 Nellincontro tra diversità possono nascere incomprensioni, malintesi, antipatie … perché le differenze possono non piacere, essere troppo lontane dal proprio modo di vedere, sentire, vivere …

17 Le differenze sono ciò che rendono il mondo un posto interessante in cui vivere: sarebbe noioso essere tutti fisicamente uguali, dire le stesse cose, comportarsi nello stesso modo!

18 Per vivere insieme nella diversità bisogna credere nel VALORE di ognuno e considerare che tutti hanno …

19

20

21 Ognuno ha BISOGNI e DESIDERI … I BISOGNI sono necessità, esigenze fondamentali, utili per vivere in modo completo e sereno: sono gli stessi per ogni persona. I DESIDERI sono determinati dalla voglia e dallaspirazione di realizzare o possedere qualcosa: ogni persona ha desideri diversi... i BISOGNI devono essere considerati dei DIRITTI..

22 Nascere, avere una famiglia, ricevere affetto … … avere una casa e del cibo … … avere tanti amici, giocare e divertirsi … … andare a scuola … … crescere felici … … esprimere le proprie idee e avere qualcuno che le ascolta … … avere chi considera i nostri desideri e ci aiuta a realizzarli …

23 La Convenzione è stata approvata dallAssemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre E il più importante strumento per la tutela dei bambini. Se confermata da uno Stato, le sue leggi devono essere ad essa legate. In Italia è stata approvata con una legge del 1991.

24 Abbiamo letto una versione semplificata della Convenzione e, insieme, abbiamo cercato di classificare i diritti riconosciuti ai bambini, in quattro grandi gruppi: diritto di sopravvivenza diritto di sopravvivenza diritto allo sviluppo diritto allo sviluppo diritto di tutela diritto di tutela diritto di partecipazione diritto di partecipazione Poi abbiamo costruito una mappa …

25 casa cibo salute pace famiglia affetto istruzione gioco tempo libero amicizia protezione da ogni forma di violenza protezione da ogni forma di sfruttamento pensiero espressione religione DIRITTI DEI BAMBINI Diritto di sopravvivenza Diritto allo sviluppo Diritto di partecipazione Diritto di tutela

26 … m a a 1 8 a n n i d a l l a p p r o v a z i o n e d e l l a C o n v e n z i o n e I n t e r n a z i o n a l e s u i d i r i t t i d e l l i n f a n z i a, i n m o l t i p a e s i d e l m o n d o, M I L I O N I D I B A M B I N I s o n o a n c o r a p r i v a t i d e i l o r o d i r i t t i e v i v o n o i n s i t u a z i o n i d i g r a n d e d i f f i c o l t à.

27 Non hanno cibo a sufficienza Non hanno una famiglia Lavoranoper poter vivere Non vanno a scuola Sono costretti a combattere nelle guerre

28 Vivono in famiglia occasionalmente Vivono in famiglia occasionalmente non hanno più legami con la famiglia perché fuggiti, abbandonati o orfani non hanno più legami con la famiglia perché fuggiti, abbandonati o orfani svolgono attività illegali (chiedono elemosine e commettono furti) svolgono attività illegali (chiedono elemosine e commettono furti) dormono sui marciapiedi ( Calcutta – India) dormono sui marciapiedi ( Calcutta – India) vivono nelle fogne (Bucarest – Romania) vivono nelle fogne (Bucarest – Romania) cercano cibo nei cassonetti cercano cibo nei cassonetti si ammalano per il troppo caldo o il troppo freddo si ammalano per il troppo caldo o il troppo freddo

29 Hanno unetà compresa tra i 10 e i 18 anni (maschi e femmine) fanno parte degli eserciti regolari o di armate di guerriglieri fanno parte degli eserciti regolari o di armate di guerriglieri sono soldati a tutti gli effetti o usati come portatori di munizioni sono soldati a tutti gli effetti o usati come portatori di munizioni sono puniti severamente per gli errori sono puniti severamente per gli errori se sopravvivono alla guerra riportano ferite o mutilazioni se sopravvivono alla guerra riportano ferite o mutilazioni soffrono di denutrizione, malattie della pelle e respiratorie, A.I.D.S. soffrono di denutrizione, malattie della pelle e respiratorie, A.I.D.S. mostrano difficoltà a reinserirsi nella vita normale mostrano difficoltà a reinserirsi nella vita normale

30 Sfruttamento del lavoro minorile: numero elevato di ore di lavoro grandi responsabilità misera paga impossibilità di andare a scuola I bambini vengono utilizzati: come braccianti nelle piantagioni di cacao, caffè, cotone nelle cave e nelle miniere per costruire edifici per produrre giocattoli, abbigliamento e scarpe nel lavoro domestico, venduti dai genitori per rimborsare debiti come venditori ambulanti

31 ISTRUZIONE vuol dire: avere gli strumenti per combattere la povertà e la fame avere le conoscenze comportamentali ed igieniche per vincere le malattie imparare un lavoro o una professione per migliorare la propria situazione economica e sociale Invece, in molti paesi del mondo, la scuola è ancora un privilegio di pochi perché le famiglie non possono pagare il materiale scolastico e gli spostamenti per raggiungere la scuola, distante dal villaggio. I bambini, inoltre, non possono perdere tempo a studiare perché devono lavorare e guadagnare per il mantenimento della famiglia.

32 Noi crediamo fino in fondo ai diritti dei bambini del mondo. Ogni bambino deve possedere una casa, del cibo, qualcosa da bere. Una mamma e un papà che donano affetto rendono un ambiente davvero perfetto. Il nostro messaggio nel cielo lanciamo e a tutti voi, grandi, insieme diciamo: Il nostro mondo più bello sarà se ogni piccolo uomo rispettato verrà. … noi … bambini … per un mondo migliore Correre, saltare, ridere e giocare a nessun bambino deve mai mancare. Una scuola accogliente dove imparare a leggere, scrivere, insieme stare, per ogni piccolo della terra è una esperienza proprio bella.


Scaricare ppt "Percorso educativo – didattico ispirato a: Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare Storia di una gabbianella e del gatto che le."

Presentazioni simili


Annunci Google