La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO L.A.I.V. Milano, 4 Marzo 2007 A CURA DI MAURIZIO VITALI Musica e disagio: laboratori per il sostegno e lintegrazione Il laboratorio musicale nellofferta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO L.A.I.V. Milano, 4 Marzo 2007 A CURA DI MAURIZIO VITALI Musica e disagio: laboratori per il sostegno e lintegrazione Il laboratorio musicale nellofferta."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO L.A.I.V. Milano, 4 Marzo 2007 A CURA DI MAURIZIO VITALI Musica e disagio: laboratori per il sostegno e lintegrazione Il laboratorio musicale nellofferta formativa della scuola dellautonomia Modalità ottimali di collaborazione con le istituzioni esterne alla scuola

2 PROGETTO L.A.I.V. Milano, 4 Marzo 2007 A CURA DI MAURIZIO VITALI MUSICA E DISAGIO: LABORATORI PER IL SOSTEGNO E LINTEGRAZIONE

3 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. PROFESSIONI DI AIUTO ALLA PERSONA Folgheraiter F., Teoria e metodologia del servizio sociale, FrancoAngeli, Milano, 1998, pag.79 PROFESSIONI DI AIUTO Attività specializzate volte a prevenire e rimuovere stati di disagio o di problema presenti nelle persone interessate". PROFESSIONI CLINICHEPROFESSIONI SOCIALI Nellaffrontare una difficoltà o unPer affrontare un problema u- problema umano si concentrano mano, si concentrano sul pro sulle patologie costituenti.blema come tale, consideran- dolo nei suoi aspetti relaziona Utilizzo del modello medico li e dinamici, e non nei suoi (diagnosi e trattamento).aspetti patologici, anche qualo ra alla base del problema vi sia davvero una patologia. MUSICOTERAPISTAANIMATORE MUSICALE

4 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. PROFESSIONE SOCIALE Folgheraiter F., Bortoli B., Il lavoro sociale postmoderno: introduzione ai concetti, in Folgheraiter F. (a cura di), Il servizio sociale postmoderno. Modelli emergenti, Erickson, Trento, 2004, pagg LAVORO SOCIALE = Modo di guardare ai problemi sociali senza il filtro della patologia IL SOCIALE = Azione finalizzata di più persone, interconnesse nel perseguimento di scopi condivisi, che gli agenti considerano degni di essere raggiunti in vista del loro stesso benessere LAZIONE DEI PROFESSIONISTI DEL SOCIALE si esplica nel sostenere e potenziare (empower) la capacità di azione naturale delle persone direttamente o indirettamente interessate allo stato di benessere di cui il professionista, per dovere dufficio, deve occuparsi.

5 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. LAVORO SOCIALE DI RETE Folgheraiter F., Operatori sociali e lavoro di rete, Erickson, Trento 1990, pagg ; Teoria e metodologia del servizio sociale, Angeli, Milano 1998, pagg ; Lutente che non cè, Erickson, Trento 2000, pagg e MODELLO DI RETE SOGGETTO - con problemi disagio/patologie e risorse - in relazione con altri soggetti AZIONE Al centro dellattenzione vengono poste: - la capacità di produrre unazione per il benessere della persona - in prospettiva relazionale - con approccio globale e integrato fra risorse informali e formali

6 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. LAVORO SOCIALE DI RETE Folgheraiter F., Operatori sociali e lavoro di rete, Erickson, Trento1990,pagg ; Teoria e metodologia del servizio sociale, Angeli, Milano 1998, pagg ; Lutente che non cè,Erickson, Trento 2000, pagg e OPERATORE interviene per - Sostenere, promuovere e collegare le risorse - Potenziare le capacità di risposta - Costruire sinergie, concentrandosi sui punti di forza Punta ad una Normalità nel quotidiano in cui la Cura è funzione della qualità dellambiente di vita Trae dallempowerment dei propri interlocutori apprendimento e aiuto per esercitare la propria competenza di esperto, in una relazione di reciprocità Asseconda i processi che estendono lazione degli interlocutori oltre la sfera privata (azioni collettive rivolte al sistema socio culturale e politico)

