La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maurizio tiriticcomisurazione 20071 Criteri e tecniche per la misurazione delle prove oggettive Maurizio Tiriticco.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maurizio tiriticcomisurazione 20071 Criteri e tecniche per la misurazione delle prove oggettive Maurizio Tiriticco."— Transcript della presentazione:

1 maurizio tiriticcomisurazione Criteri e tecniche per la misurazione delle prove oggettive Maurizio Tiriticco

2 maurizio tiriticcomisurazione Valutazione degli apprendimenti iniziale - livelli di partenza o prerequisiti formativa conclusiva Oggetti della valutazione: una o più prove qualità degli apprendimenti Ieri - Valutazione con 10 voti decimali di merito Oggi – a) misurazione con punteggi non di merito e b) valutazione da attribuire al punteggio conseguito secondo criteri dati c) accertamento e certificazione delle competenze alla conclusione di un ciclo

3 maurizio tiriticcomisurazione Tipologia delle prove *non strutturate tradizionali *strutturate anni 70 e 80 *semistrutturate anni 90

4 maurizio tiriticcomisurazione Probabilità di rispondere esattamente ad un test probabilità di risposta esatta punti Test v/f50% 1 Test s/m a 2 scelte50% 1 Test s/m a 3 scelte33,33% 2 Test s/m a 4 scelte25% 3 Test s/m a 5 scelte20% 4 Test s/m a n scelte… n – 1

5 maurizio tiriticcomisurazione Attribuzione di punteggi grezzi ad un test S/M con item a 4 scelte: la prova più frequente Alcune ipotesi di 10 item senza pesi risposta esatta13344ecc. astensione00010– risposta errata00– 101– punt. max – punt. min.00– 1000– La soglia di accettabilità è da stabilire Ipotesi

6 maurizio tiriticcomisurazione Test S/M di 10 item con 4 scelte ciascuno, somministrato a 10 alunni Punteggi attribuiti: 4 risposta esatta 1 astensione 0 risposta errata Massimo teorico 40 x ciascun alunno 400 x il gruppo Limite di accettabilità??? 24 = norma = voto 6 30 = test facile 20 = test difficile Item alunni Se il Test S/M è di 30 item con 4 scelte ciascuno, il punt. max = 120

7 maurizio tiriticcomisurazione La misurazione – Punteggi relativi a due prove oggettive attribuzione di punteggi grezzi alle prove punteggio da 1 a…. n esempio da 1 a 100 – costituiscono il minimo e massimo teorico raggiungibile distribuzione dei punteggi di due prove, A e B, somministrate a 16 alunni A ….45, 48, 58, 60, 65, 65, 65, 68, 68, 76, 77, 78, 80, 83, 89, 93…………... B…………….58, 58, 58, 60, 68, 69, 70, 73, 73, 80, 89, 91, 99, 100, 100, 100 limite di accettabilità, a discrezione del testista: 70 qui ci si potrebbe fermare, ma… …consideriamo altri valori Media: sommatoria dei punteggi diviso il loro numero A 1120 : 16 = 70 B 1246 : 16 = 77,87 Mediana: il punteggio che occupa la posizione centrale A = 68 B = 73 Moda: il punteggio più frequente A = 65 B = 58 e 100 Gamma: punt. max – min + 1 A 93 – = 49 B 100 – = 43 sono valori utili per elaborare i punteggi

8 maurizio tiriticcomisurazione Per lelaborazione dei punteggi grezzi servono altri valori Sigma: radice quadrata della somma di ogni punteggio meno la media elevato al quadrato diviso il numero delle prove Punto Z di una prova: singolo punteggio meno la media diviso il sigma Punto T di una prova: punto Z moltiplicato Comparare dei punteggi tra loro in valori assoluti non è corretto La comparazione va fatta solo se prima si è compiuta lelaborazione Risulterà che un 8 non è eguale ad un altro 8!!!

9 maurizio tiriticcomisurazione Attenzione! UN NUMERO NON INDICA SEMPRE UNA REALTA OGGETTIVA! Il medesimo punteggio raggiunto da 2 candidati a 2 concorsi non è eguale se un candidato vince e laltro no perché i posti del suo concorso sono pochi!!! Il posto n. 55 su un vagone di seconda classe è proprio il cinquantacinquesimo? No! In effetti è il ventinovesimo! La camera 320 dellhotel x non è la trecentoventesima! Sappiamo solo che è al terzo piano! 3 litri non sono eguali a 3 galloni!

