La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il petrolio, anche detto Oro Nero è un liquido infiammabile, denso e di colore molto scuro, lo possiamo trovare in alcuni punti situati negli strati superiori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il petrolio, anche detto Oro Nero è un liquido infiammabile, denso e di colore molto scuro, lo possiamo trovare in alcuni punti situati negli strati superiori."— Transcript della presentazione:

1

2 Il petrolio, anche detto Oro Nero è un liquido infiammabile, denso e di colore molto scuro, lo possiamo trovare in alcuni punti situati negli strati superiori della crosta terrestre; esso è formato da una mistura di Idrocarburi (costituiti da Carbonio e Idrogeno) più Metalli Pesanti. Deriva dalla materia organica rimasta sepolta, infatti molto spesso si può trovare sotto i fondali oceanici, anche per la decomposizione di alghe e organismi marini, che si sono depositati appunto sui fondali e che si decompongono nel tempo. Il petrolio deriva anche da depositi di Carbonio e Idrogeno esposti ad elevate pressioni e ad elevato calore; Sia la parte oleosa (Petrolio), che la parte gassosa (Gas Naturali), tendono a migrare attraverso le rocce porose, finchè non incontrano strati impermeabili del terreno, dove tendono a raccogliersi. Dopo lestrazione dal sottosuolo, quello che chiamiamo Petrolio Greggio, viene inviato alle raffinerie, dove viene lavorato in modo da estrarre i suoi vari derivati.

3 Più specificatamente, nel petrolio sono presenti, anche se in piccola percentuale che difficilmente supera il 7%, quantità di Composti Solforati, cioè formati da Zolfo (Solfuri e Disolfuri), Composti Azotati, cioè formati da Azoto (Chinoline e Piridine) e Composti Ossigenati, cioè formati da ossigeno (Acidi Grassi, Acidi Naftenici e Fenoli), possiamo rilevare anche dei Metalli come Nichel, Vonadio, Cobalto, Cromo, Cadmio, Piombo e Mercurio. Il Petrolio accompagna la storia dellumanità da secoli. Gli antichi conoscevano e utilizzavano i giacimenti superficiali di petrolio per alimentare lampade e per produrre medicinali. Dallinizio del 900 è diventata una delle materie prime più importanti, infatti ad oggi, circa il 90% del fabbisogno energetico è soddisfatto da questolio. Ce da precisare che esso, da un lato è un bene per i motivi sopra citati, ma dallaltro, dobbiamo dire che è nocivo e molto inquinante se disperso nellecosistema, soprattutto in quello marino, infatti essendo molto denso, si deposita sulla superficie delle acque, togliendo luce e ostacolando lo scambio di ossigeno tra latmosfera e lambiente marino, di conseguenza comincia a morire tutta la vita sottomarina.

4 Abbiamo vari metodi di trasporto, tra i quali ricordiamo: Oleodotti (tubi larghi circa 10 metri e collocati sottoterra o sul fondale marino, essi sono intervallati da apposite stazioni di pompaggio che forniscono al greggio la giusta pressione per continuare il suo cammino lungo i tubi), Auto e Carri Cisterna (trasporto via terra) e Navi Cisterna (trasporto via mare).

5 Costituisce anche un problema per gli uccelli che si nutrono di pesce; gli uccelli cercando il loro cibo toccano la superficie delle acque e se è presente petrolio, possono inghiottirne e/o inalarne piccole quantità, o addirittura impregnandosi completamente non riuscendo più a volare. Purtroppo, anche se si fa attenzione allecosistema, cercando di non inquinare, attenendosi alle norme di sicurezza, esistono anche altri problemi, legati allEstrazione. Essa è molto costosa e poiché è preceduta dal Dragaggio, danneggia il fondo marino e le alghe. Purtroppo in passato ci sono già stati incidenti che hanno riversato in mare grandi quantità di petrolio, che hanno provocato gravi danni alle coste, alla flora e a tutto quello che si trova in mare; Oggi nel 2011, nonostante le severe norme di sicurezza, questi incidenti avvengono ancora, e i danni sono molto gravi. Infine la combustione in tutto il mondo di grandi quantità di esso, (centrali elettriche, mezzi di trasporto, ecc.) risulta essere tra i principali responsabili dellincremento del tasso di Anidride Carbonica (CO2), e di altri gas che nellatmosfera, aumentano lEffetto Serra.

