La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Enzo Manno Il successo scolastico degli alunni con DSA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Enzo Manno Il successo scolastico degli alunni con DSA."— Transcript della presentazione:

1 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Enzo Manno Il successo scolastico degli alunni con DSA

2 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Che cosè la Dislessia? La definizione più recente, approvata dall'International Dyslexia Association, è la seguente: "La dislessia è una disabilità dell'apprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà a effettuare una lettura accurata e/o fluente e da scarse abilità nella scrittura (ortografia). Queste difficoltà derivano tipicamente da un deficit nella componente fonologica del linguaggio, che è spesso inatteso in rapporto alle altre abilità cognitive e alla garanzia di una adeguata istruzione scolastica. Conseguenze secondarie possono includere i problemi di comprensione nella lettura e una ridotta pratica nella lettura che può impedire una crescita del vocabolario e della conoscenza generale".

3 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Come è difficile leggere! Dislessia, disturbo specifico della lettura (velocità e accuratezza, la lettura è più lenta e/o meno corretta delle aspettative, in base alletà o alla classe frequentata)

4 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Disortografia, disturbo specifico della scrittura di natura linguistica (errori di ortografia) Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento (DSA)

5 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Disgrafia, disturbo specifico della scrittura di natura visuomotoria (scrittura poco leggibile) Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento (DSA)

6 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Discalculia, disturbo specifico del sistema dei numeri e del calcolo Disturbi Evolutivi Specifici di Apprendimento (DSA)

7 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Principali caratteristiche dei DSA Inattese difficoltà nella letto-scrittura e/o nei numeri e nel calcolo Difficoltà nella consapevolezza fonologica (difficoltà nel riconoscere la struttura sonora del linguaggio Lentezza nellautomatizzazione di alcune abilità Confusione per quanto riguarda i rapporti spaziali e temporali

8 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Come riconoscere i DSA? Possibili fattori di rischio dei DSA 3 – 5 anni Possibili indicatori dei DSA 5 – 7 anni Possibili indicatori dei DSA 7 – 12 anni Possibili indicatori dei DSA oltre i 12 anni

9 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Possibili fattori di rischio dei DSA 3 – 5 anni Può pronunciare male le parole lunghe o invertire dei suoni nelle parole e formulare frasi brevi nel parlare Sostituisce alcuni suoni nelle parole Difficoltà nel riconoscere i suoni che compongono una parola Ha difficoltà nel dividere la parola in sillabe e dalle sillabe ricostruire la parola Tende a non ricordare elencazioni Difficoltà nel seguire più indicazioni e routine Difficoltà nel ricordare il nome appropriato degli oggetti Difficoltà nellapprendimento dei numeri, dei giorni della settimana, dei colori, delle forme Può avere difficoltà con i compiti che implicano abilità motorie (allacciarsi le scarpe …) Può apparire poco coordinato e goffo nei movimenti…. …

10 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Possibili fattori di rischio dei DSA 5 – 7 anni Lento nellapprendere e nello stabilizzare la corrispondenza tra le lettere e i suoni Difficoltà nel separare la parola in suoni e dai suoni ricostruire la parola Capacità di lettura e scrittura significativamente inferiore alla vivacità intellettiva Ha intelligenza vivace e pronta ma il suo rendimento scolastico è basso, specie nelle prove scritte Quando scrive dimentica delle lettere nelle parole e/o le mette nellordine sbagliato Lettura lenta e priva di espressività e poco fluente La comprensione in lettura potrebbe essere compromessa per via della poca accuratezza La comprensione è migliore quando ascolta qualcuno che legge rispetto a quando legge lui Durante la lettura si lamenta di provare sensazioni di movimento o di vedere le parole in movimento …

