La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tutto il materiale contenuto in queste presentazioni è di proprietà esclusiva dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners. Ne è vietata quindi ogni riproduzione,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tutto il materiale contenuto in queste presentazioni è di proprietà esclusiva dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners. Ne è vietata quindi ogni riproduzione,"— Transcript della presentazione:

1 Tutto il materiale contenuto in queste presentazioni è di proprietà esclusiva dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners. Ne è vietata quindi ogni riproduzione, anche parziale, senza lautorizzazione scritta dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners.

2 Fonti Legislative Il 10 settembre ha preso il via il 9° Censimento generale dell'Industria, dei Servizi e delle Istituzioni non profit In questi giorni il servizio postale sta recapitando plichi inviati dall'ISTAT contenenti la comunicazione dell'avvio del censimento con allegato un questionario e relativa guida alla compilazione; le attività censuarie che l'ISTAT ha affidato alle Camere di Commercio si articolano in due differenti rilevazioni: RILEVAZIONE A CAMPIONE SULLE IMPRESE RILEVAZIONE GENERALE SUGLI ENTI NO PROFIT

3 Il Censimento, avverte l'ISTAT, rappresenta il primo passo verso la creazione e laggiornamento di un registro statistico delle istituzioni non profit, integrabile annualmente con le informazioni presenti in differenti fonti amministrative e statistiche e attraverso indagini che andranno ad investigare, di volta in volta, aspetti peculiari del settore e ad acquisire ulteriori informazioni statistiche non residenti negli archivi amministrativi di base Si calcola che saranno non meno di le Istituzioni della variegata galassia del no profit chiamate a rispondere. Dal punto di vista geografico, le realtà pre-censite sono suddivise in: Lombardia 14 % Lazio 9,5 % Veneto 8,4 % Piemonte 8,3 % Emilia Romagna e Sicilia entrambe al 7,8 % Fonti Legislative

4 Allo stato attuale, peraltro, non risulta essere pervenuto il questionario alle SOCIETA' SPORTIVE DILETTANTISTICHE A RESPONSABILITA' LIMITATA; nei prossimi giorni sapremo se si tratta di una scelta (a questo proposito si ricorda che le Società di Capitali sono già tenute ad adempiere ad obblighi di natura pubblicistica) ovvero di mera dimenticanza. Verosimilmente molti dati sono stati raccolti dal modello EAS, che può ritenersi una sorta, seppur sintetica, di censimento. Fonti Legislative

5 via internet, seguendo le istruzioni per l'accesso alla compilazione riportate nella comunicazione in forma cartacea; in questo caso lo stesso dovrà essere consegnato, a mano: Il questionario può essere compilato scegliendo una delle seguenti modalità: a)ad un qualsiasi Ufficio postale b)all'Ufficio Provinciale di Censimento (UPC) istituito presso le locali Camere di Commercio, alle quali sarà possibile rivolgersi in caso di difficoltà ovvero consultando il sito A tutti, a prescindere dal canale di restituzione utilizzato, verrà rilasciato unapposita ricevuta attestante la compilazione e la restituzione del questionario, contenente il codice identificativo, i dati anagrafici dellistituzione non profit e la data dellavvenuta operazione Modalità di compilazione

6 La lettera di accompagnamento al questionario avverte, invero genericamente, che lo stesso dovrà essere compilato in tutte le sue sezioni e restituito entro 20 giorni dalla ricezione dello stesso In realtà, terminata la fase di invio spontaneo (10 settembre - 20 ottobre), si attiveranno i rilevatori (come avvenne l'ottobre scorso per il censimento della popolazione) e sarà possibile adempiere all'obbligo legislativo dal 22 ottobre (il 21 cade di domenica) al 20 dicembre, giorno in cui terminerà la rilevazione. Termini di presentazione

7 Abbiamo sottolineato l'obbligo che gli Enti hanno di fornire in modo esatto e completo le notizie ed i dati richiesti nel questionario di rilevazione. Tale obbligo, infatti, è sancito dallart. 7 del d.lgs. n. 322/1989 e successive modifiche ed integrazioni. Le sanzioni amministrative in caso di violazione di tale obbligo saranno applicate ai sensi degli artt. 7 e 11 del citato d.lgs. n. 322/1989. Si ricorda che sono soggette allobbligo di risposta tutte le unità incluse nella lista pre- censuaria, e che sono altresì soggette allobbligo di risposta le unità non incluse nella suddetta lista ma individuate nel corso delle operazioni di rilevazione. E' pertanto fortemente consigliabile, ove non fosse pervenuto o non pervenisse in tempo utile il questionario (ricordiamo che molte associazioni possono essere domiciliate presso strutture pubbliche, ad esempio scuole, palazzetti dello sport, o private, studi professionali, ecc.) richiederlo recandosi personalmente all'Ufficio Provinciale di Censimento istituito, come visto, presso le locali Camere di Commercio; per trovare l'indirizzo del competente UPC si può accedere al link Obbligo di presentazione

