La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Scuola Primaria di Piobesi Torinese Anno scolastico 2009-2010 Classi 4^A e 4^B FIERA DAUTUNNO DI PIOBESI 17-11-2009 Tema della manifestazione: lantica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Scuola Primaria di Piobesi Torinese Anno scolastico 2009-2010 Classi 4^A e 4^B FIERA DAUTUNNO DI PIOBESI 17-11-2009 Tema della manifestazione: lantica."— Transcript della presentazione:

1 Scuola Primaria di Piobesi Torinese Anno scolastico Classi 4^A e 4^B FIERA DAUTUNNO DI PIOBESI Tema della manifestazione: lantica Chiesa di San Giovanni ai campi nel centenario della proclamazione a monumento nazionale. I Santi parlano … Ricerca sui santi protettori di Piobesi.

2 Il percorso didattico Contenuti / Attività VISITA GUIDATA ALLANTICA CHIESA Informazioni storiche Osservazione e lettura degli affreschi (XI – XVI secolo) La tecnica dellaffresco Individuazione tra i vari personaggi dei quattro santi protettori di Piobesi VAI A FOTOGRAFIE DELLA VISITA VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.1 LA VISITA GUIDATA: CHE COSA RICORDI? Raccolta delle informazioni memorizzate o appuntate e condivisione a piccoli gruppi Stesura di un breve testo di gruppo Successiva condivisione a livello di classe RACCOGLIAMO LE IDEE … VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.2 VAI A FOTOGRAFIE DELLA VISITA VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.1 VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.2 VAI A FOTOGRAFIE DELLA VISITA VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.1 VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.2 Riferimenti alla Programmazione dIstituto Unità di apprendimento / obiettivi Unità di apprendimento / obiettivi Arte e immagine Arte e immagine UA3 – OF UA3 – OF Conoscere, rispettare e valorizzare i beni artistici del territorio Conoscere, rispettare e valorizzare i beni artistici del territorio Intuire lidea di tutela del patrimonio artistico Intuire lidea di tutela del patrimonio artistico UA1 – OS UA1 – OS Osservare e leggere vari tipi di immagine Osservare e leggere vari tipi di immagine Italiano Italiano UA3 – OS UA3 – OS Cogliere le informazioni essenziali di una comunicazione verbale Cogliere le informazioni essenziali di una comunicazione verbale UA2 – OS UA2 – OS Produrre testi scritti … Produrre testi scritti …

3 LA RELIGIOSITA NEL NOSTRO TERRITORIO VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.3 Riflessione sullidea di spazio sacro e di segno religioso (testo di religione; collegamenti con la programmazione di storia) I SANTI PROTETTORI DI PIOBESI: San Giovanni Battista, SantAntonio Abate, San Sebastiano, San Rocco Raccolta dinformazioni sui santi e ricerca delle tradizioni religiose locali a loro riferite Fonti scritte: Sito internet Wikipedia; Piobesi nei dodici secoli della sua storia di Michele Tamagnone Fonti orali: interviste a familiari e conoscenti degli alunni Condivisione delle notizie raccolte Stesura dei testi, come narrazione dei santi in prima persona VAI A LA PAROLA AI SANTI VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.3 VAI A LA PAROLA AI SANTI VAI A QUADERNO ALUNNI PAG.3 VAI A LA PAROLA AI SANTI Religione Religione UA1 – OS UA1 – OS Leggere ed interpretare i segni religiosi presenti nellambiente Leggere ed interpretare i segni religiosi presenti nellambiente Italiano Italiano UA4 – OS UA4 – OS Leggere, ricercare e confrontare le informazioni Leggere, ricercare e confrontare le informazioni Storia Storia Dalle Indicazioni nazionali: Dalle Indicazioni nazionali: ricavare da fonti di tipo diverso conoscenze semplici su momenti del passato locale ricavare da fonti di tipo diverso conoscenze semplici su momenti del passato locale Religione Religione UA4 – OS UA4 – OS Conoscere tradizioni ed espressioni della religiosità del territorio Conoscere tradizioni ed espressioni della religiosità del territorio Riconoscere nei santi la fedeltà coraggiosa a Gesù Cristo e al Vangelo Riconoscere nei santi la fedeltà coraggiosa a Gesù Cristo e al Vangelo

4 PRESENTAZIONE DEL LAVORO SVOLTO: realizzazione di un cartellone a fumetti PRESENTAZIONE DEL LAVORO SVOLTO: realizzazione di un cartellone a fumetti Caratterizzazione e rappresentazione dei quattro santi (abbigliamento – oggetti – animali - ambienti) Caratterizzazione e rappresentazione dei quattro santi (abbigliamento – oggetti – animali - ambienti) GUARDA IL CARTELLONE GUARDA IL CARTELLONE GUARDA IL CARTELLONE GUARDA IL CARTELLONE

