La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maria Pia Ferrari Direttore UOC Med. Riabilitativa Osp. Bellaria Rapporto infermiere case manager e fisiatra Lesperienza allOspedale Bellaria di Bologna.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maria Pia Ferrari Direttore UOC Med. Riabilitativa Osp. Bellaria Rapporto infermiere case manager e fisiatra Lesperienza allOspedale Bellaria di Bologna."— Transcript della presentazione:

1 Maria Pia Ferrari Direttore UOC Med. Riabilitativa Osp. Bellaria Rapporto infermiere case manager e fisiatra Lesperienza allOspedale Bellaria di Bologna 23 maggio 2008 Aula magna Ospedale Bellaria BOLOGNA Congresso Associazione Infermieri Case Manager

2 La riabilitazione Riabilitazione è il complesso di interventi orientati a contrastare gli esiti dei deficit, a sostenere il raggiungimento dei livelli massimi possibili di autonomia fisica, psichica e sociale, a promuovere il benessere psichico e la più ampia espressione di vita relazionale ed affettiva

3 Medicina Riabilitativa Visione olistica della persona Visione olistica della persona Presa in carico globale Presa in carico globale Centralità della persona Centralità della persona Visione multidimensionale Visione multidimensionale Interazione persona-ambiente Interazione persona-ambiente Concetti di base

4 Medicina Riabilitativa Partecipazione dellutente al processo di cura Partecipazione dellutente al processo di cura Lavoro in rete e in team Lavoro in rete e in team Multiprofessionalità – multidisciplinarietà Multiprofessionalità – multidisciplinarietà Evita di valutare isolatamente singoli problemi Evita di valutare isolatamente singoli problemi Potenziale utilizzo dellambiente nel processo Potenziale utilizzo dellambiente nel processo Modalità di lavoro

5 Un medico è tenuto a prendere in considerazione non tanto un organo ammalato e neppure lintero individuo, bensì luomo nel mondo in cui vive HARVEY CUSHING

6

7 Le diverse dimensioni in riabilitazione Codifiche OMS

8 International Classification of Impairments Disability and Handicaps ICIDH lOrganizzazione mondiale della Sanità (OMS) pubblicò: 1980

9 Definizioni Impairment Impairment Disability Disability Handicap Handicap Danno, menomazione Danno, menomazione Disabilità Disabilità Handicap Handicap

10 Danno, Menomazione, Deficit (impairment) Qualsiasi perdita o alterazione di una funzione o struttura psicologica, fisiologica o anatomica Ogni tessuto, organo o sistema risponde in determinate modalità ad una patologia Queste risposte sono le menomazioni o manifestazioni cliniche, sintomi Esempi: debolezza, paralisi, blocco articolare, dolore, confusione

11 Disabilità (disability) Riduzione parziale o totale, derivante da una menomazione, della capacità di compiere una attività nei modi e nei limiti considerati normali per un essere umano PERDITA DI FUNZIONALITA Come il danno influisce sulla vita del soggetto? Diagnosi e valutazione FUNZIONALE nello specifico di diversi compiti o ADL (AVQ)

12 ADL - Activities of Daily Living Locomozione Locomozione Trasporti Trasporti Trasferimenti Trasferimenti Igiene persona Igiene persona Abbigliamento Abbigliamento Alimentazione Alimentazione Controllo ambiente Controllo ambiente Comunicazione Comunicazione Att. Ricreative Att. Ricreative Lavori di casa Lavori di casa Camminare, spingere la carrozzina, fare le scale Guidare lauto, uso di mezzi pubblici nel letto, letto-carrozzina, seduto-in piedi bagno, doccia, bidet, ecc vestirsi, mettersi le scarpe, protesi, ortesi ingerire cibi, bere, assumere farmaci controllo di luci, televisione, temperatura… parlare, scrivere, usare il telefono giocare a carte, sport, lavoro a maglia… fare shopping, fare il letto, cucinare

13 Handicap Condizione di svantaggio sociale conseguente ad una menomazione o ad una disabilità che limita od impedisce per quellindividuo lo svolgimento di un ruolo normale (in relazione a fattori di età, sesso, sociali e culturali) Esempi: difficoltà di integrazione sociale, lavorativa, autosufficienza economica. Concetti di accessibilità, fattori limitanti estrinseci

14 Definizioni OMS Livelli Handicap Disabilità Menomazione Società Organi o tessuti Intera persona

15 ICIDH ICIDH2 Menomazione Menomazione Disabilità Disabilità Handicap Handicap Menomazione Menomazione Attività Attività Partecipazione Partecipazione

