La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Progetto di un prodotto e le tecniche di rappresentazione Sergio Capone ITP.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Progetto di un prodotto e le tecniche di rappresentazione Sergio Capone ITP."— Transcript della presentazione:

1 Il Progetto di un prodotto e le tecniche di rappresentazione Sergio Capone ITP

2 Perché? Un tecnico informatico potrebbe trovarsi a gestire il ruolo di Operation manager oppure di Product manager. Quello che troverete nelle prossime slide, altro non sono che indicazioni generiche volte a creare negli studenti una cultura di progetto, indispensabile, per chiunque si trovi a ricoprire un ruolo di PRODUCT MANAGER.

3 Cultura di progetto sul prodotto Inizio secolo scorso Henry Gantt mette a punto una tecnica grafica danalisi dei progetti comunemente chiamato Diagramma di Gantt negli anni (USA) si afferma la figura industriale del product manager Negli anni appaiono numerose tecniche grafiche reticolari pensate per lo sviluppo dei progetti che affiancano lapproccio lineare di Henry Gantt.

4 Tecniche di approccio ai progetti Diagramma di Gantt – una tecnica di rappresentazione grafica che segue una logica lineare direzionata. CPM (Critical Path Method) MPM (Metra Potential Method) – Tecniche di approccio reticolare deterministiche PERT (Program Evaluation and Review Technique) – Tecnica di approccio reticolare probabilistico che pone lattenzione al percorso critico

5 Altre tecniche probabilistiche GERT (Graphical Evaluation & Review Technique) è un PERT avente come probabilistici anche i percorsi, cioè i legami di precedenza fra le attività. VERT (Venture Evaluation & Review Technique) che considera contemporaneamente come variabili decisionali, tempi, costi, risorse e rischi, risultando particolarmente efficace nelle analisi what-if e nei problemi di valutazione e controllo di nuovi business o iniziative strategiche.

6 Esempio di Diagramma di Gantt

7 Percorso critico Il percorso critico è il percorso minimo per finire lintero progetto, identifica le attività di un progetto con vincoli di tempo del tipo Fine- Inizio. La catena del percorso critico è composto da attività critiche che si caratterizzano per avere un margine di flessibilità totale uguale a zero. – Margine di flessibilità totale=0 (Total float=0)

8 Esempio di percorso critico

9 Margine di flessibilità Un margine di flessibilità (float) può essere singolo (free float) o complessivo (total float) Free float: indica il tempo concesso per uno slittamento in avanti di unattività rispetto ad unaltra attività. Total float: indica il tempo concesso per uno slittamento in avanti di una attività rispetto allintero progetto.

10 Critical Path Method CPM è una tecnica reticolare che individua le date minime e massime di Inizio e Fine delle attività ottenendo così il percorso critico. CPM prende in considerazione la durata della singola attività e i rapporti di dipendenza fra le attività certe considerate nel loro legame del tipo Fine- Inizio.

11 Simulazione di una visione reticolare

12 Esempio di legami fra le attività

13 Metral Potential Method MPM aggiunge al CPM la possibilità di gestire diversi legami fra le diverse attività con ulteriori rapporti di dipendenza che si aggiungono al già visto Fine-Inizio con altri legami del tipo Inizio-Inizio e Fine-Fine

14 Program Evaluation and Review Technique PERT, il metodo più noto, è usato spesso come sinonimo di diagramma reticolare ed è un CPM. La sua caratteristica è lintroduzione di elementi di calcolo probabilistico in particolare legato alla stima delle durate delle attività e dei progetti. I diagrammi reticolari, cioè, aggiungono: lindividuazione del percorso critico, il margine di flessibilità, le dipendenze, i legami e i vincoli fra le attività di un progetto.

