La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 S. ANTONIO ABATE E I MONACI ANTONIANI Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 S. ANTONIO ABATE E I MONACI ANTONIANI Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di."— Transcript della presentazione:

1 1 S. ANTONIO ABATE E I MONACI ANTONIANI Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

2 2 S. Antonio abate Nel corso del III secolo dopo Cristo ebbe inizio in Egitto un movimento religioso-spirituale cristiano, caratterizzato dalla scelta di vivere la propria fede in solitudine, nella meditazione e nella preghiera, la cui origine è attribuita a S. Antonio Sant Antonio nacque a Comana (Quman), in Egitto, nel 251 da genitori cristiani molto facoltosi e trascorse linfanzia tra le mura domestiche, lontano dagli svaghi. Rimase orfano dei genitori a diciotto anni, insieme ad una sorella minore ed un ricco patrimonio da curare ed amministrare. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

3 3 Si procurava il cibo lavorando e divenne famoso come Teofilo, cioé amico di Dio e come Taumaturgo, cioè guaritore. La tradizione vuole che sia stato tentato, aggredito e percosso dal demonio. Affascinò molte persone, che decisero di seguire il suo esempio nella solitudine del deserto. Ben presto decise di dedicare la sua vita allimitazione di Cristo: diede tutti i suoi beni ai poveri e iniziò a trascorrere una vita da asceta soggiornando in luoghi solitari lontano dalla sua citta (come aveva fatto Gesu, ritirandosi quaranta giorni nel deserto prima della sua vita apostolica). SantAntonio Abate si spense il 17 Gennaio del 356 a ben 105 anni e fu sepolto dagli stessi discepoli in un luogo nascosto della Tebaide, la sua terra. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

4 4 Il sepolcro restò ignorato fino al quarto secolo, quando venne scoperto e le spoglie del Santo furono trasferite ad Alessandria dEgitto per essere poste in un sarcofago della Chiesa di San Giovanni Battista. Nel settimo secolo vennero trasferite da Alessandria a Costantinopoli, a causa dellinvasione dei saraceni. scriptures.lds.org Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

5 5 Abbazia di S.Antonio a La Motte Intorno al primo millennio le spoglie di SantAntonio abate vennero trasportate da Costantinopoli in Francia, nella regione del Delfinato. In questo luogo vennero venerate dai fedeli per alcuni anni sino alla costruzione, nel 1070, di unabbazia edificata nel villaggio di La Motte, sito vicino alla citta di Vienne. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

6 6 Qui nel 1095 sorse una comunità di laici, che si dedicò alla cura degli ammalati di ergotismo. Con il tempo la primitiva comunità diede origine all Ordine Ospedaliero dei canonici regolari di S. Agostino di S. Antonio abate di Vienne, formato da infermieri e frati laici. Nel 1297, lOrdine diventò autonomo, con il nome di Ordine dei Canonici Regolari di Sant'Antonio di Vienne I monaci Antoniani erano facilmente identificabili dall'abito, che consisteva in una tonaca nera con una grandetau azzurra, detta la "potenza di S. Antonio, cucita sulla sinistra del petto. Questi religiosi vivevano di elemosine e lasciti. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

7 7 Il Tau era il simbolo degli Antoniani, probabilmente venne scelto perché, oltre a ricordare la croce, rappresentava la stampella usata dagli ammalati e alludeva alla parola "thauma", che in greco antico significa "prodigio". Secondo altre fonti, essendo la lettera tau l'ultima dell'alfabeto ebraico, essa indicava le cose ultime a cui il grande Santo taumaturgo Antonio sempre pensava. Per i cristiani il TAU cominciò a rappresentare la croce di Cristo come compimento delle promesse dell'Antico Testamento. La croce rappresentava il mezzo con cui Cristo ha rovesciato la disobbedienza del vecchio Adamo, Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

8 8 Altro simbolo dell'Ordine era la campanella, con la quale gli Antoniani annunciavano il loro arrivo durante gli spostamenti e le questue. A Sant'Antonio abate tradizionalmente è associata anche l'immagine del fuoco, sia in virtù del potere taumaturgico del Santo nella cura del fuoco di S. Antonio, ma anche perché, secondo la tradizione popolare, il santo abate è custode dell'inferno, da dove sottrae le anime dannate, ingannando i diavoli con abili stratagemmi. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

9 9 Sulla facciata della Precettoria di Ranverso il simbolo Tau e le tre fiammelle ricordano ai visitatori che il luogo è dedicato a S. Antonio Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

10 10 Nel medioevo i cibi della festa di SantAntonio erano la zuppa di fave cotte e la ciabatta intestata al Santo. Ma lalimento più popolare per onorare SantAntonio era il maiale, superbo ingrediente di piatti come i fagioli con le cotiche o la cassoeula. Addirittura la comunità allevava un maiale a proprie spese, per poi distribuirne le carni ai poveri il 17 gennaio. La liturgia cristiana e popolare ricorda S.Antonio il 17 gennaio Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO

11 11 Ancora oggi sono tantissime le feste dedicate a S. Antonio, come ad esempio avviene a Ranverso, dove i contadini portano a benedire i loro animali assieme agli strumenti di lavoro (macchine agricole varie, trattori, ecc.) Al termine della cerimonia, secondo lantica tradizione, i canonici e i volontari distribuiscono il pane di S. Antonio, a forma di agnello o di colomba. Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di I grado Giacomo Jaquerio – Buttigliera Alta - TO


Scaricare ppt "1 S. ANTONIO ABATE E I MONACI ANTONIANI Claudia Sponton – Piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali- 2009/2010 – Scuola Secondaria di."

Presentazioni simili


Annunci Google