La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Situazione e sviluppo della moneta elettronica in Italia Roma, 29 febbraio 2012 Guerino Ardizzi - Banca dItalia Servizio Supervisione sui mercati e sul.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Situazione e sviluppo della moneta elettronica in Italia Roma, 29 febbraio 2012 Guerino Ardizzi - Banca dItalia Servizio Supervisione sui mercati e sul."— Transcript della presentazione:

1 1 Situazione e sviluppo della moneta elettronica in Italia Roma, 29 febbraio 2012 Guerino Ardizzi - Banca dItalia Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti Divisione Strumenti e servizi di pagamento al dettaglio

2 2 Key issues Trend Regole Sicurezza ed Efficienza Temi aperti

3 3 Trend

4 4 Fonte: Banca Centrale Europea – Blue Book statistics Note: (*): Il dato del LU non include paypal Strumenti alternativi al contante : numero di pagamenti procapite – confronti internazionali al 2010 Euro = 182 IT = 66

5 5 CASH CARD RATIO: CASH WITHDRAWAL ON POS PURCHASES Pos payments per terminal Fonte: BCE, Banca dItalia % n. pag. in contante in Italia: 90%, in Europa 70-80%

6 6 Costo sociale e propensione al contante

7 7 Incidenza del contante per classe di importo

8 8 Linnovazione Fonte: OCSE, BCE, Banca dItalia 2009

9 9 Trend Source: ECB, Blue Book; Bank of Italy, statistical reports E-money / Prepaid market figures 2010 Euro AreaItaly Numero di transazioni: per conto corrente % totale pagamenti1.7%3.0% crescita (annual: )19.7%40.0% Electronic payments in EU: an overview Le carte hanno superato il bonifico come strumento più utilizzato Laddebito diretto è in crescita, lassegno in declino E-money-prepaid payments sono lo strumento più dinamico

10 10 Trend innovation Source: Bank of Italy, banking statistics Payment% IT growth 2010% IT internet share Internet payments 20%10% of which: PREPAID35%50% Access pointEU % growth IT % growth Overnight deposits /current accounts 2%1% PREPAID cards10%30%

11 11 m-payments trends nel mondo World Payment Report 2011: –m-payment have been growing; emerging market larger than developed market in term of m-payments; non banks are gaining market shares – CAGR : 48%

12 12 Quadro regolamentare

13 13 SEPA/eSEPA VII Rapporto SEPA Eurosistema –definizioni, standard (EPC) –innovazione e financial inclusion –soluzioni mobili prepagate per lotta al contante; indicazioni per integrazione con altri schemi es. bonifici Regolamento end date: dal 1 feb 2014 (EC Commission COM(2010) dec 2010) Il ruolo della Banca Centrale in qualità di overseer e catalyst (art. 105 Trattato, 146 Tub)

14 14 PSD (dir. 2007/64/CE) D. Lgs. 11/2010 (in vigore dal 1/3/2010) TITOLO II Le tappe del recepimento della PSD Misure di attuazione ex art. 31 (Sorveglianza sul sist. pagamenti) su diritti e obblighi delle parti Normativa secondaria BI in tema di trasparenza (in vigore dal 1/3/2010) TITOLO III TITOLO IV Disposizioni di vigilanza BI sugli Istituti di pagamento (in vigore dal 1/3/2010)

15 15 Il recepimento della nuova direttiva IMEL (dir. 2009/110/CE) Applicabilità misure di attuazione ex art. 31 (Sorveglianza sul sist. Pagamenti) Legge comunitaria 2010 delega al Governo per decreti attuativi e BI per Istr. Vig.: in corso di emanazione VIGILANZA TRASPARENZA Adeguamento della normativa secondaria BI in tema di trasparenza dei servizi di pagamento (in vigore dal 1/3/2010) Integrazione delle disposizioni di vigilanza BI sugli Istituti di pagamento/IMEL DIRITTI E OBBLIGHI DELLE PARTI

