La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Educare per lAutonomia, lAutonomia per Educare La Comunicazione Aumentativa e Alternativa Marco Gagliotta SantAnastasia 27 marzo 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Educare per lAutonomia, lAutonomia per Educare La Comunicazione Aumentativa e Alternativa Marco Gagliotta SantAnastasia 27 marzo 2009."— Transcript della presentazione:

1 Educare per lAutonomia, lAutonomia per Educare La Comunicazione Aumentativa e Alternativa Marco Gagliotta SantAnastasia 27 marzo 2009

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19 Loperatore come strumento LINDAGINE CONOSCITIVA

20 Esaminiamo la relazione tra due persone delle quali una è disabile verbale; entrambi gli interlocutori in questione possiedono in misura totale, o in parte, i requisiti per comunicare; entrambi presentano unintenzionalità comunicativa, la possibilità di utilizzare i segnali della CNV (Comunicazione Non Verbale) e la capacità di comprendere il linguaggio parlato, solo labile verbale però è in grado di utilizzare il linguaggio in produzione. Simulazione (M.L. Gava, 1998)

21 Simulazione IL CONDUTTORE SI METTE NELLA SITUAZIONE DI UN DISABILE: - CHE HA VOGLIA DI COMUNICARE MA NON PUÒ PARLARE - HA LA POSSIBILITÀ DI RISPONDERE SI/NO CON IL CAPO - HA UNA BUONA MIMICA FACCIALE - NON PUÒ COMPIERE GESTI CHIARI IL GRUPPO CERCA ATTRAVERSO DOMANDE DI CAPIRE CIÒ CHE IL CONDUTTORE HA VOGLIA DI DIRE, RACCONTARE.

22 ? Comunicazione = Linguaggio ?

23 ? Comunicazione = Relazione ?

24 Disabilità verbale e Disabilità relazionale (M.L. Gava, 1998) La definizione di disabilità verbale attribuisce la mancanza di comunicabilità solo alla persona impossibilitata a parlare. Ma il genere di relazione che produce lassenza di linguaggio è estremamente significativa per le conseguenze dirette anche sugli abili verbali.

25 Disabilità verbale e Disabilità relazionale LAAC nasce in realtà da un duplice bisogno: quello del disabile e quello dellabile verbale; poiché la non verbalità penalizza entrambi. E importante perciò considerarla come un problema relazionale e non solo come un limite funzionale. In questo modo si ribalta il problema: se entrambi sono disabili in questa situazione, quale comunicazione e quale relazione è possibile?

26 LAAC non è potente come il linguaggio, ma è sicuramente meglio del silenzio. Rende possibile lemersione di contenuti emotivi difficilmente veicolabili con la CNV o con reazioni neurovegetative.

27 Ottica dellintervento (M. Bottos, 2001) Lobiettivo terapeutico/educativo viene spostato dallacquisizione di una funzione simbolo, come può essere la deambulazione oppure il linguaggio verbale, alla ricerca della massima autonomia possibile (per quella persona, inserita in quel contesto e con quel deficit funzionale)

28 La ricerca della funzione simbolo fa quasi sempre parte di unottica centrata sulla normalizzazione/guarigione. Quando riuscirà a fare…, passeremo a… Recupero/acquisizione della funzione simbolo Importante, possibile ma…

29 !? OBIETTIVO ?! Lintera prospettiva di vita potrebbe essere finalizzato solo al recupero della funzione e lo strumento è quasi sempre quello della molta fisioterapia/logopedia/psicomotricità. CONSEGUENZE Il disabile e la sua famiglia vivono in una dimensione atemporale in attesa che quella trasformazione si realizzi.

30 !?Normalizzazione/guarigione?! Pensare in termini di autonomia possibile affrontando le esigenze attuali del paziente: Spostamento – ancor prima di deambulazione Comunicare – ancor prima di parlare Comunicare – ancor prima di acquisire la letto-scrittura Lavorare - ancor prima di recuperare luso di... Giocare – ancor prima di …

31 Tali esigenze, andrebbero affrontate mediante luso di specifici ausili tecnologici ed in base al quadro clinico attuale, ma senza aspettare progressi e sviluppi futuri. La dotazione di mezzi che consentano di bypassare il deficit (ausili), già in fase precoce, rappresenta un elemento essenziale per la messa in atto di un progetto coerente volto a cogliere tutti gli aspetti dello sviluppo (bambini) e della vita.

32 Il punto di partenza di questa ottica è quindi rappresentato dalla presa datto che ci troviamo di fronte a situazioni inemendabili per le quali lobiettivo della guarigione grazie a tanta terapia ed a tante letterine a scuola, resta al di la delle attuali e reali possibilità del paziente di vivere semplici situazioni quotidiane. Al contrario, modifichiamo le aspettative, ottimizzando e potenziando le capacità residue attuali in relazione al bisogno.

33 Sarà quindi necessario valutare fin dove è opportuno insistere per far apprendere/recuperare una funzione, e dove invece, sia opportuno sostenerla (mettere in condizione di comunicare, muoversi, lavorare, giocare, …) grazie alluso di mezzi esterni che consentano di vivere tutte le esperienze possibili per far si che ci sia una naturale interazione allambiente fisico ed alle persone.

34 …Riabilitare lautonomia, lautonomia per riabilitare… GRAZIE


Scaricare ppt "Educare per lAutonomia, lAutonomia per Educare La Comunicazione Aumentativa e Alternativa Marco Gagliotta SantAnastasia 27 marzo 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google