8 I dati raccolti tramite il questionario sono tutelati dal segreto statistico, ai sensi degli artt. 8 e 9 del d.lgs. 322/1989 e sono trattati nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, ai sensi del d.lgs.196/2003 e del Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali a scopi statistici e di ricerca scientifica effettuati nellambito del Sistema statistico nazionale (all. A3 al d.lgs. 196/2003) e successive modifiche e integrazioni. Segreto Statistico

9 Il Questionario Il questionario è composto dalle seguenti sezioni: 1)Dati anagrafici e stato di attività 2)Struttura organizzativa 3)Risorse umane 4)Risorse economiche 5)Attività 6)Struttura Territoriale: Unità locali 7)Notizie relative al Compilatore Esaminiamo le principali problematiche che si possono incontrare nella compilazione e che non trovano una soddisfacente risposta nella "GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO" o che comunque possono dare adito a differenti interpretazioni.

10 Preliminarmente è bene controllare la prima pagina del questionario che riporta: in alto a destra le informazioni anagrafiche dellistituzione non profit (sede centrale) quali denominazione e indirizzo in alto a sinistra il codice identificativo del questionario in basso a sinistra le informazioni anagrafiche (denominazione e indirizzo) inerenti lUfficio Provinciale di Censimento (UPC) competente per territorio, a cui può essere riconsegnato il questionario cartaceo compilato in basso a destra il codice fiscale identificativo dellistituzione non profit e il codice utente necessario per laccesso al web ai fini della compilazione on line del questionario Il Frontespizio Passiamo ora a considerare le singole sezioni, AVVERTENDO CHE NON CI SOFFERMEREMO, PER EVIDENTI MOTIVI, SUI CAMPI CHE NON PRESENTANO APPARENTI DIFFICOLTA'.

11 Qualche perplessità desta il campo "indirizzo" allorché si parla, con termini inusuali, di "sede unica" o "centrale" dell'Istituzione, intendendosi come tale "il luogo in cui hanno concreto svolgimento le attività amministrative e di direzione dell'istituzione non profit e dove operano i suoi organi istituzionali, amministrativi o di rappresentanza"; pare evidente che per sede "unica" o "centrale" non possa non intendersi che la sede legale dell'Istituzione che dovrebbe corrispondere a quella indicata nel frontespizio del questionario. Nessun problema per quanto attiene alla "Denominazione" che, come di consueto, andrà riportata per esteso (es. ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ACCADEMIA DEGLI SCACCHI"); nessuna spiegazione invece, si trova, nella Guida, in relazione al campo denominato "Acronimo (sigla)"; dovrebbe invero trattarsi delle sigle che identificano il tipo di Associazione, così ASD per Associazione Sportiva Dilettantistica, APS per Associazione di Promozione Sociale, ecc.; riteniamo, peraltro, che si possa anche omettere di compilare il campo. DATI ANAGRAFICI E STATO DI ATTIVITA' Sezione 1 Continua…

12 Attiva Inattiva Cessata dal Al punto 2 occorre indicare se al momento della compilazione del questionario l'Istituzione non profit è: DATI ANAGRAFICI E STATO DI ATTIVITA' Sezione 1 Continua… Nessun dubbio sulla prima ipotesi (attiva), come pure per la seconda (inattiva), dovendosi intendere con la prima lo stato dell'istituzione non profit che svolge attività, anche a carattere stagionale, e impiega per lo svolgimento di tale attività risorse umane e/o economiche e, per il secondo caso, (inattiva), listituzione non profit che ha sospeso temporaneamente la propria attività produttiva a causa di eventi fortuiti (incendio, terremoto, ecc.), ristrutturazione dei locali, problemi economici contingenti, ecc.; diverso è il caso della cessazione delle attività, ipotesi per la quale viene richiesto di indicare la data.

