La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1.6 Il genere cinematografico come modello di rappresentazione sociale e culturale MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1.6 Il genere cinematografico come modello di rappresentazione sociale e culturale MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli."— Transcript della presentazione:

1 1.6 Il genere cinematografico come modello di rappresentazione sociale e culturale MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

2 La teoria critica Negli anni Quaranta alcuni sociologi emigrati negli USA (Theodor Adorno, Max Horckheimer) studiano l'influenza dei media nei processi di legittimazione del potere politico (industria culturale). Il cinema hollywoodiano sembra a molti un modello negativo di adesione – anche se vi si riconoscono temi e figure contradditori (la dialettica diventa estrema negli anni del cosiddetto maccartismo) MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

3 I Cultural Studies A partire dagli anni Sessanta la scuola di Birmingham (CCCS) spinge a ridefinire i modelli di costruzione dell'opinione pubblica attraverso i media. Si riafferisce un ruolo attivo (di decodifica) al fruitore, che - anche se non appartenente alla classe egemone o dominante-, può proporre letture alternative anche condivise (subculture/controculture) MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

4 I Cultural Studies Gli studiosi culturalisti (che hanno il CCCS come riferimento) assumono, insieme a strumenti concettuali marxisti, le categorie analitiche della semiotica strutturale. La loro idea di soggettività è però legata a contingenze storiche (dapprima di classe/ceto, poi successivamente di genere/gender, razza/etnia, infine di consumo/stile di vita) e non più costruita passivamente da un dispositivo. MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

5 I Cultural Studies L'approccio culturalista o culturologico permette di porre nuove domande al prodotto mediale. Il noir può essere interrogato sulla sua capacità di mettere in dubbio il sistema di valori che regge il cinema hollywoodiano (come forma controculturale: logica del low budget, negazione dell'happy ending, tematizzazione e rappresentazione esplicita di traumi, violenze, sessualità) MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

6 I Cultural Studies Il noir sembra rappresentare in particolare la crisi del soggetto (maschile) di fronte alla modernità: Sottolinea i modi di rappresentazione soggettiva Sottolinea i deficit percettivi (stile visivo teso al nascondimento, narrazione poco lineare a volte incongruente, narcotici/sonno/mancamenti/incubi, dissolvenze e fuori fuoco) MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

7 I Cultural Studies Negli anni Novanta, l'idea di modelli controculturali viene a indebolirsi; anche il noir viene riletto come luogo di contraddizioni (tra serie A e B-movies, ecc.). Gli studiosi delle rappresentazioni razziali notano come l'universo noir sia tipicamente WASP con stereotipi di cattivi italo- o latinoamericani e praticamente nessun afro-americano. MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

8 I Feminist Film Studies L'approccio culturalista, multidisciplinare e ormai meno ideologico, viene nel frattempo assunto dalle studiose di area femminista, che superano così a loro volta modelli strutturali più rigidi e intransigenti. La rappresentazione della donna nel noir diviene un caso di studio centrale, che si gioca sull'asse passività/attività: come dobbiamo giudicare il ruolo della dark lady? MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

9 La questione del reale Allinterno dei dibattiti critici e culturalisti, la questione del rapporto tra rappresentazione e realtà è sempre stata naturalmente centrale. Il noir offre un perfetto caso di studio: percepito come luogo per eccellenza di stilizzazione, nella sua storia produttiva è stato al contempo spesso sottoposto a spinte verso un maggiore effetto di realtà. MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

10 Il realismo : paure belliche reali (psicosi dellaggressione gialla) esperienza delloscuramento esperienza della metropoli (L.A.) tradizione del social problem film (I Am a Fugitive From a Chain Gang, 1932, Warner bros., regia Melvyn LeRoy, con Paul Muni) MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

11 Il realismo 1945: esperienza del cine-giornalismo ritorno ai temi di cronaca impatto del neorealismo italiano MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

12 Il realismo sinseriscono temi legati alla cronaca: mafia, corruzione, gioco dazzardo e modalità di racconto moralizzanti e veridittive: oggettive, luce naturale in esterni, narrazione onnisciente MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

13 Il realismo lo studio che cerca di far coincidere la tradizione del social problem film con il thriller psicologico è la Universal, con il produttore Mark Hellinger (ex-Warner). The Killers, 1946, Robert Siodmak Naked City, 1948, Jules Dassin Criss-Cross, 1949, Robert Siodmak MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

14 Il realismo seguono 20th Century Fox: The House on 92nd Street, 1945, Henry Hathaway e in particolare MGM: Force of Evil, 1948, Abraham Polonsky The Asphalt Jungle, 1950, John Huston MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

15 Il realismo la sentenza antitrust del che spezza il controllo verticale degli studios apre spazi per produttori indipendenti che si inseriscono in questa linea (un noir impegnato). Un tentativo esemplare è quello di Lang, anche se poco fortunato. Ritorna infatti a Columbia per The Big Heat, 1952 MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

16 Il realismo viene istituita una commissione speciale per indagare sulle scommesse clandestine, la Commissione Kefauver. Il senatore Kefauver stesso compare in serie tv e in The Captive City, 1952, Robert Wise per Aspen prod. MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

17 Il maccartismo E un periodo controverso, in cui la parte politica al potere vuole un controllo totale sullinformazione e sullo spettacolo. Il noir viene pian piano percepito come espressione di crisi e paranoia indotta dallo stesso maccartismo lista dei Dieci di Hollywood 1950 discorso di MacCarthy a Wheeling 1954 fine politica di MacCarthy MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli

18 Il noir come culto Dopo la rivoluzione tecnologica del 1953 (cinemascope-stereofonia-technicolor) il noir viene abbandonato dai grandi produttori. Anche il pubblico è cambiato, i giovani cercano storie ed eroi loro più affini. A metà anni 50 si traduce un saggio francese (di R. Borde ed E. Chaumeton) e si importa negli USA il termine noir: che diventerà sinonimo di sperimentazione, stile e rappresentazione di crisi e paure individuali e collettive. MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli


Scaricare ppt "1.6 Il genere cinematografico come modello di rappresentazione sociale e culturale MIUR e ANEC-AGIScuola Massimo Locatelli."

Presentazioni simili


Annunci Google