10 maurizio tiriticcomisurazione Esempio di elaborazione Ada e Bice, in due gruppi di 10 alunni prendono 8 in una prova, ma… …vediamo i voti di Ada e di Bice nei 2 gruppi di 10 alunni …gruppo di Ada …gruppo di Bice media della distribuzione di Ada 57 : 10 = 5,7 media della distribuzione di Bice 91 : 10 = 9,1 sigma della distribuzione di Ada 1, 00 sigma della distribuzione di Bice 0,53 Punto Z di Ada 8 – 5,7 : 1 = 2,30 Punto Z di Bice 8 – 9,1 : 0,53 = 2,07 Punto T di Ada 2, x 50 = 73 Punto T di Bice 2, x 50 = 29 Ergo! L8 di Ada non è eguale all8 di Bice! Vale di piùùùù!

11 maurizio tiriticcomisurazione Analisi degli item indice di difficoltà, DF, di un item numero delle risposte errate diviso il numero totale delle risposte difficoltà massima – DF = 1 tutte le risposte sono errate difficoltà medio/max – DF = 0,75 difficoltà media – DF = 0,50 difficoltà medio-min – DF = 0,25 difficoltà inesistente – DF = 0 indice di discriminatività, DS, di un item serve a valutare se un item è in grado di distinguere gli alunni migliori dai peggiori Numero delle risposte esatte dei migliori (1/3 del gruppo) meno il numero delle risposte esatte dei peggiori (1/3 del gruppo) diviso 1/3 del gruppo. Gli esiti vanno da un +1 (DS positiva) a un –1 (DS negativa)

12 maurizio tiriticcomisurazione LE PROVE SEMISTRUTTURATE Le prove semistrutturate sono un mix di prove strutturate e di prove aperte. Concretamente, linsegnante elabora un testo di 2, 3 o 4 cartelle su un dato tema studiato dagli alunni. Il testo, nel suo sviluppo, contiene a finestra dei quesiti chiusi e aperti (ad esempio 4 quesiti chiusi e 6 aperti). Per ciascun quesito aperto, si indica quale lunghezza minima-massima debbano avere le singole risposte (in genere da 80 a 100 parole). Per la misurazione si procede così: a) per i quesiti a risposta chiusa vale ciò che si è detto per i test; b) per i quesiti a risposta aperta, si stabilisce un punteggio min/max in relazione alla conformità o meno della risposta ad una risposta criterio formulata ed attesa dallinsegnante. Ad esempio: 0 = risposta omessa, 1 = basso, 2 = medio, 3 = alto. Ovviamente si può scegliere anche una scala diversa, ma non oltre i 5 punti. In ordine al massimo teorico raggiungibile complessivamente, si stabilisce anche la soglia di accettabilità.

13 maurizio tiriticcomisurazione Esempio di misurazione di una prova semistrutturata 5 quesiti test (ipotesi 1, vedi slide n. 5 ): min. 0, max 5 7 quesiti a risposta aperta (ipotesi 0,1,2,3) min. 0, max 21 totali: min. 0, max 26 soglia di accettabiltà: 16 oppure 20, prova difficile o 12, prova facile

14 maurizio tiriticcomisurazione La misurazione negli esami di Stato

15 maurizio tiriticcomisurazione Griglia di misurazione di una prova scritta di italiano I N D I C A T O R I LIVELLI B M A 1. Punteggiatura Ortografia Morfosintassi Proprietà lessicale Aderenza allo stimolo Coerenza Organicità Chiarezza espositiva Fluenza Competenza nellanalisi Competenza nella elaborazione personale Flessibilità Fluidità Creatività Livello di accettabilità: 20 - Massimo teorico: 30 I singoli risultati si rapportano ai quindicesimi richiesti dalla norma

16 maurizio tiriticcomisurazione indicatori5 descrittoriBMA lettura/decodifica del testo123 aspetti contenutistici analisi del testo123 elaborazione critica, riflessioni, approfondimenti123 aspettimorfosintassi e lessico123 formalisviluppo argomentativo123 Prima prova scritta – Tipologia B1 – Articolo di giornale 5 indicatoriBMA conformità e congruenza dello stile e del registro linguistico del pezzo con la tipologia del destinatario 123 modalità della trattazione dei dati e dei documenti di supporto e loro corretta e pertinente utilizzazione ai fini della informazione 123 correttezza morfosintattica e capacità comunicativa123 originalità della elaborazione123 caratterizzazione del registro e dello stile ed eventuali capacità divergenti e creative 123 Prima prova scritta – Tipologia A – Analisi del testo

