La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA in MEDICINA MATERNO-INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATALOGIA Giovedì, 29 marzo 2007 Dottoranda:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA in MEDICINA MATERNO-INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATALOGIA Giovedì, 29 marzo 2007 Dottoranda:"— Transcript della presentazione:

1 XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA in MEDICINA MATERNO-INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATALOGIA Giovedì, 29 marzo 2007 Dottoranda: Anna Bellini Progetto di ricerca

2 XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA in MEDICINA MATERNO-INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATALOGIA Giovedì, 29 marzo 2007 Dottoranda: Anna Bellini Progetto di ricerca Epilessia, qualità della vita e rappresentazione di sé

3 XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA in MEDICINA MATERNO-INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATALOGIA Giovedì, 29 marzo 2007 Dottoranda: Anna Bellini Progetto di ricerca Epilessia, qualità della vita e rappresentazione di sé

4 Il bambino epilettico vive in modo più o meno consapevole lesperienza della perdita di controllo sul proprio corpo. PRESUPPOSTO DELLA RICERCA Questa esperienza potrebbe influenzare in modo negativo la convinzione di poter controllare e gestire gli eventi della vita propria vita o altrui. (Internal and external locus of control)

5 Facendo riferimento alla letteratura che individua una correlazione tra stato di malattia e prevalenza di un locus esterno (Sally-Correa,1987; Krakow, Buhler, Haltenhof, 1998; Uhlmann-Froscher, 2001) si intende verificare se: nel bambino epilettico si ravvisi di preferenza un locus esterno e se ciò sia influenzato da alcune variabili (tipo di crisi, frequenza, età di insorgenza, ecc.), sia possibile, attraverso un breve percorso metacognitivo, effettuare un potenziamento del locus of control interno. SCOPO DELLA RICERCA

6 Gruppo sperimentale: campione di 43 soggetti, 9-16 anni affetti da epilessia idiopatica selezionati presso lU.O. di Neuropsichiatria Infantile dellIRRCS Burlo Garofolo di Trieste 12 soggetti con il consenso I soggetti vengono esaminati in ambito ospedaliero. Previsione di un ampliamento. Gruppo di controllo: 20 soggetti per ogni fascia di età nellarco compreso tra i 9 e 16 anni, non affetti da epilessia, individuati presso due istituti comprensivi e un liceo. I soggetti vengono esaminati in ambito scolastico. I GRUPPI ESAMINATI:

7 I CONTATTI: ragioni dei molti rifiuti del gruppo sperimentale Contattati 43 soggetti (epilessia idiopatica) 12 partecipanti4 irraggiungibili27 hanno rifiutato

8 I CONTATTI: ragioni dei molti rifiuti del gruppo sperimentalerifiuti RIFIUTI (75) GIUSTUFICAZIONI GENERICHE Scuola/ impegni Tempo/ distanza (51) NEGAZIONE … mio figlio non ha l' Epilessia! ( 14 ) VOLONTA' DI NON COINVOLGERE IL FIGLIO (10)

9

10 I CONTATTI: gruppo di controllo (le scuole) Istituto comprensivo Italo Svevo (Via dAlviano) III, IV, V scuola elementare Lovisato scuola elementare San Giusto I, II, IIIscuola media Svevo Istituto comprensivo Giancarlo Roli ( Borgo San Sergio) III, IV,Vscuola elementare Fratelli Visinitini I,II,IIIScuola media Roli Liceo Francesco Petrarca (Via Rossetti) I,IIGinnasio

11 PERCORSO METACOGNITIVO Articolato in tre sedute, distanziate da due mesi. Attività di approfondimento del LOC del bambino epilettico in una prospettiva multidimensionale secondo i 4 determinanti di Weiner (abilità, impegno, contesto, fortuna,1972), ripresi anche dalle scale multidimensionali di misurazione del lous di Lefcourt (1981); Allinizio e alla fine del percorso viene somministrato il questionario individuale di Nowicki-Strickland (1973) MODALITÀ DI SVOLGIMENTO In ambito ospedaliero (gruppo sperimentale)