13 Amministrazione Finanziaria (Agenzia delle Entrate, Ufficio del Registro, ecc.) Modello EAS Liste fornite dagli Enti (Regione, Provincia, Comune, ecc.) Liste fornite dal CONI (limitatamente alle Associazioni e Società Sportive) Come noto, la cessazione delle attività deve risultare, verosimilmente, da un verbale dell'assemblea dei Soci riuniti in sessione straordinaria; ora, è da chiedersi, se la data della cessazione sia quella in cui si è tenuta l'assemblea ovvero quella in cui si è chiusa la partita IVA o il codice fiscale, risultando irrilevanti, ai nostri fini, altre chiusure (registro CONI, istituti previdenziali, ecc.). DATI ANAGRAFICI E STATO DI ATTIVITA' Sezione 1 Continua… Considerato che i dati in possesso degli Uffici Provinciali di Censimento non possono che essere derivati da: riteniamo che vada indicata, quale data di cessazione, quella corrispondente alla chiusura del codice fiscale e/o della partita IVA.

14 Infine, vale la pena ricordare, che listituzione non profit inattiva o cessata al momento della compilazione, che risultava attiva alla data di riferimento del Censimento (31 dicembre 2011) deve compilare il questionario in tutte le sue parti. Listituzione non profit inattiva o cessata al momento della compilazione che risultava inattiva o cessata anche alla data di riferimento del Censimento (31 dicembre 2011) deve compilare il questionario per le sole informazioni richieste (specificate nel questionario e nella guida alla compilazione). DATI ANAGRAFICI E STATO DI ATTIVITA' Sezione 1

15 La nota 1 del questionario, correttamente avverte che "un'associazione riconosciuta è tale se iscritta al Registro delle Persone Giuridiche come soggetto giuridico distinto dagli associati (ai sensi del D.P.R. 361/2000). Si precisa che non costituisce riconoscimento l'iscrizione o registrazione in albi o altri registri (CONI, ndr.) tenuti da Regioni e Province Autonome, Province, (Comuni, ndr.), Ministeri o altre Amministrazioni pubbliche". La seconda sezione, se non si seguono le istruzioni contenute nella Guida e presenti sul sito dell'ISTAT (e poi vedremo i motivi) non dovrebbe comportare alcuna difficoltà, salvo il primo caso del punto 4. (Associazione riconosciuta); invero, non pochi operatori del settore ritengono, sbagliando, che il riconoscimento derivi dal fatto che l'Associazione è iscritta, per il tramite del proprio Ente di Promozione Sportiva e/o Federazione Sportiva, ovvero Disciplina Sportiva Associata, al Registro CONI delle Associazioni e Società Sportive Dilettantistiche. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Sezione 2 Continua…

16 Un qualche imbarazzo suscita la previsione "Altro" contenuta nel sito dell'ISTAT che riportiamo testualmente e non commentiamo: "Le forme giuridiche previste in Altro sono: Società sportiva dilettantistica; Altro ente di diritto privato senza scopo di lucro; Ente pubblico; Impresa individuale; Lavoratore autonomo/Libero professionista; Società a responsabilità limitata; Società in accomandita semplice; Società per azioni; Altra società di capitali; Società semplice; Società in nome collettivo; Altra società di persone; Società cooperativa (diversa da cooperativa sociale); Consorzio di diritto privato; Impresa costituita allestero; Condominio". Conseguentemente riteniamo che la quasi totalità delle Istituzioni chiamate a compilare il questionario barreranno la casella 2 (Associazione non riconosciuta). STRUTTURA ORGANIZZATIVA Sezione 2 Continua… Il lungo elenco che, come si vede, contempla anche forme giuridiche estranee al mondo del non profit, prevede le "Società Sportive Dilettantistiche", (ma non le "Cooperative sportive dilettantistiche" !, ndr.) alle quali, peraltro, ad oggi, non sono pervenute i questionari, come ricordato nella prima parte pubblicata ieri e la cui inclusione fra i destinatari del censimento resta dubbia.

17 Diversamente il punto 7.1, se si esclude l'ipotesi delle Società e delle Cooperative Sportive Dilettantistiche a responsabilità limitata, (e i nostri dubbi al riguardo aumentano !) scorre liscio sino al punto 7.4 dove si chiede se "i servizi offerti dall'Istituzione non profit siano destinati: Alcun dubbio creano i punti e 7 per i quali le risposte, per la totalità delle Istituzioni dovrebbero essere: SI - NO - SI - SI. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Sezione 2 Continua… 1)Solo ai soci/associati 2)Sia ai soci/associati sia ad altri 3)Solo ad altri