15 Esempio di rappresentazione PERT

16 Gli ambiti di un prodotto qualsiasi Un progetto per un prodotto qualsiasi esiste se la sua gestione considera e prende in esame, come minimo, controllando e verificando i seguenti campi dazione: – Lambito della qualità – Lambito temporale – Lambito del costo

17 Le attività legate al prodotto Ogni ambito di un progetto per un prodotto, cioè un progetto composto da molteplici attività, esiste solo se sono prese in esame e sono verificate, come minimo, le seguenti componenti un singolo ambito e una singola attività: – Le risorse umane viste per capacità; – Le risorse tecniche e tecnologiche essenziali; – Il tempo necessario per espletarle; – Il denaro indispensabile per realizzarle.

18 Lambito della qualità Un progetto di un prodotto diventa un prodotto solo se è stato pianificato per raggiungere uno specifico livello di qualità, entro una precisa scadenza e se rispetta i limiti consentiti dal budget dato. La qualità del progetto è la stessa che viene richiesta al prodotto stesso, quindi essa và descritta e deve poter essere misurata.

19 Lambito temporale Il progetto di un prodotto è per definizione temporaneo e quindi delimitato nella durata. Il tempo è una delle dimensioni che limitano il progetto di un prodotto e quindi ne segnano anche il risultato. Il tempo pianificato è un tempo accettato e condiviso e quindi è la ragione principale per iniziare un progetto di un prodotto.

20 Lambito del costo I costi del progetto di un prodotto nascono dallimpiego immediato di risorse umane e materiali, a cui potrebbero aggiungersi investimenti in attrezzature, beni durevoli e immobilizzazioni che lespletamento del progetto comportano. I costi, visti sopra, in seguito alla nascita del prodotto, ovviamente, non potranno che riconfermarsi.

21 Concludendo labc del progetto I tre ambiti, sono strettamente collegati e interrelati fra di loro, e sono visti come una sorta di triangolo, da qui la definizione usata frequentemente di triangolo del progetto Il triangolo del progetto di un prodotto ci obbliga a comprendere che se si interviene su un singolo ambito, automaticamente, anche gli altri ne risulteranno inevitabilmente modificati.

22 Il ciclo del progetto di prodotto Nonostante lso della parola ciclo un progetto per definizione non è circolare. Il ciclo corrisponde invece ad una sequenza di attività interrelate realizzate con risorse che producono lavanzamento del progetto. Le singole attività che compongono la catena sono riconducibili a macrofasi che individuano i momenti salienti della vita del progetto.

23 Pianificazione - esecuzione - controllo

24 La ciclicita nel progetto di prodotto Sono senzaltro cicliche invece le azioni di verifica degli stadi di un progetto, al minimo con la Pianificazione- Esecuzione- Controllo che più volte ritroviamo in un progetto qualsiasi, ci si riferisce al ciclo di Deming: il PDCA – PLAN -> DO -> CHECK -> ACTION (Pianifica, Esegui, Controlla e Intervieni per le correzioni)

25 Ciclo di Deming (PDCA)

26 Il progetto generico di un prodotto La definizione di un idea; La pianificazione delle attività, delle risorse, del tempo e dei costi; Lesecuzione; Il controllo; Gli interventi correttivi e preventivi sul progetto del prodotto.

27 Una possibile pianificazione generica La programmazione delle attività; La programmazione delle qualità; La programmazione delle risorse, La programmazione dei tempi; La programmazione delle forniture; La programmazione degli investimenti; La programmazione dei costi; La programmazione dei rischi.

28 Conclusione Provate a scrivere un progetto di un prodotto e poi mettetelo alla prova. Lidea è data dal vostro insegnante. – Rilevazione statistica delle risorse tecnologiche presenti fra gli studenti di unistituto tecnico superiore. – Realizzazione del progetto del prodotto e realizzazione del prodotto. Buon lavoro.


Scaricare ppt "Il Progetto di un prodotto e le tecniche di rappresentazione Sergio Capone ITP."

Presentazioni simili


Annunci Google