16 WHO ICIDH ICIDH2 : menomazione, attività, partecipazione ICF attività: la capacità di esecuzione di un compito o di una azione da parte di un individuo. Le limitazioni dellattività consistono nelle difficoltà, e quindi nella necessità di aiuto, che può incontrare un individuo nelleseguire una data attività partecipazione: il coinvolgimento del soggetto in una situazione di vita; la restrizione di partecipazione cioè le difficoltà che un individuo può sperimentare nel coinvolgimento nelle situazioni di vita

17

18 Il progetto riabilitativo un insieme di proposizioni elaborate dal team riabilitativo che, tenendo conto in maniera globale dei bisogni del paziente, delle sue menomazioni, disabilità ed abilità residue, dei limiti imposti dallambiente e dalle risorse, definisca quali siano gli esiti desiderati in tempi definiti. La sua realizzazione necessita di personale tecnico specializzato in riabilitazione Lintervento riabilitativo richiede obbligatoriamente la presa in carico della persona mediante la predisposizione di un PROGETTO RIABILITATIVO e la realizzazione di uno o più PROGRAMMI RIABILITATIVI Il programma riabilitativo un insieme di proposizioni elaborate dal team riabilitativo che definiscano le aree di intervento, individuino obiettivi a breve termine, le modalità di erogazione le misure di esito appropriate, gli operatori coinvolti e le modalità operative

19 Progetto riabilitativo = STRATEGIA Programma riabilitativo = TATTICA

20 Gli ingredienti di un buon progetto Precocità Precocità Individuazione del grado di modificabilità, o potenziale riabilitativo Individuazione del grado di modificabilità, o potenziale riabilitativo Finalizzazione alloutcome globale Finalizzazione alloutcome globale Realismo Realismo Condivisione Condivisione Educazione utente e care givers Educazione utente e care givers Reinserimento sociale Reinserimento sociale

21 Nella riabilitazione cè… Valutare le menomazioni (deficit) Valutare le menomazioni (deficit) Definirne il grado di modificabilità, la prognosi e loutcome atteso Definirne il grado di modificabilità, la prognosi e loutcome atteso Valutare e ridurre le disabilità quanto possibile per riparazione o compenso Valutare e ridurre le disabilità quanto possibile per riparazione o compenso Fornire supporto per la riduzione dellhandicap Fornire supporto per la riduzione dellhandicap Educare il paziente ed i famigliari Educare il paziente ed i famigliari

22 Team riabilitativo Paziente e la sua famiglia Paziente e la sua famiglia Componenti fisse: infermiere, ICM, medico di reparto, fisiatra, fisioterapista, terapista occupazionale,psicologo, assistente sociale Componenti variabili team allargato:logopedista, educatore, tecnico ortopedico, dietologo, dietista, animatore, bioingegnere. Componenti variabili team allargato:logopedista, educatore, tecnico ortopedico, dietologo, dietista, animatore, bioingegnere.

23 Lesperienza della UO Medicina Riabilitativa presso la UA Post Acuti Bellaria PACOB

24 Interfaccia Medicina Riabilitativa PACOB Circa il 20% dei degenti viene preso in carico dalla Medicina Riabilitativa Circa il 20% dei degenti viene preso in carico dalla Medicina Riabilitativa Provenienza: medicina interna, Neurochirurgia Provenienza: medicina interna, Neurochirurgia Trattamento riabilitativo 1 volta/die Trattamento riabilitativo 1 volta/die Quando possibile in palestra Quando possibile in palestra

25 Per ogni utente preso in carico viene formulato un progetto riabilitativo e vengono sviluppati dei programmi

26 Il rapporto è di tipo consulenziale, nonostante il fisiatra sia responsabile del Progetto Riabilitativo ICM Fisiatra Consulenza Presa in carico riabilitativa Sola valutazione Indicazioni Progetto - Programmi

27 il team Settimanalmente il fisiatra partecipa al team Settimanalmente il fisiatra partecipa al team Componenti: medico referente, ICM, infermiere referente, Assistente Sociale Componenti: medico referente, ICM, infermiere referente, Assistente Sociale Definizione obiettivi Definizione obiettivi Monitoraggio situazione Monitoraggio situazione Pianificazione dimissione Pianificazione dimissione

28

29

30 …uno sguardo al futuro Fisioterapista case manager Fisioterapista case manager Progetti di gestione su specifiche situazioni cliniche Progetti di gestione su specifiche situazioni cliniche Formazione comune Formazione comune

31 Grazie !


Scaricare ppt "Maria Pia Ferrari Direttore UOC Med. Riabilitativa Osp. Bellaria Rapporto infermiere case manager e fisiatra Lesperienza allOspedale Bellaria di Bologna."

Presentazioni simili


Annunci Google