18 Nessuna preoccupazione desta la compilazione dei punti 8. e 9. se si esclude il lapsus al punto 8.1 Assemblea dei soci/associati (se esistente) ??? Né la Guida alla compilazione né le istruzioni contenute nel sito dell'ISTAT rispondono alla domanda che, ancora una volta, coinvolge pure le Società Sportive costituite sotto forma di Società di Capitali: chi sono gli "Altri" ? La domanda non è peregrina, perché negli intenti del questionario gli "altri" parrebbero essere i NON ASSOCIATI ovvero coloro nei riguardi dei quali non opererebbe la cosiddetta "decommercializzazione" dei proventi ex art. 148 del T.U.I.R.; con queste premesse come considerare i "Tesserati" ? Riteniamo che questo punto necessiti di un chiarimento da parte degli Organi preposti al censimento. Una possibile risposta potrebbe essere quella corrispondente al punto 2) Sia ai soci/associati sia ad altri. STRUTTURA ORGANIZZATIVA Sezione 2 Continua…

19 Alcun problema interpretativo comportano i punti 11 e 12 Per quanto concerne il punto 10 pare si alluda alla circostanza che un'Associazione (specie sportiva) possa essere "aggregata" (inteso come affiliata ?) ad un Ente nazionale (non a caso si citano federazioni, confederazioni, leghe, unioni), agendo "anche a vari livelli di articolazione gerarchica, con differenti codici fiscali, e con gli stessi obiettivi e/o finalità". Pare pacifico, pertanto, che le Associazioni affiliate ad una Federazione Sportiva Nazionale, ovvero Ente di Promozione Sportiva, ovvero ancora Disciplina Sportiva Associata, debbano rispondere affermativamente al punto STRUTTURA ORGANIZZATIVA Sezione 2

20 La Sezione 3 del questionario si occupa delle "RISORSE UMANE" concentrandosi in primo luogo sui "volontari"; successivamente sui Lavoratori retribuiti per finire alla categorie professionali. Le Istituzioni non profit INATTIVE al 31/12/2011 non devono rispondere a questa Sezione. Si precisa che sono definite "in organico" le risorse umane inserite nella struttura dell'istituzione non profit, sulle quali può contare per l'espletamento delle proprie attività. Rileviamo peraltro una notevole lacuna che, a nostro parere, finirà per inficiare i risultati del censimento, almeno per quanto riguarda le Associazioni e le Società Sportive che, come visto nella prima parte di questo lavoro, rappresentano la larga maggioranza delle Istituzioni del mondo del non profit: ci riferiamo agli Sportivi Dilettanti di cui all'art. 25 della Legge , n. 133 e degli artt. 67 e 69 del TUIR. RISORSE UMANE Sezione 3 Continua…

21 E' pur vero che il punto 19.9, fra le professioni tecniche (Insegnanti nella formazione professionale, istruttori, allenatori) annovera, fra gli esempi, gli atleti, istruttori sportivi e/o di tecniche artistiche, ma gli stessi, secondo le istruzione allegate al questionario, vanno ricompresi nel punto 17.1 dove si prevedono solamente: RISORSE UMANE Sezione 3 Dipendenti con contratto permanente Dipendenti con contratto a termine Lavoratori con contratto di collaborazione categorie che di certo non sono riconducibili alle prestazioni sportive dilettantistiche per le quali, spesso, non vengono nemmeno sottoscritti contratti o accordi di sorta.

22 La Sezione in esame inizia con il quesito (punto 13) diretto a conoscere se l'Istituzione avesse avuto in organico "volontari" al 31/12/2011. Cosa si debba intendere con il termine "volontario" lo dicono chiaramente le istruzioni al questionario: "il volontario è colui che presta la propria opera, anche saltuaria, senza ricevere alcun corrispettivo, presso l'istituzione non profit. Si precisa che l'attività del volontario è finalizzata alla realizzazione di servizi altruistici e solidaristici a favore di altri individui o della collettività in generale. Tra i volontari sono inclusi i soci/associati dell'istituzione non profit che prestano la propria attività in forma volontaria, libera e gratuita, per il perseguimento dei fini istituzionali." I Volontari Parrebbe, da quanto letto, che il volontario sia, ad esempio, il pensionato che alla festa della Pro loco del paese, "spina" la birra allo stand, o il socio che, in giorni determinati, si offre di spegnere le luci e chiudere la porta della palestra, e via discorrendo; in questo senso appaiono pleonastiche le successive domande tese a sapere, di questo soggetto, che presta la propria opera, in modo saltuario, senza alcun corrispettivo, età, titolo di studio, condizione professionale, cittadinanza, ore prestate, ecc. ecc. Continua…

23 Non vorremmo che gli estensori del questionario, ma ne siamo quasi certi, nel prevedere questa peraltro importante figura, pensassero alle Organizzazioni di Volontariato di cui alla Legge 266 dell'11 agosto 1991 recante: "legge quadro sul volontariato" e, in questa ipotesi, destinataria delle numerose domande sarebbe proprio questo tipo di organizzazione. Appare pertanto, salvo per le Organizzazioni di Volontariato, scelta opportuna barrare, del punto 13, la casella 2 (NO), e ribadendo tale opzione ai punti 15 e 16. I Volontari

