La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alla mensa degli antichi Romani Progetto di storia e alimentazione Anno scolastico 2012/13 Scuola primaria VIII Circolo > Classi Quinte.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alla mensa degli antichi Romani Progetto di storia e alimentazione Anno scolastico 2012/13 Scuola primaria VIII Circolo > Classi Quinte."— Transcript della presentazione:

1 Alla mensa degli antichi Romani Progetto di storia e alimentazione Anno scolastico 2012/13 Scuola primaria VIII Circolo > Classi Quinte

2 Progetto alimentare e storia dei Romani a Salerno Questo è lultimo anno delle classi quinte e vogliamo chiudere con un laboratorio veramente originale. Soprattutto vogliamo parlare dei Romani e delle tracce che hanno lasciato a Salerno. Intanto ci sediamo alla loro tavola e, senza coricarci di sghembo su uno scomodo triclinio, proviamo a capire come mangiavano. Dopo andremo in giro per Salerno a scoprire dove sono stati e in quali luoghi possiamo ancora trovare le tracce della loro presenza.

3 La maestra Maki ha avuto unidea molto originale: ci farà assaggiare dei cibi che mangiavano i romani e ci farà bere delle tisane fatte con erbe. Siamo tutti eccitati per questesperienza straordinaria e non vediamo lora di cominciare. Cominciamo con delle diapositive sullalimentazione ai tempi dei Romani e poi altre sulle proprietà curative delle erbe; per fare questo ci trasferiamo nellaula computer dove le maestre hanno preparato sul tavolo centrale tante cose per noi.

4 Purtroppo cè un problema: il mouse si blocca; allora proviamo a vedere le diapositive in unaula

5 Siamo tanti e siamo molto curiosi di sapere cosa accadrà ma anche qui cè un problema: il computer non legge il programma PowerPoint con cui è stata creata la presentazione delle diapositive …

6 … marcia indietro, si ritorna nellaula computer!

7 Finalmente si comincia; abbiamo perso un po di tempo ma riusciamo a vedere le presentazioni e, con laiuto delle immagini, sembra tutto molto chiaro

8 Appena finita la proiezione, le maestre fanno girare bustine con legumi, erbe fresche e secche in modo che possiamo vedere, toccare e odorare mentre le insegnanti preparano gli assaggi.

9 Come sarà il famigerato garum? Dobbiamo assaggiarlo o possiamo rifiutarci?

10 Le maestre ci tranquillizzano: provate, se non vi va lì cè il cestino dei rifiuti.

11 Ma noi, come tutti i bambini, siamo troppo curiosi e così proviamo. … Sorpresa!

12 Il garum è buono … Maestre,vogliamo la ricetta!!!

13 È proprio vero, bisogna assaggiare prima di dire che una cosa non è buona. Dopo il garum andiamo avanti con gli assaggi salati

14 Cè lolio purissimo di oliva aromatizzato con aglio, rosmarino e origano: buonissimo!

15 Un po più strano, ma niente male, anche lagro- dolce fatto con miele e aceto.

16 Adesso un break con le tisane: una è al finocchietto e menta, laltra alla camomilla

17 Entrambe sono dolcificate col miele perché i romani non conoscevano lo zucchero

18

19 Anche le tisane hanno molto successo!

20

21

22 Che divertimento!

23 E poi il dolce!

24

25 Ebbene sì, cè anche il dolce che è un pezzo di pane bianco condito con latte, miele e uvetta.

26

27 Che esperienza!

28 Tutti pazzi per la cucina romana!

29 Chi lavrebbe mai detto! Abbiamo mangiato come i romani e ci è anche piaciuto!

30 I legumi

31 Ora non ci resta che scoprire Salerno-romana e certamente sarà unaltra bella esperienza!!! Il primo gruppo con le Quinte A e B ha appuntamento venerdì 8 marzo davanti alla chiesta di San Pietro in Camerellis. Purtroppo piove … ma che fare?

32 Si va lo stesso, ormai è tutto organizzato

33 Risaliamo via Velia e via San Benedetto e davanti alla chiesa di San Benedetto

34 Attraversiamo per entrare nel Museo Archeologico Provinciale

35 Prima di entrare la maestra ci spiega qualcosa del Lapidario e poi facciamo un giro tra le statue

36 Queste sono tutte di epoca romana

37 Leggiamo le targhe che spiegano dove sono state ritrovate

38 Notiamo la vasca celebrativa scolpita per larrivo a Salerno di un personaggio importantissimo

39 E poi entriamo a visitare il museo

40 Ci sono reperti antichissimi molto importanti

41 Alcuni video e dei pannelli spiegano come sono stati trovati i reperti e come vivevano gli antichi abitanti di Salerno.

