La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE ANTICRIMINE DELLA POLIZIA DI STATO SERVIZIO POLIZIA SCIENTIFICA Linee guida per limpiego della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE ANTICRIMINE DELLA POLIZIA DI STATO SERVIZIO POLIZIA SCIENTIFICA Linee guida per limpiego della."— Transcript della presentazione:

1 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE ANTICRIMINE DELLA POLIZIA DI STATO SERVIZIO POLIZIA SCIENTIFICA Linee guida per limpiego della Polizia Scientifica nei servizi di ordine pubblico 1° Dir. Dr. Nicola Cimino

2 Premessa La fase della Pianificazione La fase Organizzativa La fase della Esecuzione Il De-briefing La fase di Post produzione Dispositivi di protezione Osservazioni…

3 Premessa Il contesto normativo di riferimento delle linee guida Limpiego della Polizia Scientifica nei servizi di O.P. si inserisce nel quadro normativo-ordinamentale dei servizi di O.P. (DPR n.782/85). Modello operativo proposto Flessibile ed adattabile alle specifiche contingenze Concrete modalità di svolgimento del servizio di Polizia Scientifica Finalità e destinazione delle linee guida Atte a garantire lordinato svolgimento di una manifestazione pubblica (maggior efficacia delle misure predisposte dallAutorità) Destinate (in parte) a essere inserite e disciplinate nella ordinanza del Questore ex 37 D.P.R. 782/85. Strumento di supporto alle investigazioni e di contrasto alle illegalità (acquisizione di elementi probatori attraverso lidentificazione dei responsabili di episodi di illegalità).

4 Pianificazione Ordinanza di servizio emanata dal Questore (art. 37 DPR n. 782/1985) Stabilisce Modalità di svolgimento dei servizi Forza impiegata Equipaggiamento necessario. La preparazione dellordinanza richiede la sintesi di contributi provenienti dai singoli settori e centri di responsabilità. Il Gabinetto di Polizia Scientifica dovrà collaborare con il Capo di Gabinetto anche prima dellatto ordinatorio, attraverso la ricognizione delle strumentazioni tecnologiche utilizzabili durante il servizio.

5 Pianificazione Analisi e ricognizione dei luoghi e dei percorsi Le manifestazioni con corteo vengono solitamente effettuate in luoghi ed attraverso percorsi per lo più consueti attraverso i quali usualmente vengono indirizzati i promotori Rilevamento e mappatura dispositivi videosorveglianza (Enti territoriali, polizie Municipali, Istituti Credito, esercizi commerciali, privati…) zone d"ombra" (mancata copertura foto/video) Remotizzabilità (sale operative) Individuazione, lungo i percorsi così mappati Possibili postazioni di ripresa foto/video di diversi tipi (fisse, mobili, con operatore o meno,…) Relazione tecnica recante ubicazioni, disponibilità, numeri utili, contatti gestore, specifiche tecniche (direzione, bontà segnale, qualità immagine…) Scelte tecnologiche Per assicurare la maggior copertura possibile Attrezzature foto/video da utilizzare (tipi di obiettivo, occultamenti,…) Modalità di ripresa (appiedata, automontata, aerea,…)

6 La fase Organizzativa 1. Preparazione preliminare Prima dellevento annunciato e della stesura dellordinanza. 2. Il Tavolo Tecnico (ex circ.490/2009) Tale strumento di coordinamento tecnico delle attività delle forze di Polizia, per eventi di maggior rilievo, comprende nella pianificazione anche la Polizia Scientifica. 3. Briefing operativo Al termine dellincontro con il Questore, il Dirigente del Gabinetto condivide con il Dirigente della DIGOS le problematiche e le criticità emerse nel corso della riunione tecnica.

7 La fase Organizzativa: preparazione preliminare Contatti diretti e scambi di informazioni Prima dellevento e della stesura dellordinanza, tra Dirigenti dei Gabinetti di Polizia Scientifica, il Gabinetto della Questura e la DIGOS. Analisi della tipologia e motivazione dellevento (eventuali criticità) Valutazione operativa delle informazioni fornite Studio dei percorsi interessati da eventuali cortei, anche estemporanei, con particolare attenzione agli obiettivi sensibili, Sopralluogo del personale Scientifica e DIGOS (riprese video) Ove il percorso non sia stato già mappato (fase di pianificazione) Monitoraggio delle le telecamere di sorveglianza presenti sullitinerario Individuazione delle cc.dd. postazioni fisse di ripresa (di norma, tra il 1° e il 3° piano di uffici pubblici, locali commerciali/privati,…) Il dirigente valuta la mappa e provvede agli eventuali contatti.