24 Prettamente di natura tecnica risultano essere i quesiti di cui ai punti 17 e 18, ai quali ciascuna Associazione dovrà, evidentemente, rispondere sulla base del proprio status, tenuto conto della presenza o meno di lavoratori retribuiti. Tali risultano essere (punto 17,1): I Lavoratori retribuiti 1.I Dipendenti con contratto permanente 2.I Dipendenti con contratto a termine 3.I Lavoratori con contratto di collaborazione e per il punto 18.1: 1.I Lavoratori temporanei (ex interinali) 2.I Lavoratori distaccati e/o comandati 3.I Religiosi Continua…

25 Si ricorda che fra i "Lavoratori con contratto di collaborazione" vanno inclusi i Prestatori d'opera occasionale, i Collaboratori a progetto (Co.Co.Pro), e i Collaboratori coordinati e continuativi (Co.co.co), fattispecie queste ultime due non di rado presenti nelle realtà associative. Mancano, come detto, gli "Sportivi Dilettanti" che prestano la propria attività sulla scorta di accordi, verbali e scritti, e destinatari dell'arcinota detassazione integrale dei compensi fino all'importo massimo annuale di 7.500,00 euro. I Lavoratori retribuiti Ricordiamo che detta categoria comprende gli atleti dilettanti, i docenti, istruttori, preparatori atletici e tecnici, arbitri o giudici di gara, cronometristi, commissari speciali, dirigenti addetti ai giudici di gara, dirigenti accompagnatori, massaggiatori, ecc. e, per effetto dell'art. 90 della legge 27/12/2002 n. 289, anche coloro che intrattengono rapporti di collaborazione coordinata e continuativa a carattere amministrativo-gestionale. Continua…

26 L'ultimo punto della terza sezione disaggrega i dati del precedente punto 17 ed infatti il totale dei Lavoratori identificati sotto il profilo professionale e delle attività svolte deve corrispondere al punto 4 del quesito 17.1 I Lavoratori retribuiti

27 La Sezione 4 del questionario tratta delle "RISORSE ECONOMICHE" e comprende i quadri A (per le Istituzioni non profit che redigono un bilancio per competenza economica); B (per le Istituzioni che redigono un bilancio per cassa o in forma ibrida). Il primo quesito, infatti, chiede (punto 20) quale tipo di bilancio rediga l'ente non profit, prevedendo le seguenti opzioni: RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Continua… 1)Per competenza economica (proventi e oneri) 2)Per cassa (entrate e uscite) 3)In forma ibrida (contabilità di cassa per l'attività istituzionale e di competenza per le attività commerciali) La Guida alla compilazione del bilancio, probabilmente predisposta da soggetti diversi dagli estensori dei quesiti, si limitano a dedicare 9 righe all'intera Sezione, lasciando irrisolti parecchi dubbi.

28 Né contribuisce a far chiarezza, anzi !, quanto pubblicato nel sito dell'ISTAT a questo proposito, e che comunque riportiamo integralmente: RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 SEZIONE 4: RISORSE ECONOMICHE Che cosè il bilancio? E il documento contabile redatto dagli amministratori di ununità giuridico-economica alla fine di ogni periodo amministrativo (solitamente individuato al 31 dicembre di ogni anno), formato da tre documenti: lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa. Il conto economico riepiloga i costi e i ricavi di un determinato periodo e consente lindividuazione del risultato economico netto (utile o perdita) relativo allo stesso periodo; lo stato patrimoniale descrive lentità e la natura degli investimenti…. Continua…

29 RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Continua… E il documento contabile redatto dagli amministratori di ununità giuridico-economica alla fine di ogni periodo amministrativo (solitamente individuato al 31 dicembre di ogni anno), formato da tre documenti: lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa. Il conto economico riepiloga i costi e i ricavi di un determinato periodo e consente lindividuazione del risultato economico netto (utile o perdita) relativo allo stesso periodo; lo stato patrimoniale descrive lentità e la natura degli investimenti (attività) e dei finanziamenti (capitale netto e passività) in essere ad una certa data; la nota integrativa fornisce una descrizione quali-quantitativa delle poste del conto economico e dello stato patrimoniale. [Artt e segg. c.c.] SEZIONE 4: RISORSE ECONOMICHE Che cosè il bilancio? Se il questionario dunque "spreca" nove righe per illustrare questa importante sezione. non riesce a far di meglio, come visto, l'ISTAT, che si limita a riportare la previsione di cui all'art del Codice Civile (redazione del bilancio).

