La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

3. Winx, Gormiti, scazzottate e minigonne Cartoni per bambine, cartoni per bambini, cartoni unisex di Elisa Giomi e Daniela Pitti Stereotipi di genere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "3. Winx, Gormiti, scazzottate e minigonne Cartoni per bambine, cartoni per bambini, cartoni unisex di Elisa Giomi e Daniela Pitti Stereotipi di genere."— Transcript della presentazione:

1 3. Winx, Gormiti, scazzottate e minigonne Cartoni per bambine, cartoni per bambini, cartoni unisex di Elisa Giomi e Daniela Pitti Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

2 Pubblicità di giocattoli Si trovano le stesse opposizioni e divisioni di ambiti e modelli di ruolo Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

3 Divisione ruoli/ambiti Abbiamo visto come le pubblicità di generi per maschi o per femmine (secondo il mercato) usino alcune opposizioni che ricorrono in modo sistematico (spazi, colori ecc.) E sono coerenti con valori e modelli proposti ai maschi e alle femmine (privato/pubblico, forza/dolcezza, relazione competitiva/relazione sentimentale) Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

4 Quali sono gli elementi che caratterizzano il prodotto reclamizzato come unisex, per maschi o per femmine? Da cosa capiamo a chi è destinato il giocattolo?

5 9. Zhu Zhu Pets Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

6 Caratteristiche e genere dei personaggi: bambine e un bambino che giocano insieme Genere voce fuoricampo: voce femminile e dolce Musica: filastrocca/melodica: allegra ma non adrenalinica Colori: vivaci ma neutri Estetica: Soft, allegra Spazi: Interni, riproduzione di ambiente esterno (naturale) Valori: tenerezza, cura, divertimento Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

7 7. Sofficini Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

8 Caratteristiche e genere dei personaggi: personaggio fantastico di sesso maschile Genere voce fuoricampo: voce maschile Musica: Assente Colori: Vivaci, predominanza colori acidi ma non troppo connotati Estetica: Ludica Spazi: Interni, ambiente domestico Valori: gioco, furbizia, divertimento/comicità Le pubblicità del cibo sono spesso connotate al maschile… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

9 10. Happy meals di McDonald Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

10 Caratteristiche e genere dei personaggi: cartoni animati che combattono caratterizzati al maschile attravarso la voce Genere voce fuoricampo: voce maschile Musica: filastrocca/melodica: allegra ma non adrenalinica come altre Colori: vivaci ma neutri Estetica: essenziale, da videogame Spazi: ambiente esterno di fantasia, vagamente accennato Valori: Claim: la forza degli elementi, forza e natura, competizione, comicità. Anche questi valori maschili Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

11 8. Gormiti Neorganic Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

12 Caratteristiche e genere dei personaggi: maschi che giocano insieme Genere voce fuoricampo: voce maschile e un po aggressiva Musica: energica (rockeggiante/antimelodica) Colori: accesi Estetica: Abbastanza violenta e futurista Spazi: Interni, ma collegati allesterno (finestra + riproduzione di ambiente metropolitano) Valori: forza, potenza, dominio, sfida Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

13 Bambini e sterotipi di genere ieri e oggi Risposte dei/le bambini/e alla domanda: che differenza cè fra gli uomini e le donne? CARATTERISTICHE FISICHE: - M: gli uomini sono più forti. - Le donne sono più secche e i maschi sono più forti...perchè? perchè le femmine sono più fiacche... perche? non hanno le forze - i maschi hanno i capelli corti, le donne i capelli lunghi, le femmine non hanno la maglietta uguale ai maschi - le donne si mettono gli orecchini i maschi no; le donne hanno la gonna i maschi i pantaloni - le donne hanno la maglietta un pochino larga -( : intervista ai bambini e alle bambine di una sezione della scuola dellinfanzia Prato fiorito dellVIII municipio e di unaltra sezione della scuola dellinfanzia Deledda del VI municipio, del Comune di Roma) Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

14 Bambini e sterotipi di genere ieri e oggi La forza fisica appare molto usata anche dai bambini per distinguere uomini e donne e per ordinarli in una gerarchia E vero che gli uomini sono più forti, in genere, ma questo ha poco a che vedere con la natura (il sesso biologico) e molto con la cultura (il genere) Le differenze fisiche sono cioè in buona parte un prodotto sociale: con il tempo e lallenamento, le atlete riescono a acquisire una forza fisica che annulla le differenze innate tra uomini e donne (Ferris, 1978). Fin da piccoli, i maschi sono condizionati in mille modi ad essere fisicamente più attivi delle femmine: gli sport che gli vengono proposti, i giochi, le pubblicità, i cartoni animati dicono loro che possono (=devono) sviluppare i muscoli, muoversi liberamente nello spazio, sperimentare le capacità del loro corpo, usarlo per competere con gli altri e per dominare, o comuque usarlo con autorità Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

