La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ORTICOLTURA a.a. 2005-2006 Docente: Livia Martinetti Di.Pro.Ve. - sez. Agronomia Tel.: 02/50316589.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ORTICOLTURA a.a. 2005-2006 Docente: Livia Martinetti Di.Pro.Ve. - sez. Agronomia Tel.: 02/50316589."— Transcript della presentazione:

1 ORTICOLTURA a.a Docente: Livia Martinetti Di.Pro.Ve. - sez. Agronomia Tel.: 02/

2 ORTAGGI: piante erbacee destinate a fornire un prodotto utilizzabile nellalimentazione umana (crudo, cotto, fresco o variamente conservato) e raccolte prima che abbiano completato il loro ciclo biologico.

3 GAMME DI PRODOTTO I GAMMA : ortaggi freschi V GAMMA : ortaggi precotti II GAMMA : conserve e trasformati III GAMMA : surgelati IV GAMMA : ortaggi freschi pronti

4 In Italia le specie importanti dal punto di vista alimentare ed economico sono circa 50. Produzioni tipiche: radicchio in Veneto, carciofi in Liguria e Lazio, cavolfiore di Iesi, fragola in Emilia- Romagna, basilico in Liguria, cipolla Rossa di Tropea in Calabria...

5 PANORAMA DELLORTICOLTURA ITALIANA Lorticoltura interessa circa ha (3,6% della SAU), con una PLV di 5 miliardi di euro, pari al 14,4% di quella agricola totale. Le colture ortive in serra si estendono su ha; le colture complessivamente protette, comprendendo anche le protezioni più semplici, si estendono su circa ha. LItalia concorre per il 27% alla produzione di ortaggi nella CE, seguita da Spagna (21,5%), Francia (14,6%) e Grecia (7,7%). I consumi interni sono tra i più alti al mondo, con 248 kg di ortaggi allanno per famiglia.

6 La maggior parte della produzione (63%) è destinata al consumo interno. Alla trasformazione viene destinato il 5-6% della produzione (il 90% per il pomodoro).

7 Orti familiari ed amatoriali: caratterizzati da piccole dimensioni ( m 2 ), consociazioni ed avvicendamenti molto articolati, assenza di meccanizzazione, consumo diretto La superficie media aziendale è di 1,7 ha Aziende orticole: presentano superfici maggiori, produzione per il mercato o per lindustria di trasformazione, specializzazione delle colture, meccanizzazione delle operazioni colturali TIPI DI ORTICOLTURA

8 Orti urbani e periurbani (orti organizzati): ubicati alla periferia delle grandi città, spesso in condizioni di elevato inquinamento ambientale e in assenza di acqua irrigua. Horticulture therapy: svolge unimportante funzione psicologica nel recupero e nellintegrazione sociale di soggetti portatori di handicap

9 Si distinguono: – Colture forzate: si svolgono interamente in serra e consentono di produrre fuori stagione – Colture semiforzate: si avvalgono della serra o dei tunnel per periodi limitati del loro ciclo e consentono produzioni anticipate e/o ritardate – Colture difese: si avvalgono di semplici protezioni, che migliorano la produzione

10 MEZZI DI FORZATURA Serre

11 SERRA Mezzo di protezione praticabile dalloperatore atto a creare condizioni climatiche favorevoli alla produzione ed alla propagazione delle colture. Si parla di serra a partire da volumi minimi di 1,8-2 m 3 per m 2 di superficie coperta.

12 Dimensioni della serra: Larghezza minima: 8-10 m Lunghezza massima: m Altezza di gronda: 2,5-3,5 m Altezza di colmo: 4-6 m Con laumento del volume della serra si realizza un più elevato volano termico. Aumentando laltezza, bisogna predisporre degli schermi termici mobili per ridurre le necessità di riscaldamento notturno.

13 MATERIALI DI STRUTTURA LEGNO (basso coefficiente di conducibilità termica, poco costoso, ma di durata limitata, ombreggiante, ingombrante) CEMENTO (di minore deperibilità del legno, ma ugualmente ombreggiante ed ingombrante) FERRO ZINCATO (alta conducibilità termica, ma consente una migliore coibentazione, serre di maggiori dimensioni) ACCIAIO (analogo al ferro, più duraturo, più costoso) ALLUMINIO (molto costoso, usato eventualmente per i profili portavetro)

14 CARATTERISTICHE DEL MATERIALE DI COPERTURA – densità – spessore – elasticità – resistenza alla trazione – proprietà termiche (coefficienti di dilatazione lineare e di conducibilità termica, resistenza alle alte e basse T°) – resistenza allinvecchiamento (durata) I) Fisico-meccaniche

15 II) Ottiche – massima trasmittanza alle radiazioni del visibile (PAR tra 400 e 700 nm) – minima trasparenza alle radiazioni IR lontano

16 Leffetto serra dipende dal bilancio del calore acquisito durante il giorno attraverso lirraggiamento solare alle lunghezze donda di nm (massimo a 500 nm) e quello perso di notte con lirraggiamento del suolo e delle piante alle lunghezze donda di nm (massimo a nm).

17 Percentuale di trasmissione della radiazione visibile e di quella infrarossa in vari materiali di copertura. Materiali nm nm Film PE 9179 PVC 92 6 EVA 9239 Lastre Vetro 91 1 PMMA 90 1 Policarbonato (alv.) 78 3 Poliestere PVC (ondulato) 79 5

18 Serra tedesca standard a grande navata Serra tipo Venlo

19 Serra con avvolgibili di arieggiamento sul tetto Serra con arieggiamento sul colmo

20 Serra in profilato dacciaio ad arco acuto ed arieggiamento mediante avvolgibili laterali

21 TENDENZE INNOVATIVE NELLAMBITO STRUTTURALE Struttura in acciaio e profili porta lastre in alluminio Guarnizioni di fissaggio delle lastre in materiale plastico (maggiore ermeticità e minore dispersione termica) Doppia copertura pneumatica (> resistenza termica, risparmio energetico, eliminazione della condensa, protezione dalla neve, ma riduzione della luminosità) Motorizzazione delle aperture di ventilazione Falde apribili al colmo verticalmente (> aerazione, possibilità di lasciare il terreno completamente scoperto) Falde traslanti lateralmente sopra i canali di gronda Coperture a più falde sulla singola campata

22 Serre con apertura del tetto a falde traslanti


Scaricare ppt "ORTICOLTURA a.a. 2005-2006 Docente: Livia Martinetti Di.Pro.Ve. - sez. Agronomia Tel.: 02/50316589."

Presentazioni simili


Annunci Google