La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA INDIRIZZO ELEMENTARE Relatore: Prof.ssa Ana Millán Gasca Correlatore:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA INDIRIZZO ELEMENTARE Relatore: Prof.ssa Ana Millán Gasca Correlatore:"— Transcript della presentazione:

1 FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA INDIRIZZO ELEMENTARE Relatore: Prof.ssa Ana Millán Gasca Correlatore: Dott.ssa Viviana Rossanese Laureanda: Paola Pompilio A.A. 2012/13 Scuola accogliente: I.C. Mar Rosso Ostia Lido (Rm) - Classe VB

2 Le prassi del lavoro delluomo hanno ispirato il lavoro teorico di matematici e scienziati, incrementando nuove idee e tecniche e influenzando la cultura e listruzione. IL QUADRO TEORICO La matematica come scienza «utile» nelle società del passato e del presente IL QUADRO TEORICO La matematica come scienza «utile» nelle società del passato e del presente I mestieri applicano «saperi» antichi e moderni, esprimono competenze tecniche e artistiche che risalgono a tempi antichissimi e coinvolgono la misura e la forma. A partire dalle prime civiltà urbane, luomo ha organizzato con il proprio lavoro lambiente in cui viveva: ha progettato e costruito strade, canali, case e palazzi, monumenti artistici e ricercato il bello nelle forme e nelle linee. La matematica scolastica e il mondo del lavoro Fare geometria con i mestieri vuol dire «indagare», attraverso le azioni di un lavoratore, le proprietà degli enti geometrici che hanno ispirato le opere delluomo, unendo intuizione e logica. Una nuova necessità è stata individuata dal Consiglio Europeo già dal marzo 2000: adeguare i sistemi di istruzione favorendo il legame tra istruzione, formazione e occupazione nel mondo del lavoro. Linsegnamento nelle nostre aule di matematica porta con sé le tracce della tradizione europea: la cultura greca e la ricerca della perfezione nel pensiero puro e le scuole dabaco del Basso Medioevo che insegnavano il «far di conto».

3 Le Unità Didattiche 1° incontro: Ma come facevano gli antichi Egizi? 2° incontro: Una questione di strumenti. 3° incontro: Città quadrate e rettangolari. 4° incontro: Scatole e grattacieli. 5° incontro: Nei panni di un geometra. 6° incontro: Tre punti e una forza. 7° incontro: I magici 5. 1^ U.D. A spasso nel tempo le origini della geometria 1° incontro: Dalla Grecia ai banchi di scuola: langolo retto. 2° incontro: Dalla Grecia ai banchi di scuola: la forza del pensiero. 3° incontro: La circonferenza non può mancare. 4° incontro: Motivi dordine. 5° incontro: Che belle figure. 6° incontro: Di tassello in tassello. 7° incontro: Non fa una piega. 8° incontro: La precisione premia. 2^ U.D. Triangoli, quadrati, cerchi nella tecnica e nellarchitettura 1° incontro: Che ordine nel disegno degli Egizi! 2° incontro: Questione di punti di vista! 3° e 4° incontro: Le tre viste di un oggetto e Monge. 5° e 6° incontro: Lo sguardo in fuga verso lorizzonte. 7° incontro: Per finire…la mia stanzetta. 3^ U.D. Il disegno e la rappresentazione grafica nei progetti edilizi e nellarte pittorica

4 Le fasi del lavoro: Perché luomo ha preferito alcune forme? Una questione di spazi: costruiamo un plastico di Ostia

5 Il lavoro del designer: progettiamo un tessuto Osserviamo attentamente un oggetto che usiamo ogni giorno… Mettiamoci al lavoro… una consegna che prevede luso di riga, squadra e compasso. Mettiamoci al lavoro… una consegna che prevede luso di riga, squadra e compasso.

6 «Da grande mi piacerebbe fare la geometra, la stilista, se non posso comunque la casalinga». Classe VB Luso di modelli concreti, la costruzione e la manipolazione degli oggetti della vita quotidiana, favorisce il movimento tra la realtà, così come percepita, e i concetti geometrici astratti. La forza della mimesis, promossa dal racconto, e dallesperienza, rende significativo lapprendimento dei concetti matematici puri. Le conversazioni matematiche e la collaborazione tra pari favoriscono lo sviluppo del pensiero critico. LE STRATEGIE DA VALORIZZARE NELLORA DI MATEMATICA «Vorrei fare larchitetto da grande, prima non ci pensavo, ma mi sono accorto che sono bravo a disegnare». Classe VB Favorire luso di strumenti tecnici: riga, squadra e compasso, nella scuola primaria, sostiene lottica della continuità con il ciclo scolastico successivo. Nella scuola primaria, gli esempi della tecnica e del lavoro, oltre a facilitare lincontro degli alunni con la geometria, hanno dato i primi segnali dorientamento, inteso come informazione e conoscenza per scelte future.


Scaricare ppt "FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA INDIRIZZO ELEMENTARE Relatore: Prof.ssa Ana Millán Gasca Correlatore:"

Presentazioni simili


Annunci Google