11 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Possibili fattori di rischio dei DSA 7 – 12 anni La capacità di lettura e scrittura significativamente inferiore alla vivacità intellettiva Continua a confondere la sequenza delle lettere allinterno delle parole Nella lettura la poca accuratezza, velocità e scorrevolezza pregiudicano la comprensione Lortografia è inappropriata alletà Non può utilizzare i propri appunti per studiare Cerca delle scuse per non leggere Difficoltà linguistiche in ambito matematico (es. quando legge i problemi confonde i numeri e i simboli) Difficoltà o impossibilità di apprendere le tabelline Non prende o trascrive i compiti per casa Ha difficoltà a ricordare che giorno è o che mese è Ha poca autostima e sicurezza di sé …

12 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Possibili fattori di rischio dei DSA oltre i 12 anni Continua a leggere lentamente, in maniera poco fluente e con errori Ha un bagaglio culturale limitato, per via della difficoltà di lettura Continua ad avere difficoltà nello spelling Ha migliori competenze orali che scritte Ha difficoltà nella pianificazione e nella composizione di un testo scritto Ha difficoltà nella punteggiatura e nella sintassi quando scrive Ha difficoltà a riassumere, a sintetizzare Rimanda o evita di fare attività che richiedono la lettura e la scrittura È lento a rispondere alle domande, soprattutto quelle aperte Ha difficoltà nella gestione del tempo Ha una bassa autostima e poca fiducia in se stesso In classe disturba oppure fa il buffone, oppure è troppo calmo …

13 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Questi comportamenti non sono esclusivi della dislessia e comunque non costituiscono un indice diagnostico, ma solo un indicatore della possibile presenza di un Disturbo Specifico di Apprendimento

14 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 La normativa – note emanate dal MIUR Circolare MIUR del 5 ottobre 2004 Nota prot n. 26/A del 5 gennaio 2005 Prot 1787 uff VII del 1 marzo 2005 Prot n. 4798/ A4a del 27 luglio 2005 Ordinanza n. 22 del 20 febbraio2006 Nota ministeriale del 10 maggio 2007, n Ordinanza Ministeriale n. 30 del 10 marzo 2008 D.P.R. n° 122 del 22 giugno 2009, art. 10 Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Linee guida 12 luglio 2011

15 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Strumenti riabilitativi Leggere insieme (paired reading) Esposizione temporizzata della parola Esposizione alla lettura Software … Fondamentale la diagnosi precoce dei DSA: prima si comincia con gli interventi, migliori saranno i risultati di apprendimento

16 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Principali misure dispensative Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelline; Dispensa, ove necessario, dallo studio della lingua straniera scritta; Programmazioni di tempi più lunghi per prove scritte e per lo studio a casa; Organizzazione di interrogazioni programmate; Valutazioni delle prove che tengano conto della capacità del soggetto ad affrontare il compito e del contenuto della prestazione, non della forma. Dispensa dalle prestazioni o dispensa dalle competenze?

17 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Strumenti compensativi Compiti Scrittura Lettura Matematica Studio Organizzazione No tecnologicoBassa tecnologiaAlta tecnologia Dizionario Tabella dei caratteri Registratore al posto degli appunti Adattare il foglio con righe, quadretti o spaziatura particolare Word processor Predizione ortografica Software con riconoscimento vocale Correttori ortografici Sintesi vocali Utilizzare il segna rigaCambiare la grandezza del carattere Cambiare la spaziatura Cambiare il colore OCR e Scanner Sintesi vocali Libri elettronici Libro parlato Scanner a penna Tavola pitagorica La linea dei numeri Tabelle con le formule e le misure Calcolatrice Orologi parlanti Calcolatrice nel computer Foglio elettronici di calcolo Aiuti per riorganizzare i materiali (cartelline colorate, tabelle con indici visivi) Sottolineare i testi con evidenziatori Carte con indici Linea del tempo Libro degli appuntamenti (agenda) Beeper/Buzers (sveglie, ora sono anche nel cellulare) Fogli con grafici per organizzare Software per la creazione di mappe mentali Registratori con controllo del parlato, organizer elettronici Applicativi per la ricerca allinterno del computer