6 Per ottenere i prodotti finiti dal petrolio, è necessario separare la miscela di idrocarburi contenuta nel greggio. Il processo di separazione è denominato Distillazione Frazionata (Topping), o più comunemente Raffinazione, essa si svolge in un complesso di impianti, che nellinsieme formano le Raffinerie. La distillazione è una tecnica di separazione che sfrutta la differenza dei punti di ebollizione delle diverse sostanze presenti in una miscela, si usa sia per separare miscele complesse, sia per purificare sostanze. Il petrolio greggio viene introdotto in un forno e portato alla temperatura di circa 400°C, cambiando il suo stato fisico da liquido in vapore. Questi vapori vengono iniettati nella Colonna di Frazionamento o Torre di Raffinazione, che non è altro che un camino soprastante una fornace, al cui interno sono posti ad altezze differenti dei piatti forati; la fornace è la parte più calda (400 °C) e più bassa della torre. Man mano che si sale, la temperatura nella colonna diminuisce sempre di più, questo permette di distillare il petrolio separandolo nelle sue varie componenti. I gas attraversano una serie di piatti forati e salendo verso lalto cominciano a raffreddarsi. Alle diverse temperature, essi si condensano ritornando allo stato liquido; ritornando liquidi si depositano sui piatti, dando luogo alle diverse frazioni di idrocarburi.

7 Nel punto più basso della colonna, a 400 °C. si condensano: Oli Combustibili, Lubrificanti (si usano in qualsiasi tipi di motore o ingranaggio per diminuire l'attrito fra le superfici di strisciamento), Paraffine (usata per candele, isolanti elettrici, lubrificanti e per unguenti in farmacia), Cere e Bitumi (idrocarburi in forma solida o semi solida, hanno un colore molto scuro, vengono usati nella produzione di Asfalti, usati come copertura del manto stradale oppure come materiale impermeabilizzante per gli edifici.

8 Tra i 350° e i 250°C, si condensano i Gasoli, detti anche Nafte Leggere; si usano come combustibile per motori Diesel e per il riscaldamento domestico; Tra i 250° e i 160°C, condensa il Kerosene, un combustibile oleoso usato come propellente per aerei a reazione e impianti di riscaldamento, storicamente il Kerosene erano utilizzati come combustibile per lanterne, ad oggi trova impiego anche nei fornelli portatili usati nei camping o nei paesi in via di sviluppo.

9 Tra i 160° e i 70°C condensa la Nafta, una sostanza liquida usata come combustibile e come materia prima per produrre materie plastiche, farmaci, pesticidi, fertilizzanti ecc. Le Benzine condensano tra i 70° e i 20°C, sono miscele di idrocarburi leggeri, liquide a temperatura ambiente ma molto volatili, usate principalmente come carburante per automobili (motori a combustione interna) ed aerei;

10 A 20°C rimangono gassosi: Metano, Etano. Propano e Butano, in particolare Butano e Propano formano quello che chiamiamo GPL (Gas di Petrolio Liquefatto); essi assumono stato gassoso a pressione atmosferica e siccome devono essere trasportati vengono liquefatti sotto modesta pressione. Infine vengono utilizzati per uso domestico (fornelli, stufe ecc), autotrazione e usi industriali.