30 RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Continua… 1)Stato Patrimoniale 2)Rendiconto della gestione 3)Allegati esplicativi: nota integrativa e prospetto di movimentazione dei fondi 4)Relazione sulla gestione (c.d. conto morale) 5)Relazione dell'organo incaricato del controllo (se esistente: si rammenta, a questo proposito, che non vi è obbligo di dotarsi di organo di controllo, ma se previsto dallo Statuto Sociale, allora occorrerà istituirlo) Vale tuttavia la pena, senza voler approfondire l'argomento, ricordare come il bilancio di esercizio degli enti non profit, secondo la Commissione di Studio degli "strumenti per la trasparenza nella gestione delle aziende non profit", sia costituito da: Tutti questi documenti, tuttavia, devono trovare il loro momento unificante nella dimostrazione della capacità dell'ente non lucrativo di perseguire le proprie finalità istituzionali.

31 RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Continua… CI PREME PERALTRO RICORDARE COME IL PRESENTE LAVORO NON COSTITUISCA NE' VUOLE COSTITUIRE UN'ALTERNATIVA ALLA GUIDA ED ALLE INDICAZIONI DELL'ISTAT MA RAPPRESENTI SOLO UNO STRUMENTO CRITICO DI INFORMAZIONE, E, SPERIAMO, DI FORMAZIONE, A SOSTEGNO DELLE ISTITUZIONI CHIAMATE A RISPONDERE. In questo contesto, dunque, non deve meravigliare il fatto che, nella pratica, spesso, il bilancio sia stato pensato dagli enti non lucrativi più come un rendiconto delle entrate e delle spese per dimostrare ai Soci come sono state impiegate le risorse finanziarie, che come strumento di informazione e di controllo della gestione. Tornando al questionario, per quanto detto, possiamo tranquillamente affermare che la quasi totalità delle Istituzioni chiamate a rispondere, compileranno il quadro B (bilancio per cassa o in forma ibrida). Con questa premessa, è pacifico che SI CONSIGLIA VIVAMENTE alle Associazioni non profit, di compilare la sezione in esame con l'apporto del proprio Consulente o comunque dell'operatore amministrativo che meglio di altri possono conoscere l'impianto contabile adottato dall'ente censito.

32 RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Continua… a) Quadro A: fra i proventi di fonte "privata" si prevedono i contributi annui degli aderenti (comprese quoti sociale e contributi del fondatore); la nota 3 al riguardo chiarisce "quote di iscrizione, quote sociali e quote straordinarie". Non sappiamo cosa si intenda con i contributi del "fondatore" dal momento che un'Associazione non può, a differenza delle società di capitali, essere "unipersonale". Meglio pensare che i Soci "fondatori", ovvero coloro che intervengono in sede di costituzione dell'Associazione, possono anticipare somme per l'avviamento delle attività istituzionali, ma questo rappresenterebbe, tutt'al più un debito che l'Associazione ha nei riguardi di costoro, e mai un "contributo del fondatore"; In questo senso vanno lette (ed interpretate) le singole voci previste dalla Sezione; si sottolineano comunque i seguenti punti per i quali non si riscontrano spiegazione né nella Guida né nel sito dell'ISTAT : b) le sponsorizzazioni (attività sicuramente commerciali) vengono incluse (vedi nota 5) fra i "contributi, offerte, donazioni, lasciti testamentari e liberalità"; più corretta sarebbe apparsa l'iscrizione al punto 7 (altri proventi di fonte privata).

33 RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Continua… d) per finire, sempre al quadro A, punto 22.2, inquietante la richiesta di conoscere "la percentuale di contributi trasferiti all'estero" !? c) per gli oneri del personale (punto 22, 1, 2, 3) si rammenta quanto detto nei commenti alla sezione dedicata alle "Risorse umane". Più complesso il quadro B (bilancio per cassa o in forma ibrida), che, a nostro parere, sarà compilato dalla stragrande maggioranza delle Istituzioni. Permane la distribuzione fra entrate di fonte "pubblica" e "privata" (sempre da rendere in percentuale) con un'importante variante rispetto al quadro A: si prevede, infatti, (punto 24.1, 2 e 4) l'indicazione dei sussidi e contributi a titolo gratuito (2) e entrate da contratti e/o convenzioni (4) concessi/stipulati in ANNI DIVERSI DAL Analogamente (8) per quanto attiene ai contributi, offerte, donazioni da "fonte privata".