17 maurizio tiriticcomisurazione Prima prova scritta – Tipologia B2 – Saggio breve 5 indicatoriBMA conformità e congruenza dello stile e del registro linguistico del saggio con la tipologia della pubblicazione e del destinatario 123 qualità della analisi dei dati forniti e loro corretta utilizzazione123 corretta e pertinente utilizzazione delle citazioni, dei documenti, dei riferimenti, delle testimonianze che accompagnano le indicazioni di lavoro 123 correttezza morfosintattica e proprietà lessicale123 originalità delle argomentazioni e della elaborazione123 Prima prova scritta – Tipologie C e D – Tema tradizionale 3 indicatori5 descrittoriBMA COMPETENZEpunteggiatura ortografia morfosintassi123 linguisticheproprietà lessicale123 CONOSCENZE mono e pluridisciplinari correttezza e pertinenza dei contenuti123 CAPACITA elaborativesviluppo delle argomentazioni123 logico-critiche e creative originalità della elaborazione123

18 maurizio tiriticcomisurazione TERZA PROVA SCRITTA Tipologia E – Casi pratici e professionali, non più di 2 5 IndicatoriBMA Identificazione della situazione problematica e degli ambiti di riferimento; analisi dei diversi aspetti della situazione proposta 123 ipotesi per soluzioni diverse in ordine ai vincoli e alle opportunità esistenti, ai costi necessari e alle risorse disponibili 123 elaborazione di uno o più piani di azione e loro fattibilità in ordine agli obiettivi da perseguire e previsione delle conseguenze 123 avvio, conduzione e realizzazione dellintervento per la soluzione – o per le soluzioni – del caso 123 criteri e strumenti adottati per il monitoraggio e le eventuali correzioni in itinere e valutazione dellefficacia delle soluzioni adottate e dei risultati raggiunti anche, eventualmente, in termini di un possibile trasferibilità e/o generalizzazione 123

19 maurizio tiriticcomisurazione TERZA PROVA SCRITTA Tipologia F – Un progetto Il candidato sa:BMA individuare e definire le variabili, gli elementi, i fattori che concorrono alla realizzazione del progetto in termini di finalità ed obiettivi 123 individuare, definire e utilizzare le risorse, i mezzi, la strumentazione, le tecniche, le tecnologie, i costi, le procedure per la realizzazione del progetto 123 analizzare le diverse componenti della attività progettuale, programmazione, pianificazione, esecuzione, controllo in ordine ai processi da realizzare, anche in ordine ai vincoli da considerare 123 realizzare e produrre, ovviamente in via simulata, loggetto perseguito dal progetto 123 valutare lefficienza e lefficacia del processo e del prodotto in termini tecnici, di costi/benefici, degli eventuali impatti e dei suoi effetti nel tempo 123

20 maurizio tiriticcomisurazione edizione attuale COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE – edizione attuale 1 ÷ 4 = Basso; 5 = Medio; 6 = Medio/Alto; 7 = Alto 3 indicatori5 descrittoriBMMAA competenzemorfosintassi e lessico1 ÷ 4567 linguistichesviluppo delle argomentazioni1 ÷ 4567 conoscenze generalipadronanza dei contenuti1 ÷ 4567 e specificheraccordi pluridisciplinari1 ÷ 4567 capacità elaborative, logiche, critiche e creative correttezza, pertinenza, originalità nelle interazioni dialogiche 1 ÷ 4567

21 maurizio tiriticcomisurazione indicatori5 descrittoriBMM AA competenzemorfosintassi e lessico1 ÷ 3456 linguistichesviluppo delle argomentazioni1 ÷ 3456 conoscenze generalipadronanza dei contenuti1 ÷ 3456 e specificheraccordi pluridisciplinari1 ÷ 3456 capacità elaborative, logiche, critiche e creative correttezza, pertinenza, originalità nelle interazioni dialogiche 1 ÷ 3456 edizione a. s COLLOQUIO PLURIDISCIPLINARE – edizione a. s ÷ 4 = Basso; 5 = Medio; 6 = Medio/Alto; 7 = Alto

22 maurizio tiriticcomisurazione


Scaricare ppt "Maurizio tiriticcomisurazione 20071 Criteri e tecniche per la misurazione delle prove oggettive Maurizio Tiriticco."

Presentazioni simili


Annunci Google