18 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Computer e strumenti compensativi Alcuni software gratuiti - Open Office (FacilitOffice !!!) - Dspeech, LeggiXme, ClipClaxon - PdfXchange - Cmap, Free Mind Alcuni software commerciali - Carlo II e Carlo mobile - Loquendo: italiano, inglese,… - Supermappe, Super quaderno, Fine reader

19 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Quale Software? TUTOR risulta chiaro il cosa deve fare lutente. TOOLS strumento per realizzare un progetto che si ha in mente TUTEE il computer come oggetto stesso di apprendimento* *(Logo, Game maker, Ipermedia)

20 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 La personalizzazione del Software 1° livello scelta e selezione del software 2° livello regolare parametri e livelli nei SW che si presentano 3° livello inserire materiali propri in strutture e/o griglie date o da creare La personalizzazione presuppone anche lalunno autore di prodotti

21 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Software liberi Il software di Ivana Sacchi Il Software di Antonella Pulvirenti

22 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 DSA: Cosa può fare la scuola? Attivare laboratori fonologici a partire dallultimo anno della scuola dellinfanzia Verificare le competenze metafonologiche acquisite dai bambini al termine della scuola dellinfanzia Procedere alla necessaria progettazione personalizzata delle modalità di recupero sui casi diagnosticati Richiedere allASL le valutazioni per sospetto DSA Svolgere attività di screening a partire da primo anno della scuola primaria La scuola redige il piano di studio personalizzato e predispone gli strumenti per la valutazione delle reali competenze Ogni bambino con DSA è diverso dallaltro; non è possibile, anche dopo la diagnosi, stabilire una modalità di recupero uguale per tutti gli alunni con DSA. Tutti i soggetti coinvolti (famiglia, logopedista, neuropsichiatra, insegnanti, eccetera) dovranno stabilire concordemente qual è il modo migliore per garantire il successo scolastico dellalunno, quali sono le misure dispensative e gli strumenti compensativi di cui ha /non ha bisogno.

23 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Limpegno pedagogico e organizzativo della Leadership Dirigenza attenta ai bisogni formativi dellutenza e alle emergenze educative presenti Indaga circa la presenza di alunni con rischio di diagnosi DSA /altri fattori di disagio Nomina Referente DSA e costituisce unapposita Commissione; predispone organigramma soggetti coinvolti Creazione di climi accoglienti Collaborazione con la famiglia Predispone lapertura di uno sportello di ascolto Modifica degli atteggiamenti dei docenti: consapevolezza Dellesistenza del fenomeno DSA Organizza incontri e confronti con esperienze esperte Si attiva per la costruzione di una Rete sussidiaria Arricchimento e personalizzazione dellOfferta Formativa Enti privati e fondazioni per collaborazioni e sponsorizzazioni Con gli Enti Locali, altri soggetti istituzionali, associazionismo Stesura Patto educativo di Corresponsabilità (art. 3, DPR 21/11/2007, n. 235) FORMAZIONE La scuola come sistema sociale aperto che interagisce con lambiente socio-culturale: Learning organization ed empowerment diffuso

24 Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Le linee di sviluppo dellinnovazione didattica La progettazione di attività curricolari adeguate ai soggetti con DSA La Dirigenza partecipa, supervisiona e sostiene La pratica di metodologie cooperative e inclusive L adozione di misure dispensative e strumenti compensativi; Impiego di Nuove Tecnologie e personalizzazione del software La predisposizione di un piano di formazione specifica e tecnologico-informatica per Valutazione delle competenze diacronica e narrativa Sulla base delle esperienze documentate nel Portfolio La personalizzazione presuppone anche lalunno autore di prodotti Accessibilità, parametri, Livelli (legge n. 4/2004) Predisposizione dei Piani Educativi Personalizzati Pratica della didattica orientativa Adeguamento e/o diversificazione quantitativa e qualitativa (di tempi, spazi e metodi), a secondo del tipo e dellentità del DSA


Scaricare ppt "Web Conference – venerdì 9 novembre 2011 Enzo Manno Il successo scolastico degli alunni con DSA."

Presentazioni simili


Annunci Google