34 RISORSE ECONOMICHE Sezione 4 Quali siano da intendersi gli anni DIVERSI dal 2011 non è dato a sapere. Anche su questo punto si attendono chiarimenti. Volendo azzardare un'ipotesi si potrebbe pensare che vadano ricompresi nella percentuale da indicare i sussidi, contributi, donazioni, ecc. effettuati da fonti "pubbliche e private" antecedentemente all'esercizio in esame (2011) ma i cui effetti ricadono, in quota parte, nell'esercizio censito; diversamente ragionando si avrebbe un risultato finale non congruo e non veritiero dell'anno oggetto del censimento.

35 ATTIVITA' Sezione 5 Continua… La Sezione è dedicata alle attività svolte e ai servizi offerti dall'istituzione non profit. Si articola nei quesiti 26 e 26.1 (settori di attività), 27 (finalità dell'attività), 28 (servizi) e 29 (erogazione di servizi alle persone). Per quanto riguarda i settori di attività, è possibile indicare sino a 6 attività, ma al punto 26.1 è necessario specificarne solo una (quella prevalente) sulla base delle risorse economiche utilizzate o, in mancanza, del numero di risorse umane dedicate all'attività. Ulteriore specificazione richiede il punto 27, peraltro previsto, immaginiamo per un numero ristretto di associazioni. Ammesse più risposte per il punto 28 concernente i servizi offerti. La Sezione, sin qui, richiede solamente un'attenta lettura non presentando difficoltà di sorta. Maggiore attenzione invece necessitano i punti 29 e seguenti. La Guida, in relazione al quesito 29 (servizi alle persone) si limita a ricordare che per tali "NON si intendono i servizi rivolti alla collettività in generale, come ad esempio i servizi di protezione civile , di pubblica sicurezza, eventi di carattere culturale, educativo, sportivo, ricreativo o sociale".

36 ATTIVITA' Sezione 5 Continua… Ove la risposta fosse negativa si rinvia al quesito 30; ove si rispondesse positivamente, occorrerà specificare (punto 29.1) il settore di attività; infine, ove i servizi fossero stati erogati a persone con specifici disagi ne occorrerà individuare le categorie compilando il punto "Velenoso" appare il quesito 30 che chiede di sapere se "l'istituzione non profit ha utilizzato strumenti di comunicazione", intendendosi come tali sito internet, blog, chat, brochure informative, pubblicità, ecc.; né la Guida né il sito ISTAT forniscono istruzioni al riguardo, per questo come per i quesiti successivi (31, 31,1, 31.2).

37 ATTIVITA' Sezione 5 Abbiamo definito "velenoso" il quesito n. 30 in quanto le associazioni che hanno subito verifiche fiscali si sono viste contestare, fra gli elementi considerati dai verificatori per disconoscerne il carattere istituzionale, il ricorso a forme di promozione pubblicitaria sostenendo che un ente non profit, indipendentemente dall'attività esercitata, non deve "farsi pubblicità"; ovviamente non è questa la sede per entrare nel merito della questione. C'è, semmai, da capire cosa intendano gli estensori del questionario (punto 31) con il termine "raccolta fondi" ; riteniamo che con questo termine si possano configurare due fattispecie: raccolta fondi senza scambio di beni e servizi raccolta fondi con scambio di beni (sia pure di modico valore) e servizi Da questa differenziazione si dovrebbe dedurre quali campi barrare per rispondere ai successivi punti 31.1 e 31.2; ricordiamo, peraltro, che pure il modello EAS, sia nella versione semplificata come in quella "ordinaria" richiedeva l'importo globale degli introiti pubblicitari (sponsorizzazioni).

38 STRUTTURA TERRITORIALE: UNITA' LOCALI Sezione 6 La Sezione 6 ha l'obiettivo di rilevare informazioni relative alle unità locali dell'istituzioni non profit, sempre con riferimento al 31 dicembre Le istituzioni INATTIVE o CESSATE al 31 dicembre 2011 NON devono compilare questa Sezione; per le altre il sito ISTAT ci ricorda che: Definizione di Unità locale Lunità locale è il luogo fisico, identificato da un indirizzo e da un numero civico, nel quale si svolge o si organizza la prestazione di servizi destinabili o non destinabili alla vendita. Continua…

