La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Verolanuova 09 Maggio 2013 Dott. Alfredo Baldino.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Verolanuova 09 Maggio 2013 Dott. Alfredo Baldino."— Transcript della presentazione:

1 Verolanuova 09 Maggio 2013 Dott. Alfredo Baldino

2 Lapparato visivo è costituito da 2 ordini di formazioni. APPARATO VISIVO

3 Al primo ordine appartengono quelle formazioni direttamente collegate al fenomeno della visione: gli occhi, i nervi ottici e le vie ottiche che seguono fino ai centri nervosi ad esse collegate.

4 OCCHIO E VIE OTTICHE

5 Al secondo ordine appartengono quelle formazioni che consentono la funzione visiva: le pareti della cavità orbitaria che hanno funzioni protettive, il tessuto adiposo dell orbita, i muscoli oculari, le palpebre e la congiuntiva, le vie lacrimali e i vasi sanguigni, linfatici e le vie nervose

6 ANNESSI OCULARI

7 COME FUNZIONA LAPPARATO VISIVO ?

8 Le immagini che provengono dal mondo esterno vengono focalizzate sulla parte posteriore dellocchio, la retina. Nella retina, composta da vari strati, sono presenti delle cellule che trasformano limmagine in un segnale elettrico che, attraverso il nervo ottico e le vie ottiche, arriva nella area occipitale dove il segnale viene recepito dal cervello COME FUNZIONA LAPPARATO VISIVO ?

9

10

11 PER CATARATTA SI INTENDE UNA OPACIZZAZIONE DI UNA LENTE CONTENUTA ALLINTERNO DELLOCCHIO E CHE SI CHIAMA CRISTALLINO CATARATTA

12 Lopacizzazione del cristallino è un processo fisiologico che avviene con il passare degli anni, tuttavia esistono cataratte congenite, cataratte legate a malattie del bambino, cataratte che insorgono in età giovanile, cataratte dovute a traumi ( meccanici o fisici )o a terapie (farmaci) CATARATTA

13 CATARATTA

14 CATARATTA

15 CATARATTA

16 Non esiste, a tuttoggi, unefficace terapia medica Quando il cristallino opaco disturba, in maniera significativa, la visione del paziente occorre procedere alla sua asportazione ( facoemulsificazione ) e sostituzione con una lente artificiale CATARATTA

17 CATARATTA

18 CATARATTA

19 Il glaucoma è una malattia del nervo ottico di più frequente riscontro nella popolazione adulto/anziana Esistono tuttavia forme congenite, infantili, giovanili, legate a malattie generali o dovute a farmaci (terapie generali o locali ) GLAUCOMA

20 La malattia è caratterizzata da danno della testa del nervo ottico, da un progressivo deteriorarsi del campo visivo e, nella forma classica, da un innalzamento della pressione intraoculare Le conseguenze più estreme di questa malattia possono condurre ad una riduzione irreversibile della funzione visiva fino alla cecità GLAUCOMA

21 Esistono 2 tipi di glaucoma distinti in base alla modalità di presentazione della malattia: - glaucoma acuto con sintomi molto importanti quali dolore oculare intenso irradiato alla testa, occhio rosso, riduzione della capacità visiva a volte accompagnati a nausea e vomito GLAUCOMA

22 GLAUCOMA ACUTO

23 Glaucoma cronico caratterizzato da sintomatologia nulla o sfumata e non specifica. La diagnosi di questa malattia è spesso casuale e legata ad un controllo oculistico occasionale o eseguito per altro motivo. Quando la malattia causa un calo della capacità visiva è spesso tardi per conservare una funzione visiva di buona qualità GLAUCOMA CRONICO

24 Per fare la diagnosi di glaucoma il medico deve: - valutare la testa del nervo ottico GLAUCOMA

25 GLAUCOMA

26 GLAUCOMA

27 GLAUCOMA

28 Per fare la diagnosi di glaucoma il medico deve: - provare la pressione intraoculare GLAUCOMA

29 GLAUCOMA Tonometria

30 GLAUCOMA Pachimetria corneale

31 Per fare la diagnosi di glaucoma il medico deve: - valutare lesame del campo visivo GLAUCOMA

32 GLAUCOMA

33 GLAUCOMA TERAPIA MEDICA TERAPIA MEDICA

34 GLAUCOMA - TERAPIA PARACHIRURGICA ( LASER )

35 GLAUCOMA - TERAPIA CHIRURGICA

36 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Verolanuova 09 Maggio 2013 Dott. Alfredo Baldino."

Presentazioni simili


Annunci Google