5 Le fotografie degli affreschi

6

7

8

9

10

11 LA PAROLA A … San Giovanni Battista Sono Giovanni il Battista, proprio a me è dedicata la chiesa ai campi che sorge su unantichissima fonte battesimale e sono raffigurato sullaffresco esterno sulla porta dingresso … da più di mille anni perciò i Piobesini mi ricordano, mi pregano … Sono un santo un po privilegiato perché sono cugino di Gesù … Come sapete, i miei genitori, Zaccaria ed Elisabetta, non erano più molto giovani e quando sono nato mio padre quasi non ci credeva … Sono stato un dono di Dio e, pensate un po, la mia nascita è stata annunciata dallo stesso Arcangelo Gabriele che annunciò quella di mio cugino …. e quando Maria venne a trovare mia mamma, non potei fare a meno di sussultare di gioia! Per questo dicono che sono il più grande dei profeti! Diventato adulto me ne andai nel deserto a vivere in povertà e preghiera … iniziai a predicare alla gente la necessità di cambiare vita, di convertirsi … Molti venivano a farsi battezzare nel fiume Giordano assumendosi limpegno di vivere secondo gli insegnamenti del Signore Dio … pensate che anche Gesù venne a farsi battezzare da me! E per questo motivo che mi chiamano Battista. Sono stato coraggioso e non ho avuto paura di predicare, di cercare la verità, di condannare i cattivi comportamenti; così il re Erode Antipa, infastidito dalle mie parole e dai miei seguaci, mi fece imprigionare. Poi, per compiacere e premiare la figlia di Erodiade, Salomé, che aveva ballato ad un banchetto, mi fece decapitare … Sono stato molto amato dai Piobesini … Anni fa, il giorno della mia festa, il 24 giugno, mi portavano in solenne processione per festeggiare la mietitura; anche quando il lavoro dei campi era impossibile per la siccità o per il maltempo, la tempesta e la grandine, mi portavano in processione con la statua che è custodita nella chiesa dello Spirito Santo, perché con il dito puntato verso il cielo il Signore Dio concedesse un buon tempo e la ripresa del lavoro nei campi. Mi onoravano con una processione fino allantica chiesa anche a settembre, insieme a Maria… E così, chissà da quanto tempo, sono uno dei quattro santi protettori di Piobesi … ciascuno di noi ha una grande statua nella chiesa parrocchiale segno che la devozione verso di noi è stata negli anni attenta e viva!

12 LA PAROLA A… SantAntonio Abate Sono Antonio, sono nato in Egitto a Qumans intorno al 251… pensate avrei 1758 anni!!! I miei genitori erano agricoltori benestanti ed erano cristiani, per questo io sono cresciuto alla scuola del Vangelo di Gesù. La mia vita non è stata facile: sono rimasto orfano prima dei ventanni con un grosso carico di lavoro e di responsabilità e una sorella più piccola… Gesù aveva detto:Se vuoi essere perfetto, va, vendi quello che possiedi e dallo ai poveriIo pensai che dovevo mettere in pratica le sue parole… così distribuii tutto ciò che possedevo ai poveri, sistemai mia sorella in una comunità e scelsi di fare leremita, cioè di vivere solo, in povertà, per essere più vicino a Dio. Trascorrevo le giornate pregando tanto e lavorando per vivere e per donare qualcosa a chi ne aveva bisogno. Con il tempo molte persone vollero starmi vicino… e io mi accorsi che il Signore Dio attraverso di me guariva chi soffriva nel corpo e nellanima. Mi seguirono in tanti per vivere con me e come me, e piano piano formarono delle vere e proprie comunità. Con il passare degli anni, anzi dei secoli, un po ovunque si invocava il mio aiuto per il mio passato da agricoltore e per le mie guarigioni, in mio onore si facevano feste e processioni… Mi rappresentano con un maialino: sì, li allevavo, perché con il loro grasso facevo un unguento per dare sollievo a chi era colpito dal fuoco di SantAntonio, una malattia dolorosa, o altre malattie della pelle. Anche qui a Piobesi, come in altri paesi di queste zone di campagna, mi pregano da tempo… Cera una chiesetta a me dedicata sulla strada verso Castagnole, con il tempo è andata distrutta ed al suo posto cè una grande croce; nella chiesetta cera un bel quadro che è stato portato nella cappella di San Sebastiano che ora non cè più e… chissà! Fin qui si veniva in processione in mio onore e in primavera a pregare con le Rogazioni. Ancora oggi, il 17 gennaio, la mia festa, si svolge la Benedizione dei trattori che fino a qualche anno fa era la Benedizione degli animali…Sapete, gli animali erano una risorsa per il latte, la carne,… ed erano indispensabili per il lavoro nei campi: perdere un animale in una cascina era una disgrazia! Gli agricoltori mi offrono i frutti della terra e del lavoro e chiedono al Signore Dio, con il mio aiuto, protezione per il lavoro in campagna: mi vogliono bene!