42 La maestra Maki ci spiega alcune cose più importanti e ci mostra i vasi utilizzati per miscelare il vino

43 Ci fa notare i gioielli, le lucerne, le armi e ci spiega che venivamo messe nelle sepolture delle persone importanti.

44 Lucerne e anfore da trasporto

45 Pannello con la ricostruzione storica dei reperti ritrovati e Urne cinerarie

46 Vediamo la bellissima testa di Apollo

47 Ed ascoltiamo la storia del suo ritrovamento in mare raccontata anche dal poeta Giuseppe Ungaretti Raccogliendo le reti, una sera, a una maglia restò presa non la gola d'un pesciolino, ma a un cernecchio, una testa d'Apollo [...]. L'ho veduta al Museo di Salerno, e sarà prassitelica o ellenistica, poco importa; ma questo volto, che per più di duemil'anni fu lavorato dal mare nel suo fondo, ha nella sua patina tutti i colori che oggi abbiamo visto, ha conchigliette negli orecchi e nelle narici: ha nel suo sorriso indulgente e fremente, non so quale canto di giovinezza risuscitata! Oh! tu sei la forza serena e la bellezza. Quale augurio non ci reca quest'immagine che fra gli ulivi, è finalmente tornata fra noi. Giuseppe Ungaretti

48 Ma, dopo un po il nostro orologio biologico reclama la merenda

49 E in quel momento non esiste museo abbastanza importante …

50 … da farci desistere!

51 Così, appena fuori, ci sediamo sui gradini della Chiesa di San Benedetto e sfoderiamo le nostre micidiali MERENDONE

52 Entriamo nella chiesa di San Benedetto

53 Il parroco ci invita a visitarla e comincia a spiegare la sua storia

54 Non abbiamo molto tempo e dobbiamo continuare il nostro giro sulle tracce dei romani, così riprendiamo il cammino

55 Facciamo solo una breve sosta al Castello che non cè

56 Infatti il Castel Terracena, fatto costruire da Roberto il Guiscardo, è stato completamente inglobato nelle mura di una civile abitazione come potete vedere dalla foto.

57 Riprende a piovere perciò ascoltiamo la spiegazione dei due templi romani, di cui abbiamo dei resti, al riparo sotto larco che porta al Duomo

58 La maestra ci ricorda la leggenda dei tre santi martiri: Caio, Ante e Fortunato

59 Poi raggiungiamo largo Abate Conforti dove doveva essere il foro e dove fu ritrovata la vasca celebrativa che abbiamo visto al museo

60 Entriamo a Santa Sofia per vedere i ruderi del Foro ma sono chiusi. Allora percorriamo un tratto del decumano e scendiamo per via dei Canali

61 Per raggiungere San Pietro a Corte

62 Dove ci aspetta la guida del gruppo archeologico e dove vedremo i resti delle antiche terme romane.

63 Larcheologa ci spiega tante cose interessanti

64 E noi possiamo farle delle domande … ci piace tanto fare domande!

65 Ci spiega che le tracce dei Romani a Salerno sono poche e nel nostro giro le abbiamo viste tutte

66 Ormai sono quasi le 12 perciò scendiamo a via Roma

67 Dove troviamo pronto ad attenderci il nostro pullman davanti al Palazzo di Città Salutiamo la maestra Maki e andiamo via, piuttosto bagnati ma con la consapevolezza di aver imparato tante cose importantissime.

68 Il giorno 15 marzo il secondo gruppo con le classi V C e D raggiunge il centro di Salerno per fare lo stesso giro

69 È una giornata gelida, piove e le montagne intorno a Salerno sono piene di neve

70 Purtroppo è tutto prenotato e quindi, nonostante il tempo meteorologico avverso, il nostro giro comincia

71 Visitiamo il lapidarium

72 E poi il museo proprio come i nostri compagni la settimana scorsa

73 Usciamo e, per fortuna, non piove più.

74 E immediatamente lorologio biologico ci ricorda che è ora della merenda

75 Sfoderiamo le MERENDONE e non ci fermiamo più fino a quando non le abbiamo finite!

76 Facciamo anche noi tappa al Castello che non cè

77 Per proseguire verso il tempio di Pomona

78 Stessa tappa per ricordare la leggenda dei tre Santi Martiri

79 E poi proseguiamo per largo Abate Conforti dove cera il Foro

80 Quindi percorriamo un tratto del decumano

81 E attraverso via dei Canali raggiungiamo San Pietro a Corte

82 Qui una guida del gruppo archeologico ci spiega come erano le terme

83 E quante trasformazioni ha subito questo importante sito archeologico

84 Affreschi della Chiesa paleocristiana nelle terme di San Pietro a Corte

85 La visita è finita e il pullman ci aspetta già davanti al Palazzo di Città

86 La pioggia è stata clemente ma il freddo terribile, non vediamo lora di metterci al calduccio!

87 Lasciamo San Pietro a Corte e riprendiamo il pullman per rientrare, infreddoliti ma contenti di aver imparato tante cose nuove e interessanti! F i n e


Scaricare ppt "Alla mensa degli antichi Romani Progetto di storia e alimentazione Anno scolastico 2012/13 Scuola primaria VIII Circolo > Classi Quinte."

Presentazioni simili


Annunci Google