7 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE Regoliosi L, La prevenzione del disagio giovanile, La Nuova Italia Scientifica, Roma, 1996, pag. 60 PUNTI QUALIFICANTI DALLA PRATICA DELLANIMAZIONE APPROCCIO: ATTIVO E MAIEUTICO (persona/comunità) GRUPPO: AMBITO PRIVILEGIATO DI LAVORO CENTRALITA DELLESPERIENZA (CORPOREITA) ATTENZIONE A: CREATIVITA, ESPRESSIVITA, COMUNICAZIONE SOLLECITAZIONE DELLA PARTECIPAZIONE E DEL PROTAGONISMO ATTENZIONE AL PROCESSO : - ESPERIENZA CHE SI COMPIE - RELAZIONI CHE SI SVILUPPANO - CAMBIAMENTI CHE SI COSTRUISCONO

8 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE SOCIO CULTURALE FLORIS F., Quando si puo parlare di animazione con gli adolescenti?, in ANIMAZIONE SOCIALE, ottobre 1998 SIAMO DI FRONTE A UN EVENTO DI ANIMAZIONE? quando: Si esce dallisolamento individuale e si accetta linterdipendenza, si sperimenta lappartenenza, il far parte di un gruppo, la convivenza e larricchimento dellessere io e dellessere noi Ci si immerge nellazione, in un fare significativo e di gruppo, da cui si apprende Si rielabora ciò che si è sperimentato, alla ricerca di nuovi significati e nuove passioni sociali, in cui si ha cura di altro da sé La soluzione ai problemi è ricercata insieme, e le azioni sono progettate, attuate e valutate insieme, in un rapporto con la comunità locale che si ridefinisce, attraverso lacquisizione di consapevolezza critica dei modelli culturali e di vita della comunità stessa

9 Il laboratorio musicale nellofferta formativa della scuola dellautonomia IL LABORATORIO MUSICALE NELLOFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELLAUTONOMIA

10 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I RAGAZZI E LA MUSICA Maurizio Vitali, La musica degli adolescenti tra scuola e territorio, Relazione al convegno IASPM Gusti giovanili e Popular music: ricerche, didattiche, pratiche, Bologna Dicembre 2004, pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. o Musica dentro e fuori la scuola: limiti e opportunità o La crisi della significatività dellesperienza musicale scolastica o Accogliere a scuola i vissuti musicali dei ragazzi o Agire sulle relazioni (musicale): concertare gusti ed esperienze o Promuovere condotte poco esercitate in grado di generare nuove esperienze di piacere o Potenziare le identità musicali individuali e gruppali o Progettare attività come cicli esperienziali ed emozionali a partire dal fare musica o Progettare insieme (pr. Dialogica e partecipata) o Promozione a approfondimento critico delle conoscenze: integrare tecniche aspecifiche e tecniche specifiche.

11 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE MUSICALE Maurizio Vitali, Porsi in ascolto per progettare, in AA.VV., Farsi sentire. La musica nei progetti socio-educativi, Centro Studi Musicale e Sociali Maurizio Di Benedetto – Franco Angeli, Milano 2005 – pag. 126 LA MUSICA E I RAGAZZI… La musica è uno strumento potente che attiva processi educativi totalizzanti e fortemente legati alla realtà in cui i giovani si trovano a vivere: nella musica passano i valori, gli ideali, passano le emozioni legate allesperienza dellamore, al conflitto, passa il desiderio di essere social- mente riconosciuti, passano i piaceri e le fatiche di vivere quotidianamento levoluzione della propria identità: una identità quasi adulta, ma ancora incerta. Avere consapevolezza di queste dimensioni e di come un lavoro specifico di animazione musicale può svilupparle, diventa essenziale per dare un senso sempre maggiore alla propria funzione educativa.

