La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Area W – Opere pubbliche e Ambiente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Area W – Opere pubbliche e Ambiente."— Transcript della presentazione:

1 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Area W – Opere pubbliche e Ambiente

2 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Tramvia Pratese PROGETTO PRELIMINARE

3 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE APPROFONDIMENTI TEMATICI La città qualè attualmente e la sua storia di crescita urbana Quale sarà la città ed il sistema urbano connesso in base agli strumenti urbanistici ed agli studi economici in atto; Quale sarebbe la città – attuale – inserendovi un sistema di mobilità pubblica forte; Quale sarebbe la città – futura – desunta dagli strumenti urbanistici vigenti con inserito un sistema di mobilità pubblica forte; Quale potrebbe essere la città costruita su un sistema di mobilità forte.

4 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE PERCHÉ UNA INFRASTRUTTURA FORTE DI TRASPORTO PUBBLICO? RIDUZIONE DEI COSTI DI TRASPORTO PER GLI UTENTI STRUTTURAZIONE E PRECISA ORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI URBANE NEI VARI AMBITI SVILUPPO ECONOMICO MINORI CONSUMI ENERGETICI (Autobus e TRAM consumano per ogni passeggero trasportato, 3-5 volte meno energia rispetto alle auto) RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE IMPIEGATE PER COPRIRE I COSTI DI GESTIONE DEL TPL (Attualmente il Comune paga 1,2 per passeggero trasportato) RIQUALIFICAZIONE DELLA CITTA MIGLIORAMENTO DELLIMPATTO AMBIENTALE DEL MUOVERSI IN CITTA (I TRAM producono 46 volte minor rumore rispetto alle auto, e minor inquinamento atmosferico) RIDUZIONE DELLINCIDENTALITA IN AMBITO URBANO (Il trasporto pubblico è volte più sicuro del trasporto privato)

5 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE IL PERCORSO DI APPROFONDIMENTO PROGETTUALE LA REALTA URBANA ESISTENTE –I dati territoriali (popolazione, lavoro, scuole…) –Gli spostamenti (matrici o\d) LE IPOTESI DI RETE –Le modalità progettuali (sezioni, pendenze, raggi di curvatura…) –Approfondimento tematico su ogni possibile ipotesi di percorso (posizionamento fermate, sottoservizi, elettrificazione…) LA CAPACITA POTENZIALE DI TRASPORTO DI PASSEGGERI –Carichi giornalieri e nelle ore di punta –Piano di esercizio del servizio I COSTI DI INFRASTRUTURAZIONE DI OGNI SINGOLO TRACCIATO I COSTI DI GESTIONE IL BILANCIO COSTI-BENEFICI DEL SISTEMA DI TRASPORTO

6 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LA RICERCA DEI TRACCIATI - 1 DATI TERRITORIALIDATI TERRITORIALI –Residenza –Posti di lavoro –Scuole –Unità locali delle imprese Le banche dati esistenti a livello comunale contengono una notevole quantità di dati che sono stati organizzati in un Sistema Informativo Territoriale il quale ha permesso elaborazioni e sovrapposizioni dei diversi strati informativi

7 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE MATRICI O\DMATRICI O\D –Indagine telefonica interna (5.200 interviste) –Indagine al cordone (4.500 interviste) –Indagine scuole I risultati delle indagini sono state elaborate graficamente attraverso lausilio di un software GIS ed inserite nel SIT comunale, costruendo in tal modo un grafo ideale delle origini\destinazioni degli spostamenti rilevati LA RICERCA DEI TRACCIATI - 2

8 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LA RICERCA DEI TRACCIATI – (1 + 2) I corridoi di attrattività seguono i percorsi che massimizzano i valori relativi ad ogni strato informativo considerato

9 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LE COMPATIBILITA CON IL TERRITORIO URBANIZZATO Raggi di curvatura 18 – 25 m Pendenze< 6% Distanza tra le fermate 300 – 400 m Velocità commerciale > Km\h Larghezza doppio binario 6.5 – 7.5 m 1.I corridoi individuati sono ideali per un sistema di trasporto pubblico: in questo caso la raccolta di utenza sarebbe massima; 2.Le linee reali devono sottostare a precisi parametri geometrici: Il successivo lavoro di geometrizzazione dei tracciati è indispensabile per verificare la compatibilità dellinfrastruttura con il territorio urbanizzato esistente 3.Il successivo lavoro di geometrizzazione dei tracciati è indispensabile per verificare la compatibilità dellinfrastruttura con il territorio urbanizzato esistente

10 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE I CRITERI DI PROGETTAZIONE Struttura e assetto della rete di trasporto; Connessioni con i sistemi di trasporto esistenti e in corso di progettazione (Stazioni FS); Connessioni a parcheggi di interscambio sugli assi principali di scorrimento della città; I poli attrattori esistenti e previsti; Capacità di raccolta in termini di utenza potenziale; Minimizzazione dellimpatto ambientale; Minimizzazione degli espropri (suoli e immobili); Minimizzazione degli impatti dovuti ai cantieri in fase di costruzione.