8 La fase Organizzativa: tavolo tecnico Nel corso della riunione il Dirigente del Gabinetto acquisisce ulteriori informazioni operative relative alla mappatura già descritta (pianificazione) al previsto fabbisogno operativo (numero di operatori da impegnare, strumentazioni ed apparecchiature in dotazione). Eventuali criticità riscontrate dal Gabinetto in sede di ricognizione dei luoghi saranno riferite al Questore per le sue valutazioni. Dalla riunione emergono intese circa: scelte strategiche, linee di massima del dispositivo, realizzazione di «reazioni» operative rispetto ad azioni violente.

9 La fase Organizzativa: briefing operativo Il Dirigente del Gabinetto ed il Dirigente della DIGOS definiscono modalità tecniche dellimpiego (postazioni fisse, appiedate, scooter,…) obiettivi da conseguire e mansioni da svolgere designando il personale responsabile del coordinamento dellattività della polizia scientifica responsabile del coordinamento operativo delle unità da impiegare nellarco del servizio responsabile per il supporto tecnico logistico (efficienza dei mezzi di trasporto ed apparecchiature tecniche) dislocazione (eventuale) di operatori presso sale operative per la visione di telecamere remotizzate (Questura, Polizia Locale…) redazione e consegna di documentazione ritenuta necessaria individuazione ed assegnazione mezzi comunicazione squadra di supporto per il riversamento immediato delle immagini

10 La fase della Esecuzione 1. Coordinamento operativo 1.1 Prima dellevento annunciato e della stesura dellordinanza 2. Svolgimento del servizio 2.1 Prima fase (acquisizione delle cc.dd. «immagini preventive») 2.2 Inizio manifestazione 2.3 Riversamento e archiviazione immagini

11 La fase della Esecuzione: coordinamento operativo Il coordinatore dei servizi di polizia scientifica descrive al Dirigente del servizio di O.P. la consistenza numerica dellaliquota disponibile e la pianificata dislocazione di essa sul teatro delle operazioni, la tipologia delle riprese ottenibili, ricevendo (eventuali) prescrizioni stabilisce con il Dirigente del servizio di O.P. le modalità di comunicazione radio riceve istruzioni circa la riconoscibilità degli operatori di Polizia Scientifica in relazione alla particolare tipologia dei manifestanti dispone gli operatori di Polizia Scientifica sul teatro dellevento curandone, dintesa con il Dirigente del servizio di O.P., linserimento nellambito di adeguati dispositivi di forza pubblica per definirne collocazione e compiti ed assicurarne, soprattutto, la doverosa protezione.

12 La fase della Esecuzione: svolgimento del servizio Prima fase (acquisizione «immagini preventive») documentazione video fotografica dei gruppi presenti (ritratto dei tratti somatici, dellabbigliamento e, soprattutto, dellequipaggiamento. riprese indirizzate da un qualificato osservatore della DIGOS o dal dirigente del servizio meglio se effettuate attraverso le postazioni fisse individuate durante la fase di pianificazione evitare che i manifestanti, ritenendosi ripresi, percepiscano lattività come provocazione ovvero limitazione della libertà personale ed assumano atteggiamenti duri

13 La fase della Esecuzione: svolgimento del servizio Inizio della manifestazione Il personale assume le posizioni indicate in ordinanza e disposte dal dirigente del servizio di O.P. il personale non è in uniforme, quindi, deve, comunque, rendersi riconoscibile alle forze dellordine impiegate va presentato ai contingenti presenti il dirigente del servizio O.P. distaccherà le unità laddove riterrà più opportuno (flessibilità) durante levento loperatore effettuerà documentazioni in grado di fornire la visione generale dellevento avere fini probatori o più latamente processuali nel caso di attività illegali, in caso di fronteggiamento con i manifestanti loperatore dovrà posizionarsi ai lati dello schieramento

