La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Formazione Regionale CRI Piemonte - 01 Dicembre 2012 - Antonino Calvano Commissario Regionale Croce Rossa Italiana Piemonte 1 Servizio Informatico – Comitato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Formazione Regionale CRI Piemonte - 01 Dicembre 2012 - Antonino Calvano Commissario Regionale Croce Rossa Italiana Piemonte 1 Servizio Informatico – Comitato."— Transcript della presentazione:

1 Formazione Regionale CRI Piemonte - 01 Dicembre Antonino Calvano Commissario Regionale Croce Rossa Italiana Piemonte 1 Servizio Informatico – Comitato Regionale CRI Piemonte

2 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre CONSEGUENZE DELLA PRIVATIZZAZIONE SUL PIANO DELLA FORMAZIONE DEI NOSTRI OPERATORI DALLA VISIONE GIURIDICO - BUROCRATICO - AMMINISTRATIVA ALLA VISIONE ECONOMICO - GESTIONALE - AZIENDALISTICA SPOSTAMENTO DEL BARICENTRO

3 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre IL CONTESTO ECONOMICO: – L E DINAMICHE IN ATTO, CAUSE E CONSEGUENZE 2.DALLAMMINISTRARE AL GESTIRE: – V ECCHI E N UOVI APPROCCI – C AMBIAMENTO M ENTALE 3 GESTIRE IN TEMPO DI CRISI

4 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre CICLI ECONOMICI CRESCITA DECLINO RECESSIONE RIPRESA CRESCITA SVILUPPO DECLINO CADUTA RECESSIONE DEPRESSIONE Δ PIL = 0

5 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 C RISI A GRARIA ANNI 70 DEL 1800 C RISI DEL 1907 C RISI DEL 1921 C RISI E D EPRESSIONE C RISI DEL C RISI DEL 1979 C RISI E D EPRESSIONE DEPRESSIONE E G IA ACCADUTO ?

6 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 C + I - h i + E - M Y =. 1 - c ( 1 - t ) 6 FUNZIONAMENTO DELLECONOMIA REALE

7 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 PIL = C ONSUMI + + I NVESTIMENTI + + S PESA PUBBLICA + + E SPORTAZIONI - - I MPORTAZIONI 7 PIL

8 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 S IGNIFICATO I NCLUSIONI / E SCLUSIONI A FFIDABILITÀ 8 CONCETTO DI PIL

9 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 Y = C + … Y = C + C Y + … Y - C Y = C + … Y(1- C ) = C + … C + … Y =MOLTIPLICATORE DEI CONSUMI 1 - C 9 CONSUMI

10 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 CONSUMO 70 S E REDDITO = 100 RISPARMIO 30 C ONSUMO C== 0,7 REDDITO C + … Y= 1 – C 70 + … Y== 233,… 0,3 10 ESEMPIO ENORME RUOLO DEI CONSUMI NELLA DINAMICA DELLA CRESCITA

11 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 Y = C + I + … Y = … + I – h i + …… h S ENSIBILITÀ DEGLI INVESTIMENTI A i C ORRELAZIONE NEGATIVA AL TASSO DI INTERESSE 11 INVESTIMENTI

12 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 Y = C + I – h i + G S PESA P UBBLICA C ORRENTE G S PESA P UBBLICA P ER I NVESTIMENTI A NCHE LA S PESA P UBBLICA DETERMINA EFFETTI MOLTIPLICATIVI S PESA P UBBLICA È COINVOLTA NELLE QUESTIONI DEL DEBITO PUBBLICO 12 SPESA PUBBLICA

13 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 B ILANCIO DELLO S TATO D EFICIT O S URPLUS A NNUO R ISULTATO F INANZIARIO D EBITO P UBBLICO R ISULTATO DI A MMINISTRAZIONE S E È A LUNGO NEGATIVOSTAMPARE MONETA PRENDERE A PRESTITO ( TITOLI DI S TATO ) C ONSIDERAZIONI SUL DEBITO 13 DEBITO PUBBLICO EUTGSDEUTGSD