11 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE I POLI ATTRATTORI ESISTENTI 1.Centro storico 2.Aree ad alta densità abitativa 3.Aree ad alta densità di posti di lavoro 4.Polo scolastico IN PROGETTO 1. Nuovo ospedale 2. Multisala 3. Polo espositivo LE CONNESSIONI ESISTENTI 1.Stazioni FS 2.Nodi di scambio bus urbani ed extraurbani 3.Parcheggi di interscambio IN PROGETTO 1. Metropolitana a SUD 2. Nuove fermate FS Il progetto di rete tranviaria urbana deve considerare non solo la città attuale, ma anche i progetti in corso per la città del domani e prevedere quindi le necessarie integrazioni

12 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE IL DEPOSITO SCELTA DELLE AREE DA DEDICARE AL DEPOSITO - Ampi spazi di manovra - Vicinanza con la rete di esercizio LE OPERE NECESSARIE: 1.Officina 2.Lavaggio 3.Ricovero 4.Centrale operativa LUBICAZIONE DEL DEPOSITO PRESSO LATTUALE SCALO MERCI DELLA STAZIONE CENTRALE E LIPOTESI PREFERIBILE ANCHE PER LA POSSIBILITA DI FUTURA COSTRUZIONE DI UN SISTEMA DI TRAM\TRENO Le ipotesi considerate: 1. STAZIONE CENTRALE2. VIA PARONESE 3. SAN PAOLO

13 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LE SEZIONI La progettazione geometrica dei vari tracciati è stata preceduta dalla definizione di un abaco guida rappresentativo delle sezioni stradali. Per ciascuna di esse sono definiti gli ingombri, gli spazi di sicurezza, la posizione del palo delettrificazione, la protezione della sede tramviaria, la promiscuità o meno con la circolazione privata..

14 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE DUE SEZIONI PARTICOLARI SEZIONE TIPO AREA PEDONALE Il tram si combina in modo naturale con i pedoni nelle aree urbane SEZIONE TIPO CON TRAM CENTRALE La circolazione stradale deve essere organizzata in modo da eliminare i conflitti e diminuire al minimo gli Incroci e gli attraversamenti

15 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LINVILUPPO DELLE SOLUZIONI Per ogni linea sono state studiate varie possibilità di percorso evidenziando per ciascuna i vantaggi e gli svantaggi sia in termini economici che di esercizio del servizio. In particolare, per lattraversamento del centro storico sono state individuate 18 possibili soluzioni tutte integrabili con lassetto della rete complessiva.

16 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LIPOTESI DEL SOTTOSUOLO SVANTAGGI Costi di costruzione al Km tripli rispetto alle ipotesi di superficie Grandi investimenti nel sottosuolo non portano ad una buona riqualificazione della città Minore influenza sulle scelte urbanistiche Fermate distanti 800m (servizio meno capillare), fuori scala rispetto alla realtà urbana pratese Difficile accessibilità Problemi difficilmente prevedibili per vibrazioni, cedimenti. VANTAGGI Relativa facilità di costruzione Nessuna interferenza con la mobilità privata Alta velocità commerciale

17 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LE SOLUZIONI DI RETE LE POSSIBILI SOLUZIONI DI RETE SONO TRA LORO INTEGRABILI E DIFFERISCONO PER LA SCELTA DEL NODO UNICO DI SCAMBIO : 1.MERCANTINO2. ARCHI DI FRASCATI

18 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE I POTENZIALI DI UTENZA IL BACINO DUTENZA Area di attrattività delle fermate r=350m (in linea daria) Tempo max. impiegato per raggiungere la fermata: circa 4 minuti a piedi Il secondo metodo consente una maggiore precisione perché valuta il bacino dutenza con il calcolo dei tempi di spostamento a piedi, percorrendo le strade reali Limmagine raster relativa ai tempi di accesso alle fermate viene trasformata in una serie di curve di isolivello sovrapponibilI con gli altri dati del SIT di tipo vettoriale

19 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE I POTENZIALI DI UTENZA Attraverso lincrocio con i numeri civici delle aree determinate dalle curve di isolivello temporale siamo in grado di conoscere: Il numero di abitanti servito dalla linea; Le destinazioni effettivamente servite dalla linea in relazione alle reali necessità di spostamento degli abitanti (matrici o\d, indagine sulla mobilità) PER OGNI LINEA CONSIDERATA POSSIAMO QUINDI DETERMINARE: 1. Il numero di utenti potenziali nelle ora di punta 2. Il numero di saliti\discesi potenziali per ogni fermata considerata.