14 La fase della Esecuzione: svolgimento del servizio Fase riversamento ed archiviazione immagini A fine servizio ogni operatore effettua le operazioni necessarie per archiviare tutta la documentazione (file) video fotografica secondo procedure standard per la conservazione dei dati e per la loro successiva lettura da parte degli organi investigativi ed inquirenti compila un foglio di lavoro informatico relativo alla telecamera o al supporto informatico in cui vi sono le registrazioni delle sequenze individuabili per orario e luogo di ripresa i supporti riversati vengono subito visionati e selezionati per procedere ad eventuale attività di estrapolazione per la valutazione degli eventi il coordinamento operativo provvede ad approntare una prima e parziale raccolta di filmati tra i più significativi che possono essere forniti al Dirigente del Gabinetto per il c.d. de-briefing o per valutazioni tempestive sulle decisioni da adottare circa levento n corso

15 Il De-briefing È la sede in cui tutti gli attori coinvolti riesaminano gli eventi accaduti e le condotte osservate, puntando alla individuazione delle eventuali criticità ed eventuali correttivi per il futuro La presenza pressoché istantanea in rete di notizie, immagini e video, acquisite anche da cittadini protagonisti o spettatori degli eventi di o.p. rende necessario fare immediata chiarezza sullo svolgersi dei fatti La «documentazione» obiettiva dellevento ha il duplice scopo di verificare loperatività dei Reparti e delle forza pubblica impegnata e certificare la adeguatezza e legittimità degli interventi, in particolare quelli connotati dalluso della forza

16 Premessa La fase della Pianificazione La fase Organizzativa La fase della Esecuzione Il De-briefing La fase di Post produzione Dispositivi di protezione Osservazioni…

17 La fase di Post produzione Tutte le immagini raccolte dalle singole postazioni con operatore video vengono archiviate in una cartella con data e definizione evento Stessa procedura per le documentazioni fotografiche Raccolta delle (eventuali) immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza della Polizia Locale o di altri enti preventivamente contattati acquisite in rete o proveniente da circuiti informativi Il materiale viene conservato presso il Gabinetto per la successiva attività di individuazione di soggetti responsabili di illegalità Nel caso in cui si sia proceduto ad attività di foto segnalamento sarà necessario completare la documentazione di dettagli relativi allabbigliamento indossato, equipaggiamento ovvero particolari caratterizzanti (book fotografico virtuale collegato allevento)

18 Dispositivi di protezione Attualmente le disposizioni formali prevedono che il personale impiegato porti al seguito il materiale da O.P. Il casco Uboot non consente una agevole ed efficiente esecuzione delle riprese (ambito notturno, condizioni climatiche avverse,…) la mimetizzazione degli operatori dislocati in prossimità dei luoghi sensibili od in situazione di scontri i Gabinetti si sono dotati di micro telecamere, occultate nei vestiti (come i bottoni) ovvero negli occhiali, zainetti, cappellini,… almeno due unità operative: loperatore non direttamente impegnato svolgerà compito di copertura rispetto al collega che effettua le riprese orienterà la ripresa avendo una visuale complessiva e, tenendo il contatto visivo con il resto della forza pubblica, guiderà loperatore negli spostamenti evitandone lisolamento

19 Osservazioni… Si respinge da più parti lidea di specializzare allinterno del gabinetto, operatori di videoriprese per lO.P. Laumento di richieste di supporto scientifico allo.p. non consente, attesi gli esigui numeri di operatori assegnati al Gabinetto, di fare tale distinzione tra addetti ai sopralluoghi di P.G. ed addetti ai servizi di O.P. Andrebbe invece esteso a tutti un addestramento specifico, quale quello tenutosi nel 2009 presso la Scuola di fanteria di Cesano di Roma Media Combat Team, Occorrerebbe inserire una collaborazione didattica permanente da parte del Servizio Polizia Scientifica allinterno della Scuola di O.P. di Nettuno per illustrare le potenzialità del supporto operativo fornito dalla Polizia Scientifica

20 Grazieperlattenzione


Scaricare ppt "DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE ANTICRIMINE DELLA POLIZIA DI STATO SERVIZIO POLIZIA SCIENTIFICA Linee guida per limpiego della."

Presentazioni simili


Annunci Google