14 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 Y = C + I – h i + G + E + … C OMPETITIVITÀ S VALUTAZIONE DELLA M ONETA S TERILIZZATO UNO DEI C ANALI PIÙ EFFICACI E TRADIZIONALI DELLA RIPRESA ITALIANA 14 ESPORTAZIONI

15 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 Y = C + I – h i + G + E – M LE IMPORTAZIONI DETERMINANO RIDUZIONE DEL PIL 15 IMPORTAZIONI

16 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre RICETTA TRADIZIONALE PER USCIRE DALLA CRISI i Y LM IS

17 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre F AVORISCO I C ONSUMI ( TAGLIO TASSE E CONSUMI ) A UMENTO DELLA S PESA P UBBLICA i Y IS

18 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre i Y LM A UMENTO LA L IQUIDITÀ R IDUCO I T ASSI DI I NTERESSE

19 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre i Y LM IS 100 y y 2

20 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 C ON L ENTRATA NELL EURO LA POLITICA MONETARIA NON DIPENDE PIÙ ( SOLO ) DA NOI P ROBLEMA C ULTURALE : GLI A USTERICI D EBITO P UBBLICO E I BONDS V IGILANTES 20 COSA NON VA?

21 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 V ALORE P OLITICO – S IMBOLICO V ANTAGGI GODUTI ( ANCHE DALL I TALIA ) F RAGILITÀ INTRINSECA I L CASO G RECIA L A RIPRESA DEI SOSPETTI E DEGLI EGOISMI I L TEMA DELLE DIVERSITÀ ( LINGUA, CULTURE, RELIGIONI ) E I SUOI EFFETTI 21 LEURO U NA M ERAVIGLIA D ELICATA

22 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre MENO STATO, PIÙ MERCATO: IL GRIDO DEI LIBERISTI 1980 P REVALGONO I LIBERISTI IN ECONOMIA 1999 D EREGULATION S ELVAGGIA ( ABOLIZIONE DELLA CLASS - STEAGOL ACT ) 2007 I DEBITI SUBPRIME ACCENDONO LE POLVERI

23 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 D AL 1980 FASE DI SVILUPPO NEGLI USA P OLITICHE E SPANSIVE D EBITO A UMENTATO F INANZIAMENTI G ARANTITI DALLA C INA E NORME L IQUIDITÀ T ASSI DI INTERESSE BASSI PER FAVORIRE INVESTIMENTI BELLICI ( GUERRE DEL GOLFO, GUERRE IN I RAQ ) A UMENTO DELLE IMPORTAZIONI P ATTO TRA USA E C INA I O COMPRO DA TE E SOSTENGO LA TUA ECONOMIA T U COMPRI I TITOLI DEL MIO DEBITO E CONTINUI A FINANZIARMI 23 LAVVIO DELLA CRISI

24 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 E NORME LIQUIDITÀ E NORME L IBERALIZZAZIONE ( BANCARIA ) P RESTITI A CHIUNQUE E CARTOLARIZZAZIONI C IRCOLAZIONE DEI TITOLI SUBPRIME IN TUTTO IL MONDO SCOPPIO DELLA BOLLA E PANICO 24 NEGLI ANNI TRA IL 1990 E IL 2005 IN USA

25 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 C RISI M ONDIALE F ALLIMENTI A CATENA C ROLLO DELL OCCUPAZIONE B LOCCO DEI F INANZIAMENTI 25 SETTEMBRE 2008DECISIONE SCELLERATA C ROLLO DI L EHMAN B ROTHERS

26 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre D ECLINO 2009P ANICO - 5 % DEL PIL ! ! 2010R IPRESA ( DEBOLE ) 2011R ICADUTA ( LENTA ) 2012R ECESSIONE - 2,5 % DEL PIL M ENTRE CI STAVAMO RIPRENDENDO DALLA CRISI DEL 2008 È SCOPPIATO L AFFAIRE G RECIA 26

