La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G. TRAVERSA (Bari). Giuseppe Traversa XII Congresso Nazionale SICVE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G. TRAVERSA (Bari). Giuseppe Traversa XII Congresso Nazionale SICVE."— Transcript della presentazione:

1 G. TRAVERSA (Bari)

2 Giuseppe Traversa XII Congresso Nazionale SICVE

3

4 L'Associazione Diabetici Baresi Onlus, nasce verso la fine del 2010 vista la mancanza di una associazione di diabetici adulti a Bari. Siamo affiliati alla FAND (Associazione Nazionale Diabetici) presente in tutte le regioni e maggior parte della città italiane. Ai nostri iscritti forniamo: - Assicurazione infortunistica - Servizio pronto Fand (Un diabetologo risponde ad un numero verde il sabato e la domenica per consigli ed informazioni sanitarie) - Assistenza legale. L'Associazione ad oggi registra circa 100 iscritti. ASSOCIAZIONE DIABETICI BARESI ONLUS BARI - Via Celso Ulpiani n.19 tel –

5 ASSOCIAZIONE DIABETICI BARESI ONLUS BARI - Via Celso Ulpiani n.19 tel – SCOPI DELLASSOCIAZIONE: - Tutelare le persone, affette da diabete e rappresentarne i bisogni e le esigenze presso le Autorità e gli Enti di Assistenza - Fornire supporto agli specialisti del settore per arginare il progressivo diffondersi della malattia e favorire il potenziamento ed il miglioramento delle strutture per lassistenza al diabetico - Aiutare lassociato nel suo reinserimento in attività idonee alle sue attitudini e possibilità, nella fase successiva alla riabilitazione da complicanze invalidanti - Promuovere iniziative che possano portare un contributo alla cura ed allo studio del diabete; - Organizzare corsi di informazione per i soggetti diabetici e le loro famiglie, (educazione e aggiornamento sulle terapie) volti a migliorare il loro stile di vita quotidiano - Seguire lapprovvigionamento dei prodotti farmaceutici e ausili necessari per lautocontrollo giornaliero.

6 ASSOCIAZIONE DIABETICI BARESI ONLUS BARI - Via Celso Ulpiani n.19 tel –

7 Implementare un progetto di educazione al paziente diabetico per migliorare lempowerment del paziente stesso attraverso lutilizzo delle Conversation Map. Si tratta di un progetto I.D.F. a carattere mondiale che usava 4 tematiche: Il tutto con la presenza di personale Medico o Paramedico certificato Attualmente il progetto si è arricchito di altre 3 mappe di cui una inerente il DM tipo I 1. Vivere con il Diabete 3. Mangia sano e fai attività fisica 2. Come funziona il Diabete 4. Iniziare il trattamento insulinico ASSOCIAZIONE DIABETICI BARESI ONLUS BARI - Via Celso Ulpiani n.19 tel –

8 Noi siamo convinti che lapprendimento esperienziale in piccoli gruppi, insieme allapprendimento visivo, rappresenti una strategia vincente. A nostro avviso, i principi dellapprendimento visivo, integrati da un approccio stimolante che favorisca il dialogo promuovono un impegno attivo nei confronti della propria salute in misura maggiore di quanto non facciano le tecniche di apprendimento tradizionali. ASSOCIAZIONE DIABETICI BARESI ONLUS BARI - Via Celso Ulpiani n.19 tel –

9 Prossime iniziative: FitWalking (passeggiata veloce) della durata di 25/30 min. che, come dimostrato, contribuisce ad abbassare i livelli glicemici. Incontri sul corretto monitoraggio della glicemia e somministrazione di insulina, ad associati e non Giornata in piazza per la prevenzione, con misurazione e screening sul diabete il tutto grazie alla collaborazione di personale Medico, Paramedico e Volontari ASSOCIAZIONE DIABETICI BARESI ONLUS BARI - Via Celso Ulpiani n.19 tel –

