La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Primo incontro E se fossero i tuoi figli? Corpi e sguardi femminili e maschili in pubblicità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Primo incontro E se fossero i tuoi figli? Corpi e sguardi femminili e maschili in pubblicità"— Transcript della presentazione:

1 Primo incontro E se fossero i tuoi figli? Corpi e sguardi femminili e maschili in pubblicità

2 Abbiamo proiettato il video Se questa è una donna. Il corpo femminile nei messaggi pubblicitari per mostrare gli usi e abusi del corpo femminile, usato per vendere i generi più diversi La carrellata di pubblicità mostrate nel video dicono alle donne quale corpo dovrebbero avere, ma anche come dovrebbero rapportarsi agli uomini. E quindi dicono agli uomini come dovrebbero rapportarsi alle donne. Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

3 Gli annunci dicono alla donna che deve essere seducente e pronta a compiacere le richieste sessuali delluomo… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

4 Agli uomini dicono che possono fare molte cose con il corpo delle donne... Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

5

6

7 Le pubblicità di prodotti rivolti allinfanzia non sono così violente, naturalmente, ma dicono altrettanto chiaramente cosa è o dovrebbe essere, saper fare, desiderare un bambino o una bambina Cè una forte continuità tra i modelli proposti agli adulti e quelli proposti ai bambini… Ad esempio, nella pubblicità di abbigliamento, bambine di pochi anni sono rappresentate in pose adulte/sensuali/ammiccanti… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

8

9

10 I bambini hanno sguardi da duri e pose da macho Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

11

12

13

14 Divisione dei ruoli di genere Più in genere, le pubblicità incrementano la divisione dei ruoli di genere, mostrando e connotando alcune attività, interessi e anche spazi fisici come tipici del femminile o del maschile. I maschi sono rappresentati in spazi aperti e in attività legate al movimento, allavventura, alla competizione. Le femmine sono rappresentate in spazi chiusi e in attività più statiche, legate alla cura del copo e dellaspetto, allesibizione di se e al romanticismo… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

15 …lui gioca con le macchinine… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

16 …fa giochi legati al movimento… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

17 …come saltare… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

18 …immaginare di volare Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

19 …o provare a farlo! Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

20 Lui può sporcarsi… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

21 …e fare i gestacci Perché Ce ne vuole di energia per essere bambini… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

22 Invece per essere bambine… …basta stare sedute composte! Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

23 …saper lavorare a maglia… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

24 …inseguire il sogno romantico… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

25 …prendere il thé con le amiche… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

26 …e naturalmente… essere carine. Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

27 Lei sfila, ammicca, si lascia guardare Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

28 I corpi e gli sguardi Nelle pubblicità di abbigliamento, il corpo dei maschi in linea di massima è uno strumento per fare, e le attività rappresentate (giochi, salti, ecc.) forniscono soddisfazione in sé e per sé. Il modello per il maschile è autoriferito Per le femmine invece il corpo è strumento per apparire, e la gratificazione che se ne può ricavare deriva da uno sguardo esterno, implica un pubblico. Il modello del femminile è eteroriferito Si insegna alle bambine che il loro corpo è una scorciatoia per ottenere lapprovazione e il favore degli altri Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

29 Secondo incontro Dimmi di che sesso sei e ti dirò che gioco vuoi Come condizionare i desideri dei bambini sfruttando le credenze degli adulti Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

30 Divisione ruoli/ambiti La divisione degli ambiti e dei ruoli che si torva nella pubblicità di abbigliamento per linfanzia è coerente con quella che si trova nei giochi proposti a bambini e bambine e nei relativi spot Diverse attività e compiti per maschi e femmine Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

31

32 I ruoli di genere erano ben delimitati anche nelle pubblicità degli anni 80, come mostra questo spot di giochi per lui e per lei ature=player_embedded - ! ature=player_embedded - ! I modelli di ruolo proposti da queste e da altre pubblicità sono coerenti con limmaginario di genere di bambini e bambine degli anni 80, che avevano idee molto chiare (e sterotipate) su quale differenza ci fosse tra uomini e donne Emerge da un cicle time svolto nella scuola dellinfanzia di San Basilio, Roma, il 29 aprile 1981, riportato in I bambini pensano difficile. Lorganizzazione delle idee nella scuola dellinfanzia, di Ludovica Montoni, Carocci, Roma 2005 Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