16 16 ISTITUTI DI PAGAMENTO (servizi di pagamento PSD) IMEL (servizi di pagamento PSD+ e-money) BANCHE (servizi di pagamento PSD+ e- money+depositi) La disciplina dei soggetti che offrono servizi di pagamento e moneta elettronica (i PSP) access (new operators), product/definition (neutral), proportionate regulation (e.g. prudential requirements), wider range of activities, level playing field, rights and obligations, derogations for low value payments and waivers for limited networks

17 17 Negative scope e deroghe 1) altri strumenti con spendibilità limitata Eg. Gift, fidelity, petrol cards etc…. 2) strumenti utilizzati per acquistare servizi digitali dove il telco operator NON agisce come mero intermediario nel pagamento Eg. payment to a telco operator to buy ring tones, digital newspaper, music, etc.. 3) Deroghe e riduzione del costo della regolamentazione per i cd. low value payments

18 18 Servizi di pagamento offerti da operatori di telecomunicazione in ambito D. Lgs 11/2010: art. 1, comma 1, lett. b), n.7: (definizioni): Rientra tra i servizi di pagamento lEsecuzione di operazioni di pagamento ove il consenso del pagatore ad eseguire loperazione di pagamento sia dato mediante un dispositivo di telecomunicazione, digitale o informatico e il pagamento sia effettuato alloperatore del sistema o della rete di telecomunicazioni o digitale o informatica che agisce esclusivamente come intermediario tra lutente di servizi di pagamento e il fornitore di beni e servizi. Costituire una PI o IMEL

19 19 Servizi di pagamento offerti da operatori di telecomunicazione in deroga art. 2, comma 2, lett. n: il decreto non si applica alle operazioni di pagamento eseguite tramite qualsiasi dispositivo di telecomunicazione, digitale o informatico, quando i beni o servizi acquistati sono consegnati al dispositivo di telecomunicazione, digitale o informatico, o devono essere utilizzati tramite tale dispositivo, a condizione che loperatore di telecomunicazione, digitale o informatico, non agisca esclusivamente quale intermediario tra lutente di servizi di pagamento e il fornitore dei beni e servizi art. 2 d.lgs. 11/2010 pagamenti per beni e servizi digitali (effettuati anche tramite telefono cellulare/smartphone) Valore aggiunto NON occorre costituire una PI o IMEL

20 20 Sicurezza ed Efficienza

21 21 Incentivi allo sviluppo dei prodotti più virtuosi La Banca dItalia può ridurre le responsabilità dei clienti per gli utilizzi non autorizzati nel caso di strumenti o servizi di pagamento particolarmente sicuri garantendone la generale conoscibilità (art. 12 d.lgs. 11/2010) Allegato tecnico al Provvedimento di attuazione Titolo II del d. 11/2010: Tipologie di strumenti di più elevata qualità sotto il profilo della sicurezza Sicurezza - Sezione IV del Provvedimento BI - Obblighi PSP Processo di gestione dei rischi operativi

22 22 Incentivi allo sviluppo dei micro pagamenti Gli strumenti di basso valore, che consentono operazioni di pagamento non superiori a 30 Euro e avvaloramento massimo di 150 sono considerati sicuri e la responsabilità per lutilizzatore è ridotta (art. 12 d.lgs. 11/2010 e applicazione anche a e-money) Basso importo

23 23 Temi aperti la normativa crea le condizioni e definisce PSP ma: chi sarà protagonista ? m-banking vs m- payments? conto di pagamento vs c/c?. partnership o competition? V. recente annuncio accordo reachability: remote vs. c-less business practices: pricing, carte o altro

24 24 Grazie per lattenzione! Guerino Ardizzi Banca dItalia Servizio Supervisione sui Mercati e sul Sistema dei Pagamenti Divisione Strumenti e Servizi di Pagamento al Dettaglio


Scaricare ppt "1 Situazione e sviluppo della moneta elettronica in Italia Roma, 29 febbraio 2012 Guerino Ardizzi - Banca dItalia Servizio Supervisione sui mercati e sul."

Presentazioni simili


Annunci Google