10 PIEDE DIABETICO: Importanza della PREVENZIONE

11 Circa il 40% delle amputazioni non traumatiche degli arti inferiori sono eseguite su pazienti diabetici L 85% delle amputazioni delle estremità inferiori associate al diabete sono precedute da ulcere del piede Il 90% delle ulcere nei soggetti diabetici sono determinate da traumi esterni Il 4-10% dei diabetici presenta ulcere del piede PIEDE DIABETICO Epidemiologia

12 Il peso sociale ed economico del piede diabetico può essere ridotto attraverso lindividuazione precoce dei soggetti a rischio di sviluppare unulcera. È provato che una strategia che comprenda prevenzione, educazione sanitaria e monitoraggio delle complicanze, riduce il tasso delle amputazioni del 49-85%.

13 2) Individuare i fattori di rischio 1) Riconoscere i soggetti a rischio

14 Chi sottoporre a screening Tutti i diabetici dovrebbero essere sottoposti a screening Annualmente almeno pazienti con: età superiore a 45 anni storia di diabete superiore a 10 anni precedenti problemi legati ai piedi (congeniti, traumatici..)

15 Traumi ripetuti ( meccanici, termici, chimici) Calzature non idonee Calzature non idonee Lesioni di continuo trascurate Lesioni di continuo trascurate Infezioni micotiche e/o batteriche Infezioni micotiche e/o batteriche Edemi arti inferiori Edemi arti inferiori Problemi di deambulazione per patologie ortopediche Problemi di deambulazione per patologie ortopediche

16 Evitare di fumare, camminare a piedi scalzi, esporsi ad acqua bollente. Evitare di fumare, camminare a piedi scalzi, esporsi ad acqua bollente. Evitare forbici appuntite. Evitare forbici appuntite. Ispezionare il piede quotidianamente ed in ogni parte (deformità, screpolature, vescicole, edema, arrossamento, callosità), eventualmente con laiuto di altri. Ispezionare il piede quotidianamente ed in ogni parte (deformità, screpolature, vescicole, edema, arrossamento, callosità), eventualmente con laiuto di altri. Usare calzature comode, calzini di cotone non attillati e cambiati di frequente. Usare calzature ad hoc. Usare calzature comode, calzini di cotone non attillati e cambiati di frequente. Usare calzature ad hoc. Lavare il piede quotidianamente in acqua tiepida con detergenti delicati. Asciugare il piede accuratamente senza strofinare. Eventualmente applicare un emolliente. Lavare il piede quotidianamente in acqua tiepida con detergenti delicati. Asciugare il piede accuratamente senza strofinare. Eventualmente applicare un emolliente.

17

18

19 CURA DEL PIEDE Organizzazione Linee-guida per leducazione, lo screening, la riduzione dei rischi, il trattamento e la verifica Linee-guida per leducazione, lo screening, la riduzione dei rischi, il trattamento e la verifica Riduzione dei tassi di amputazione tramite creazione di un team multidisciplinare Riduzione dei tassi di amputazione tramite creazione di un team multidisciplinare Equipe specializzata per la cura del piede impegnata non solo nel trattamento ma anche nella prevenzione Equipe specializzata per la cura del piede impegnata non solo nel trattamento ma anche nella prevenzione Fondamentale la collaborazione attiva del paziente Fondamentale la collaborazione attiva del paziente

20 Controllo GLICOMETABOLICO Controllo PRESSORIO Controllo PRESSORIO Abolizione del FUMO Abolizione del FUMO Modificazione dello STILE DI VITA Modificazione dello STILE DI VITA EDUCAZIONE MISURE PODOLOGICHE PRESIDI ORTESICI PRESIDI ORTESICI ORGANIZZAZIONE ASSISTENZIALE ORGANIZZAZIONE ASSISTENZIALE

21 PIEDE DIABETICO Diabetologo Chirurgo plastico Chirurgo vascolare Neurologo Radiologo Ortopedico Podologo

22 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "G. TRAVERSA (Bari). Giuseppe Traversa XII Congresso Nazionale SICVE."

Presentazioni simili


Annunci Google