33 Sequenza di pubblicità contemporanee Analisi di 15 pubblicità tratte da giornata tipo, Italia Uno, ore 7.51, prima settimana di ottobre 2010 La sequenza è collocata tra cartoni animati rivolti sia a maschi che a femmine Quali sono gli elementi che caratterizzano il gioco o il prodotto reclamizzato come unisex, per maschi o per femmine? Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

34 Per ogni spot, abbiamo esaminato alcuni elementi: Presenza di attori maschi e femmine (rappresentanto i destinatari) Voce fuori campo: maschile vs. femminile Colori: accesi, tinte del blu, grigio, nero vs. tenui, tinte del rosa, viola ecc. Musica: adrenalinica, rock, tecnho vs. rilassante, melodica, romantica Spazi: ambienti esterni vs. ambineti interni/spazi urbani vs. spazi domestici Queste opposizioni visive e auditive corrispondono a nette demarcazioni di valori impliciti nei giochi: sfida, forza fisica, scoperte scientifiche e tecnologiche, dominio vs. tenerezza, accudimento, intimità, relazionalità, moda ecc. Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

35 Bambini e bambine compaiono anche nelle pubblicità di generi destinati agli adulti, e spesso veicolano immmagini molto stereotipate di ciò che maschi e femmine sanno, devono, vogliono e possono fare sottilette- gaia sottilette- partita Baby SUV's This is a man's world

36 Bambini e sterotipi di genere ieri e oggi Ieri come oggi, gli sterotipi di genere sono ben noti a bambini e bambine Abbiamo riproposto la stessa domanda, che differenza cè fra gli uomini e le donne? in una sezione della scuola dellinfanzia Prato fiorito dellVIII municipio e di unaltra sezione della scuola dellinfanzia Deledda del VI municipio, del Comune di Roma. Sono emerse alcune risposte originali e percezioni positive del femminile... Ma anche risposte che mostrano una divisione degli ambiti e delle prerogative simili a quelle rilevate dai bambini/e 30 anni fa Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

37 Stereotipi di genere e lavoro Vedersi rappresentati solo in alcuni ruoli e attività e mai in altri produce delle conseguenze anche nel modo in cui maschi e femmine si rapportano al mondo del lavoro Bambini hanno chiara idea, fin dalla tenera età, di quali sono le professioni associate al loro genere, e mostrano di prediligere quelle (Rapporto Men and Gender Equality, Commissione Europea, marzo 2010) Questo contribuisce a incrementare la segregazione professionale di genere: gli uomini scartano alcune professioni, le donne hanno difficile accesso a altre Un altro rapporto della Commissione Europea (Gender Segregation in the Labour market Root causes, implications and policy responses in the EU) testimonia che in Europa la segregazione professionale di genere rimane forte e poco variata tra 1997 e 2007 Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti

38 Ad esempio, o lavori femminilizzati e legati a valori di cura (insegnamento nelle elementari, assistenza agli anziani e sociale in genere, ecc.) sono anche lavori meno pagati, perché ritenuti non specialistici: si ritiene che siano basati su competenze che la donna possiede/dovrebbe possedere comunque per via del suo ruolo dentro casa (un altro stereotipo di genere) Per questo, datori di lavoro e utenti di servizi di questo tipo tendono a ritenere gli uomini poco adatti a svolgere tali lavori… …gli uomini che entrano in ambiti professionali tradizionalmente femminilizzati sono discriminati o guardati con sospetto… Stereotipi di genere nei prodotti mediali per linfanzia - Elisa Giomi - Daniela Pitti


Scaricare ppt "Primo incontro E se fossero i tuoi figli? Corpi e sguardi femminili e maschili in pubblicità"

Presentazioni simili


Annunci Google