La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indicatori vegetali 1. valutazione della qualità ambientale Potenza, 16 marzo 2009 Sandro Pignatti Prof. emerito di Ecologia Università di Roma La Sapienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indicatori vegetali 1. valutazione della qualità ambientale Potenza, 16 marzo 2009 Sandro Pignatti Prof. emerito di Ecologia Università di Roma La Sapienza."— Transcript della presentazione:

1 Indicatori vegetali 1. valutazione della qualità ambientale Potenza, 16 marzo 2009 Sandro Pignatti Prof. emerito di Ecologia Università di Roma La Sapienza Roma

2 Un paesaggio dolomitico ?

3 Tre livelli di percezione FLORA - VEGETAZIONE - PAESAGGIO

4 Linneo: leggere il gran libro della Natura PIANTE PIANTE Basilicata Italia Basilicata Italia specie specie associazioni 350 ? 800 associazioni 350 ? 800 paesaggi paesaggi ANIMALI …. ANIMALI ….

5 FLORA – Il dato singolo pratolina, roverella, trifoglio

6 FLORA – Il meta-dato FORMA BIOLOGICA FORMA BIOLOGICA COROTIPO COROTIPO INDICATORI ECOLOGICI INDICATORI ECOLOGICI Poliploidia Poliploidia Impollinazione … Impollinazione …

7 Foto aerea di ambiente padano campionamento

8 VEGETAZIONE – lassociazione Tabella fitosociologica Tabella fitosociologica Rilievi12345 Quercus pubescens54453 Fraxinus ornus1+212 Cytisus sessilifolius+1+1 Crataegus monogyna111+ Brachyp. rupestre12++ ……. È basata sulla presenza/assenza delle specie

9 VEGETAZIONE – Valori di copertura ScalaBraun-BlanquetPignatti 5 - > 75 %> 80 % 4 – % % 3 – %40-60 % 2 – 5-25 %20-40 % 1 – 1-5 %1-20 % + - < 1 %< 1 %

10 Analisi dei componenti del paesaggio 1) Papavereto (ghiaione) 50 % Seslerieto (tappeto erb.) 25 Mugheta (cespugli) 10 Nardeto (pascolo) 15 P.N. Dolomiti Bellunesi

11 Complesso di vegetazione: brecciaio % % % % % % Papavereto Potentilleto Ass. a Carex firma Salix retusa-retic Petasiteto 1 5 Campanula morettiana 1 Arabis coerulea 1 elementi del paesaggio Roccia dolomitica Seslerieto + +

12 Unità paesistiche Base cartografica: Regione Basilicata Tirrenica Sannitico- Lucana Apula Ionia

13 Banche dati territoriali Inventario floristico su superfici standard: es. Hupertia selago Museo di Storia Naturale di Rovereto

14 Valori di bioindicazione Ellenberg: Zeigerwerte scala empirica L – Luce1-12 T – Calore1-12 K – Continentalità1-9 H – Umidità1-12 pH – Acidità1-9 N – Nutrienti1-9 S – Salinità (solo negli habitat costieri): scala 1-3

15 Bioindicazione per la radiazione solare nelle Dolomiti (Sassolungo e Sassopiatto)

16 Variazioni nei valori di indicazione per la luce nella successione (Alpi Or.) Valori massimi nei pascoli alpini direttamente espo- sti allinsolazione

17 Successioni Faggeta Pecceta

18 Indicatori di nutrienti nelle successioni I valori massimi nella faggeta (in giallo). Qui cè il maggiore accumulo di humus

19 Ecogramma (fingerprint) Ecogramma generato mediante ELLENBERG 2000 L – Luce T – Temperatura K – Continentalità H – Umidità pH – Acidità d. suolo N - Nutrienti

20 Inventario floristico delle Dolomiti

21 Organizzazione delle conoscenze 1. Percezione – loggetto es. un bosco 1. Percezione – loggetto es. un bosco 2. Categorizzazione – caratteri di tutti gli oggetti simili a quello – es. faggeta 2. Categorizzazione – caratteri di tutti gli oggetti simili a quello – es. faggeta 3. Classificazione – costruzione di unità di ordine superiore (sistema gerarchico) – es.: il bosco di latifoglie (faggeta, querceto etc.) 3. Classificazione – costruzione di unità di ordine superiore (sistema gerarchico) – es.: il bosco di latifoglie (faggeta, querceto etc.) 4. Linguaggio – comunicare queste conoscenze con parole chiare e non ambigue 4. Linguaggio – comunicare queste conoscenze con parole chiare e non ambigue

22 Linguaggio (nomenclatura) Specie – nomenclatura linneana: Laurus nobilis typus = un campione derbario semplice, univoco, controllabile Associazione - dal nome di 2 specie: Viburno- Quercetum ilicis typus = un rilievo discutibile, incontrollabile Unità paesistiche – non si usa nomenclatura formalizzata

23 Linguaggio (nomenclatura) La presenza/assenza di specie dà uninformazione, ma quando i dati sono molti ed eterogenei si arriva a risultati confusi Possibilità di combinazioni casuali (random) oppure combinazioni nonsense Conseguenza: classificazioni contraddittorie e inflazione delle unità superiori (Pignatti, 1968) I risultati sono spesso ambigui, non falsificabili (Popper, 1959) e privi di validità scientifica

24 Prospettive e suggerimenti Costruzione di un data base ad hoc - proposte - dati di base - sistema interattivo - consulenza on line - un blog - osservatorio per la biodiversità - museo ?


Scaricare ppt "Indicatori vegetali 1. valutazione della qualità ambientale Potenza, 16 marzo 2009 Sandro Pignatti Prof. emerito di Ecologia Università di Roma La Sapienza."

Presentazioni simili


Annunci Google