15 OCCUPAZIONI DOMESTICHE E LAVORO: - F: Le femmine lavorano di meno -M: - maschi e femmine lavorano un po; -M: i papà lavorano, le mamme non lavorano -M:gli uomini lavorano, le donne fanno la lavatrice; i maschi guardano i documenti, lavorano in banca –M: Le donne puliscono la casa e i vetri - M: i maschi cucinano, i maschi apparecchiano la tavola, pure le femmine apparecchiano la tavola -M: papà cucina bene; papà apparecchia, le femmine fanno la cena il maschio va a mangiare i maschi guidano la macchina Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

16 COMPORTAMENTI E ATTIVITA: - M: gli uomini quando si arrabbiano buttano le cose per terra, mamma una volta ha lanciato il mio camion maschi e femmine vanno a cena fuori; i maschi non ballano come le femmine; le femmine non vanno a pescare - M: papà non gioca mai con me, guarda la tv; i maschi a volte non hanno tempo per giocare con i bambini (risponde un'altro bambino a questa affermazione): si è tutto vero che i maschi non hanno tempo per giocare con i bambini Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

17 Stereotipi di genere e mondo del lavoro Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

18 Alcuni dati Rapporto Men and Gender Equality, marzo 2010: iniziativa della Commissione Europea peraffrontare la disuguaglianza di genere focalizzandosi sulle figure maschili e coinvolgere attivamente gli uomini nel processo di cambiamento sociale che porta all'equit à, tanto tra le mura domestiche quanto nel luogo di lavoro Studi attestano che bambini/e, di et à prescolare, abbiano una chiara idea della divisione sessuale del lavoro e delle professioni associate al loro genere, e preferenze per quelli Fin dalla tenera et à cè una restrizione del ventaglio di professioni considerate da bimbi/e Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

19 I lavori femminilizzati e legati a valori di cura dei bambini, insegnamento nelle elementari, assistenza agli anziani e sociale in genere sono anche lavori meno pagati, perché ritenuti non specialistici, basati su competenze (il cosiddettolavoro emozionale) che la donna possiede/dovrebbe possedere comunque per via del suo ruolo dentro casa (un altro stereotipo di genere) Per questo, datori di lavoro e utenti di servizi di questo tipo tendono a ritenere gli uomini poco adatti a svolgere tali lavori Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

20 Discriminazione verso gli uomini che entrano in ambiti professionali di questo tipo e tradizionalmente femminilizzati: vengono visti con sospetto; in processi per pedofilia (non necessariamente dimostrata) si trovano molto più spesso delle donne a dover motivare il perché della scelta profesionale (Rolfe 2006, Penn and McQuail 1997). Ne consegue la resistenza degli uomini ad intraprendere professioni tradizionalmente connotate al femminile Questo fenomeno, della concentrazione di un genere su una certa gamma di professioni, o lesclusione dalle stesse, si chiama segregazione professionale basata sul genere Conseguenze Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

21 La segregazione professionale di genere Un altro rapporto della Commissione Europea (Gender Segregation in the Labour market Root causes, implications and policy responses in the EU) testimonia che per leuropa questo indice rimane alto e poco variato tra 1997 e 2007 Almeno il 25% delle persone con un lavoro nel 2007 dovrebbe cambiare settore perchè la distribuzione di genere sia equa Forti differenze tra paesi: i primi 4 sono paesi dellEst e Finlandia, gli ultimi quattro grecia, romania, malta, italia, però negli ultimi 10 anni è aumentato anche in questi Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

22 E quindi ? Non cè niente di male a proporre modelli di ruolo che educhino alla cura degli esseri umani, dei piccoli, del proprio aspetto, della casa o delle piante Non cè niente di male nel proporre rappresentazioni positive o romantiche del rapporto fra maschi e femmine Ma perché questi modelli di ruolo sono destinati unicamente o prevalentemente al sesso femminile? Cosa perde luomo se viene sistematicamente escluso dagli ambiti femminilizzati ? Quali paure frenano lestensione di queste rappresentazioni agli uomini? Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

23 Cartoni animati Quali sono i più seguiti? Capita che i/le bambini/e chiedano di comprare giochi o oggetti legati a quei cartoni?

24 Le conoscono tutti? In quante forme esistono? Operazione di marketing che punta su diversificazione (prodotto multipiattaforma)… …e moltiplica le occasioni di richiesta! Nascono come cartone animato (quinta serie) Poi giornalino Winx club con fumetto Film Incredibile avventura Sito winx club videogioco Bambole Line di abbigliamento Linea di abbigliamento intima femminile Merchandising (extension, corone magiche, accessori cellulare ecc.) Le Winx Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

25

26 Il magazine Winx pensate per target 9-11 invece ha successo dai 3 ai 9 anni Notizie di gossip sul mondo dei vip; posta del cuore; pubblicità Anche valori dellessere aggiornate, alla moda, essere in e trendy Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