27 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 C ONVINCERE GLI AUSTERICI CHE : – L AUSTERITÀ ESPANSIONISTICA NON FUNZIONA – I N ECONOMIA NON ESISTONO COLPE DA ESPIARE MA STRADE DA PERCORRERE CON OBIETTIVO MAGGIOR BENESSERE E SVILUPPO POSSIBILE – A UMENTARE GLI STIPENDI DEI POVERI ( O I SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE ) AUMENTA I CONSUMI, AUMENTARE IL REDDITO DEI RICCHI NO – L INFLAZIONE NON È SEMPRE UN PROBLEMA, TALVOLTA È LA SOLUZIONE – I L D EBITO P UBBLICO VA ABBATTUTO MA CON GRADUALITÀ 27 LE COSE DA FARE

28 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 N ON DEVE ESPLODERE S ERVE A RIDURRE IL D EBITO P UBBLICO F AVORISCE I DEBITORI ( E I RICCHI, IN GENERALE, NON LO SONO ) 28 INFLAZIONE LA DIFFUSA AVVERSIONE ALLINFLAZIONE E, ALLO STATO ATTUALE DELLECONOMIA, UN VERO NON SENSO SOLO IN PARTE SPIEGABILE DA MOTIVAZIONI STORICHE LA DIFFUSA AVVERSIONE ALLINFLAZIONE E, ALLO STATO ATTUALE DELLECONOMIA, UN VERO NON SENSO SOLO IN PARTE SPIEGABILE DA MOTIVAZIONI STORICHE

29 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 P ER LI TALIA È UN PROBLEMA GRAVE, NON PER GLI USA O LA G ERMANIA I BOND V IGILANTES IN I TALIA ESISTONO E POSSONO CREARCI GUAI SERI, NON IN USA Q UINDI OCCORRE TAGLIARLO, MA SENZA ACCANIMENTI I L MITO DEL D EBITO M ALE A SSOLUTO È UN NON SENSO CON GRAVI RICADUTE CULTURALI 29 IL DEBITO PUBBLICO IL DEBITO E SALE PER LECONOMIA, OGGI SI TENTA DI FAR CREDERE CHE SIA CIANURO INTERFFERENZE IDEOLOGICHE NEFASTE IL DEBITO E SALE PER LECONOMIA, OGGI SI TENTA DI FAR CREDERE CHE SIA CIANURO INTERFFERENZE IDEOLOGICHE NEFASTE

30 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 E URGENTE E FONDAMENTALE E ( SECONDO ALCUNI ) RELATIVAMENTE FACILE ( STAREMMO SOFFRENDO INUTILMENTE E STUPIDAMENTE ) MA 30 LUSCITA DALLA CRISI (PARTE PRIMA) E DIFFICILE FAR CREDERE QUALCOSA A QUALCUNO QUANDO IL SUO LIVELLO DI REDDITO E BENESSERE DIPENDE DAL NON CREDERLA

31 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 E URGENTE PERCHÉ UN ECONOMIA CHE SI RIPRENDE, AVVIA LA RIPRESA TANTO PIÙ DEBOLMENTE QUANTO PIÙ HA STAGNATO IN PRECEDENZA È FONDAMENTALE PERCHÉ STA MIETENDO VITTIME IN INTERE GENERAZIONI TRADE-OFF BISOGNA SCEGLIERE… 31 LUSCITA DALLA CRISI (PARTE SECONDA) INFLAZIONE DISOCCUPAZIONE

