La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPRENDIMENTO CENTRATO SUL DISCENTE: CRITERI PER LA PROGETTAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO VIRTUALI E INTERATTIVI Ferdinando Pennarola PhD Docente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPRENDIMENTO CENTRATO SUL DISCENTE: CRITERI PER LA PROGETTAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO VIRTUALI E INTERATTIVI Ferdinando Pennarola PhD Docente."— Transcript della presentazione:

1 APPRENDIMENTO CENTRATO SUL DISCENTE: CRITERI PER LA PROGETTAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO VIRTUALI E INTERATTIVI Ferdinando Pennarola PhD Docente Senior Area Organizzazione e Personale Centro per le Nuove Tecnologie per la Didattica Sda Bocconi

2 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted2 Alla ricerca di una maggiore efficacia del processo di apprendimento Il processo di apprendimento è facilitato se i discenti sono direttamente coinvolti nella costruzione della conoscenza, anziché riceverla passivamente Il processo di apprendimento è facilitato se i discenti sono direttamente coinvolti nella costruzione della conoscenza, anziché riceverla passivamente n I discenti devono avere un ruolo attivo nel processo di costruzione della conoscenza L apprendimento in gruppo è efficace (se il gruppo funziona bene) L apprendimento in gruppo è efficace (se il gruppo funziona bene) La motivazione a raggiungere un obiettivo sfidante aumenta l efficacia del percorso di apprendimento La motivazione a raggiungere un obiettivo sfidante aumenta l efficacia del percorso di apprendimento La costruzione della conoscenza è facilitata se i discenti possono mettere in pratica tutte le loro capacità di ricerca, selezione, interpretazione e giudizio di fatti e informazioni provenienti dall ambiente La costruzione della conoscenza è facilitata se i discenti possono mettere in pratica tutte le loro capacità di ricerca, selezione, interpretazione e giudizio di fatti e informazioni provenienti dall ambiente

3 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted3 Il valore aggiunto delle tecnologie nella didattica Strumento di delivery Stile di apprendimento Contenuto informativo Angehrn e Doz, 1995 Business Navigator Metodi tradizionali Multimedia interattivo Testo e grafica Lettura passiva Apprendimento tramite il fare Dati crudi Informazioni preselezionate

4 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted4 Ambienti di apprendimento virtuali e interattivi Costruire un contesto virtuale che riproponga la complessità informativa dell ambiente nel quale oggi operano le imprese e nel quale decidono i manager Costruire un contesto virtuale che riproponga la complessità informativa dell ambiente nel quale oggi operano le imprese e nel quale decidono i manager n Progettazione della dimensione spaziale (la logistica dedicata alla didattica), della dimensione temporale (la durata del processo di apprendimento), della dimensione organizzativa (ruoli docenti /discenti, gruppi di lavoro tra i discenti)

5 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted5 Sistema delle informazioni Sistema dei ruoli Sistema logistico Ambienti di apprendimento virtuali e interattivi

6 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted6 Obiettivi n Conoscere i processi di turnaround nelle imprese per saper intervenire e cooperare al cambiamento aziendale in una logica interfunzionale n Apprendere il contenuto con una modalità innovativa, utilizzando tutte le potenzialità degli strumenti di lavoro di gruppo e delle tecnologie informatiche e multimediali

7 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted7 Contenuti n Abbiamo ricostruito i processi di turnaround di tre grandi aziende: Banco Ambrosiano Veneto, New Holland, Pirelli n Una squadra interdisciplinare di docenti della Sda ha lavorato per 2 anni per collezionare e archiviare i documenti originali relativi al processo di turnaround in queste imprese Abbiamo impostato un corso di 2 settimane svolto nellambito del programma MBA, basato sul metodo didattico dei casi Abbiamo impostato un corso di 2 settimane svolto nellambito del programma MBA, basato sul metodo didattico dei casi n Gli studenti hanno avuto a disposizione i documenti originali collezionati dai docenti, tramite la rete di PC del programma MBA

8 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted8 Tecnologie e logistica n Una piattaforma sw appositamente disegnata per il corso che utilizza Lotus NotesAccesso al WWW - Internet n Rete di Video on Demand n 120 personal computer in rete, dislocati in altrettanti box per riunioni e lavoro di gruppo n 4 aule didattiche con piattaforme multimediali n Edificio dei programmi Master SDA interamente dedicato al corso

9 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted9 Impostazione n Database condivisi con tutti i dati relativi alla storia delle tre aziende n Un database con i riferimenti di tutti i materiali teorici che hanno documentato i processi di turnaround nelle imprese Informazioni multimediali: file a/v provenienti dall azienda o da fonti esterne Informazioni multimediali: file a/v provenienti dall azienda o da fonti esterne Dati provenienti da fonti pubbliche (p.e. notizie di stampa) e dati da fonti riservate interne all azienda (p.e. presentazioni del management) Dati provenienti da fonti pubbliche (p.e. notizie di stampa) e dati da fonti riservate interne all azienda (p.e. presentazioni del management)

10 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted10 Svolgimento I docenti pubblicano su Notes un assignment rivolto ad un gruppo di studenti (=assegnano un compito di analisi e interpretazione dei dati e dei fatti dell azienda relativi ad un periodo predefinito I docenti pubblicano su Notes un assignment rivolto ad un gruppo di studenti (=assegnano un compito di analisi e interpretazione dei dati e dei fatti dell azienda relativi ad un periodo predefinito n Gli studenti si organizzano e formano gruppi di lavoro per svolgere il compito Gli studenti pubblicano il loro lavoro intermedio e ricevono commenti dai docenti (computer medidated conferencing) Gli studenti pubblicano il loro lavoro intermedio e ricevono commenti dai docenti (computer medidated conferencing) n Docenti e studenti si incontrano in aula ad un orario e una data predefiniti per discutere e presentare il lavoro svolto

11 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted11 Ambiente di lavoro

12 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted12 Scheda tecnica n Circa pagine scannerizzate n 2400 documenti Notes DB Materiali dei Casi n 1350 documenti creati sui DB di svolgimento del corso n 35 ore di filmati digitalizzati n circa 700 file attached (excel e word)

13 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted13 Risultati dellesperienza n Sono stati analizzati i processi di turnaround di tre grandi imprese, con dati riferiti ad oltre 15 anni di storia aziendale con un gruppo di 120 studenti MBA + 12 docenti (nelle tre edizioni) n A maggiore motivazione ad apprendere corrisponde una maggiore qualità dellapprendimento n Lambiente multimediale e interattivo ha aumentato il livello di motivazione ad apprendere

14 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted14 Conclusioni Puntare alla qualità e all efficacia del processo di apprendimento Puntare alla qualità e all efficacia del processo di apprendimento Calibrare con attenzione la pressione sui risultati e quindi la variabile tempo Calibrare con attenzione la pressione sui risultati e quindi la variabile tempo n Sperimentare, sperimentare, sperimentare

15 30 settembre 1999SDA BOCCONI - Ted15 Riferimenti n bocconi.it Shifting paradigms in management education: what happens when we take groups seriously?, Mundell & Pennarola, Journal of Management Education, December Shifting paradigms in management education: what happens when we take groups seriously?, Mundell & Pennarola, Journal of Management Education, December 1999.


Scaricare ppt "APPRENDIMENTO CENTRATO SUL DISCENTE: CRITERI PER LA PROGETTAZIONE DEGLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO VIRTUALI E INTERATTIVI Ferdinando Pennarola PhD Docente."

Presentazioni simili


Annunci Google