27

28 Il modello estetico Corpi molto normati: devono essere belle secondo i canoni tradizionali, imposti dalla moda, dalla televisione, dallo spettacolo (infatti immagini di attrici, cantanti, ecc.); Leffetto è che sono sexy, ma deve passare come seduzione intenzionale: infatti stemperato da tenerezza e romanticismo Casa madre, Rainbow, molto attenta a evitare messaggi sessualmente espliciti e eliminare elementi ambigui o maliziosi…(occhiolino) Vietati i seni grandi. Perché? Anche questo è un effetto normativo Però dalla I alla V serie hanno introdotto la bocca più grande, sul modello delle Bratz Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

29 Bambole Winx Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

30 Caratteristiche e genere dei personaggi: solo bambine Genere voce fuoricampo: voce femminile Musica: romantica Colori: vivaci, predominanza tinte calde e toni rosa-viola Estetica: soft, gentile Spazi: ambienti interni, scenario depoca, mondo dei cartoon Valori: bellezza, favola romantica, grazia, magia Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

31 Il sito Internet Varie applicazioni: scegliere ilt tuo avatar per internet e vestirlo in modo diverso; scegliere accessori al negozio per lavatar (Winx adventures…) Community e forum Minigiochi per vincer premi Ancora bellezza, glamour, ma anche consumismo Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

32 Conseguenze Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

33 Tecna è la winx esperta di tecnologia… Più maschile, capelli corti, a volte look sportivo Da indagini di mercato risulta la meno amata dalle bambine, e in via di cancellazione Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

34 Winx vs. Gormiti 1) Visione di un frammento di episodio delle Winx lezione di Winxologia nxzWWqchttp://www.youtube.com/watch?v=f-O- nxzWWqc 2) Visione di frammento di episodio dei Gormiti lLwJ09aEhttp://www.youtube.com/watch?v=0H- lLwJ09aE Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

35 Differenze Gormiti e Winx Chi sono i personaggi? Femminili per winx e sailor e maschili per G. ma cè una controparte dellaltro sesso; In tutti e tre i casi ragazzini/e normali, che però si trasformano divenendo fate o guerrieri/e Che tipo di poteri/caratteristiche hanno? Sfida, competizione, coraggio in entrambi i casi Poteri soprannaturali in tutti i casi Poteri che coninvolgono il corpo, ma in modo diverso… Winx hanno corpi tonici, ma la loro forza sta soprattutto nella velocità e agilità; lo scontro con i nemici è giocato più sui poteri magici che non su quelli fisici I Gormiti evocano maggiormente idea di potenza e scontro fisico Accade così anche per Sailor Moon Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

36 Winx, come dichiara il loro creatore Iginio Straffi, sono ispirate anche a Sailor Moon Il titolo originale: Bishōjo senshi Sērā Mūn significa "la bella ragazza guerriera Sailor Moon Nasce in Giappone negli anni 90 ed è esportata in numerosi paesi esteri. La serie prende il nome dalla divisa alla marinaretta, indossata dalle guerriere nella serie, che è una rielaborazione della divisa scolastica femminile obbligatoria in molte scuole giapponesi Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

37 Quale elemento accomuna le protagoniste e i protagonisti dei Gormiti e delle Winx? La magia e laccesso in un mondo magico, dove si acquisiscono poteri soprannaturali, che è molto diffuso nei cartoni animati e nei prodotti per bambini/e ragazzini/e; anche nelle serie tv (es. Buffy) e nei romanzi (Harry Potter) La trasformazione è metafora di qualcosaltro..In cosa consiste la trasformazione? Simboleggia il passaggio da infanzia a adolescenza? (i Gormiti cambiano anche voce) Cè un elemento che differenzia le trasformazioni femmnili da quelle maschili… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

38 Puntata di Sailor Moon: La quinta Sailor Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

39 Visione trasformazioni: (stesso link di prima) Gormiti 5.17 (stesso link di prima) Winx Sailor Moon, La quinta Sailor (8.16) Il corpo: nelle trasformazioni femminili Winx e guerriere Sailor sono praticamente nude Cosa che invece nn accade nella trasformazione in Gormiti Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

40 Lunica protagonista femminile dei gormiti non è disegnata con forme pronunciate e provocanti come avviene nei cartoni animati indirizzati prevalentemente alle bambine Inoltre il suo potere è molto più basato sulla forza fisica Visione frammento Gormiti ature=related

41 Spezzoni di alcune puntate del cartone animato Le winx La prima lezione di winxologia: Le caratteristiche di una vera fata: w w Le nuove divise: nnel nnel Sotto locchio vigile degli specialisti: 8&feature=related 8&feature=related Difficile trovare lavoro per delle fate: L8&feature=channel L8&feature=channel Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

42 Spezzoni di alcune puntate che danno spunti di riflessione (i titoli degli spezzoni sono inventati e non corrispondono a quelli delle puntate cui sono state presi) videogioco sailor moonvideogioco sailor moon dalla parrucchieradalla parrucchiera la principessa goffala principessa goffa lezioni di pattinaggio ad asino donato…lezioni di pattinaggio Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti


Scaricare ppt "3. Winx, Gormiti, scazzottate e minigonne Cartoni per bambine, cartoni per bambini, cartoni unisex di Elisa Giomi e Daniela Pitti Stereotipi di genere."

Presentazioni simili


Annunci Google