20 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LE ORE DI PUNTA Il 50% degli spostamenti complessivi nella città avviene nelle ore di punta (8-9,30; 18-19,30) Il 40% degli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro avviene nellora di punta del mattino (8-9,30; 18-19,30) MA È LORA DI PUNTA DELLA SERA LA PIÙ CONGESTIONATA Fonte: ISFORT, marzo 2003 …ed anche sulle LAM il carico giornaliero segue un andamento molto simile.. INDAGINE SULLA MOBILITA

21 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Esempio: IL CARICO DELLA LINEA STAZIONE – CENTRO – NUOVO OSPEDALE

22 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Il confronto con altre realtà… GRENOBLE (costruzione della terza linea) - 13,5 Km - 28 fermate abitanti serviti a 400m abitanti\Km passeggeri\ora di punta PRATO (costruzione della prima linea) Km - 14 fermate abitanti serviti a 400m abitanti\Km passeggeri\ora di punta

23 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE IL VALORE AGGIUNTO DELLE CONNESSIONI AI POLI ATTRATTORI - Il centro storico - Il modello di calcolo dellutenza potenziale delle linee tranviarie mostra che con una fermata posta al Castello dellImperatore si può aumentare lutenza della linea anche del 20% rispetto alleventualità della linea che non attraversa il centro Questo ci induce a una riflessione: effettuando adesso scelte coraggiose – e quindi, affrontando certe criticità di impatto - quale beneficio ne trarrà la città dei prossimi anni?

24 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE I COSTI DI COSTRUZIONE Per la determinazione dei costi di costruzione sono state considerate le seguenti voci di costo: 1. Armamento 2. Rotabili 3. Spostamento sottoservizi 4. Elettrificazione e segnalamento 5. Espropri 6. Deposito 7. Opere civili 8. Opere provvisorie

25 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Esempio: QUADRO ECONOMICO, I COSTI

26 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE IL BILANCIO COSTI-RICAVI COSTO COSTRUZIONE ,00 Finanziamento statale ,00 Mutuo Cdp ,00 Totale investimento (compresi interessi) ,00 Quota annuale media (10 anni) ,00 COSTO GESTIONE corse/giorno150 /Km5,4 Km/corsa10,8 /giorno8748 /anno QUOTA ANNUALE (gestione+costuzione): RICAVI DA ESERCIZIO Biglietto corsa semplice: 1,20 Abbonamento: 28.8 RICAVI TOTALI: ,5 DISAVANZO RESIDUO: ,00

27 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE IL BILANCIO COSTI-BENEFICI I ricavi da traffico consentono di coprire lintera quota dei costi di gestione. COME SI COPRE IL DISAVANZO RESIDUO? (5,2 M) DOBBIAMO CONSIDERARE I BENEFICI CHE LA TRAMVIA PORTA IN TERMINI DI: 1.RIDUZIONE DEI COSTI DI TRASPORTO PER GLI UTENTI 2.MIGLIORAMENTO AMBIENTALE 3.RIQUALIFICAZIONE DELLA CITTA In questo modo la P.A. - che investe - non ha un beneficio economico diretto dato da ricavi, ma saranno i cittadini a percepire un risparmio dovuto agli investimenti dellEnte pubblico, e la città intera a beneficiare di un miglioramento della qualità dellambiente.

28 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE RIDUZIONE DEI COSTI DI TRASPORTO IL COSTO DELLA MOBILITA PRIVATA Cp = costo percorrenza Ca = costo di arresto al semaforo Ctp = costo tempo perso Cu = costo usura del veicolo Csp = costo del suolo pubblico (parcheggi a pagamento) Ct = Cp + Ca + Ctp + Cu + Csp IL COSTO DELLA MOBILITA COLLETTIVA Cb = costo biglietto Ctp = costo tempo perso; tale funzione è distinguibile in tre diverse componenti: – tempo di attesa : Ca –tempo di percorrenza: Cp –tempo per raggiungere la fermata: Cf CT = Cb + Ctp = Cb + Ca + Cp + Cf PERCORSO MEDIO - la lunghezza totale dei viaggi al giorno pro-capite è di 7,2 km - il numero medio di viaggi\giorno pro-capite è di 2,7 si ha quindi: 7,2 km / 2,7 spost. pro-capite = 2,6 km. 2,6 km è la lunghezza media di viaggio nel Comune di Prato. NELLE ORE DI PUNTA Ct = 2,820 (AUTO) CT = 1,557 (TRAM) RISPARMIO ANNUALE DEGLI UTENTI DEL TRAM