11 Il Residuo, è un liquido nerastro ad elevato numero di atomi di carbonio, quindi è molto viscoso, denso e ad alto tenore di zolfo. Esso viene distillato sotto Vuoto in torri a bassa pressione e a temperature inferiori a quelle precedenti, in questo modo nascono nuovi Keroseni, Gasoli, Oli Lubrificanti e Bitumi. Nelle raffinerie, oltre alla distillazione frazionata, si svolgono altri processi per ricavare ulteriori quantità di prodotti pregiati o per migliorare la qualità dei prodotti e adeguarli alle richieste del mercato. Ad esempio abbiamo Impianti di Cracking, con il quale è possibile spezzare le catene idrocarburiche più lunghe, in modo da trasformare prodotti meno pregiati in Benzine e Gasoli. Abbiamo poi il Reforming Catalitico, è una tecnica che serve ad aumentare il numero di Ottani nelle Benzine, infine ricordiamo la Desolforazione con il quale si riduce il contenuto di Zolfo nei Gasoli. Abbiamo varie tecniche perché i prodotti ottenuti dalla prima distillazione non posso essere immediatamente utilizzati, poiché presentano delle impurità che devono essere eliminate.

12 - T- Torrey Canyon (Isole Scille, Regno Unito, 1967) La Torrey Canyon era la prima petroliera liberiana capace di trasportare più di tonnellate di petrolio. Essa si arenò al largo della Cornovaglia, nel canale della Manica, il 19 Dicembre 1967, causando il primo rilevante disastro ambientale dovuto allo sversamento di grandi quantità di petrolio e successiva contaminazione costiera. Per evitare ulteriori danni alle coste inglesi e francesi, vennero contaminati più di 180 Km di spiaggia, il governo inglese decise di bombardare la nave e incendiare il petrolio fuoriuscito, circa tonnellate.

13 - Sea Star (Golfo Di Omair, 1972) Il 19 Dicembre 1972, nel Golfo Di Omair, la petroliera coreana Sea Star, per una falla causata da una collisione, versò in mare circa tonnellate di petrolio. - Amoco Cadiz (Bretagna, Francia, 1978) Il 16 Marzo 1978, lAmoco Cadiz affondò nellAtlantico, di fronte Porstall (Finistére), per effetto di tale naufragio si riversarono sulle coste francesi della Bretagna tonnellate di idrocarburi. Alla fine di agosto, da Brest a alla baia di Saint-Brieuc, ettari di costa vennero devastati; le autorità locali dichiararono che servirono sei mesi per disperdere il petrolio al fine di pulire le spiagge, ma in realtà gran parte del lavoro fu eseguito dalle onde e dai batteri.

14 - Pompa Petrolifera IXTOC I (Golfo Del Messico, 1979) Il 3 Giugno 1979, la piattaforma messicana Ixtoc I si incendiò nel Golfo Del Messico, a circa 600 miglia dal Texas. La perdità durò per più di nove mesi, e si stimò che fuoriuscirono tra le e tonnellate di petrolio. - Atlantic Express / Aegean Captain (Trinidad e Tobago, 1979) Nel 1979, nel Mar dei Caraibi, in prossimità di Trinidad e Tobago, vennero in collisione lAtlantic Express e lAegean Captain, con una fuga in mare di tonnellate di Greggio.

15 - Nowruz Field (Golfo Persico, 1983) Il 10 febbario 1983, una nave cisterna si scontrò con una piattaforma petrolifera Nowruz, nel Golfo Persico, a poca distanza dalle coste Iraniane. Si calcolò una perdita di circa tonnellate di petrolio. - Castillo De Belver (Sud Africa, 1983) Il 5 Agosto 1983, la petroliera spagnola Castillo De Beliver, si incendiò mentre era in navigazione al largo del Sud Africa (di preciso Città del Capo). Finirono in mare tonnellate di petrolio greggio. - ABT Summer (Angola, 1991) Nel maggio del 1991, si verificò una violenta esplosione a bordo della petroliera liberiana ABT Summer, in navigazione al largo dellAngola. La nave bruciò per 3 giorni prima di disperdere nellOceano Atlantico tonnellate di petrolio.

16 - Guerra Del Golfo (Golfo Persico 1991) Il 21 gennaio del 1991, lesercito iracheno apre le condutture di petrolio in Kuwait: la marea nera colpì le coste di Kuwait, Arabia Saudita e Iran, causando danni gravissimi agli ecosistemi appartenenti a quelle regioni. Stando alle stime di analisti e ricercatori, la quantità di petrolio disperso nellambiente in questa occasione fu tra e tonnellate; gli iracheni incendiarono anche 732 pozzi petroliferi.