32 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 CHI SE LO PUÒ PERMETTERE (NON NOI, MA USA E GERMANIA SÌ) DEVONO STIMOLARE LECONOMIA, AUMENTANDO LA SPESA PUBBLICA! QUESTO AUMENTERÀ LE ESPORTAZIONI DEI PAESI PIÙ IN DIFFICOLTÀ, FACENDOLI CRESCERE LA CRESCITA NEI PAESI PIÙ IN DIFFICOLTÀ CONSENTIRÀ DI RIDURRE IL PESO DEL DEBITO SENZA TAGLIARE LA SPESA PUBBLICA (TAGLIARE SPESA PUBBLICA PROVOCA RECESSIONE, CHE INDUCA FIDUCIA È UNA FAVOLA) OCCORRE ALLENTARE LA RIGIDITÀ MONETARIA (SI STAMPI DI PIÙ) CREANDO UN POCO DI INFLAZIONE BENEFICA PER LA RIDUZIONE DEL DEBITO I TASSI DI INTERESSE DEVONO ESSERE LASCIATI BASSI (PURTROPPO STANNO GIÀ A ZERO E NON POSSONO SCENDERE DI PIÙ) 32 LUSCITA DALLA CRISI (PARTE TERZA) È FACILE … COME SI FA ?

33 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 INVECE ANCHE I PAESE CHE NON HANNO PROBLEMI DI DEBITO STANNO TAGLIANDO LA SPESA PUBBLICA (ASSURDO, INSENSATO, ANTISTORICO, CRIMINALE) E INSISTONO NELLA FALSA MORALE DELLAUSTERITA CHE RAFFORZA INCREDIBILMENTE DIMENTICATA LA GRANDE LEZIONE DI ROOSVELT NELLA LOTTA ALLA GRANDE DEPRESSIONE RINNEGATO KEYNES IN NOME DEL LIBERISMO ECONOMICO NONOSTANTE TUTTO QUANTO E ACCADUTO DAL 2008 AD OGGI 33 LUSCITA DALLA CRISI (PARTE QUARTA) E INVECE…

34 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 NON POSSONO INCREMENTARE LA SPESA PER DARE FIAT ALLECONOMIA. SAREBBE LA COSA GIUSTA DA FARE MA AUMENTEREBBE IL DEBITO E SCATENEREBBE (ALMENO DA NOI) I BOND VIGILANTES NON POSSONO FARE POLITICHE MONETARIE PERCHÉ VENGONO DECISE A BRUXELLES NON RIESCONO A FARSI ASCOLTARE COME SAREBBE NECESSARIO DAI PAESI PIÙ FORTI IN MANCANZA DALTRO, PRATICANO, NON CREDENDOCI, LA TEORIA - FALSA - DELLAUSTERITÀ ESPANSIONISTICA PER QUANTO PUÒ DURARE? 34 LA TRISTE CONDIZIONE DEI NOSTRI GOVERNANTI ( QUELLI SERI ) IN REALTA SIAMO BLOCCATI IN UNO STATO DI MINORITA

35 Incontro di Formazione Regionale – CRI Piemonte – 01 Dicembre 2012 I PAESI FORTI SI CONVINCONO CHE ALLA LUNGA QUESTA SITUAZIONE DANNEGGIA ANCH ESSI E SBLOCCANO LA CRESCITA S I TRACCHEGGERÀ FRA SORRISI E SOSPETTI PROVOCANDO UNA DELLE PIÙ LUNGHE STAGNAZIONI DELLA STORIA ECONOMICA I CONFLITTI FRA STATI DIVERRANNO SEMPRE PIÙ ASPRI CON ESITI IMPREVEDIBILI. F INORA LA FASE DI SVILUPPO SUCCESSIVA AD UNA LUNGA E GRAVE DEPRESSIONE È SEMPRE STATA INNESCATA DA UNA GUERRA 35 I POSSIBILI ESITI

36 G RAZIE PER L ATTENZIONE, B UON P OMERIGGIO A NTONINO C ALVANO C OMMISSARIO R EGIONALE C ROCE R OSSA I TALIANA P IEMONTE 36 Servizio Informatico – Comitato Regionale CRI Piemonte


Scaricare ppt "Formazione Regionale CRI Piemonte - 01 Dicembre 2012 - Antonino Calvano Commissario Regionale Croce Rossa Italiana Piemonte 1 Servizio Informatico – Comitato."

Presentazioni simili


Annunci Google