La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2010/2011 Docente Patrizia Gioia VISITA 3: Museo di scultura antica Giovanni Barracco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2010/2011 Docente Patrizia Gioia VISITA 3: Museo di scultura antica Giovanni Barracco."— Transcript della presentazione:

1 MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2010/2011 Docente Patrizia Gioia VISITA 3: Museo di scultura antica Giovanni Barracco Corso Vittorio Emanuele 166/A Roma

2 collezione di sculture antiche 1904 Farnesina ai Baullari Il Museo Barracco è formato da una prestigiosa collezione di sculture antiche (arte assira, egizia, cipriota, fenicia, etrusca, greca, romana) che Giovanni Barracco, ricco gentiluomo calabrese, donò al Comune di Roma nel Dopo aver dedicato la propria vita al reperimento di capolavori, acquistandoli sul mercato antiquario e recuperandoli dai grandi scavi archeologici, che avevano coinvolto Roma negli anni per le trasformazioni urbanistiche resesi necessarie per renderla capitale. La collezione, dal 1948, è esposta presso la Farnesina ai Baullari, elegante edificio cinquecentesco eretto per il prelato bretone Thomas Le Roy nel 1516, su progetto di Antonio da Sangallo il Giovane. La Collezione

3 Larte egizia Larte egizia è rappresentata in tutto il suo percorso storico dalle più antiche dinastie (3.000 a.C.) allepoca romana. La collezione Maschera funebre Epoca tolemaica Cartone dorato Statuetta lignea XVIII Dinastia (Nuovo Regno dell'Egitto) La sfinge della regina Hatscepsut Granito nero

4 La collezione Mesopotamia Dalla Mesopotamia provengono le preziose lastre assire, ornamento parietale dei palazzi di Assurbanipal a Ninive e Senacherib a Nirmud del VII e VI sec a.C. Chiodi di fondazione Dinastia di Ur Bronzo

5 dellarte cipriota Una rarità per i musei italiani è la sezione dellarte cipriota, presente nella collezione con alcuni oggetti di rara fattura, come il carretto votivo policromo e la testa di Eracle del VII-VI sec. a.C. La collezione

6 Larte greca Larte greca vanta numerosi originali con lastre votive e funebri; una serie di opere greche compongono un quadro esaustivo del grande artista Policleto del V sec. a.C. e della sua scuola. Busto del Sileno Marsia II sec. d.C. Testa di Apollo Liceo di Prassitele Metà del IV sec. a.C. Rilievo funerario con due figure virili V sec. a.C. La collezione

7 larte romana Per larte romana si segnala la testa di un fanciullo della famiglia Giulia, documento della raffinata ritrattistica privata della prima epoca imperiale (I sec. d. C.). Infine larte provinciale è presente con tre lastre provenienti da Palmira, città carovaniera che ebbe il massimo splendore nel II sec. d. C. La collezione Fanciullo della famiglia Giulio-Claudia I sec. d.C. Stele funeraria III sec. d.C.

8 mosaico policromo dellEcclesia Romana Chiude questo articolato percorso storico dellevoluzione della scultura antica, madre di tutte le arti, come ebbe a dire Giovanni Barracco in un suo scritto, il mosaico policromo dellEcclesia Romana, proveniente dalla prima basilica di San Pietro a Roma, datato al XII sec. d.C. La collezione

9 progettato da Gaetano Koch Giovanni Barracco fu un uomo politico calabrese impegnato nella vita politica dellItalia postunitaria. Non avendo eredi diretti decise di donare la sua collezione privata al Comune di Roma, che lo insignì della Cittadinanza Onoraria Romana e gli concesse unarea, in corso Vittorio Emanuele II di fronte a S. Giovanni dei Fiorentini. Il Museo fu progettato da Gaetano Koch, e si presentava come tempio di tipo greco. Fu chiamato museo di scultura antica per volontà del Barracco ed era il primo museo dItalia dotato di riscaldamento. Barracco impose a Koch alcune esigenze espositive, pertanto ledificio era dotato di ampie vetrate per una corretta illuminazione delle opere, e le basi erano girevoli per permettere la visione a tutto tondo di alcune sculture. Il progetto

10 Thomas Le Roy Antonio da Sangallo Lattuale sede del Museo Barracco è unelegante palazzina rinascimentale che Thomas Le Roy, prelato di origine bretone, costruì per propria dimora privata nel Le Roy, Regis in latino, era venuto a Roma al seguito dellimperatore Carlo VII, ed aveva conquistato la stima della Curia Romana per aver collaborato alla stipula del concordato del 1516 fra papa Leone X e limperatore Francesco I. In riconoscimento della sua attività diplomatica, gli fu concesso di riprodurre nel suo stemma il simbolo della terra di Francia, il giglio, che vediamo scolpito sui marcapiani delledificio in alternanza con lermellino, simbolo della sua terra. Da questo elemento decorativo nasce il nome di Piccola Farnesina ai Baullari, in assonanza con il vicino palazzo Farnese e in riferimento alla zona dove sorge, denominata appunto del Baullari. Per un disegno conservato presso gli Uffizi a Firenze la progettazione delledificio viene tradizionalmente attribuita ad Antonio da Sangallo anche se non esistono ulteriori documenti di conferma a tale tesi. Il progetto

11 Lallestimento museale attuale del palazzo, sorto con la creazione di diverse collezioni di reperti archeologici, è un compromesso tra lesposizione della collezione voluta dal barone di 380 opere e altre che si sono aggiunte negli anni. Lintera esposizione offre al pubblico un panorama completo della storia della scultura nel bacino del Mediterraneo dalle origini al Medioevo. I sotterranei del museo conservano i resti di strutture di una domus romana, che si trovano circa 4 metri sotto lattuale piano stradale (scavo del 1899). Lattuale mostra museale è organizzata in 9 sale; è possibile seguire 2 tipi di percorso: per sale per sale che sono numerate progressivamente da I a IX per temi per temi in particolare seguendo le diverse forme artistiche delle diverse civiltà dalle antiche civiltà Sumerica ed Egizia a quella Romana(delle Province) o la scultura nel Mediterraneo dagli albori al Medioevo. Il progetto

12 postazione informatica visita virtuale La postazione informatica collocata al piano terra consente la visita virtuale del Museo e la possibilità di conoscere la Collezione Barracco ammirandone alcune opere.

13 MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2010/2011 Docente Patrizia Gioia VISITA 3: Museo di scultura antica Giovanni Barracco Corso Vittorio Emanuele 166/A Roma


Scaricare ppt "MUSEOLOGIA e ARCHEOLOGIA Anno Accademico 2010/2011 Docente Patrizia Gioia VISITA 3: Museo di scultura antica Giovanni Barracco."

Presentazioni simili


Annunci Google