12 PRIMO INCONTRO SECONDO INCONTRO TERZO INCONTRO TEMPI 1. Pre-test:questionario individuale di Nowicki-Strickland (1973)questionario individuale di Nowicki-Strickland (1973) 1. Prima proposta metacognitiva: le vignette(16)le vignette 1. Prima proposta metacognitiva: I racconti interrottiracconti interrotti 20 minuti 2. Prima proposta metacognitiva: le vignette(16)le vignette 2. Seconda proposta metacognitiva: il profilo individuale dei soggetti tra internalità ed esternalitàil profilo individuale dei soggetti tra internalità ed esternalità 2. Seconda proposta metacognitiva: la storia puzzle 20 minuti 3. Seconda proposta metacognitiva: tre storie senza finaletre storie 3. Terza proposta metacognitiva: creazione di una vignetta personalecreazione di una vignetta personale 3. Post-test:questionario individuale di Nowicki-Strickland (1973) questionario individuale di Nowicki-Strickland (1973) 20 minuti STATO ATTUALE DEL PERCORSO METACOGNITIVO:

13 Primo incontro (concluso) ATIVITÀ SVOLTA DESCRIZIONESCOPOTEMPI 1. Pre-test: questionario di Nowicki- Strickland (1973) questionario individuale, paper-and-pencil versione per ragazzi dai 9 ai 16 anni, quaranta domande a cui rispondere si o no. Valutare lesternalità dei soggetti in una prospettiva unidimensionale 20 STATO ATTUALE DEL PERCORSO METACOGNITIVO: 3. Seconda proposta metacognitiva: tre storie senza finale lettura di tre storie diverse delle quali non si conosce la conclusione; il protagonista deve affrontare una situazione problematica; un ulteriore personaggio deve dare quattro validi consigli per tentare di risolvere la questione; scelta della storia preferita e disegno di una vignetta che raffiguri il protagonista nella situazione data e il personaggio mentre propone, in un fumetto, la soluzione più ragionevole tra le quattro indicate come possibili. Valutare lesternaltà o linternalità dei comportamenti in una situazione problematica simulata. 20 Durata1 ora 2. Prima proposta metacognitiva: le vignette. Parte prima 16 vignette – che approfondiscono situazioni di vita scolastica, famigliare, amicale, etc.. sia nellambitoraggiungimento dei successi che in quello delladesiderabilità sociale; il soggetto deve rispondere tra 4 soluzioni possibili (due interne e due esterne) per motivare i comportamenti di successo o di insuccesso illustrati e descritti. Valutare lesternalità dei soggetti, allinterno di situazioni teoriche e secondo le quattro determinati di Weiner (prospettiva multidimensionale). 20

14 Secondo incontro (in fieri) STATO ATTUALE DEL PERCORSO METACOGNITIVO: ATIVITÀ SVOLTA DESCRIZIONESCOPOTEMPI 1. Prima proposta metacognitiva: le vignette. Parte seconda ulteriori 16 vignette – che approfondiscono il loc in situazioni di vita scolastica, famigliare, amicale, etc.. sia nellambito raggiungimento dei successi che in quello della desiderabilità sociale; il soggetto deve rispondere tra 4 soluzioni possibili (due interne e due esterne) per motivare i comportamenti di successo o di insuccesso illustrati e descritti. Valutare lesternalità dei soggetti, allinterno di situazioni teoriche e secondo le quattro determinati di Weiner Terza proposta metacognitiva: creazione di una vignetta personale Realizzazione di una vignetta personale in cui i soggetti raffigurano una situazione tratta dalla propria esperienza nellambito del raggiungimento dei successi o delladesiderabilità sociale e in cui devono fornire quattro spiegazioni secondo le determinanti di Weiner. Approfondire ulteriormente il profilo esterno o interno dei soggetti (prospettiva multidimensionale). 20 Durata1 ora 2. Seconda proposta metacognitiva: il profilo individuale dei soggetti tra internalità ed esternalità Domande dirette che approfondiscono ulteriormente lorientamento del LOC in sia nellambitoraggiungimento dei successi (scolastici e sportivi) che in quello della desiderabilità sociale (avere amici o meno ed essere simpatici o meno alle persone). Approfondire ulteriormente il profilo esterno o interno dei soggetti attraverso domande dirette su loro stessi (prospettiva multidimensionale). 20