13 LA PAROLA A… San Sebastiano Mi chiamo Sebastiano ero un importante ufficiale dellesercito romano dellimperatore Diocleziano, negli anni intorno al 300. A quei tempi i Cristiani erano perseguitati e quando limperatore scoprì che io ero cristiano, mi condannò a morte ordinando di trafiggermi con frecce… non riuscirono ad uccidermi. Fui curato amorevolmente da una nobildonna e riuscii a guarire. Successivamente limperatore mi fece flagellare a morte e mi fece gettare nella Cloaca maxima. La mia fede in Gesù era più forte di qualsiasi minaccia o punizione, più forte anche della morte! Per le numerose ferite e piaghe di cui era coperto il mio corpo sono stato ben presto invocato durante le epidemie di gravi malattie, come la peste, insieme a San Rocco. Sapete, la peste, in passato, non risparmiò queste terre… per questo i Piobesini chiesero la mia intercessione… Le epidemie potevano distruggere intere famiglie, non esistevano farmaci, cure e si era completamente impotenti di fronte alle malattie: la guarigione e la salvezza erano affidate a Dio, con laiuto dei Santi. La peste e le malattie potevano poi diffondersi anche tra gli animali, così indispensabili alla vita delluomo! Qui a Piobesi avevo una cappella nei pressi dellantico cimitero, proprio dove ora cè la piazza a me dedicata, è andata distrutta ma nelle vicinanze cè una mia croce dove si andava a pregare in processione per chiedere aiuto e protezione per il lavoro in campagna. Erano le processioni delle brine, si svolgevano allinizio della primavera, molto presto al mattino, quando nasce il giorno e fa ancora freddo, avvenivano nei tre giorni successivi alla Pasqua… Si partiva dalla chiesa e si faceva un lungo giro per strade, sentieri e campi in modo da poter vedere proprio tutto il territorio della parrocchia e si andava verso le croci e i piloni sparsi qua e là. Durante il percorso e nei punti prestabiliti si svolgevano le Rogazioni, preghiere e implorazioni in latino per chiedere al Signore Dio di risparmiare il raccolto dalla tempesta e la popolazione delle malattie, dalla fame e dalla guerra … Partecipavano proprio tutti in modo solenne … anche i bambini come voi!

14 LA PAROLA A… San Rocco Sono il più giovane dei quattro santi protettori anche se ho sicuramente più di 600 anni! Sono nato in Francia a Montpellier intorno al 1350 e sono morto giovane, a poco più di 32 anni, a Voghera. I miei genitori Jean e Libère De La Croix erano ricchi e benestanti, profondamente cristiani e si dedicavano ad opere di carità. Anchio, come SantAntonio, rimasi orfano giovanissimo e decisi di seguire Gesù vendendo i miei averi ed entrando nellordine dei Francescani. Capitai in Italia, nel Lazio, vicino a Viterbo nel momento in cui si diffuse la peste … non ne ebbi paura e mi misi al servizio dei malati chiedendo per loro la guarigione … Il Signore Dio si servì di me per compiere i miracoli e guarire anche un cardinale che mi fece conoscere il Papa. Viaggiai molto sempre per confortare e assistere i malati finché anchio mi ammalai di peste e fui allontanato dalla città e trovai rifugio in un bosco. Qui un cane mi salvò dalla fame portandomi ogni giorno un tozzo di pane … il Signore Dio non mi abbandonò e forse aveva ancora bisogno di me e mi guarì. Per strane vicende politiche fui arrestato e trascorsi ben cinque anni in prigione, dove morii dopo aver ricevuto da Dio il dono di diventare lintercessore di tutti i malati di peste. Sono conosciuto un po in tutta Europa, infatti non cè paesino o borgata che non abbia almeno un pilone, un quadro votivo o una statua a me dedicata … Nel periodo delle epidemie di peste sono stato molto invocato e pregato perché sono considerato un vero e proprio guaritore di questa terribile malattie; ancora oggi si chiede il mio aiuto contro le gravi malattie contagiose. Ma il mio sguardo ed il mio aiuto sono rivolti anche agli animali, miei amici, importanti per la vita e per il lavoro in campagna … Ecco perché gli agricoltori ancora oggi mi invocano in caso di maltempo, tempesta o siccità. Qui a Piobesi nel 1757 mi hanno costruito e dedicato una bella chiesetta, è tenuta bene e amata dalle persone del borgo e ogni anno, il 16 agosto, quando vengo ricordato e festeggiato un po ovunque, viene celebrata la Santa Messa. Una volta la mia festa era ancor più sentita … forse perché tanti lavoravano in campagna … si celebrava in modo solenne facendo anche la processione per le strade del paese e banchettando in compagnia!

15


Scaricare ppt "Scuola Primaria di Piobesi Torinese Anno scolastico 2009-2010 Classi 4^A e 4^B FIERA DAUTUNNO DI PIOBESI 17-11-2009 Tema della manifestazione: lantica."

Presentazioni simili


Annunci Google