12 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE MUSICALE AD ORIENTAMENTO PEDAGOGICO E SOCIALE - TRATTI DISTINTIVI - si qualifica rispetto ad altre pratiche pedagogico musicali per: lintegrazione tra teoria e prassi (secondo il processo prassi- teoria-prassi), rispetto alla separazione di teoria e prassi. il coinvolgimento attivo rispetto alla fruizione passiva lapprendimento come opportunità piuttosto che come finalità/obiettivo dominante la rappresentazione simbolica dellesperienza piuttosto che lesibizione la relativizzazione di tecniche e tecnologie rispetto alla loro assolutizzazione la reciprocità relazionale piuttosto che lincentivazione dellindividualismo la valorizzazione di ogni capacità/potenzialità musicale delle persone in vece dellimposizione dellinsegnamento del codice musicale.

13 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE MUSICALE AD ORIENTAMENTO PEDAGOGICO E SOCIALE - PAROLE CHIAVE - CRESCITA. AM intesa come cambiamento evolutivo, positivo e partecipato. RECIPROCITA. NellAM La dialogica del cambiamento riguarda sempre, nella differenza di ruolo, anche lanimatore. PIACERE (CREATIVITA, DESIDERIO). LAM assume la dimensione del piacere, del divertimento, anche dellevasione in una prospettiva di crescita, senza perdere di vista le proprie finalità e il proprio metodo. INTENZIONALITA – CONSAPEVOLEZZA. LAM promuove progettualità educativa, in prospettiva di ricerca (riflessione consapevole sul significato) e presuppone spiccata sensibilità autoformativa. SINERGIA. Il contesto (sistema) si estende al territorio e alla comunità, avvalendosi dellapproccio del lavoro di rete.

14 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE MUSICALE AD ORIENTAMENTO PEDAGOGICO E SOCIALE - FUNZIONI - sviluppa le capacità di fare e produrre musica, promuovendo il coinvolgimento attivo e potenziando lintelligenza musicale individuale e di gruppo propone occasioni per esplorare e sperimentare modelli relazionali personali e di gruppo, favorendo lintegrazione e la cooperazione. promuove le dimensioni del creativo, del simbolico e del fantastico. favorisce divertimento-scarico-compensazione in relazione dialettica con le altre funzioni. Rientra qui anche il concetto di AM come spazio-tempo di festa. fa esprimere comportamenti multiculturali e favorisce un approccio aperto ai diversi linguaggi musicali.

15 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. ANIMAZIONE MUSICALE AD ORIENTAMENTO PEDAGOGICO E SOCIALE - CONCETTO DI LABORATORIO - Laboratorio è uno spazio/tempo: in cui il lavoro convive con le dimensioni del piacere, del desiderio, e del gioco. in cui le dinamiche relazionali sono orientate alla ricerca di una condizione di benessere condivisa; che si fonda su una visione unitaria di corpo e mente, su una dimensione plurisensoriale della musica e della cultura, attivando, a partire dalla relazione persona-musica, percorsi/esperienze di ricerca, esplorazione, sviluppo di tracce, segni, simboli; che riconosce, accetta e valorizza la compresenza di musiche, punti di vista, progetti, competenze, gusti, vissuti musicali, promuovendo identità e autonomie; che privilegia una progettualità in situazione, che non si arrocca dietro un sapere disciplinare, che non rinuncia ad affrontare le dimensione della casualità, dellimponderabilità, del dubbio, che non pone in secondo piano i contenuti ma tenta di aprirli – e quindi trasformarli, ripensarli, riconvertirli, condizionarli – alle relazioni, alla quotidianità, alle risorse e ai desideri.

16 PROGETTO L.A.I.V. Milano, 4 Marzo 2007 A CURA DI MAURIZIO VITALI MODALITÀ OTTIMALI DI COLLABORAZIONE CON LE ISTITUZIONI ESTERNE ALLA SCUOLA

17 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I LABORATORI MUSICALI NELLE SCUOLE. ASPETTI ORGANIZZATIVI Maurizio Vitali, Relazione al Seminario Nazionale Progetto Musica del M.P.I Castiglione della Pescaia Dicembre 1999 pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. o LM come sistemi aperti (unità globali organizzate di interrelazioni tra elementi, azioni, individui E. Morin) o Nuovo rapporto musica-scuola- comunità (non cè evoluzione culturale se la scuola non è presente nei processi di produzione e comunicazione che riguardano una comunità C. Freinet)