39 STRUTTURA TERRITORIALE: UNITA' LOCALI Sezione 6 In generale, vi sono dei criteri per individuare le unità locali: Lunità locale opera con lo stesso codice fiscale dellistituzione centrale. Lunità locale deve trovarsi in una struttura permanente o semipermanente. Deve essere, infatti, possibile individuare lubicazione fisica dellunità locale in qualsiasi momento del giorno e della notte. Lunità locale, per esempio, deve essere in grado di ricevere consegne ed immagazzinare prodotti e materiali. Ciò implica che lunità locale deve avere un indirizzo postale. È il luogo in cui si svolge il lavoro o da cui partono i lavoratori e/o i volontari che svolgono la propria attività in forma itinerante. Lunità locale deve avere una o più persone che prestano la propria attività almeno a tempo parziale. Lunità locale è di norma presidiata in quanto almeno un addetto o un volontario vi esercitano la propria attività. Continua…

40 STRUTTURA TERRITORIALE: UNITA' LOCALI Sezione 6 Come viene definita la sede centrale di unistituzione non profit? È il luogo in cui hanno concreto svolgimento le attività amministrative e di direzione dellistituzione non profit ed dove operano i suoi organi istituzionali, amministrativi o di rappresentanza. Nel questionario delle Istituzioni non profit la sede centrale è identificata dallindirizzo riportato nellintestazione della prima pagina del questionario (da integrare o correggere nel quesito 1 a seguito di eventuali variazioni). Continua… Cosa fare se il questionario è stato erroneamente recapitato ad ununità locale invece che alla sede centrale dellistituzione non profit? È necessario prendere contatto con lUfficio Provinciale di Censimento di riferimento che provvederà allinvio del questionario alla sede centrale, competente alla compilazione del questionario.

41 STRUTTURA TERRITORIALE: UNITA' LOCALI Sezione 6 Cosa fare se unistituzione non profit ha più di sei unità locali? Linserimento nel questionario (in forma cartacea) delle informazioni riguardanti le unità locali è prevista nella Sezione 6, nella quale è possibile registrare fino ad un massimo di sei unità locali. Qualora listituzione centrale abbia un numero di unità locali superiore a sei è prevista la compilazione on line del questionario che permette di inserire le informazioni per tutte le unità locali eventualmente presenti. Nei casi in cui lunità sia impossibilitata alla compilazione on line è possibile fotocopiare la Sezione 6 del questionario cartaceo (avendo cura di non far disperdere i fogli aggiuntivi). Continua… Ove esista (e crediamo sarà l'ipotesi maggioritaria) una sola unità locale corrispondente alla sede centrale (ovvero quella indicata nel frontespizio) basterà barrare il punto 1 del quesito e passare alla Sezione 7 della pagina 16 e la compilazione del questionario sarà terminata.

42 STRUTTURA TERRITORIALE: UNITA' LOCALI Sezione 6 Un problema che si presenterà verosimilmente a molte associazioni sarà quello rappresentato dal caso della sede centrale (legale) ubicata presso l'abitazione del legale rappresentante e della sede operativa delle attività istituzionali ubicata in altro luogo (esempio il palazzetto dello sport o la struttura comunale): in questo caso occorrerà compilare uno dei sei quadri riservati alle unità locali. Per ciascuna unità locale, infine, oltre all'indicazione della denominazione (solo se diversa dalla sede centrale), e dell'indirizzo, andranno indicati il numero dei volontari, dei lavoratori retribuiti e delle altre risorse umane, tenuto conto delle raccomandazioni esposte nell'analisi della relativa Sezione delle risorse umane.

43 NOTIZIE RELATIVE AL COMPILATORE Sezione 7 Nella sezione 7 occorre indicare la qualifica del compilatore (verosimilmente il legale rappresentante), del quale si chiede riferimento telefonico ed indirizzo di posta elettronica, così come per l'istituzione non profit.

44 IN CONCLUSIONE SI RIBADISCE COME IL PRESENTE LAVORO NON COSTITUISCA NE' INTENDA COSTITUIRE UN'ALTERNATIVA ALLA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO ED ALLE INDICAZIONI DELL'ISTAT RAPPRESENTANDO UNICAMENTE UNO STRUMENTO CRITICO DI INFORMAZIONE, E, SPERIAMO, DI FORMAZIONE, A SOSTEGNO DELLE ISTITUZIONI CHIAMATE A RISPONDERE. Conclusioni SI RACCOMANDA, SOPRATTUTTO PER LE SEZIONI PIU' TECNICHE DI FARE RIFERIMENTO AL PROPRIO CONSULENTE O COMUNQUE DI CONTATTARE GLI UFFICI PROVINCIALI DI CENSIMENTO ISTITUITI PRESSO LE LOCALI CAMERE DI COMMERCIO


Scaricare ppt "Tutto il materiale contenuto in queste presentazioni è di proprietà esclusiva dello Studio Leonardo Ambrosi & Partners. Ne è vietata quindi ogni riproduzione,"

Presentazioni simili


Annunci Google