29 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE MIGLIORAMENTO AMBIENTALE - LE EMISSIONI -

30 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE MIGLIORAMENTO AMBIENTALE Su di abitanti 4000 Decessi 1887 ricoveri per disturbi respiratori 2710 ricoveri per disturbi cardivascolari attacchi acuti di asma nei bambini casi di aggravamento dellasma nei bambini 606 casi di bronchite cronica tra le persone oltre i 25 anni di età casi di attacchi dasma tra le persone oltre i 15 anni di età - IL PM 10 - Su di abitanti 85 Decessi 40 ricoveri per disturbi respiratori 58 ricoveri per disturbi cardivascolari 668 attacchi acuti di asma nei bambini 630 casi di aggravamento dellasma nei bambini 13 casi di bronchite cronica tra le persone oltre i 25 anni di età 241 casi di attacchi dasma tra le persone oltre i 15 anni di età Da una ricerca del Centro Europeo Ambiente e Salute di Roma dellOrganizzazione Mondiale della Sanità

31 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE MIGLIORAMENTO AMBIENTALE - LA CONGESTIONE E LA GESTIONE DEGLI SPAZI -

32 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE RIQUALIFICAZIONE DELLA CITTA MEDIANTE UNA BUONA PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA DELLA TRAMVIA Attenta valutazione del rapporto della sede tramviaria con gli altri spazi delle strade Qualità anche estetica delle pavimentazioni Dove possibile, inerbimento della sede tramviaria (utile per la vista e per lassorbimento acustico, ma di delicata esecuzione) Linea di contatto poco invasiva Banchine di fermata funzionali ed armonizzate allo specifico scenario urbano Attrezzature ed arredi di fermata pensati in modo coordinato ed attento al design Adeguamento dei marciapiedi Nuovi usi degli spazi pubblici ed in particolare pedonalizzazioni Rinnovo coordinato e qualificato degli arredi urbani Restauro di monumenti ed edifici nelle vicinanze.

33 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE LINDAGINE SOCIO-ECONOMICA I CAMPI DELLA RICERCA DI ASEL Valutazione della mobilità urbana attuale; Problemi delle zone di residenza; Mezzi di trasporto utilizzati e valutazione di convenienza; Giudizio sullintroduzione di un sistema tranviario. LA DISPONIBILITA ALLUTILIZZO DEL SISTEMA TRAMVIARIO LE CONCLUSIONI …possiamo ritenere che la popolazione pratese sia pronta per quel cambiamento culturale che riguarda i modi della mobilità e ch favorisce il trasporto pubblico rispetto a quello privato. E per rendere effettivo o comunque incentivare cambiamento culturale d questo tipo non è sufficiente ce vi sia una domanda: deve esservi anche unofferta, efficiente e soddisfacente, che attien alla mobilità delle persone sul trasporto pubblico. La società pratese, da quanto è stato evidenziato nel corso della nostra indagin, può quindi dirsi pronta per un mezzo di trasporto pubblico come il tram.

34 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Le altre esperienze

35 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Strasburgo (F)

36 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Grenoble (F)

37 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Friburgo (D)

38 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Bordeaux (F)

39 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Messina

40 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Ogni linea è sempre stata studiata come se fosse lunica soluzione Progetto Preliminare tranvia di Prato

41 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Linviluppo dei percorsi per la prima linea - 1

42 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Linviluppo dei percorsi per la prima linea - 2

43 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Linviluppo dei percorsi per la prima linea - 3

44 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Linviluppo dei percorsi per la prima linea - 4

45 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Linviluppo dei percorsi per la prima linea - 5

46 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Il quadro Sinottico

47 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE La proposta dellufficio tecnico Stazione-S.Marco-Campolmi-Nistri-Ospedale attuale- Vivaldi-Nuovo ospedale

48 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE I PERCORSI PER IL FINANZIAMENTO Legge 211\92 per il finanziamento di infrastrutture per il trasporto pubblico di massa; Regione Toscana: finanziamento dei P.U.M. Ministero dellAmbiente: miglioramento ambientale; Piano Nazionale di Sicurezza Stradale: miglioramento della sicurezza urbana; Valorizzazione, in connessione al progetto del tram, di aree di proprietà comunale; Comunità Europea; Altro…….

49 AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE


Scaricare ppt "AREA W – OPERE PUBBLICHE E AMBIENTE Area W – Opere pubbliche e Ambiente."

Presentazioni simili


Annunci Google