18 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I LABORATORI MUSICALI NELLE SCUOLE. ASPETTI ORGANIZZATIVI Maurizio Vitali, Relazione al Seminario Nazionale Progetto Musica del M.P.I Castiglione della Pescaia Dicembre 1999 pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. LORGANIZZAZIONE Fase 1: INCONTRO COL TERRITORIO o Leggere e analizzare i bisogni o Individuare le risorse o Avviare un dialogo con interlocutori o Conquistare fiducia dei soggetti coinvolti

19 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I LABORATORI MUSICALI NELLE SCUOLE. ASPETTI ORGANIZZATIVI Maurizio Vitali, Relazione al Seminario Nazionale Progetto Musica del M.P.I Castiglione della Pescaia Dicembre 1999 pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. LORGANIZZAZIONE Fase 2: INTER-AZIONI, RELAZIONI o Strategia che permette di: - abbassare soglie di diffidenza - superare gli autismi culturali - promuovere condivisione e cooperazione - evidenziare il valore aggiunto del sistema (guadagno per tutti)

20 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I LABORATORI MUSICALI NELLE SCUOLE. ASPETTI ORGANIZZATIVI Maurizio Vitali, Relazione al Seminario Nazionale Progetto Musica del M.P.I Castiglione della Pescaia Dicembre 1999 pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. LORGANIZZAZIONE Fase 3: PROMUOVERE IL SISTEMA o Ottimizzare e dinamizzare le risorse o Generare nuove risorse o Promuovere uno sviluppo culturale organico o Gestire la complessità del sistema

21 CRITERI PER RAPPORTARSI CON SOGGETTI ESTERNI 1. Riconoscimento dei ruoli istituzionali 2. Disponibilità a mettersi nel gioco della rete (dare- avere/rinunciare-togliere) 3. Definizione precisa del campo dazione (convenzione aperta) 4. Condivisione delle linee: valori di riferimento->finalità del progetto bisogni rilevati –> obiettivi intesi come risultati attesi 5. Disponibilità a sottoporsi a processi condivisi di valutazione di efficacia (rapporto tra il risultato e il processo) e di efficienza (rapporto tra risultato e risorse impiegate)

22 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I LABORATORI MUSICALI NELLE SCUOLE. ASPETTI ORGANIZZATIVI Maurizio Vitali, Relazione al Seminario Nazionale Progetto Musica del M.P.I Castiglione della Pescaia Dicembre 1999 pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. MACRO-AREE DI COMPETENZA DEL COORDINATORE o La promozione educativa e socio- culturale o La progettazione degli interventi o La valutazione del sistema Laboratorio musicale

23 Stresa, 4 marzo 2007PROGETTO L.A.I.V. I LABORATORI MUSICALI NELLE SCUOLE. ASPETTI ORGANIZZATIVI Maurizio Vitali, Relazione al Seminario Nazionale Progetto Musica del M.P.I Castiglione della Pescaia Dicembre 1999 pubblicato in, Musicheria.net, rivista on-line del C.S.M.D.B. Volevamo vedere (…) virtù squisite sotto forma di essenze inalterabili, di fondamenti ontologici; sono invece frutti ultimi. Alla base infatti vi sono solo dei costituenti, terriccio, concime, elementi chimici, lavoro di batteri. La coscienza, la libertà, la verità, lamore sono dei frutti, dei fiori (E. Morin).

24 LAVORO DI GRUPPO Sulla base della proposta fin qui presentata, alcuni gruppi di lavoro sono invitati a: 1. Indicare Problemi/Risorse dei soggetti con i quali si intende progettare un Laboratorio Musicale 2. Descrivere il laboratorio e formulare unipotesi di attività con la musica da realizzare in esso (orientata ad unidea di empowerment) 3. Individuare alcune collaborazioni esterne alla scuola utili a realizzarlo (apertura del laboratorio al territorio) e i tipi di azione che si reputa necessario sviluppare in una prospettiva di sistema aperto.


Scaricare ppt "PROGETTO L.A.I.V. Milano, 4 Marzo 2007 A CURA DI MAURIZIO VITALI Musica e disagio: laboratori per il sostegno e lintegrazione Il laboratorio musicale nellofferta."

Presentazioni simili


Annunci Google