15 Terzo in contro (da svolgere) STATO ATTUALE DEL PERCORSO METACOGNITIVO: ATIVITÀ SVOLTA DESCRIZIONESCOPOTEMPI 1. Prima proposta metacognitiva: I racconti interrotti riprende le tre storie senza finale ma senza la mediazione delle vignette. Approfondire ulteriormente il profilo esterno o interno dei soggetti in una prospettiva multidimensionale Prima proposta metacognitiva: La storia puzzle racconto sottoforma di puzzle da comporre in modo da dar vita ad una storia con locus esterno o interno. Approfondire ulteriormente il profilo esterno o interno dei soggetti in una prospettiva multidimensionale 3. Post-test: questionario di Nowicki- Strickland (1973) questionario individuale, paper-and- pencil, versione per ragazzi dai 9 ai 16 anni, quaranta domande a cui rispondere si o no. Ri-valutare se il breve percorso educativo abbaia in qualche modo portato il soggetto verso forme di maggiore internaltià 20 Durata1 ora

16 CONSEGUIMENTO DEI RISULTATI 1.SCUOLA 2. SPORT 3. GIOCHI DI FORTUNA 4. SALUTE E SICUREZZA RAPPORTI SOCIALI 5. SCUOLA 6. SPORT 7. FAMIGLIA Vignette: griglia raggruppamenti griglia a sette voci; ispirata alle 2 scale multidimensionali di misurazione del lous di Lefcourt (1981); applicazione della griglia al questionario di Nowicki-Strickland (1973) valido come pretest e post- test (lettura multidimensionale);

17 CONSEGUIMENTO DEI RISULTATI 1. SCUOLA A. profitto/voti nelle provette di matematica nello studio delle poesie B. premi e punizioni premi di merito rimprovero della preside 2. SPORT vincere/perdere gara di atletica campionato di tuffi campionato di ping pong campionato di beach volley 3. GIOCHI DI FORTUNA gratta e vinci carte quadrifoglio lotto 4. SALUTE E SICUREZZA storgersi una caviglia pediculosi raffreddore denti cariati RAPPORTI SOCIALI 5. SCUOLA/gruppo dei pari A. ottenete il favore/rifiuto del gruppo dei pari scampare alla minaccia di un bullo essere derisi B. ottenete il favore/rifiuto del singolo simpatia di un compagno esclusione da una festa C. essere ritenuti simpatici/antipatici essere popolari essere isolati 6. FAMIGLIA A. convincere/non convincere i genitori non poter andare ad una festa ottenere un paio di scarpe nuove non poter decidere il menu stare alzati fino a tardi per vedere la tv B. convincere/non convincere i fratelli avere stanze separate fare un regalo ad un cugino 7. SPORT A. piacere/non piacere ai compagni di squadra ricevere un regalo non essere guardati B. ottenere/non ottenere il consenso dell'allenatore scelta della specialità partecipare ad una gara vignette: griglia raggruppamenti

18 CONSEGUIMENTO DEI RISULTATI 1. SCUOLA A.Profitto 1. risoluzione problemi (senza presoccuparsi) 4. molto importante prendere buoni voti 6. studiare per andare bene 7. non serve impegnarsi, le cose vanno come vanno 8. andamento della giornata indipendente dalle proprie azioni 19. risoluzione problemi (senza pensarci) 22. compiti domestici e voti 28. influire sugli eventi 32.influire sugli eventi (impegno) 37. inutilità impegno scolastico (scarsa intelligenza) 38. successo e programmazione 40. meglio essere intelligenti B. premi e punizioni 5. rimproveri senza colpa 11. punizione senza valido motivo 16. non poter rimendiare agli sbagli 2. SPORT vincere/perdere 13.il tifo aiuta a vincere 17. la maggioranza ha talento naturale per lo sport(abilità) 18. gli altri sono più forti (abilità) 3. (GIOCHI DI) FORTUNA 3. certi ragazzi sono nati fortunati 10. desiderare qualcosa lo fa accadere 21. se trovo un quadrifoglio mi porta fortuna 24. posseggo oggetti porta-foruna 29. non poter impedire eventi spiacevoli 4. SALUTE E SICUREZZA 2. poter evitare un raffreddore RAPPORTI SOCIALI 5. SCUOLA/GRUPPO DEI PARI A. ottenere il rifiuto/accettazione dei pari 12. difficile far cambiare idea a un amico 20. scegliere gli amici 23. non poter far nulla di fronte alla minaccia di un bullo 25. simpatia e comportamento 27. ostilità di qualcuno ma senza ragione 33. impossibile fermare un nemico 34. convincere gli amici B. essere ritenuti antipatici/simpatici 36. impossibilità di influire sul piacere/non piacere agli altri 6. FAMIGLIA convincere/non convincere i genitori 9. i gentirori ascoltano i figli? 14. impossibile far cambiare idea ai genitori 15. poter decidere da soli 26. aiuto dei genitori 30. ottenere insistendo 31. impossibile fare le cose a modo proprio in famiglia 35. non poter decidere il menù a casa 39. non poter influire sulle decisioni famigliari Pre/post test: griglia raggruppamenti