17 - Amoco Haven (Genova, Italia, 1991) L11 aprile del 1991, la nave cisterna Amoco Haven affondò nel Golfo di Genova, al largo della Liguria, a causa di una serie di esplosioni. Lincidente provocò la morte di 2 membri dellequipaggio, lo sversamento in mare fu di tonnellate di greggio e sul fondale poggiarono quasi 500 Km² di catrame. - Exxon Valdez (Alaska 1989) Nel golfo dellAlaska, a circa 25 Mg dal terminale delloleodotto Trans Alaska di Valdiz, la petroliera statunitense Exxon Valdez, si arenò nel tentativo di evitare alcuni blocchi di ghiaccio; furono versate in mare tonnellate di greggio, che formarono una chiazza nera di 4000 Km².

18 - Prestige (Galizia, Spagna, 2002) La Prestige era una petroliera monoscafo con un carico di tonnellate di petrolio, che affondò il 13 novembre 2002 di fronte alle coste spagnole galiziane provocando unimmensa marea nera che colpì una vasta zona compresa tra il nord del Portogallo, fino alle Lande Francesi, avendo un impatto importante sulla Costa Galiziana, in Spagna.

19 - Mega Borg (Texas, USA, 1990) Il 9 Giugno 1990, al largo di Galverston (Texas, USA), una serie di esplosioni provoca unincendio a bordo della petroliera norvegese Mega Borg. Finirono in mare tonnellate di greggio. - Braer (Gran Bretagna, 1993) Il 5 Gennaio 1993, la petroliera liberiana Braer affonda sulla scogliera delle isole Shetland, in Gran Bretagna, riversò in mare tonnellate di petrolio. - Agip Abruzzo (Livorno, Italia, 1991) Il 10 Aprile 1991, nel porto di Livorno il traghetto Moby Prince sperona la motonave Agip Abruzzo, dalla quale fuoriuscirono tonnellate di petrolio e per lesplosione morirono 140 persone e ci fu un solo superstite.

20 - Erika (Baia di Biscaglia, Francia, 1999) Il 12 Dicembre a sud di Penmarch, la petroliera Erika si spezzò in due. Vennero rilasciate in mare tonnellate di petrolio, che si riversarono successivamente sulle coste della Bretgna.

21 - Marea Nera [British Petroleum] (Stati Uniti, Messico, 2010) In seguito allesplosione della piattaforma petrolifera Deep Water Horizon appartenente alla British Petroleum, successa nellAprile 2010, a soli 70 km a largo delle coste della Louisiana, a 1500 metri di profondità si era creata una falla molto ampia, che complessivamente secondo le stime fatte, ha riversato in mare circa 2 milioni di barili di Greggio.

22 Ai disastri petroliferi, si affiancano effetti a breve, medio e lungo termine. Gli effetti immediati sono quelli più visibili, come ad esempio la morte degli animali dovuta allinalazione o allingurgito di idrocarburi, spesso la morte di essi è causata anche dallipotermia, dovuta al malfunzionamento della pelliccia e del piumaggio, utilizzati come isolanti termici. Sui fondali muoiono, ricoperti da uno strato di idrocarburi, Mitili (Ostriche e Cozze), Gamberi e molti altri animali importantissimi per la catena alimentare e per la produttività ittica, inoltre il petrolio è fortemente tossico anche per le larve e le uova dei pesci. Nel medio e nel lungo periodo, gli idrocarburi aromatici persistono nellambiente e si accumulano sugli organismi, producendo effetti molto nocivi sul materiale genetico, sul sistema riproduttivo e su molte altre funzioni vitali. Inoltre è probabile linsorgenza di tumori in diversi organismi. Infine anche luso di strumenti e solventi per arginare le maree nere, produce effetti collaterali colpendo in particolare il Plancton.


Scaricare ppt "Il petrolio, anche detto Oro Nero è un liquido infiammabile, denso e di colore molto scuro, lo possiamo trovare in alcuni punti situati negli strati superiori."

Presentazioni simili


Annunci Google