19 ATIVITÀ SVOLTA TEMPI 1. Questionario di Nowicki-StricklandQuestionario di Nowicki-Strickland20 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO In ambito scolastico (gruppo di controllo): 3. Indagine sulla rappresentazione attribuzionale del bambino epiletticoIndagine sulla rappresentazione attribuzionale del bambino epilettico20 2. Indagine sulla rappresentazione sociale dellepilessiaIndagine sulla rappresentazione sociale dellepilessia20 Durata1 ora

20 ATIVITÀ SVOLTA DESCRIZIONESCOPOTEMPI 1. Questionario di Nowicki-Strickland (1973) questionario, paper-and-pencil versione per ragazzi dai 9 ai 16 anni, quaranta domande a cui rispondere si o no. Funzione comparativa con il gruppo sperimentale. Valutare lesternalità dei soggetti in una prospettiva unidimensionale. 20 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO In ambito scolastico (gruppo di controllo): 3. Indagine sulla rappresentazione attribuzionale del bambino epilettico ri-somminstrazione del primo questionario individuale di Nowicki- Strickland con lindicazione, fornita ai ragazzi, di rispondere mettendosi nei panni di un bambino, indicato con il nome di Marco, affetto da epilessia (testi di proiezione). Valutare una eventuale esternalità nelle risposte attribuite ai ragazzi affetti da epilessia da parte degli studenti esaminati. 20 Durata1 ora 2. Indagine sulla rappresentazione sociale del bambino epilettico Questionario con gruppi di domande volte a indagare la rappresentazione mentale della cause della malattia epilettica, delle sue possibili cure, dellatteggiamento dei genitori con figli epilettici. rilevare i pregiudizi e la rappresentazione dellepilessia infantile 20

21 In ambito ospedaliero, ottenuto il parere favorevole del Comitato Indipendente di Bioetica, i tre incontri del percorso educativo proposto hanno le seguente cadenze: PRIMO INCONTRODicembre 2006-Gennaio 2007 SECONDO INCONTROFebbraio 2007-Marzo 207 TERZO INCOTROAprile 2007-maggio 2007 TEMPI DI ATTUAZIONE

22 In ambito scolastico, in base agli accordi con i dirigenti scolastici delle singole strutture, la somministrazione del questionario avverrà secondo il seguente calendario: Istituto comprensivo Italo Svevo, di Via dAlviano marzo 2007: III-IV-V scuola elementare Lovisato aprile 2007: III-IV-V scuola elementare San Giusto aprile 2007: I-II-III scuola media Svevo Istituto comprensivo Roli, di Borgo San Sergio marzo 2007:III-IV-V scuola elementareFratelli Visinitini aprile 2007: I-II-III scuola media Roli Liceo Petrarca, di Via Rossetti Aprile 2007: I-II ginnasio TEMPI DI ATTUAZIONE


Scaricare ppt "XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA in MEDICINA MATERNO-INFANTILE, PEDIATRIA DELLO SVILUPPO E DELLEDUCAZIONE, PERINATALOGIA Giovedì, 29 marzo 2007 Dottoranda:"

Presentazioni simili


Annunci Google